La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGETTO DISLESSIA Il diritto di leggere LA NUOVA COLLANA JUNIOR D Edizioni Angolo Manzoni PERCHÉ E COMÈ COLLANA PER BAMBINI E RAGAZZI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGETTO DISLESSIA Il diritto di leggere LA NUOVA COLLANA JUNIOR D Edizioni Angolo Manzoni PERCHÉ E COMÈ COLLANA PER BAMBINI E RAGAZZI."— Transcript della presentazione:

1 PROGETTO DISLESSIA Il diritto di leggere LA NUOVA COLLANA JUNIOR D Edizioni Angolo Manzoni PERCHÉ E COMÈ COLLANA PER BAMBINI E RAGAZZI

2 Premessa Cosè la dislessia La Dislessia è un Disturbo Specifico dellApprendimento (DSA). Il disturbo interessa uno specifico dominio di abilità (lettura, scrittura, calcolo) lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale. Tale disturbo è determinato da unalterazione neurobiologica che caratterizza i DSA (disfunzione nel funzionamento di alcuni gruppi di cellule deputate al riconoscimento delle lettere- parole e il loro significato). 2

3 La dislessia, quindi, non è causata da un deficit di intelligenza né da problemi ambientali o psicologici o da deficit sensoriali o neurologici. La dislessia è una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente. Leggere e scrivere sono considerati atti così semplici e automatici che risulta difficile comprendere la fatica di un dislessico. Purtroppo in Italia il problema è poco conosciuto benché si calcoli che vi siano, seguendo le stime più prudenti, almeno di dislessici (il 3-4% della popolazione nella fascia della Scuola Primaria e Secondaria di primo grado). Gran parte di queste persone ha avuto una carriera scolastica costellata di insuccessi, con abbandoni precoci e con conseguenze sociali e professionali a volte molto pesanti. 3 Premessa

4 Il bambino dislessico può leggere e scrivere, ma vi riesce solo impegnando al massimo le sue capacità e le sue energie, poiché non può farlo in maniera automatica. Perciò si stanca rapidamente, commette errori, rimane indietro, non impara… ma i bambini dislessici sono intelligenti e, di solito, vivaci e creativi. Cosè la dislessia 4

5 Come si manifesta 5 La dislessia si manifesta con una lettura scorretta (numero di errori commessi durante la lettura) e/o lenta (tempo impiegato per la lettura) e può manifestarsi anche con una difficoltà di comprensione del testo scritto. Il dislessico spesso compie nella lettura e nella scrittura errori caratteristici come linversione di lettere e di numeri (es ) e la sostituzione di lettere (m/n; v/f; b/d). Nei bambini, in particolare, la dislessia causa spesso problemi psicologici, quale demotivazione, scarsa autostima, ma questi sono una conseguenza, non la causa della dislessia.

6 Quando si manifesta 6 Già nella scuola dellinfanzia i bambini dislessici presentano uno sviluppo linguistico (sia in produzione e/o comprensione) atipico, come le parole storpiate. Se al termine del primo anno della scuola primaria di primo grado il bambino presenta una delle seguenti caratteristiche è opportuno consultare uno specialista: 1)difficoltà nellassociazione grafema-fonema e/o viceversa; 2)mancato raggiungimento del controllo sillabico in lettura e scrittura; 3)eccessiva lentezza nella lettura e scrittura; 4)incapacità a produrre le lettere in maiuscolo in modo riconoscibile.

7 Quando si manifesta Il trattamento abilitativo ha effetto dalla terza elementare alla terza media. Lambiente, soprattutto quello familiare, deve appoggiare il bambino, aiutandolo nelle strategie di compenso e nella costruzione di unimmagine positiva di sé. I dislessici imparano, hanno solo un diverso modo di imparare. 7

8 La dislessia nelletà adulta 8 Ci sono ancora pochi studi sullevoluzione del disturbo dislessico in età adulta. A livello internazionale ci sono studi che dimostrano che il disturbo permane nella lettura, nella scrittura, ma anche nelle prove linguistiche e di analisi metafonologica. Studi su dislessici italiani adulti evidenziano un miglioramento nella correttezza della lettura, mentre permane una difficoltà nei tempi, dove il dislessico adulto è più lento rispetto al normolettore. Per approfondimenti

