La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Liceo scientifico D. Bramante Ballarini Maria Elena, 5F Tesina per lesame di stato Anno scolastico2001-2002.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Liceo scientifico D. Bramante Ballarini Maria Elena, 5F Tesina per lesame di stato Anno scolastico2001-2002."— Transcript della presentazione:

1 Liceo scientifico D. Bramante Ballarini Maria Elena, 5F Tesina per lesame di stato Anno scolastico

2 Filosofia : laspetto gnoseologico dellaltro Husserl Levinas Letteatura italiana : il relativismo Luigi PirandelloLuigi Pirandello Letteratura inglese: laltro e lephiphany James JoyceJames Joyce Letteratura francese : Meursault e la societé Albert CamusAlbert Camus

3 Edmund Husserl zIl secondo ego non è semplicemente presente, datoci autenticamente,ma è costituito come alter ego. Laltro per il suo senso costitutivo rinvia a me stesso; laltro è rispecchiamento di me stesso e tuttavia esso non è propriamente un rispecchiamento

4 LA COSTITUZIONE DELLALTRO COME ALTER EGO Innanzi tutto gli altri sono dati dallio come oggetti del mondo, ma anche come soggetti che fanno esperienza del mondo. Conseguentemente il mondo non è tale solo per lio, ma è tale per tutti: si presenta come mondo oggettivo proprio in quanto è intersoggettivo. Quindi per arrivare a capire chi è laltro è necessario prima definire la sfera del mio-proprio che consente di riconoscere, per contrasto la presenza nellio trascendentale di ciò che non è proprio dellio, dellestraneo e salvaguadare così lalterità dellaltro. In ogni caso, però, sembra chiaro che si attribuisce allio il primato sullaltro: lestraneo si dà perche cè il proprio: laltro è appunto un alter ego.

5 zNella sfera del mio proprio il percorso dellio allalter ego passa attraverso lanalisi fenomenologica dellesperienza vissuta del proprio corpo. Laltro è infatti presente nella sfera del mio proprio come corpo fisico, non direttamente come soggetto; dellaltro come soggetto è possibile solo avere unesperienza indiretta: unappresentazione o percezione analogica. Laltro è pensabile solo come analogo. Certamente non è solo un doppione dellio. Si appresenta come la, dotato di una sfera del mio prorpionon identica alla sfera del mio proprio appartenente all io, poiché lio esiste in rapporto al qui del suo corpo. Quindi, laltro trascende lessere mio proprio, ma in ogni caso, sempre solo come modificazione di me stesso

6 Emmanuel Levinas z Il povero, lo straniero si presenta come eguale. (...)La sua uguaglianza in questa povertà essenziale consiste nel riferirsi al terzo, così presente allincontro e che, nella sua miseria, è già servito da Altri.(...) Egli si unisce a me. (...)Ogni relazione sociale, al pari di una derivata, risale alla presentazione dellAltro al Medesimo, senza nessuna mediazione di immagini o di segni, ma grazie alla sola espressione del volto. (...)Il fatto che tutti gli uomini siano fratelli non è spiegato dalla loro somiglianza, né da una causa comune di cui sarebbero leffetto come succede per le medaglie che rinvìano allo stesso conio che le ha battute. (...)

7 z La paternità non si riconduce ad una causalità cui gli individui parteciperebbero misteriosamente e che determinerebbe, in base ad un effetto non meno misterioso, un fenomeno di solidarietà.(...) Il fatto originario della fraternità è costituito dalla mia responsabilità di fronte ad un volto che mi guarda come assolutamente estraneo, e lepifania del volto coincide con questi due momenti. O luguaglianza si produce là dove lAltro comanda il Medesimo e gli si rivela nella responsabilità; o luguaglianza non è che unidea astratta e una parola.

8 zLa relazione con lalterità dellaltro esige - secondo Levinas-una rottura con la totalità, cioè con la pretesa della filosofia di racchiudere lessere nellorizzonte unico della conoscenza. Se cè un altro, deve porsi al di là dellessere. Questo non significa che laltro sia inaccessibile. Laltro è inconoscibile, perché la conoscenza è opera di identificazione, ma non inaccessibile. La relazione con laltro, infatti, non è una relazione di conoscenza. È un incontro faccia a faccia: il modo in cui si presenta laltro, che supera lidea della altro in me è definito da Lévinas il volto.

