La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Mezzogiorno e divari redionali nel lungo periodo (1891-2001) Emanuele Felice Università di Bologna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Mezzogiorno e divari redionali nel lungo periodo (1891-2001) Emanuele Felice Università di Bologna."— Transcript della presentazione:

1 Mezzogiorno e divari redionali nel lungo periodo ( ) Emanuele Felice Università di Bologna

2 Le origini del divario Nord-Sud 1) Il Sud fu sfruttato dal Nord Nitti, Gramsci… Marxisti, Romeo Blocco agrario-industriale Il divario Nord-Sud si è formato soprattutto nei decenni successivi allunificazione 2) allUnificazione (1861) il Centro-Nord era già più sviluppato Fortunato… Cafagna, Zamagni Il Nord-Ovest candidato naturale per lindustrializzazione Posizione geografica, risorse naturali, capitale umano e sociale 3) Il Sud Italia un po più arretrato, ma diversificato allinterno Imes, Meridiana dagli anni 80… nuove stime: Federico (agric.), Fenoaltea (ind.), Felice (servizi, industria, totale) Il Sud come altro…

3 Le nuove stime 1) Stime nazionali affidabili: dagli anni 1960s Prima: solo in benchmark (1891, 1911, 1938, 1951) Banca dItalia: Federico, Fenoaltea, Zamagni Da lì, stime del reddito regionale (Felice) 1): valore aggiunto nazionale 2): occupazione 3): salari (e altro…) per produttività Federico: Produzione Lorda Vendibile per lagricoltura (bottom- up) Fenoaltea (con Ciccarelli): industria, procedure top-down o bottom-up

4 I lavori principali… Il reddito delle regioni italiane nel 1938 e nel Una stima basata sul costo del lavoro, in «Rivista di Storia Economica», 2005/1. Il valore aggiunto regionale. Una stima per il 1891 e per il 1911 e alcune elaborazioni di lungo periodo ( ), in «Rivista di Storia Economica», 2005/3. I divari regionali in Italia sulla base degli indicatori sociali ( ), in «Rivista di Politica Economica», Divari regionali e intervento pubblico. Per una rilettura dello sviluppo in Italia, il Mulino, Regional Development: Reviewing the Italian Mosaic, forthcoming in «Journal of Modern Italian Studies» (2010 issue).

5 Valore aggiunto regionale / 1891

6 Valore aggiunto regionale / 1911

7 Valore aggiunto regionale / 1951

8 Valore aggiunto regionale / 2001

9 Indice di disuguaglianza regionale, Italy North-West North-East-Centre Southern Italy Williamson (1965)

10 Le determinanti del valore aggiunto per abitante Y/P = Y/L*L/P Valore aggiunto per addetto Tassi di attività

11 Kernel densities,

12 3 temi 1) Emigrazione versus politiche regionali 2) Il ruolo del capitale sociale 3) La letteratura sulla convergenza regionale e il caso italiano

13 Emigrazione versus politiche regionali/1 Emigrazione Dovrebbe favorire la convergenza I salari di quanti restano tendono ad aumentare Emigranti di solito dai lavori meno produttivi Ma… nelle regioni di origine laumento nel valore aggiunto per addetto può essere in parte controbilanciato da un declino nei tassi di attività Nella misura in cui lemigrazione riguarda in gran parte lavoratori maschi grande emigrazione nel periodo liberale Blocco nel periodo fra le due guerre Migrazione interregionale negli anni 50 e 60 Però in quegli anni la gran parte della convergenza avvenne nellindustria e nella produttività industriale

14 Emigrazione versus politiche regionali/2 Cassa per il Mezzogiorno, creata nel 1952 Le più ampie politiche regionali nellEuropa Occidentale Infrastrutture – strade, acquedotti Negli anni 60 si concentrò sullindustria Industria pesante con altri tassi capitale/lavoro Questo spiega una buona pate della convergenza del Sud Ma la Cassa non creò le condizioni per lo sviluppo autonomo Perchè supportare attività ad alto capitale, se il Sud era ricco nel lavoro? Crisi del 1970: collasso degli impianti top-down nel Sud La politica regionale si riorientò verso spese improduttive E favorì il crimine organizzato

15 Il Capitale Sociale Banfield, Putnam, Leonardi Quando si è creato il divario nel capitale sociale? Basso Medioevo (Putnam) Secoli XVIII-XIX (Lupo, Sabetti… Felice) XX secolo: il gap è innegabile Endogeneità??? Nelle ultime decadi, è in linea con il modo in cui il Sud è andato indietro Più bassi tassi di occupazione, in primis di lavoratrici donne Attività illegali, i lavoratori non considerati nelle statistiche ufficiali Le politiche regionali non lhanno favorito!

16 La letteratura sulla convergenza internazionale e il caso italiano/1 Williamson (1965): la U capovolta di Kuznets Crescente divergenza nelle prima fasi dellindustrializzazione Quindi convergenza perchè lindustrializzazione si diffonde Nuova geografia economica Economie di scala nella fase di divergenza Costi di congestione nella convergenza che segue Approccio neo-classico Rendimenti decrescenti di capitale nella funzione di produzione Ma nelle prime fasi possono persistere fattori condizionanti, che impediscono la diffusione (capitale umano e sociale)

17 La letteratura sulla convergenza internazionale e il caso italiano/2 Il caso italiano non calza bene 1) Lindustrializzazione si dispiegò in più onde La più intensa negli anni 50 e 60 2) Il Sud Italia avrebbe dovuto convergere anche nelle ultime decadi Variabili condizionanti? (basso capitale sociale, istituzioni) Nei modelli internazionali, non dovrebbero avere un grande ruolo nella convergenza fra regioni di uno stesso paese Parità salariale Nord-Sud Tuttavia, ci fu convergenza fra il Nord-Ovest e il Nec!


Scaricare ppt "Mezzogiorno e divari redionali nel lungo periodo (1891-2001) Emanuele Felice Università di Bologna."

Presentazioni simili


Annunci Google