La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Carlo Cresta1 Convegno sul tema Il sistema dei lavori pubblici tra norma nazionale e legislazione regionale: prospettive e criticità Procedure di scelta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Carlo Cresta1 Convegno sul tema Il sistema dei lavori pubblici tra norma nazionale e legislazione regionale: prospettive e criticità Procedure di scelta."— Transcript della presentazione:

1 Carlo Cresta1 Convegno sul tema Il sistema dei lavori pubblici tra norma nazionale e legislazione regionale: prospettive e criticità Procedure di scelta di contraente in materia di progettazione e affidamento dei servizi di ingegneria Lucca, 22 giugno 2007 ing. Carlo Cresta Federazione Regionale Ordine degli Ingegneri della Toscana

2 Carlo Cresta2 Progettazione Ripartizione tra progettazione interna e esterna (anno 2005) Progettista % sul totale dei progetti progettazione interna38,9 progettazione interna-esterna17,8 progettazione esterna43,3 Dati riferiti a 9336 interventi

3 Carlo Cresta3 Quadro normativo contratti pubblici prima del Codice Norme Precedenti FornitureDir. 93/36/CEE D.Lgs. n. 358/1992 ServiziDir. 92/50/CEE D.Lgs. n. 157/95 LavoriDir. 93/37/CEE Legge n. 109/1994 Settori esclusiDir. 93/38/CEED.Lgs. n. 158/95.

4 Carlo Cresta4 QUADRO NORMATIVO LAVORI PUBBLICI PRIMA DEL D.LGS. 163/06 Leggi Legge 109/94 e s.m. Legge obiettivo D.LGS. 190/2002 e 189/2005 Regolamenti DPR 554/99 DPR 34/2000 DM 145/2000 Disciplina generale degli appalti di lavori pubblici e dei servizi di ingegneria sopra e sotto soglia Disciplina i lavori relativi alle infrastrutture strategiche Disciplina il comportamento delle stazioni appaltanti Disciplina i compiti delle SOA e quelli dellAutorità, in relazione al sistema di qualificazione Disciplina i rapporti tra stazione appaltante ed appaltatore

5 Carlo Cresta5 PRINCIPI DEL TRATTATO E DIRETTIVE CE Principi del Trattato a tutela della concorrenza Direttive del Parlamento europeo e del Consiglio 2004/18/CE 2004/17/CE Non discriminazione Parità di trattamento Proporzionalità Trasparenza (debbono essere rispettati anche dai contratti sotto soglia) Unifica la disciplina degli appalti e concessioni di lavori, servizi e forniture nei settori ordinari Unifica la disciplina degli appalti e concessioni di lavori, servizi e forniture nei settori esclusi (gas, energia termica, elettricità, acqua, trasporti, servizi postali, sfruttamento di area geografica)

6 Carlo Cresta6 PRINCIPI DEL TRATTATO E DIRETTIVE CE La Corte di Giustizia europea ha più volte chiarito che, benché le norme comunitarie si applichino in maniera puntuale al di sopra di soglie di importo ben definite, non volendo così procedimentalizzare in maniera rigorosa anche gli appalti di minore entità, non vi può essere per questi ultimi una completa elusione di quelli che sono i principi comunitari di concorrenzialità. (Corte di Giustizia CE, 7 dicembre 2000, C-324/98)

7 Carlo Cresta7 D.LGS. 12 aprile 2006 n.163 Legge n. 62 (legge comunitaria 2004) Delega il Governo a recepire le direttive 2004/18 e 2004/17 in un testo unico D.LGS. 12 aprile 2006 n.163 Parte I – Principi e disposizioni comuni Parte II - Settori ordinari Parte III – Settori speciali Parte IV - Contenzioso Parte V - Disposizioni di coord. e transitorie Titolo I - Contratti di rilevanza comunitaria Titolo II – Contratti sotto soglia Titolo III – Disp. ult. contratti lavori pubblici Titolo IV – Contratti nei settori difesa e beni culturali

8 Carlo Cresta8 Progettazione Art del D.Lgs. 163/2006 Progettazione Esterna Interna -Soggetti (art.90) -Soglie (art.91) -Corrispettivi (art.92) -Procedure (art.91) -Strutture -Incentivi (art.92) -Regolamento di ripartizione degli incentivi

