La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fare impresa in Italia Gli indicatori Doing Business per la valutazione del contesto istituzionale in cui operano le PMI Serafino Pitingaro | Centro Studi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fare impresa in Italia Gli indicatori Doing Business per la valutazione del contesto istituzionale in cui operano le PMI Serafino Pitingaro | Centro Studi."— Transcript della presentazione:

1 Fare impresa in Italia Gli indicatori Doing Business per la valutazione del contesto istituzionale in cui operano le PMI Serafino Pitingaro | Centro Studi Unioncamere Veneto Giovanna Guzzo | Centro Studi Unioncamere Veneto

2 La competitività dellItalia Secondo il World Economic Forum, lItalia si posiziona al 42esimo posto nella classifica sulla competitività, ben lontana dai principali Paesi europei e dalle altre economie avanzate mondiali.

3 Gli ostacoli al ritorno alla crescita – Insufficiente concorrenza – Inadeguatezza delle regolamentazioni in alcuni mercati – Sistema amministrativo inefficiente e fonte di oneri burocratici non giustificati per le imprese – Mercato del lavoro poco flessibile e segmentato – Livello di tassazione eccessivamente elevato – Sistema scolastico non in grado di assicurare qualità del capitale umano sufficientemente elevato – Giustizia civile lenta e inefficace Bisogno di definire indicatori qualitativi e quantitativi sugli effetti delle riforme e valutare il contesto istituzionale in cui operano le PMI

4 Gli indicatori Doing Business Basato sulle Enterprise Surveys in 118 Paesi del mondo Risposte fornite direttamente da campioni rappresentativi del settore privato Accesso al credito, energia elettrica, economia informale e tassazione sono gli ostacoli piú importanti per i Paesi in via di sviluppo Qual è lostacolo principale al fare impresa? Risposta % di imprese Accesso al credito Economia informale Analizzano alcuni degli ostacoli piú rilevanti per chi fa impresa

5 La facilità complessiva di fare impresa viene misurata attraverso dieci indicatori: (1) Avvio dimpresa (2) Ottenimento dei permessi edilizi (3) Allacciamento alla rete elettrica (4) Trasferimento di proprietà immobiliare (5) Pagamento delle imposte (6) Commercio transfrontaliero marittimo (7) Risoluzione di dispute commerciali (8) Protezione degli investitori di minoranza (9) Accesso al credito (10) Risoluzione dellinsolvenza e procedure concorsuali Singapore I primi classificati nel rapporto Doing Business 2013 Hong Kong (Cina) Nuova Zelanda Danimarca 5 Stati Uniti4 Norvegia6 Regno Unito Corea del Sud Georgia9 Australia Come viene misurata la facilità di fare impresa?

6 Metodologia Doing Business Fornire una base oggettiva per la comprensione ed il miglioramento dellambiente normativo che regolamenta le attività imprenditoriali di un Paese, intervistando soggetti pubblici e professionisti privati. 1.Interpretazione di leggi e norme in ciascun Paese 2.Costruzione indicatori per misurare la complessità e i costi dei processi normativi (ad es. numero procedure per ottenere permesso edilizio o tempo necessario per accordare lidentità legale ad unazienda).

7 Doing Business subnazionale: quale beneficio? Allinterno dei Paesi in cui viene attuato il progetto, estende la misurazione degli indicatori Doing Business a livello regionale e locale. Guarda alle regolamentazioni dimpresa ad ogni livello di governo. Rende possibile un confronto delle regolamentazioni e delle prassi amministrative tra città e regioni diverse. Consente alle città meno popolose di raccontare la loro storia. Permette ad amministrazioni ed enti locali di confrontarsi con 185 Paesi del mondo. Combina linteresse mediatico verso Doing Business con la partecipazione dei governi e degli enti locali alle iniziative di riforma.

8 Le priorità del sistema camerale Creare un contesto favorevole per fare impresa: Semplificazione (es. Comunicazione Unica, Riforma degli Sportelli unici della attività produttive), infrastrutture materiali ed immateriali, lotta alleconomia criminale Promuovere linternazionalizzazione Migliorare laccesso al credito Sostenere le politiche per loccupazione Investire nella qualità e tracciabilità di filiere e produzioni Valorizzare i tesori del territorio > Dotandosi di strumenti di autovalutazione > Stimolando processi di riforma

9 Il gradimento delle PA locali: lindagine di PromoPA Veneto. Livello di contatto e di gradimento degli uffici pubblici, scala 0-10, 2012 La Camera di Commercio anche per il 2012 si confermano essere i soggetti pubblici più frequentati e più apprezzati dalle imprese. Il sistema camerale si conferma linterlocutore privilegiato per le imprese e il soggetto in grado di affiancarle nel dialogo con la PA. Necessità di avviare riforme mirate alla semplificazione amministrativa e alla creazione di condizioni sempre più favorevoli per lo sviluppo delle imprese. Frequenza dei contratti

10 Conoscenza ed efficacia degli interventi di semplificazione Veneto. Livello di efficacia degli interventi di semplificazione, scala 0-10, anno 2012 Gli interventi di semplificazione dellultimo anno sono ritenuti inadeguati dalle imprese venete, a conferma dello sforzo ulteriore che deve essere fatto nella direzione di una concreta attuazione dei provvedimenti