9 Albert Camus z "Pour que tout soit consommé, pour que je me sente moins seul, il me restait à souhaiter qu'il y ait beaucoup de spectateurs le jour de mon exécution et qu'ils m'accueillent avec des cris de haine." Albert Camus, in L'Etranger

10 z"J'ai résumé l'Etranger, il y a très longtemps, par une phrase dont je reconnais qu'elle est très paradoxale: Dans notre société, tout homme qui ne pleure pas à l'enterrement de sa mère risque d'être condamné à mort. Je voulais dire seulement que le héros du livre est condamné parce qu'il ne joue pas le jeu. En ce sens, il est étranger à la société où il vit, il erre, en marge, dans les faubourgs de la vie privée, solitaire, sensuelle. Et c'est pourquoi des lecteurs ont été tentés de le considérer comme une épave. On aura cependant une idée plus exacte du personnage, plus conforme en tout cas aux intentions de son auteur, si l'on se demande en quoi Meursault ne joue pas le jeu. La réponse est simple, il refuse de mentir. Mentir, ce n'est pas seulement dire ce qui n'est pas. C'est aussi, c'est surtout dire plus que ce qui est et, en ce qui concerne le coeur humain, dire plus qu'on ne sent. C'est ce que nous faisons tous, tous les jours, pour simplifier la vie. Meursault, contrairement aux apparences, ne veut pas simplifier la vie.

11 zIl dit ce qu'il est, il refuse de masquer ses sentiments et aussitôt la société se sent menacée. On lui demande par exemple de dire qu'il regrette son crime, selon la formule consacrée. Il répond qu'il éprouve à cet égard plus d'ennui que de regret véritable. Et cette nuance le condamne. Meursault n'est donc pas une épave, mais un homme pauvre et nu, amoureux du soleil qui ne laisse pas d'ombre. Loin d'être privé de toute sensibilité, une passion profonde, parce que tenace, l'anime, la passion de l'absolu et de la vérité. Meursault et la societé

12 James Joyce She was fast asleep. Gabriel, leaning on his elbow looked for a few moments unresentfully on her tangled hair and half-open mouth, listening to her deep- drawn breath. So she had had that romance in her life: a man had died for her sake. It hardly pained him now to think how poor part he, her husband, had played in her life. James Joyce, in The dead

13 Gabriel by his ideas, his tastes and his sensitivities has been isolated from others but always found solace in his self-esteem. Michael Furey has destroyed this. Michael was first in Gretta's love and Gretta is incapable of perceiving the importance that this has for Gabriel. She is now asleep. Gabriel is alone in the absolute sense of psychological isolation. Gretta recalling Michael has caused Gabriel to realise that he and the guests of the party are deader than Michael Furey. His sel destroyed, his identity gone, he becomes one with all the living and the dead. The epiphany

14

15 z Lestremo relativismo riguardo la costruzione, la comunicazione e limmagine di sè per sè e per gli altri, è di Vitangelo Moscarda, protagonista di uno delle più celebri opere di Luigi Pirandello, scritta nel 1925 (ma il suo inizio data 1909) e pubblicata a puntate sul settimanale La Fiera letteraria nel Uno, nessuno e centomila; ultimo romanzo del grande scrittore siciliano, esso è anche uno degli esiti più rivoluzionari della narrativa del 900. Nessuno è per sé, in quanto lio è fondamentalmente essere-per-laltro, il protagonista è contemporaneamente uno per quanti sono coloro che si mettono in relazione con lui e costruiscono la sua immagine, e dunque altri centomila.

16 z Costruire se stessi e la propria immagine, questa sarà ricevuta per quanti sono coloro che si metteranno in relazione con quellimmagine: ciò dimostra sia la relatività della relazione, ma anche lassolutezza della comunicazione: e impossibile non solo non comunicare, ma e impossibile non comunicare la propria immagine (forma) seppure questa possa non coincidere con lio vero della propria personalità (sostanza). L unica strada per superare la chiusura della soggettività è essere consapevoli della relatività dei giudizi; ma, appunto, la solitudine e la chiusura in sé, assolutizzati, porterebbero ad occludersi ogni via di conoscenza, seppure costituirebbero la vera libertà. Il che sposta lassunto pirandelliano, dallincomunicabilità alla comunicazione e relatività comunicativa come via alla conoscenza. Il relativismo

17 z Daltra parte lo stesso protagonista, Vitangelo Moscarda, attua la salvezza dalla razionalità attraverso il suo pieno inveramento (decidere di essere luno/nessuno di se stessi senza curarsi delle centomila immagini diverse, distrugge le relazioni così come esse si erano maturate nel corso dellesperienza esistenziale, porta alla libertà ma lo conduce alla pazzia). E, in definitiva, anche la riconquistata riappropriazione del proprio essere, a seguire Pirandello, porterebbe ad unaltra immagine per gli altri, mai concidente con la propria vera.