9 Carlo Cresta9 Incarichi A) progettazione direzione e contabilità lavori, compresi incarichi di d.l. operativo coordinamento sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione supporto tecnico al responsabile del procedimento validazione del progetto collaudo pianificazione B) indagini geologiche, geotecniche, sismiche, ecc. rilievi, misurazioni, picchettazioni elaborati specialistici e di dettaglio, redazione grafica di elaborati progettuali La determinazione dellAutorità n.3/2004 evidenzia la differenza tra le prime (A), da considerarsi opera dellingegno di carattere creativo, originale ed innovativo e di contenuto complesso (grafico, relazionale, espositivo), rispetto alle altre (B), da ritenersi di supporto tecnico alle prime e più propriamente di natura ricognitiva o valutativa dellesistente.

10 Carlo Cresta10 Procedure di affidamento in vigenza della legge 109/94 incarichi di importo inferiore a euro (importo stabilito dalla legge n.166/2002, che ha elevato loriginario limite di euro): procedura semplificata secondo i criteri precisati dalla legge e dal regolamento incarichi di importo pari o superiore a euro, ma inferiori alla soglia di applicazione della disciplina comunitaria in materia di servizi: affidamento mediante licitazione privata, secondo le disposizioni degli artt del regolamento incarichi di importo pari o superiore alla soglia comunitaria: affidamento con le procedure previste dal D.Lgs. 157/1995 e s.m.; con maggiore precisione le procedure sono state regolamentate dagli artt del D.P.R. 554/99

11 Carlo Cresta11 Affidamento in vigenza della legge 109/94 Incarichi di importo inferiore a 100 mila euro Art. 17 legge 109/94: verifica dellesperienza e della capacità professionale del soggetto da incaricare e motivazione della scelta in relazione al progetto da affidare Art. 62 D.P.R. 554/99: adeguata pubblicità allesigenza di acquisire la prestazione professionale richiesta e successivamente rendere noto laffidamento dellincarico con adeguate formalità, unitamente alla motivazione della scelta effettuata Art.17, comma 12, Legge n.109/94 modificato dallart. 24 Legge n.62/2005: affidamento nel rispetto dei principi di non discriminazione, parità di trattamento, proporzionalità e trasparenza

12 Carlo Cresta12 Affidamento in vigenza della legge 109/94 Incarichi di importo inferiore a 100 mila euro Determinazione Autorità n.18 del 2001 (incarichi di importo inferiore a euro): la pubblicità deve essere funzionale: il mezzo prescelto per pubblicizzare lavviso deve essere idoneo allo scopo di raggiungere la più ampia sfera relativa di potenziali professionisti interessati allaffidamento, in relazione allentità ed allimportanza dellincarico pur trattandosi di avvisi di selezione e non di bandi di gara in senso proprio, non possono obliterarsi, sul piano del contenuto informativo minimo dellavviso, quelle notizie che consentano di individuare loggetto dellincarico ed il suo valore (entità dei lavori e compenso stimato), nonché gli elementi valutativi considerati ai fini della selezione (che non possono comunque essere estranei a quelli desumibili dai curricula)

13 Carlo Cresta13 Affidamento in vigenza della legge 109/94 Incarichi di importo inferiore a 100 mila euro Giurisprudenza in linea con la Determinazione Autorità n.18 del 2001: TAR Puglia 19 aprile 2001, n.1205 Cons. Stato - Sez. V - 5 settembre 2001, n.4673 Cons. Stato - 7 marzo 2001, n.1339: ha ritenuto di accompagnare la pubblicazione presso lalbo pretorio anche con la divulgazione dellavviso su due quotidiani a tiratura locale Giurisprudenza parzialmente in contrasto con la Determinazione Autorità n.18 del 2001: Cons. Stato, Sez. V, 10 febbraio 2004, n.500: nel caso di incarichi collocati sotto la soglia dei euro e che consentono alla stazione appaltante laffidamento a soggetti di loro fiducia - assolti i soli oneri della verifica dellesperienza e della capacità professionale e della motivazione in relazione al progetto da affidare - il legislatore non prescrive lesperimento di una formale procedura di aggiudicazione, né in ogni caso, dettagliati adempimenti preliminari, quali una espressa e puntuale predeterminazione di ulteriori e più specifici criteri di scelta da parte della stazione appaltante

14 Carlo Cresta14 Affidamento in vigenza della legge 109/94 Incarichi di importo inferiore a 100 mila euro Determinazione Autorità n.1 del 2006 Ha esplicitato i quattro principi basilari richiamati dalla legge n.109/94, fornendo sintetiche linee guida al fine di rendere la procedura conforme alla direttiva 2004/18/CE e, quindi, raggiungere una effettiva concorrenza garantendo a ciascun potenziale concorrente le stesse possibilità di partecipazione alle procedure di gara e limparzialità della relativa azione amministrativa.

