La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Esperienza Spirituale e consigli evangelici Istituto Francescano di Spiritualità Master in formazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Esperienza Spirituale e consigli evangelici Istituto Francescano di Spiritualità Master in formazione."— Transcript della presentazione:

1 Esperienza Spirituale e consigli evangelici Istituto Francescano di Spiritualità Master in formazione

2

3 Quadro di riferimento Soggettività - Dinamica umana - Consigli battesimale evangelici Fede ragione/libertà Obbedienza Speranza Il desiderio/il tempo Povertà Carità Affetti / fecondità Verginità

4 I. Lobbedienza della fede -La vocazione si conosce per fede. GS 22: Cristo, che è il nuovo Adamo, proprio rivelando il mistero del Padre e del suo amore svela anche pienamente l'uomo a se stesso e gli manifesta la sua altissima vocazione. -La dinamica sacramentale della fede e delal vocazione: vedere e credere -Vedere il segno -Credere e aderire al Mistero che passa attraverso il segno

5 Fides et Ratio, 7: All'origine del nostro essere credenti vi è un incontro, unico nel suo genere, che segna il dischiudersi di un mistero nascosto nei secoli (cfr 1 Cor 2, 7; Rm 16, 25-26), ma ora rivelato. Deus Caritas est, 1: All'inizio dell'essere cristiano non c'è una decisione etica o una grande idea, bensì l'incontro con un avvenimento, con una Persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e con ciò la direzione decisiva.

6 Gv 1, Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli 36 e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco lagnello di Dio!». 37 E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. 38 Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa Maestro –, dove dimori?». 39 Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio. 40 Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. 41 Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – 42 e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.

7 IL GIOCO DELLA LIBERTÀ UMANA Una preoccupazione formativa fondamentale: … che nel cammino di verifica vocazionale sia in effetti coinvolta la libertà del formando. Lessenza della libertà –La libertà tra potere di autodeterminazione e soddisfazione del desiderio di felicità Le condizioni della libertà nella vocazione - Coscienza della destinazione ed elezione delluomo chiamato - Il governo di se stessi - La fraternità vocazionale

8 1.La natura dellobbedienza - Lobbedienza: implicazione affettiva della fede - Avere gli stessi sentimenti del figlio di Dio (Fil 2,6-11) -Vocazione e compimento dellumano: LG 46, RdC La dinamica dellobbedienza - La funzione del carisma nella sequela -Il criterio di un Altro per la propria azione (Lc 5) e cambiamenti di mentalità (Rm 12,1-2) -Le mediazioni della volontà di Dio specifiche nella vita religiosa -Suo carattere limitato e la dinamica della libertà -Regola e costituzioni -La funzione dellautorità (III Ammonizione di Francesco) -La vita fraterna e le circostanze (cf. Lettera di Francesco ad un ministro)

9 Questioni sulla Povertà e speranza: la custodia del desiderio e anticipo del compimento Mt 19,16-24: lesempio di una obbedienza interrotta 16 Ed ecco, un tale si avvicinò e gli disse: «Maestro, che cosa devo fare di buono per avere la vita eterna?». 17 Gli rispose: «Perché mi interroghi su ciò che è buono? Buono è uno solo. Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti». 18 Gli chiese: «Quali?». Gesù rispose: «Non ucciderai, non commetterai adulterio, non ruberai, non testimonierai il falso, 19 onora il padre e la madre e amerai il prossimo tuo come te stesso». 20 Il giovane gli disse: «Tutte queste cose le ho osservate; che altro mi manca?». 21 Gli disse Gesù: «Se vuoi essere perfetto, va, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; e vieni! Seguimi!». 22 Udita questa parola, il giovane se ne andò, triste; possedeva infatti molte ricchezze. 23 Gesù allora disse ai suoi discepoli: «In verità io vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. 24 Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio».

10 Mt 19, A queste parole i discepoli rimasero molto stupiti e dicevano: «Allora, chi può essere salvato?». 26 Gesù li guardò e disse: «Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile». 27 Allora Pietro gli rispose: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?». 28 E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio delluomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù dIsraele. 29 Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna.

11 Elementi francescani Dominus Jesus: 400 volte negli scritti di san Francesco Ufficio della Passione: Dominus regnavit a ligno Non voleva che nulla fosse detto suo: 2Cel 213: FF 802 – 803 Povertà e Cantico di Frate Sole

12 Dalla carità alla verginità consacrata «Dio è amore; chi sta nell'amore dimora in Dio e Dio dimora in lui » ( 1Gv 4, 16 ). Queste parole della Prima Lettera di Giovanni esprimono con singolare chiarezza il cntro della fede cristiana: l'immagine cristiana di Dio e anche la conseguente immagine dell'uomo e del suo cammino, Deus Caritas est, 1. - Luomo si compie solo nellessere amato e amare: dono di sé come legge dellessere

13 1Cor 7, Questo vi dico, fratelli: il tempo si è fatto breve; dora innanzi, quelli che hanno moglie, vivano come se non lavessero; 30 quelli che piangono, come se non piangessero; quelli che gioiscono, come se non gioissero; quelli che comprano, come se non possedessero; 31 quelli che usano i beni del mondo, come se non li usassero pienamente: passa infatti la figura di questo mondo! 32 Io vorrei che foste senza preoccupazioni: chi non è sposato si preoccupa delle cose del Signore, come possa piacere al Signore; 33 chi è sposato invece si preoccupa delle cose del mondo, come possa piacere alla moglie, 34 e si trova diviso! Così la donna non sposata, come la vergine, si preoccupa delle cose del Signore, per essere santa nel corpo e nello spirito; la donna sposata invece si preoccupa delle cose del mondo, come possa piacere al marito.

14 Verginità consacrata - Verginità: rapporto/possesso con un distacco (1Cor 7). - Un problema decisivo oggi: Verginità e rapporto uomo – donna e il fascino della neutralità. - Verginità come forma del rapporto di Cristo con la realtà - La testimonianza della verginità: la vittoria sulla morte e paura della morte come apertura alla gratuità della relazione - Paternità e maternità verginale - la santa incompiutezza


Scaricare ppt "Esperienza Spirituale e consigli evangelici Istituto Francescano di Spiritualità Master in formazione."

Presentazioni simili


Annunci Google