La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ingegneria della conoscenza 2008-09 Emanuele Della Valle Scienze e Tecniche Della Comunicazione 3. Lingegneria della conoscenza Credits: Prof. Marco Colombetti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ingegneria della conoscenza 2008-09 Emanuele Della Valle Scienze e Tecniche Della Comunicazione 3. Lingegneria della conoscenza Credits: Prof. Marco Colombetti."— Transcript della presentazione:

1 Ingegneria della conoscenza Emanuele Della Valle Scienze e Tecniche Della Comunicazione 3. Lingegneria della conoscenza Credits: Prof. Marco Colombetti Parte I: introduzione

2 I-3 1 Sommario Il termine ingegneria della conoscenza Il ruolo della conoscenza nei sistemi informatici Tipi di conoscenze Fonti di conoscenza

3 I-3 2 L ingegneria della conoscenza Il termine ingegneria della conoscenza (knowledge engineering, KE) è stato coniato da E. Feigenbaum (1977). Intesa come ramo applicativo dellintelligenza artificiale, tradizionalmente la KE si occupa del progetto, della realizzazione e del mantenimento di sistemi basati su conoscenze (knowledge based system, KBS) e di sistemi esperti (vedi ad es. Stefik, 1995). In generale, un sistema basato su conoscenze è un sistema informatico in grado di sfruttare le informazioni contenute in una base di conoscenze (knowledge base, KB) mediante procedure automatiche di ragionamento.

4 I-3 3 L ingegneria della conoscenza (2) In prima approssimazione, la conoscenza può essere definita come informazione disponibile per lazione (Dretske, 1981). È solo grazie alle loro conoscenze che gli esseri umani possono agire, e in particolare agire in modo razionale, ovvero basando le loro azioni su ragioni. Anche nei computer risiedono grandi quantità di informazioni, ma solo una piccola parte di queste può essere sfruttata dagli stessi computer per agire: basta pensare che la stragrande maggioranza dei file memorizzati nei computer è costituita da documenti in linguaggio naturale.

5 I-3 4 Sommario Il termine ingegneria della conoscenza Il ruolo della conoscenza nei sistemi informatici Tipi di conoscenze Fonti di conoscenza

6 I-3 5 Conoscenza e Sistemi Informativi A noi interessano in particolare gli usi adatti a un sistema informatico. Di questo argomento si è sempre occupata lintelligenza artificiale: è quindi utile tracciare una storia minima di questarea dellinformatica

7 I-3 6 Prima fase (1956–1965) lintelligenza artificiale e la risoluzione automatica di problemi Lintelligenza artificiale (IA o AI, da artificial intelligence) nasce nel 1956 con lobiettivo di progettare sistemi in grado di risolvere problemi automaticamente. Allinizio lattenzione è rivolta soprattutto alla ricerca di metodi per la risoluzione automatica di problemi mediante strategie per tentativi ed errori.

8 I-3 7 Seconda fase (1965–1975) La rappresentazione delle conoscenze Ci si rende presto conto che la capacità di risolvere problemi dipende in modo essenziale dalle conoscenze a disposizione. Il problema principale diventa rappresentare le conoscenze in modo tale che un programma possa effettivamente utilizzarle; nasce quindi un grande interesse per i metodi di rappresentazione delle conoscenze. Si sviluppa una controversia fra i sostenitori delle rappresentazioni dichiarative e i sostenitori delle rappresentazioni procedurali. In ambedue i casi, comunque, lapproccio adottato è simbolico, nel senso che le conoscenze sono rappresentate tramite strutture dati contenenti simboli (come ad es. le formule della logica).

9 I-3 8 Terza fase (1975–1985) Lingegneria della conoscenza e i sistemi esperti Ci si sposta verso applicazioni realistiche e dinteresse industriale. Aumenta linvestimento economico nel settore e si sviluppa lingegneria della conoscenza. Rappresentazioni dichiarative e procedurali convivono negli stessi sistemi basati su conoscenze.

10 I-3 9 I sistemi esperti Un sistema esperto è un sistema software in grado di risolvere problemi utilizzando conoscenze specialistiche; applicazioni tipiche sono lanalisi di grandi volumi di dati, la diagnosi dei guasti di impianti industriali, la diagnosi medica, la configurazione di sistemi informatici complessi, il progetto industriale, la pianificazione della produzione etc. In certi casi ladozione di sistemi esperti ha permesso di automatizzare attività complesse là dove tecniche informatiche più tradizionali avevano fallito.

11 I-3 10 … e i loro problemi. Tuttavia i sistemi esperti non sono mai diventati prodotti di grande diffusione, e questo per almeno due ragioni: lo sviluppo di un sistema esperto è unimpresa lunga e costosa, che può essere affrontata soltanto per applicazioni di nicchia in cui sia possibile investire una notevole quantità di risorse; i sistemi esperti richiedono una notevole competenza anche per luso e soprattutto per il mantenimento, e proprio perché si basano su conoscenze specialistiche non possono essere facilmente trasferiti da unarea applicativa a unaltra.