15 Carlo Cresta15 Affidamento in vigenza della legge 109/94 Incarichi di importo inferiore a 100 mila euro Non discriminazione: non consentire discriminazioni connesse con la nazionalità dei concorrenti, quali ad esempio la non accettazione o diversa valutazione di titoli professionali o delle certificazioni adottate nei diversi paesi della Comunità europea; nessuna discriminazione per concorrenti che non operano nellambito territoriale ove deve essere svolta la prestazione (ad es. vincoli di partecipazione o titoli preferenziali a concorrenti che risiedono nel luogo della prestazione). Parità di trattamento: eliminare qualsiasi discriminazione sia palese che subdola tra gli operatori; la concorrenza effettiva si può raggiungere imponendo che tutti gli offerenti dispongano delle stesse possibilità nella formulazione delle loro offerte e che queste siano soggette alle medesime condizioni per tutti i competitori (Corte di giustizia CE 29 aprile 2004, C-496/99); contemporanea valutazione dei requisiti dimostrati dai vari concorrenti, unitamente allapplicazione per ognuno di essi di criteri selettivi predefiniti ed uguali per tutti.

16 Carlo Cresta16 Affidamento in vigenza della legge 109/94 Incarichi di importo inferiore a 100 mila euro Proporzionalità: requisiti di qualificazione per la partecipazione alla procedura proporzionati alle caratteristiche ed allimporto dellappalto, al fine di non incorrere in un artificioso incremento dei requisiti che possono comportare una limitazione della concorrenza. Trasparenza: garantire, in favore di ogni potenziale offerente, un adeguato livello di pubblicità che consenta lapertura degli appalti pubblici di servizi alla concorrenza, nonché il controllo sullimparzialità delle procedure di aggiudicazione (Corte di giustizia CE, 7 dicembre 2000, C324/98); totale disponibilità delle informazioni ed, in particolare, consentire al maggior numero dei potenziali interessati di conoscere le opportunità di lavoro disponibili; adeguata azione di pubblicità, che, solo in via esemplificativa e non esaustiva, deve coinvolgere: lalbo pretorio dellente, il sito Internet della stazione appaltante (se esistente), gli Ordini professionali della provincia.

17 Carlo Cresta17 Procedure di affidamento con il Nuovo Codice dei contratti pubblici (D.Lgs. n.163/2006) incarichi di importo inferiore a euro: possono essere affidati dalle stazioni appaltanti, a cura del responsabile del procedimento, ai soggetti di cui al comma 1, lettere d), e), f), g) e h) dellarticolo 90, nel rispetto dei principi di non discriminazione, parità di trattamento, proporzionalità e trasparenza, e secondo la procedura prevista dallarticolo 57, comma 6; linvito è rivolto ad almeno cinque soggetti, se sussistono in tale numero aspiranti idonei. incarichi di importo pari o superiore a euro: si applicano le disposizioni di cui alla parte II, titolo I e titolo II del codice, ovvero, per i soggetti operanti nei settori di cui alla parte III, le disposizioni ivi previste.

18 Carlo Cresta18 Affidamento servizi in economia (art. 125 D.Lgs. n.163/2006) Lacquisizione di beni e servizi in economia è ammessa in relazione alloggetto e ai limiti di importo delle singole voci di spesa, preventivamente individuate con provvedimento di ciascuna stazione appaltante, con riguardo alle proprie specifiche esigenze laffidamento mediante cottimo fiduciario avviene nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione, parità di trattamento, previa consultazione di almeno cinque operatori economici,…, individuati sulla base di indagini di mercato ovvero tramite elenchi di operatori economici predisposti dalla stazione appaltante per appalti di importo inferiore ad euro è possibile procedere affidamento diretto (art. 125, comma 11)