9 Junior D COLLANA PER BAMBINI E RAGAZZI 9 La EAM ha creato questa Collana dedicata specificamente al giovane lettore dislessico. In essa vengono pubblicati brevi racconti e favole per i bambini dai 6 ai 9 anni e narrativa classica e contemporanea per i ragazzi dai 10 ai 14 anni. Si propone con una veste grafica «mirata» al lettore dislessico (e tuttavia leggibile per tutti), con le seguenti caratteristiche:

10 Il nuovo carattere Easy Reading è stato ideato e realizzato da Edizioni Angolo Manzoni con caratteristiche grafiche atte ad affrontare le specifiche problematiche del lettore dislessico e per agevolare la lettura. 10 Carattere di stampa Times New Roman I caratteri con molte grazie come il sono di scarsa leggibilità per il lettore dislessico. Lattribuzione di grazie uniche hanno la funzione di evitare lo scambio con lettere simili per forme. Easy Reading è un carattere bastone essenziale nel disegno.

11 Il carattere di stampa 11 Redistribuzione delle spaziature. Ma nella scelta del carattere bastone resta la difficoltà di scambio tra lettere e numeri simili per forma. Per evidenziare le particolari caratteristiche di Easy Reading gli esempi che seguiranno avranno come comparazione il carattere Arial, considerato di buona leggibilità per il lettore dislessico.

12 Il carattere di stampa ARIAL EASY READING Spazi bianchi tra lettere, parole e segni di punteggiatura. Spazi bianchi tra lettere, parole e segni di punteggiatura. 12 Per poter meglio individuare otticamente la forma che connota ciascuna lettera o numero è utile che lo spazio bianco tra le singole lettere che compongono la parola sia evidente. Lo stesso vale per lo spazio bianco tra le parole e quello tra le parole e i segni di punteggiatura. NellEasy Reading questi spazi bianchi sono tutti superiore allo standard.

13 ARIAL 13 Problematiche per il lettore dislessico EASY READING ASCENDENTI E DISCENDENTI AUMENTATE IN ALTEZZA Difficoltà di percezione visiva nellindividuare la presenza nella lettera di ascendenti e discendenti. dopo

14 ARIA L 14 Problematiche per il lettore dislessico EASY READING Difficoltà di percezione visiva nellindividuare le differenze nelle lettere e nei numeri simili per forma. bdfhijklt gjpqy ASCENDENTI ALLUNGATE bdfhijklt gjpqy DISCENDENTI ALLUNGATE

15 15 Problematiche per il lettore dislessico Difficoltà di percezione visiva nellindividuare le differenze nelle lettere e nei numeri simili per forma. O Q OQ Per evitare la possibilità di scambio sono state attribuite grazie uniche e forme che ne facilitano il riconoscimento. ARIALEASY READING

16 16 Problematiche per il lettore dislessico Se ruotiamo la d è uguale alla b dado db bue grazia presente db grazia assente Se ruotiamo la d è diversa dalla b CASSA OVALE GIÙ CASSA OVALE SU

17 17 Problematiche per il lettore dislessico quadro qp pipa CASSA OVALE GIÙ qp GRAZIA PRESENT E ARIA L EASY READING GRAZIA PRESENTE GRAZIA ASSENTE GRAZIA ASSENTE CASSA OVALE SU Se ruotiamo la q è uguale alla p Se ruotiamo la q è diversa dalla p

18 Problematiche per il lettore dislessico ARIAL La b se riflessa sotto/sopra, è perfettamente uguale alla p non capovolta. EASY READING La b se riflessa sotto/sopra, grazie alla differenziazione delle casse ovali e dell'assenza della grazia inferiore della b, mantiene la diversità. 18

19 p b 19 Problematiche per il lettore dislessico bue b p pipa ARIALEASY READING GRAZIA ASSENTE CASSA OVALE SU Se riflettiamo la d è uguale alla b Se riflettiamo la d è diversa dalla b

20 q d 20 Problematiche per il lettore dislessico dado d q quadro ARIALEASY READING GRAZIA PRESENTE CASSA OVALE GIÙ Se riflettiamo la d è uguale alla q Se riflettiamo la d è diversa dalla q

21 ARIAL La u se riflessa sotto/sopra, è perfettamente uguale alla n non capovolta. EASY READING La u se riflessa sotto/sopra, grazie alla differenziazione delle casse ovali e dellassenza della grazia inferiore della n, mantiene la diversità. 21 Problematiche per il lettore dislessico

