La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Autore:Marcella Lecca Trasmissione delle informazioni Lavoro per il corso Progetto Docente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Autore:Marcella Lecca Trasmissione delle informazioni Lavoro per il corso Progetto Docente."— Transcript della presentazione:

1 Autore:Marcella Lecca Trasmissione delle informazioni Lavoro per il corso Progetto Docente

2 Autore:Marcella Lecca Sommario La comunicazione Linformazione Sistemi di numerazione Codici digitali

3 Autore:Marcella Lecca Lo scambio delle informazioni Emittente ricevente Canale di trasmissione

4 Autore:Marcella Lecca Trasmissione delle informazioni Perché i messaggi possano essere interpretati correttamente occorre che EMITTENTE e RICEVENTE parlino la stessa lingua! Bau! ! Miaooo !!

5 Autore:Marcella Lecca Messaggio Uomo PC TRADUZIONE MESSAGGIO IN SEGNALE BLA

6 Autore:Marcella Lecca Linguaggio Insieme di parole chiave conosciute da entrambi gli enti in comunicazione Linguaggio in Informatica Insieme di parole e regole per costruire le frasi utilizzate si chiamano linguaggio di programmazione

7 Autore:Marcella Lecca Interfaccia Meccanismo che rende possibile la comunicazione e linterazione tra uomo e macchina Interfaccia Regole e strumenti con il quale lutente realizza la comunicazione con il computer Regole e strumenti con il quale lutente realizza la comunicazione con il computer Apparecchiatura elettronica che Consente la comunicazione Apparecchiatura elettronica che Consente la comunicazione

8 Autore:Marcella Lecca Informazione Caratteristica principale del segnale è quella di trasportare linformazione, cioè tutto ciò che abbassa il livello di incertezza Tutto ciò che riguarda la capacità di descrivere la realtà

9 Autore:Marcella Lecca Unità di informazione U la quantità di informazione che elimina lincertezza di un evento che ha due soli valori possibili, ma entrambi equiprobabili. Unità di misura dellunità di informazione è il bit U = 1bit

10 Autore:Marcella Lecca Segnale binario E in grado di trasportare una quantità di informazione pari ad una unità. La quantità di informazione Q determina quante volte linformazione è maggiore rispetto allinformazione unitaria ed è espressa in numero di bit Q = N bit

11 Autore:Marcella Lecca Multipli dellunità di misura dellinformazione 1 byte = 8 bit 1024 byte = 1kb (kilobyte) 1024 kb = 1Mb (megabyte) 1024 mb = 1Gb (Gigabyte)

12 Autore:Marcella Lecca Sistemi di numerazione

13 Autore:Marcella Lecca Sistemi di numerazione Insieme di simboli e di regole che consentono di scrivere i numeri Cifre o simboli Regole che esprimono le modalità per rappresentare il numero come sequenza di cifre Relazioni che permettono di effettuare le operazioni tra i numeri IL NUMERO DI SIMBOLI PRESENTE IN UN SISTEMA DI NUMERAZIONE E DETTO BASE DEL SISTEMA

14 Autore:Marcella Lecca Sistemi di numerazione Sistema binario Sistema ottale Sistema decimale Sistema esadecimale

15 Autore:Marcella Lecca Sistema di numerazione DECIMALE Utilizza 10 simboli, le cifre da 0 a 9 e quindi è un sistema a base 10 E dovuto agli arabi Sistema posizionale: ogni numero espresso in base decimale è composto da più cifre affiancate, ciascuna delle quali ha peso diverso a seconda della posizione che occupa.

16 Autore:Marcella Lecca Sistema decimale Il peso di ciascuna cifra è espresso da una potenza che ha per base la base del sistema e quindi 10 e per esponente la posizione della cifra rispetto alla prima cifra di destra che ha posizione 0.