19 Carlo Cresta19 Soglie affidamento progettazione < euro: affidamento diretto (art. 125, comma 11) >= euro e < euro: affidamento con procedura negoziata (art. 91, comma 2), ovvero affidamento con cottimo fiduciario (art. 125, comma 11) >= euro: procedure comunitarie escludendo pubblicazione GUCE per importi inferiori ad euro (oppure ad euro per le amministr. governative centrali) Soglie di importo e procedure di affidamento

20 Carlo Cresta20 Soglie affidamento progettazione la valutazione deve tener conto di tutti i servizi, ivi compresa la direzione dei lavori qualora si intenda affidarla allo stesso progettista esterno (art.92, comma 1 del Codice). la disposizione è strettamente connessa a quella di cui allart. 91, comma 6, la quale stabilisce che laffidamento diretto della direzione dei lavori al progettista è consentito soltanto ove espressamente previsto nel bando di gara della progettazione.

21 Carlo Cresta21 Pubblicità - Avviso di Preinformazione O/FModalità pubblicaz.neoggettotermini Sopra soglia F G.U.C.E. e/o Profilo Committente (se solo profilo committente preventiva comunicazione a Commissione) Siti informatici di cui allart. 66 co.7 Lavori: caratteristiche appalti o a.q. da aggiudicare Forniture: importo complessivo appalti o a.q. gruppi (CPV) di prodotti>= Servizi:importo complessivo per categorie all. IIA se >= Possib. 31 dicembre Lavori: dopo autorizzaz. Programma Forniture e Servizi: dopo avvio esercizio bilancio Sotto soglia F Profilo Committente Siti informatici di cui allart. 66 co.7 come s.s.

22 Carlo Cresta22 Pubblicità - Bando di gara O/FModalità pubblicaz.neoggettotermini Sopra soglia O G.U.C.E. G.U.R.I. Profilo Committente Siti informatici art. 66 co.7 2 quotidiani nazion. + 2 quot.locali Specifico appalto o a.q. (v. tabella) Sotto soglia O Profilo Committente Siti informatici art. 66 co.7 Lavori < : Albo pretorio Comune e Albo S.A. >= : G.U.R.I. e 1 quot.naz. + 1 quot.locale Forniture e servizi: G.U.R.I. come s.s. (v. tabella)

23 Carlo Cresta23 Pubblicità – Avviso risultati O/FModalità pubblicaz.neoggettotermini Sopra soglia O G.U.C.E. G.U.R.I. Profilo Committente Siti informatici art. 66 co.7 2 quotidiani nazion. + 2 quot.locali Specifico appalto o a.q. 48 gg. da aggiud.app. o concl.a.q. Sotto soglia F/OObbligatorio solo per lavori: Profilo Committente Siti informatici art. 66 co.7 < : Albo pretorio Comune e Albo S.A. >= : G.U.R.I. e 1 quot.naz. + 1 quot.locale come s.s. 48 gg. da aggiud.app. o concl.a.q.

24 Carlo Cresta24 Domande di partecipazione Ricezione delle offerte NormaleUrgenteNormaleUrgente Procedure aperte almeno 52 giorni * * (di norma 36* in caso di preinform., mai meno di 22*) Procedure ristrette almeno 37 gg* almeno 15 gg almeno 40 giorni *(di norma 36 in caso di preinform., mai meno di 22) almeno 10 gg Procedure Negoziate almeno 37 gg* almeno 15 gg almeno 20 giorniAdeguati Concessioni di lavori almeno 52 giorni * Termini per pubblicazione dei bandi e ricezione offerte – sopra soglia (art.70) * riducibili di 7gg. se bandi redatti e trasmessi per via elettronica * riducibili di 5gg. se documentazione disponibile per via elettronica

25 Carlo Cresta25 Domande di partecipazione Ricezione delle offerte NormaleUrgenteNormaleUrgente Procedure aperte almeno 15 giorni (di norma 10 in caso di preinform., mai meno di 7) Procedure ristrette almeno 7 gg almeno 10 gg almeno 10 giornialmeno 5 gg Procedure Negoziate almeno 7 gg almeno 10 gg almeno 10 giorni (di norma 10 in caso di preinform., mai meno di 7) Adeguati Termini per pubblicazione bandi e ricezione offerte – servizi e fornit. sotto soglia (art.124) Termini decorrenti dalla data di pubblicazione o dallinvito a presentare offerta.