22 u n 22 Problematiche per il lettore dislessico nano n u urlo GRAZIA PRESENT E ARIALEASY READING GRAZIA ASSENTE

23 Problematiche per il lettore dislessico 23 rn m GRAZIA PRESENT E GRAZIA ASSENTE ARIAL Le lettere rn abbinate sono molto simili alla m EASY READING Grazia inferiore: – presente nelle lettere r n – assente nella lettera m La presenza e lassenza delle grazie nelle lettere rendono meno automatico labbinamento ottico.

24 Problematiche per il lettore dislessico 24 nn m GRAZIA PRESENT E GRAZIA ASSENTE GRAZIA PRESENT E Grazia superiore: – assente nella lettera n – presente nella lettera m Grazia inferiore: – presente nella lettera n – assente nella lettera m ARIALEASY READING

25 25 Problematiche per il lettore dislessico vv w contatto più basso ARIAL Le lettere vv abbinate sono molto simili alla w Le lettere vv abbinate sono diverse dalla w EASY READING

26 26 Problematiche per il lettore dislessico uncino stretto ARIAL Nei numeri 69 abbinate sono molto simili Le lettere 69 abbinate sono diverse EASY READING uncino largo e più basso

27 o Problematiche per il lettore dislessico 27 LUCIDA SANS EASY READING Nello stile corsivo a volte la lettera a minuscola non ha l'uncino superiore e si può confondere facilmente con la o a ao

28 La ridotta distanza (interlinea) tra le righe può causare lo scivolamento ottico da una riga allaltra e la conseguente perdita della riga nel corso della lettura. 28 Problematiche per il lettore dislessico

29 Questa è linterlinea standard dellArial, e dei caratteri in genere 29 Problematiche per il lettore dislessico Questa è linterlinea standard del Easy Reading, di maggiore respiro

30 30 Problematiche per il lettore dislessico Il rischio di scivolamento è ancora più evidente se il testo è scritto con caratteri di piccola dimensione.

31 Molte signore americane, nel lasciare il loro paese natale, assumono laria di malate croniche, pensando che questa sia una forma di raffinatezza europea; ma la signora Otis non era mai caduta in tale errore. Aveva unottima costituzione e una vivacità davvero straordinaria. ARIAL testo dimensione 8 (corpo tipografico) distanza singola tra le righe (INTERLINEA automatica) Dopo poche settimane lacquisto venne concluso, e a fine stagione ministro e famiglia si stabilirono a Canterville Chase. La signora Otis che, come signorina Lucretia R. Tappan della 53esima Strada Ovest, era stata una celebrata beltà di New York, era ora una bella signora di mezza età con occhi stupendi e superbo profilo. Molte signore americane, nel lasciare il loro paese natale, assumon laria di malate croniche, pensando che questa sia una forma di raffinatezza europea; ma la signora Otis non era mai caduta in tale errore. Aveva unottima costituzione e una vivacità davvero straordinaria. 31 Problematiche per il lettore dislessico La collana Junior D prevede per dare respiro alla lettura uno spazio bianco prima di ogni capoverso EASY READING testo dimensione 8 (corpo tipografico) distanza singola tra le righe (INTERLINEA automatica) Dopo poche settimane lacquisto venne concluso, e a fine stagione ministro e famiglia si stabilirono a Canterville Chase. La signora Otis che, come signorina Lucretia R. Tappan della 53esima Strada Ovest, era stata una celebrata beltà di New York, era ora una bella signora di mezza età con occhi stupendi e superbo profilo.

32 32 Problematiche per il lettore dislessico I margini ridotti della pagina e gli accapi sillabici (che spezzano le parole) ostacolano il flusso della lettura. Nella pagina seguenta la comparazione tra una pagina classica e una pagina della collana Junior D

33 Esempio di una pagina classica di libro per ragazziEsempio di una pagina della Collana Dislessia Junior


Scaricare ppt "PROGETTO DISLESSIA Il diritto di leggere LA NUOVA COLLANA JUNIOR D Edizioni Angolo Manzoni PERCHÉ E COMÈ COLLANA PER BAMBINI E RAGAZZI."

Presentazioni simili


Annunci Google