18 Era proprio la mia quellimmagine intravista in un lampo? Sono proprio così, io, di fuori, quando – vivendo – non mi penso? Dunque per gli altri sono quellestraneo sorpreso nello specchio: quello, e non già io quale mi conosco: quelluno lì che io stesso in prima, scorgendolo, non ho riconosciuto. Sono quellestraneo, che non posso veder vivere se non così, in un attimo impensato. Un estraneo che possono vedere e conoscere solamente gli altri, e io no, E mi fissai dallora in poi in questo proposito disperato: dandare inseguendo quellestraneo chera in me e che mi sfuggiva; che non potevo fermare davanti a uno specchio perché subito diventava me quale io mi conoscevo; quelluno che viveva per gli altri e che io non potevo conoscere; che gli altri vedevano vivere e io no. Lo volevo vedere e conoscere anchio così come gli altri lo vedevano.

19 z Ripeto, credevo ancora che fosse uno solo questo estraneo: uno solo per tutti, come uno solo credevo desser io per me. Ma presto latroce mio dramma si complicò: con la scoperta dei centomila Moscarda chio ero non solo per gli altri ma anche per me, tutti con questo solo nome di Moscarda, brutto fino alla crudeltà, tutti dentro questo mio povero corpo chera uno anchesso, uno e nessuno ahimè, se me lo mettevo davanti allo specchio e me lo guardavo fisso e immobile negli occhi, abolendo in esso ogni sentimento e ogni volontà.

20 Il tema dellaltro oggi: zBrano tratto dallarticolo di Francesco Alberoni,è vero amore solo quando ci si racconta la propria vita: zsiamo nelletà della comunicazione, possiamo raggiungere ed essere raggiunti da ogni tipo di informazione, abbiamo a disposizione immense banche dati, riceviamo notizie dalle più sperdute regioni del mondo, possiamo approfondire qualsiasi argomento. Eppure facciamo fatica a capire e a farci capire dai nostri figli, da nostra moglie o da nostro marito, dai nostri superiori e dai nostri dipendenti. Anche la comprensione fra i popoli non sembra migliorata, anche quando sono vicini,per fare solo un esempio, ebrei e palestinesi. zLinformazione non ha mai informato chi non vuole riceverla, la comunicazione non ha mai comunicato nulla a chi non è disposto a cambiare.

21 zPartiamo da un esempio banale. Siamo ad un ricevimento, non conosciamo nessuno e ci stiamo annoiando. Poi scopriamo accanto a noi una persona che ci attrae. Incominciamo una conversazione a due. Ci siamo ritagliati uno spazio in cui incontrarci, ignorando tutto il resto. Ciascuno procede con prudenza, evita di fare affermazioni che possono offendere e di chiedere informazioni riservate delicate. Cerca un terreno in cui laltro si muove volentieri, un interesse comune, e ne esplora i gusti, le preferenze i valori. Solo se questi ambiti sono compatibili, la conversazione procede. Ad un certo punto qualcuno incomincia a raccontare allaltro qualcosa della sua vita…ciascuno racconta allaltro la sua storia a partire dallinfanzia, i suoi sogni nascosti. Vuole che laltro veda il mondo come lui lha visto, che riviva le sue stesse esperienze. Entrambi. Rivisitando il proprio passato e quello dellaamato, giudicano se stessi, giudicano laltro, smussano le differenze, affermano ciò che appare loro essenziale.

22 Così rifanno la propria identità personale entro la nuova identità collettiva. La comunicazione moderna, rapida, frammentata non consente il confronto delle biografie. Stabilisce solo rapporti occasionali, destinati a durare solo finché dura linteresse momentaneo che ha messo in moto il dialogo. Oggi che tutti si spostano, cambiano città, nascono amicizie in cui nessuno sa chi in realtà sia laltro, cosa senta e pensi veramente perché non sa che esperienze abbia fatto, non le ha confrontate con le sue, conosce solo ciò che dice ora, in questo istante.


Scaricare ppt "Liceo scientifico D. Bramante Ballarini Maria Elena, 5F Tesina per lesame di stato Anno scolastico2001-2002."

Presentazioni simili


Annunci Google