11 Doing Business in Veneto 2009 e in Italy 2013

12 Il ruolo di Unioncamere Veneto Nello svolgimento delle varie fasi dellindagine UCV ha fornito il coordinamento operativo delle attività delle strutture camerali coinvolte nel progetto per: fornire una lista di esperti, sia in ambito pubblico che privato, in materia di regolamentazione dimpresa; facilitare lincontro tra gli esperti del Gruppo Banca Mondiale e i funzionari del Registro Imprese e degli Uffici di statistica delle Camere di Commercio e delle Unioni regionali nei territori coinvolti dallindagine; collaborare con i promotori nellorganizzazione dellevento di lancio del progetto e degli incontri di approfondimento sui dati preliminari; facilitare i contatti con le varie tipologie di stakeholder (enti pubblici, ordini professionali, associazioni di categoria ecc.) coinvolte nel progetto.

13 13 Facilità di fare impresa nellUnione Europea: classifica degli stati membri 5. Danimarca 6. Regno Unito 7. Irlanda 14. Finlandia 17. Svezia 19. Belgio 22. Estonia 25. Germania 26. Paesi Bassi 27. Austria 28. Lituania 29. Lettonia 31. Francia 36. Slovacchia 41. Ungheria 45. Bulgaria 47. Romania 48. Portogallo 49. Spagnia 50. Lussemburgo 54. Slovenia 67. Padova (Veneto) 68. Roma 75. Repub. Ceca 76. Polonia 96. Grecia Paesi Membri UE Doing Business in Veneto 2009

14 Classica globale del Veneto per indicatore IndicatoreVeneto (Padova)RomaMedia UE Procedure concorsuali Avvio di impresa Commercio transfrontaliero Protezione degli investitori* Assunzione del personale* Trasferimento di proprietà immobiliari Ottenimento dei permessi edilizi Condizioni di accesso al credito* Pagamento delle imposte Controversie commerciali * Nessuna analisi sub-nazionale è stata condotta per questi indicatori. Le classifiche sono basate sul rapporto Doing Business 2009 e sono le stesse per Padova e Roma.

15 Milano Torino Bologna Bari e porto di Taranto Catanzaro e porto di Gioia Tauro Padova Palermo e porto di Catania Roma Napoli e porto di Napoli Cagliari e porto di Cagliari Potenza Campobasso LAquila Doing Business in Italia 2013 Porto di Trieste Porto di Genova 4 indicatori in 13 città 1.Avvio dimpresa 2.Ottenimento dei permessi edilizi 3.Trasferimento di proprietà immobiliare 4.Risoluzione di dispute commerciali Commercio transfrontaliero marittimo in 7 porti Dati raccolti grazie al contributo di oltre 370 professionisti e funzionari pubblici e aggiornati al giugno 2012

16 Nessuna città supera le altre in tutti gli indicatori Città Facilità di avvio dimpresa Facilità nell ottenimento dei permessi edilizi Facilità di trasferimento di proprietà immobiliare Facilità nella risoluzione di dispute commerciali Bari, Puglia69713 Bologna, Emilia- Romagna Cagliari, Sardegna11265 Campobasso, Molise13835 Catanzaro, Calabria11057 LAquila, Abruzzo9398 Milano, Lombardia83710 Napoli, Campania Padova, Veneto2512 Palermo, Sicilia51229 Potenza, Basilicata Roma, Lazio76134 Torino, Piemonte10791

17 Avvio dimpresa: un processo rapido ma costoso

18 Le città italiane possono imparare le une dalle altre Indicatore Doing Business Miglior pratica italiana comparata a livello internazionale (classifica globale) Performance dellItalia nel Rapporto Doing Business 2013 (classifica globale) Avvio dimpresa7884 Ottenimento dei permessi edilizi Trasferimento di proprietà immobiliare 2639 Risoluzione di dispute commerciali Facilità di fare impresa nellipotetica città Italiana 5673

19 Un maggior numero di nuove imprese vengono registrate dopo ladozione di riforme che rendono più facile lavvio dimpresa Cile Svezia Marocco Ruanda Numero di nuove imprese registrate Anni prima della riforma Anni dopo la riforma Una regolamentazione dimpresa più efficiente

20 Buone regolamentazioni dimpresa e governance Il costo di avviare unimpresa è minore nei Paesi dove le regolamentazioni dimpresa sono efficienti e le informazioni su requisiti normativi e tariffe sono facilmente reperibili Costo medio per avviare unimpresa (% del reddito pro capite) Paesi dove i tariffari sono facilmente reperibili Paesi dove i tariffari non sono facilmente reperibili

21 Per maggiori informazioni:

22 Unioncamere del Veneto Via delle Industrie, 19/d Venezia tel: fax:


Scaricare ppt "Fare impresa in Italia Gli indicatori Doing Business per la valutazione del contesto istituzionale in cui operano le PMI Serafino Pitingaro | Centro Studi."

Presentazioni simili


Annunci Google