17 Autore:Marcella Lecca Sistema decimale Il valore associato a ciascuna cifra è dato dal prodotto del peso per il numero della cifra Il valore associato al numero è dato dalla somma del valore di ciascuna cifra

18 Autore:Marcella Lecca Posizione della cifra NUMERO 9 * 10 = 9 0 * 10 = 0 3* 10 = * 10 =

19 Autore:Marcella Lecca BINARIO SISTEMA DI NUMERAZIONE

20 Autore:Marcella Lecca CARATTERISTICHE Numerazione posizionale cioè il valore assunto dalle cifre dipende dalla posizione che esse occupano nel numero La successione dei numeri interi in base 2 si ottiene in modo analogo a quella dei sistemi in base 10, inizia con la cifra con peso zero e quando i simboli sono esauriti continua ponendo uguale a 1 la cifra successiva e continuando ad incrementare la prima

21 Autore:Marcella Lecca Numeri binari 0 (zero) 1 (uno) 10 (due) 11 (tre) 100 (quattro) 101 (cinque) 110 (sei) 111 (sette) 1000 (otto) 1001 (nove) 1010 (dieci) 1011 (undici) 1110 (dodici) 1111 (tredici) (quatttordici)

22 Autore:Marcella Lecca Sistema binario Legato strettamente alla logica del funzionamento del computer 2 simboli di base 1 e 0 (BASE 2) Bit (Binary digiT)

23 Autore:Marcella Lecca Valore posizionale Ogni numero ha un valore in base alla posizione

24 Autore:Marcella Lecca Decimale binario Metodo delle divisioni successive Si divide per la base (due) il resto della divisione è la cifra che avrà il peso indicato dal numero della divisione -1

25 Autore:Marcella Lecca Esempio : convertire il numero decimale

26 Autore:Marcella Lecca Esempio : convertire il numero decimale

27 Autore:Marcella Lecca Binario Decimale La somma dei prodotti della cifra binario moltiplicata per la base (2) elevata la posizione 100 (1* 2 ) + (0 * 2 ) + (0 * 2 ) = 1* =

28 Autore:Marcella Lecca Addizione (10) 111 = ( 7) (17)

29 Autore:Marcella Lecca Sottrazione =

30 Autore:Marcella Lecca Moltiplicazione 1 per 1 = 1 0 per 1 = * 101=

31 Autore:Marcella Lecca divisione RISULTATO 100 RESTO 1

32 Autore:Marcella Lecca Sistema esadecimale Base 16 Simboli : 0…9+le sei lettere maiuscole A,B,C,D,E,F Assume importanza perché la base 16 è una potenza di 2, base del sistema di numerazione binario. 16 = 2 4

33 Autore:Marcella Lecca Da esadecimale a decimale numero esademale 2BC1 2*(16) + 11 *(16) + 12*(16) + 1*(16) 2* *256+12*16+1*1 =

34 Autore:Marcella Lecca Decimale in esadecimale : 16 = resto : 16 = resto 12 C 43 : 16 = resto 11 B 2

35 Autore:Marcella Lecca CODICI DIGITALI Il codice digitale è una tabella nella quale vengono associati a ciascuno dei simboli originari un nuovo simbolo che mantiene lo stesso contenuto informativo. Insieme dei simboli originari si chiama insieme sorgente, linsieme dei simboli codificati si chiama insieme codificato

36 Autore:Marcella Lecca Codice Stabilisce la relazione tra gli elementi dei due insiemi relazione biunivoca Deve essere efficace, cioè deve far corrispondere a ciascuno degli elementi dellinsieme sorgente un solo elemento dellinsieme codificato (relazione biunivoca)

37 Autore:Marcella Lecca Codice BCD Codice numerico, realizza un sistema di numerazione decimale codificato in binario. Ciascuna cifra di un numero del sistema di numerazione decimale è rappresentata utilizzando il numero binario corrispondente. 479 (decimale) | 0111 | 1001 (codice BCD)

38 Autore:Marcella Lecca Codice ASCIII American Standard Code for Information Interchange Codifica oltre i numeri anche le lettere dellalfabeto minuscole e maiuscole, i segni di interpunzione e una serie di simboli specifici necessari in una comunicazione.

39 Autore:Marcella Lecca Codice ASCIII I primi 32 codici sono assegnati a caratteri di controllo della comunicazione o della stampante, i restanti 96 sono assegnati ai segni dinterpunzione comuni, alle cifre da 0 a 9, e alle lettere dellalfabeto latino, maiuscole e minuscole


Scaricare ppt "Autore:Marcella Lecca Trasmissione delle informazioni Lavoro per il corso Progetto Docente."

Presentazioni simili


Annunci Google