La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le sfide educative nel rapporto famiglia e tv 1. Comunicazione e relazione Cosa è comunicare? Perché comunichiamo? Da quando comunichiamo?

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le sfide educative nel rapporto famiglia e tv 1. Comunicazione e relazione Cosa è comunicare? Perché comunichiamo? Da quando comunichiamo?"— Transcript della presentazione:

1

2 Le sfide educative nel rapporto famiglia e tv

3 1. Comunicazione e relazione Cosa è comunicare? Perché comunichiamo? Da quando comunichiamo?

4 1. Comunicazione e relazione -il desiderio profondo: Intimità-identità e memorie -Il destino: Andare oltre -la paura più grande: Il fraintendimento e la distanza - il primo nemico Il vuoto e la fretta

5 a. Intimità - identità e memorie CERCARE LA VERITA PER CONDIVIDERLA (MES.,1) Comunicare è cercare e cercarsi tutto insieme; cercare relazioni, stabilire contatti, provare a sondare laltro e a scoprirlo, portando ciò che siamo e consegnandolo a luogo più segreto e intimo, occasione unica per ritrovarsi proprio in questo gesto del dono di sé allaltro, della comunicazione del sé allaltro. La comunicazione tende alla intimità tanto quanto tende alla verità. Le memorie che ciascuno conserva in sé e vorrebbe consegnare a chi ama nella comunicazione intima, sono quanto di più vero ciascuno ha distillato dalla vita, dalla sua innanzitutto.

6 b. Andare oltre Circolazione delle notizie,conoscenza dei fatti, diffusione del sapere,sviluppo del dialogo,della democrazia, socializzazione, circolazione del pensiero, per un mondo più giusto e solidale (MES.2) Viaggiare è quindi una cifra dellumano, una di quelle caratteristiche che non si possono perdere se si vuole comprendere qualcosa del desiderio di comunicare che ci abita. Già i miti di Gilgames e di Noè in Mespotamia, degli Argonauti e di Icaro ed Ulisse nellantica Grecia hanno il loro fuoco proprio su questa dimensione qualificata non tanto dal desiderio, quanto dalla necessità. Il viaggio è inevitabile ed appare come un destino allumano. E quanta storia è stata scritta narrando le nuove scoperte, gli incontri inaspettati, le mete finalmente raggiunte ed insieme per farci partecipi delle paure, dei fallimenti, delle violenze. Quanta passione ha animato il Viaggiatore e ha consentito ai suoi sogni di diventare realtà. Marco Polo, Cristoforo Colombo, Neil Armstrong non sono solo gli uomini simbolo di questo viaggiare oltre i limiti, sono insieme altrettante imprese che decisamente hanno spinto lumano altrove, ciascuno con un corredo tecnologico che ha reso possibile limpresa.

7 c. Fraintendimento e distanza Comunicare efficacemente ha lobiettivo di superare i silenzi, ma soprattutto di annullare i fraintendimenti e la e distanze, buttare ponti, spianare colline, riempire valli. Chi non conserva la paure di non essere capito e di creare diffidenza, non conosce la comunicazione umana, ma larroganza e il delirio della onnipotenza

8 d. La fretta, il vuoto Quanta comunicazione (?) frettolosa e vuota abitiamo ogni giorno. -da quella famigliare o professionale a quella televisiva o giornalistica. -È frettolosa e vuota poiché non tende allaltro, non lo rispetta, è usata per fini ideologici, con il pretesto di rappresentare la realtà di fatto si tende a legittimare e ad imporre modelli distorti, è carica di violenza, volgarità, trasgressione, vuole manipolare le coscienze (Mess.,2 - 3)

9 Chi cè in casa? vorticosa evoluzione tecnologica(Mes.,2) i libri, il giornale (1450 in Germania in Inghilterra nasce il primo quotidiano), la fotografia ( 1827 Nièpce e 1849 Daguerre) il cinema (nel 1895 f.lli Lumiere a Lione), la radio (1900 Marconi – 1920 introdotta come medim famigliare), la televisione (1935 BBC,1936 Olimpiadi di Monaco per pochi televisori), il telefono (1854 Meucci) lo stereo (fonografo di Edison del 1877), il computer (anni 70), il cellulare e internet(anni 90). Io e la mia famiglia

10 Consumo di TV nei ragazzi tra 03 e 17 anni

11 Tempo libero e media In totale ore 4,36 così impiegate (J Doxa 2005) -TV 31% -Studio 20% -Uscire 16% -Giocare in casa 12% -Giocare fuori casa 7% -Fare Sport 6% -Videogame 4% -Computer 2% -Leggere 2%

12 Cosa usiamo

13 In Europa

14 Utenti sola tv

15 Fruizione altri media Per informarsi Approfondire Servizi utili Intrattenimento Musica Relazioni Orientarsi negli acquisti

16 SEMPRE SUI CONSUMI ALLA FINE DELLA SCUOLE ELEMENTARI I BIMBI HANNO ASSISTITO A OMICIDI E ATTI DI VIOLENZA ( Associazione degli psicologi americani) Il consumo televisivo nei minori tra i 12 ed i 14 anni continua ad aumentare. Dal 1997 ad oggi (2006) chi guarda la TV almeno 3 ore al giorno è passato dal 19% al 31%, mente chi la guarda meno di un ora al giorno è passato dal 25% al 13% ( Saggese – Convegno minori e TV promosso dal Comitato TV e Minori – Roma 14 novembre 2006)

17 Dunque….. Luso dei media è prevalente per laccesso al mondo rispetto a -Scuola ( 200 giorni per 6 ore circa 1200 ore) -Famiglia 3 ore per 365 giorni circa 1100 ore -I media infatti sono diventati la terza attività anche per i ragazzi -(DOXA JUNIOR 2005)

18 Chi possiede cosa? Inversamente proporzionale al reddito per quanto riguarda videogiochi e numero di televisori Proporzionale al reddito il numero dei computer Maggiore il numero dei figli, maggiore è la presenza di tecnologia Le famiglie svantaggiate culturalmente consentono più facilmente il tv in camera Nelle famiglie svantaggiate luso del computer da parte dei ragazzi è per divertirsi Nelle famiglie colte luso del computer è per imparare (M. DAmato – ordinario di sociologia- Università Roma 3: indagine Bambini multimediali) ……cè qualcosa di decisivo in questo?