26 Carlo Cresta26 Decreto Bersani Decreto legge 223/2006), articolo 2, comma 1: ……sono abrogate le disposizioni legislative e regolamentari che prevedono, con riferimento alle attività libero professionali e intellettuali: a) la fissazione di tariffe obbligatorie fisse o minime ovvero il divieto di pattuire compensi parametrati al raggiungimento degli obiettivi perseguiti;…. In sede di conversione del suddetto decreto, da parte della legge 4 agosto 2006, n. 248, la disposizione è stata così modificata alla lettera a): lobbligatorietà di tariffe fisse o minime ovvero …... Inoltre, è stata aggiunta al comma 2 del medesimo articolo 1, la seguente disposizione: nelle procedure ad evidenza pubblica, le stazioni appaltanti possono utilizzare le tariffe, ove motivatamente ritenute adeguate, quale criterio o base di riferimento per la determinazione dei compensi per attività professionali.

27 Carlo Cresta27 Decreto Bersani Determinazione dellAutorità n. 4 del 29 marzo 2007 a)labrogazione dellobbligatorietà dei minimi tariffari disposta dallarticolo 2, della legge 248/2006, si applica anche agli affidamenti di servizi di ingegneria ed architettura disciplinati dal D.lgs. 163/2006; b)sono da considerarsi implicitamente abrogate le seguenti disposizioni del decreto legislativo 163/2006: lultimo periodo del comma 2, dellart. 92, il comma 4, dellart. 92 e lultimo periodo del comma 3, dellart. 53; c)le stazioni appaltanti possono legittimamente determinare il corrispettivo a base dasta utilizzando il D.M. 4 aprile 2001, attualmente in vigore; d)non ha rilievo la norma richiamata dal comma 12 bis, dellarticolo 4, del decreto legge 2 marzo 1989, n. 65, convertito con modificazioni dalla legge 26 aprile 1989, n. 155; e)i servizi tecnici di importo stimato inferiore a euro possono essere affidati dalle stazioni appaltanti ai sensi dellarticolo 91, comma 2, del Codice, nel rispetto dei principi di non discriminazione, parità di trattamento, proporzionalità e trasparenza e secondo la procedura negoziata senza pubblicazione di un bando di gara, previa selezione di almeno cinque operatori economici da consultare se sussistono in tale numero soggetti idonei; al riguardo si rinvia anche alle indicazioni formulate da questa Autorità con la determinazione , n. 1; f)per i servizi tecnici di importo inferiore a euro le stazioni appaltanti possono procedere mediante affidamento diretto, ai sensi del combinato disposto degli articoli 91, comma 2 e 125, comma 11, del Codice, previa indicazione dei servizi tecnici nel regolamento interno per la disciplina dellattività contrattuale in economia.

28 Carlo Cresta28 Decreto Bersani Determinazione dellAutorità n. 4 del 29 marzo 2007 Le stazioni appaltanti possono affidare i servizi di ingegneria ed architettura sia con il criterio del prezzo più basso che con il criterio dellofferta economicamente più vantaggiosa, anche se tale ultimo criterio appare più indicato in relazione alla specificità ed alla complessità dei servizi in questione, la cui natura richiede spesso la valutazione aspetti qualitativi ed innovativi. Negli affidamenti con il criterio del prezzo più basso, che ad oggi è pienamente utilizzabile stante la abolizione dei minimi tariffari, per gli appalti di importo inferiore alla soglia comunitaria, è possibile, ai sensi dellarticolo 124, comma 8, del Codice, procedere allesclusione automatica delle offerte anomale individuate secondo il criterio previsto nellarticolo 86, comma 1, del Codice; per gli affidamenti di importo superiore alla soglia comunitaria si deve invece applicare la procedura di valutazione delle offerte anomale prevista dagli articoli 86-88, del Codice. In caso di utilizzo del criterio dellofferta economicamente più vantaggiosa, si applica per i contratti di qualsiasi importo, larticolo 86, comma 2, sulla valutazione della congruità delle offerte. In relazione a tale criterio di aggiudicazione si suggerisce alle stazioni appaltanti di utilizzare i fattori ponderali indicati dal comma 3, dellart. 64, del DPR 554/99, anche per gli appalti soprasoglia, ove possibile.