12 I-3 11 Quarta fase (1985–1995) La crisi e la ricerca di strade alternative Crolla la fiducia del mercato nei sistemi basati su conoscenze, anche a causa di un incauto overselling e dellimpossibilità di soddisfare le attese. Si indagano approcci alternativi, denominati spesso subsimbolici o non simbolici, in contrasto con lapproccio simbolico tradizionale ad es. le reti neurali, la computazione evolutiva e così via, noti anche come metodi di soft computing. Questi metodi si rivelano più adatti dei metodi simbolici per certi tipi di problemi ad es. lanalisi di segnali, lapprendimento automatico e così via), ma in molte applicazioni non eliminano la necessità di rappresentare conoscenze simboliche.

13 I-3 12 Quinta fase (1995–) Il Semantic Web Il grande successo del Web riporta in prima linea, in forma nuova, la questione della rappresentazione simbolica delle conoscenze. In questo campo i problemi più sentiti sono linteroperabilità delle applicazioni e la gestione delle risorse in rete. Un concetto fondamentale è quello di ontologia, Una specifica esplicita e formale di una concettualizzazione condivisa (Studer 98) NOTA: sul Semantic Web torneremo alla fine del corso per cercare di capire lapplicabilità al Web di quanto avremo imparato

14 I-3 13 Sommario Il termine ingegneria della conoscenza Il ruolo della conoscenza nei sistemi informatici Tipi di conoscenze Fonti di conoscenza

15 I-3 14 Tipi di conoscenza Dicevamo che la conoscenza è informazione disponibile per lazione. Una prima distinzione va tracciata fra conoscenze dichiarative e conoscenze procedurali, ovvero fra conoscere (knowing that) e saper fare (knowing how) esempi Si conosce la storia romana e si sa nuotare (so nuotare in inglese è I can swim, ovvero sono capace di nuotare). Conoscere o sapere usare Wikipedia significa conoscere il sito e saper scrivere una pagine con il linguaggio di wikipedia.

16 I-3 15 Tipi di conoscenza (2) In questo corso ci concentriamo sul conoscere, sul knowing that. A sua volta, il knowing that può essere diviso in tre parti: conoscenze terminologiche: conoscenza del lessico di una lingua; ad esempio, so che madre significa donna con almeno un figlio; conoscenze nomologiche: conoscenza di regolarità, di leggi generali che regolano il mondo; ad esempio so che le madri sono sempre più anziane dei loro figli, che le madri in genere amano i loro figli, e così via; conoscenze fattuali: conoscenza di fatti particolari; ad esempio, so che Marco è figlio di Laura.

17 I-3 16 Tipi di conoscenza (3) Un caso solo apparentemente diverso è costituito dalla conoscenza di individui (nel senso di oggetti individuali, concreti o astratti, viventi o non viventi, animati o inanimati); ad esempio, conosco Barbara, conosco la Nona di Beethoven. Anche in questo caso si tratta di conoscenze fattuali, più precisamente di un insieme spesso molto ampio di conoscenze fattuali relative a uno specifico individuo (Barbara, la Nona di Beethoven).

18 I-3 17 Sommario Il termine ingegneria della conoscenza Il ruolo della conoscenza nei sistemi informatici Tipi di conoscenze Fonti di conoscenza

19 I-3 18 Fonti di conoscenza Le conoscenze di un soggetto provengono da varie fonti, fra cui le più ovvie sono: lesperienza diretta, ovvero linterazione del soggetto con il suo ambiente; il ragionamento: deduttivo (dalle premesse alle conclusioni), abduttivo (dagli effetti osservati alle possibili cause), induttivo (dai fatti specifici alle regole generali); la comunicazione, ovvero luso di sistemi di segni e in particolare del linguaggio naturale per trasferire informazioni da un soggetto a un altro.

20 I-3 19 La memoria Qualunque sia la fonte, poi, è essenziale la funzione della memoria, nel senso di capacità di conservare nel tempo elementi di conoscenza e soprattutto di reperirli con efficienza quando occorre farne uso.

21 I-3 20 Il ruolo della conoscenza Riprendiamo la definizione di conoscenza di Dretske la conoscenza è informazione disponibile per lazione. Le conoscenze servono per: interpretare la realtà: capire che cosa è successo (ad es., ipotizzare le cause di un evento che si è verificato); prevedere levoluzione della realtà: prevedere con approssimazione accettabile quali eventi si verificheranno nel futuro; agire in modo razionale modificando la realtà: costruire piani dazione per raggiungere determinati obiettivi.

22 I-3 21 Concetti importanti ingegneria della conoscenza studia sistemi in grado di sfruttare conoscenze esplicite mediante procedure automatiche di ragionamento. la conoscenza è informazione disponibile per lazione. differenza tra conoscenza dichiarativa (conoscere) e procedurale (saper fare) distinzione tra conoscenze terminologiche, nomologiche e fattuali l'esperienza diretta, il ragionamento, la comunicazione e la memoria sono tutte fonti di conoscenza la conoscenza permette di interpretare la realtà, prevederne levoluzione e agire in modo razionale per modificarla


Scaricare ppt "Ingegneria della conoscenza 2008-09 Emanuele Della Valle Scienze e Tecniche Della Comunicazione 3. Lingegneria della conoscenza Credits: Prof. Marco Colombetti."

Presentazioni simili


Annunci Google