19 capacità di farsi usare… Solo la tv ha una differenza così bassa tra possesso ed uso Significativa la distanza per videoregistratori, radio e videogame

20 Alcuni dati 70% di famiglie al mondo con TV 98,5% famiglie Italiane con 1 TV 87 canali per linfanzia 50% di questi negli ultimi tre anni 12 miliardi di dollari investiti in USA per pubblicità ai bimbi DATI CENSIS

21 Diffusione dei 4 grandi canali (per infanzia?) DATI CENSIS

22 Una prima serie di riflessioni La tv piace ai ragazzi –forse non hanno chi si occupi di loro –forse non hanno proposte alternative –forse cè un fascino particolare del linguaggio dei media (codice, semplicità, presenza)

23 Fruizione TV dei bambini Prevalentemente TV per 2,30 h/d 44% uso di diversi media per 5,15 h/d 25% solo Tv per 4 h/d 21% specializzati nelluso di PC-videogiochi per o Tv-videogiochi per 6h/d 10% DATI CENSIS

24 OSPITE FISSO Minimo 28 canali 24h X 24h un giorno tv offre 672 ore di palinsesto un anno di 28 canali offre h/tv e con il digitale???

25 Realtà o caricatura della famiglia? Occorre evitare che i media diventino il megafono del materialismo e del relativismo etico (Mes., 5) Perfetta : in TV il bimbo trova la famigli corretta dai creativi.(PELLAI) Mercato pubblicità Cronaca nera o rosa Di sfondo affettiva Lotta generazionale De Filippi Rinforzo della non tradizione Medico in Famiglia Coppia una volta Vianello e Mondaini, oggi … Dolce e Gabbana, Roberto e Lisa…

26 Cosa chiedono i figli? 1. Tema della bimba di Agrigento 2 indagine di Sassari: Cosa vorresti fare nel tempo libero? 31% con gli amici 43% con i miei genitori Tutte le indagini con gli adolescenti collocano al primo posto la famiglia e al secondo gli amici Esperimento alla Sapienza: sfida tra Bruno Gambarotta e Tom e jerry

27 La famiglia è ancora un luogo di comunicazione? Allan Bloom ha scritto: In famiglia le persone mangiano insieme,giocano insieme, viaggiano insieme, ma non pensano insieme. Quasi nessuna famiglia ha una vita intellettuale di qualche tipo, tanto meno è capace di permeare i vitali interessi dellesistenza

28 Help me!?... Non serve fuggire o ignorare o sottostimare occorre tattica e strategia ogni gigante ha il suo punto debole dalla nostra il credito affettivo illimitato

29 Dal direttorio CEI cap IV Le case stanno diventando sempre di più una piccola centrale di media: radio, tv, stereo…I Genitori devono essere preparati a convivere con i media e ad educare i loro figli perché sappiano interagire in modo competente, critico, eticamente responsabile (…) Ai genitori, e in generale alle persone adulte nella famiglia tocca farsi carico di una responsabilità in gran parte nuova: attrezzarsi culturalmente per comprendere i linguaggi dei media, imparando a distinguere gli influssi negativi da quelli positivi, sottraendo loro potere (…) occorre riappropriarsi del ruolo attivo di utenti capaci di valutare, ancor più favorire un clima in cui crescere autonomamente nei giudizi e nelle scelte.

30 il nostro ruolo conoscere il mezzo ed il suo potere riconoscere le sue potenzialità scoprire come stare accanto ai figli nellintrodurli al consumo dei media

31 Alcune sfide…anche per noi L unidirezionalità Virtualità e/o realtà? Marmellata etica ed estetica? La normalità: che noia! Liperbole. Una pialla sulle emozioni produzione cosciente di modelli.

32 PICCOLI UOMINI CRESCONO Il ruolo dei media …va considerato come parte integrante della questione antropologica ed etica (Mes. 4) O PICCOLE PREDE? O PICCOLE SOLITUDINI? O PICCOLI ORFANI? PICCOLI ED INTELLIGENTI PICCOLI E SERENI PICCOLI E LIBERI

33 Piccola bibliografia D BBaggio – Soprani: Mediante – Effatà EE. Viganò: I sentieri della comunicazione - Rubettino AA. Grasso: Storia della Tv – Garzanti DD. Felini: Pedagogia dei media – La Scuola DDAlessio: posso guardare la TV? - Franco Angeli AAA.VV.: Famiglia e TV - SEI PPellai: Il bimbo che addomesticò.. - Franco Angeli DD.E.Viganò: La TV in famiglia - Paoline MM. Lodi : la TV a capotavola - Mondadori KK. Popper: Cattiva Maestra tv - I libri di Reset PM. Aroldi: La TV risorsa educativa –Paoline RL. Cotroneo: Se una Mattina desate un bambino – Frassinelli AA. Fumagalli: Scegliere la TV - ARES


Scaricare ppt "Le sfide educative nel rapporto famiglia e tv 1. Comunicazione e relazione Cosa è comunicare? Perché comunichiamo? Da quando comunichiamo?"

Presentazioni simili


Annunci Google