29 Carlo Cresta29 Progettazione Concorso di Progettazione (Art.99) - Finalità: Acquisizione proposta progettuale - Remunerazione: Premio in misura <= 60% corrisp. professionale e ulteriore compenso ad altre proposte meritevoli a titolo rimborso - Livelli di elaborati richiesti: progetto preliminare - Possibilità di svolgimento in due gradi (da specificare nel bando – art.109) - Affidamento dei livelli progettuali successivi: procedura aperta, cui può partecipare il vincitore - Possibilità di affidamento diretto al vincitore dei livelli successivi: solo se previsto dal bando del concorso e se vincitore in possesso dei requisiti necessari (art.99 co.5 Codice)

30 Carlo Cresta30 Progettazione Concorso di Idee (art.108) -Finalità: Acquisizione proposta ideativa - Partecipanti: nessun limite esclusi solo i dipendenti della s.a. -Remunerazione: Premio, anche a più proposte. - Livelli di elaborati richiesti: inferiore a progetto preliminare - Affidamento dei livelli progettuali successivi: procedura aperta, cui può partecipare il vincitore - Possibilità di affidamento diretto al vincitore dei livelli successivi: solo se previsto dal bando del concorso e se vincitore in possesso dei requisiti necessari (art.108 co. 6 Codice)

31 Carlo Cresta31 Criteri di aggiudicazione Artt D.Lgs.163/ Prezzo più basso 2. Offerta economicamente più vantaggiosa Criteri equivalenti

32 Carlo Cresta32 Criteri di aggiudicazione Artt. 82 Prezzo più basso Appalti sotto soglia - Possibilità di utilizzare lesclusione automatica delle offerte anomale oppure come sopra soglia (art.122, co.9) Appalti sopra soglia - Individuazione del limite di anomalia e verifica delle offerte anomale (art. 86, co.3) Verifica anomalia delle offerte

33 Carlo Cresta33 Offerte Anomale Offerta economicamente più vantaggiosa Lofferta è considerata anomala se i punteggi ottenuti dal concorrente relativamente al prezzo e la somma agli altri elementi di valutazione risultano contemporaneamente: Punteggio Prezzo 4/5 max previsto da bando di gara Somma punteggi relativi agli altri elementi 4/5 somma punteggi max relativi agli altri elementi stabiliti nel bando di gara

34 Carlo Cresta34 Il contenzioso in fase di gara Precontenzioso Lart. 6, comma 7, lettera n) del Codice prevede che, su iniziativa della stazione appaltante e di una o più delle altre parti, lAutorità esprima parere non vincolante relativamente a questioni insorte durante lo svolgimento delle procedure di gara, eventualmente formulando una ipotesi di soluzione. Nello stesso articolo si richiama la Legge finanziaria 2006 (n.266/2005), ove prevede che l'Autorita' può individuare quali servizi siano erogabili a titolo oneroso, secondo tariffe determinate sulla base del costo effettivo dei servizi stessi.

35 Carlo Cresta35 Il contenzioso in fase di gara Precontenzioso Il Consiglio dellAutorità nelladunanza del 10 ottobre 2006 ha approvato il Regolamento per la procedura di soluzione delle controversie e il relativo formulario per linoltro delle richieste di parere (consultabili sul sito dellAutorità stessa). Particolari condizioni dettate dal Regolamento: E possibile il ricorso alla procedura anche con iniziativa di una sola delle parti (stazione appaltante o concorrente); Il ricorso alla procedura non prevede oneri economici; Listanza, da effettuarsi secondo il formulario, può essere inoltrata per raccomandata, fax o posta elettronica; Sono previsti tempi particolarmente ristretti stabiliti per la definizione della procedura (rilascio parere da parte del Consiglio): 25 giorni, prorogabili a 35 nei casi in cui si renda necessaria unaudizione delle parti interessate, da effettuarsi entro dieci giorni dalla data di acquisizione al protocollo dellAutorità dellistanza di parere.

