La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ogni pagina, si utilizza a schermo intero (senza espansione della pagina) per mettere più facilmente in relazione i contenuti con le relative analisi ed.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ogni pagina, si utilizza a schermo intero (senza espansione della pagina) per mettere più facilmente in relazione i contenuti con le relative analisi ed."— Transcript della presentazione:

1 Ogni pagina, si utilizza a schermo intero (senza espansione della pagina) per mettere più facilmente in relazione i contenuti con le relative analisi ed esercizi- guida. Segue una breve versione in prosa da parte dell'insegnante e riferimenti allautore. I ragazzi fanno prima unanalisi sintattica per la comprensione di un testo particolarmente complesso (con una sola prop. principale per tantissime subordinate) avendo a disposizione, nello schermo, la poesia senza commenti e niente di evidenziato. A questo punto i ragazzi lavorano sul loro quaderno, chiedono chiarimenti, se occorre possono interagire con la LIM, spostando le parole del testo direttamente alla lavagna. La successiva schermata fornisce la soluzione del precedente problema e contemporaneamente innesca ulteriori analisi, approfondimenti e riflessioni. A casa o ancora a scuola approfondiscono ulteriormente, nascono delle interpretazioni personali anche poetiche. La verifica o parte di questa si svolge di solito alla LIM con cui ognuno interagisce ed esprime ciò che ha appreso…pensato… sognato… A Zacinto La grammatica dei poeti Procedura

2 A Zacinto Né più mai toccherò le sacre sponde il mio corpo fanciulletto giacque, te specchi nell'onde da cui fea quell'isole feconde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde di colui cantò fatali, ed il diverso esiglio bello di fama e di sventura baciò la sua petrosa Itaca Ulisse. Tu non altro che il canto avrai del figlio, a noi prescrisse illacrimata sepoltura. Zacinto mia, del greco mar Venere, col suo primo sorriso, l'inclito verso e vergine nacque onde per cui o materna mia terra: il fato che l'acque che ove Individua la proposizione principale Riconosci i connettivi

3 A Zacinto Né più mai toccherò le sacre sponde il mio corpo fanciulletto giacque, te specchi nell'onde da cui fea quell'isole feconde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde di colui cantò fatali, ed il diverso esiglio, bello di fama e di sventura baciò la sua petrosa Itaca Ulisse. Tu non altro che il canto avrai del figlio, a noi prescrisse illacrimata sepoltura. Zacinto mia, del greco mar Venere, col suo primo sorriso, l'inclito verso e vergine nacque onde per cui o materna mia terra: il fato chel'acque che ove Ricostruisci l'ordine delle varie proposizioni, indipendentemente dalla metrica, Collega i pronomi connettivi ai nomi corrispondenti.

4 A Zacinto Né più mai toccherò le sacre sponde il mio corpo fanciulletto giacque, te specchi nell'onde da cui fea quell'isole feconde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde di colui cantò fatali, ed il diverso esiglio, bello di fama e di sventura baciò la sua petrosa Itaca Ulisse. Tu non altro che il canto avrai del figlio, a noi prescrisse illacrimata sepoltura. Zacinto mia, del greco mar Venere, col suo primo sorriso, l'inclito verso e vergine nacque onde per cui o materna mia terra: il fato chel'acque che ove Fai l'analisi logica, definendo, anche la funzione sintattica di ogni pronome Osserva il sistema delle rime e spiega il diverso significato di "onde"

5 A Zacinto Né più mai toccherò le sacre sponde il mio corpo fanciulletto giacque, te specchi nell'onde da cui fea quell'isole feconde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde di colui cantò fatali, ed il diverso esiglio, bello di fama e di sventura baciò la sua petrosa Itaca Ulisse. Tu non altro che il canto avrai del figlio, a noi prescrisse illacrimata sepoltura. Zacinto mia, del greco mar Venere, col suo primo sorriso, l'inclito verso e vergine nacque onde per cui o materna mia terra: il fato chel'acque che ove Quali parole, tra le rime e le assonanze, emergono... dolcemente? Sai trovare le parole che indirettamente richiamano l'idea del mare?

6 A Zacinto Né più mai toccherò le sacre sponde il mio corpo fanciulletto giacque, te specchi nell'onde da cui fea quell'isole feconde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde di colui cantò fatali, ed il diverso esiglio, bello di fama e di sventura baciò la sua petrosa Itaca Ulisse. Tu non altro che il canto avrai del figlio, a noi prescrisse illacrimata sepoltura. Zacinto mia, del greco mar Venere, col suo primo sorriso, l'inclito verso e vergine nacque onde per cui o materna mia terra: il fato chel'acque che ove Spiega la funzione del pronome "Tu" nell'ultima strofa a chi si riferisce, e a chi si contrappone? Il poeta presagisce un destino diverso, purtroppo, per sè...diverso da quello di chi?

7 A Zacinto Né più mai toccherò le sacre sponde il mio corpo fanciulletto giacque, te specchi nell'onde da cui fea quell'isole feconde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde di colui cantò fatali, ed il diverso esiglio, bello di fama e di sventura baciò la sua petrosa Itaca Ulisse. Tu non altro che il canto avrai del figlio, a noi prescrisse illacrimata sepoltura. Zacinto mia, del greco mar Venere, col suo primo sorriso, l'inclito verso e vergine nacque onde per cui o materna mia terra: il fato chel'acque che ove Le proposizioni sono state messe in ordine... indipendentemente dalla metrica. Fai ora l'analisi del periodo


Scaricare ppt "Ogni pagina, si utilizza a schermo intero (senza espansione della pagina) per mettere più facilmente in relazione i contenuti con le relative analisi ed."

Presentazioni simili


Annunci Google