36 Carlo Cresta36 Procedure di scelta del contraente Aperta Ristretta Negoziata Dialogo competitivo Consentite in particolari circostanze Consentite sempre N.B. : - art. 56 e 57 (procedure negoziate) sospesi fino al Si applicano le disposizioni previgenti in materia di trattativa privata (art.41 R.D. 827/1924 – art. 9 co.3 D. lgs. 358/1992 – art.7 D.lgs. 157/1995). - art. 58 (dialogo competitivo) sospesi fino al

37 Carlo Cresta37 Procedura negoziata (lavori pubblici) C odice dei contratti (art ) recepimento integrale direttiva (presupposti, procedura con bando e senza), tranne nei casi di offerte irregolari ed inammissibili o gara deserta, limitati a lavori di importo inferiore ad 1 milione di euro; gara informale per procedura negoziata senza bando, ove possibile estensione presupposti per il ricorso a procedura negoziata direttiva anche sotto soglia; mantenimento possibilità trattativa per appalti inferiori a euro (art. 122, 7); estensione casi direttiva ad appalti beni culturali e mantenimento trattativa fino a euro (art. 204); Legge 109/94 (trattativa privata senza bando) euro; da a euro (art. 41 RD 824/1927); euro solo per ripristino opere esistenti, danneggiate da eventi imprevedibili, motivi di imperiosa urgenza, previa gara informale (art. 78 DPR 554/99). obbligo motivazione e comunicazione Osservatorio D.lgs. 30/2004 fino a euro, previa gara informale; inferiore a euro ; lotti successivi; superiore a euro (beni immobili e scavi) per ripristino.

38 Carlo Cresta38 Codice dei contratti (procedura con bando) BANDO FASE SELEZIONE Invito simultaneo ai candidati selezionati (art. 67, comma 1); Possibilità forcella (numero non inferiore a sei) – art. 62, commi 1 e 2 FASE NEGOZIAZIONE Garanzia parità trattamento e divieto fornire informazione in modo discriminatorio (art. 56, comma 3); Possibilità fasi successive mediante applicazione criteri di aggiudicazione (art. 56, 4 e art. 62, 7); Individuazione offerta migliore mediante applicazione criteri di aggiudicazione (art. 56, 2 e art. 82 e 83)

39 Carlo Cresta39 Codice dei contratti (procedura con bando)- presupposti a) quando, in esito allesperimento di una procedura aperta o ristretta o di un dialogo competitivo, tutte le offerte presentate sono irregolari ovvero inammissibili, in ordine a quanto disposto dal presente codice in relazione ai requisiti degli offerenti e delle offerte. Nella procedura negoziata non possono essere modificate in modo sostanziale le condizioni iniziali del contratto. Le stazioni appaltanti possono omettere la pubblicazione del bando di gara se invitano alla procedura negoziata tutti i concorrenti in possesso dei requisiti di cui agli articoli da 34 a 45 che, nella procedura precedente, hanno presentato offerte rispondenti ai requisiti formali della procedura medesima. Le disposizioni di cui alla presente lettera si applicano ai lavori di importo inferiore a un milione di euro; b) in casi eccezionali, qualora si tratti di lavori, servizi, forniture, la cui particolare natura o i cui imprevisti, oggettivamente non imputabili alla stazione appaltante, non consentano la fissazione preliminare e globale dei prezzi; c) limitatamente ai servizi, nel caso di servizi rientranti nella categoria 6 dellallegato II A e di prestazioni di natura intellettuale, quali la progettazione di opere, se la natura della prestazione da fornire renda impossibile stabilire le specifiche del contratto con la precisione sufficiente per poter aggiudicare lappalto selezionando lofferta migliore secondo le norme della procedura aperta o della procedura ristretta; d) nel caso di appalti pubblici di lavori, per lavori realizzati unicamente a scopo di ricerca, sperimentazione o messa a punto, e non per assicurare una redditività o il recupero dei costi di ricerca e sviluppo.

40 Carlo Cresta40 Codice dei contratti (procedura senza bando) art Ove possibile, la stazione appaltante individua gli operatori economici da consultare sulla base di informazioni riguardanti le caratteristiche di qualificazione economico – finanziaria e tecnico – organizzativa desunte dal mercato, nel rispetto dei principi di trasparenza, concorrenza, rotazione, e seleziona almeno tre operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei. Gli operatori economici selezionati vengono contemporaneamente invitati a presentare le offerte oggetto della negoziazione, con lettera contenente gli elementi essenziali della prestazione richiesta. La stazione appaltante sceglie loperatore economico che ha offerto le condizioni più vantaggiose, secondo il criterio del prezzo più basso o dellofferta economicamente più vantaggiosa, previa verifica del possesso dei requisiti di qualificazione previsti per laffidamento di contratti di uguale importo mediante procedura aperta, ristretta, o negoziata previo bando.

41 Carlo Cresta41 Codice dei contratti (procedura senza bando) lavori, servizi, forniture- presupposti a) qualora, in esito allesperimento di una procedura aperta o ristretta, non sia stata presentata nessuna offerta, o nessuna offerta appropriata, o nessuna candidatura. Nella procedura negoziata non possono essere modificate in modo sostanziale le condizioni iniziali del contratto. Alla Commissione, su sua richiesta, va trasmessa una relazione sulle ragioni della mancata aggiudicazione a seguito di procedura aperta o ristretta e sulla opportunità della procedura negoziata. Le disposizioni contenute nella presente lettera si applicano ai lavori di importo inferiore a un milione di euro; b) qualora, per ragioni di natura tecnica o artistica ovvero attinenti alla tutela di diritti esclusivi, il contratto possa essere affidato unicamente ad un operatore economico determinato; c) nella misura strettamente necessaria, quando lestrema urgenza, risultante da eventi imprevedibili per le stazioni appaltanti, non è compatibile con i termini imposti dalle procedure aperte, ristrette, o negoziate previa pubblicazione di un bando di gara. Le circostanze invocate a giustificazione della estrema urgenza non devono essere imputabili alle stazioni appaltanti.

42 Carlo Cresta42 Codice dei contratti (procedura senza bando) lavori e servizi presupposti a) per i lavori o i servizi complementari, non compresi nel progetto iniziale né nel contratto iniziale, che, a seguito di una circostanza imprevista, sono divenuti necessari allesecuzione dellopera o del servizio oggetto del progetto o del contratto iniziale, purché aggiudicati alloperatore economico che presta tale servizio o esegue tale opera, nel rispetto delle seguenti condizioni: a.1) tali lavori o servizi complementari non possono essere separati, sotto il profilo tecnico o economico, dal contratto iniziale, senza recare gravi inconvenienti alla stazione appaltante, ovvero pur essendo separabili dallesecuzione del contratto iniziale, sono strettamente necessari al suo perfezionamento; a.2) il valore complessivo stimato dei contratti aggiudicati per lavori o servizi complementari non supera il cinquanta per cento dellimporto del contratto iniziale; b) per nuovi lavori o servizi consistenti nella ripetizione di lavori o servizi analoghi già affidati alloperatore economico aggiudicatario del contratto iniziale dalla medesima stazione appaltante, a condizione che tali lavori o servizi siano conformi a un progetto di base e che tale progetto sia stato oggetto di un primo contratto aggiudicato secondo una procedura aperta o ristretta; in questa ipotesi la possibilità del ricorso alla procedura negoziata senza bando è consentita solo nei tre anni successivi alla stipulazione del contratto iniziale, e deve essere indicata nel bando del contratto originario; limporto complessivo stimato dei servizi e lavori successivi è computato per la determinazione del valore globale del contratto, ai fini delle soglie di cui allarticolo 28.

43 Carlo Cresta43 Codice dei contratti (procedura senza bando) presupposti Solo servizi qualora il contratto faccia seguito ad un concorso di progettazione e debba, in base alle norme applicabili, essere aggiudicato al vincitore o a uno dei vincitori del concorso; in questultimo caso tutti i vincitori devono essere invitati a partecipare ai negoziati. Solo forniture a) qualora i prodotti oggetto del contratto siano fabbricati esclusivamente a scopo di sperimentazione, di studio o di sviluppo, a meno che non si tratti di produzione in quantità sufficiente ad accertare la redditività del prodotto o a coprire i costi di ricerca e messa a punto; b) nel caso di consegne complementari effettuate dal fornitore originario e destinate al rinnovo parziale di forniture o di impianti di uso corrente o allampliamento di forniture o impianti esistenti, qualora il cambiamento di fornitore obbligherebbe la stazione appaltante ad acquistare materiali con caratteristiche tecniche differenti, il cui impiego o la cui manutenzione comporterebbero incompatibilità o difficoltà tecniche sproporzionate; la durata di tali contratti e dei contratti rinnovabili non può comunque di regola superare i tre anni; c) per forniture quotate e acquistate in una borsa di materie prime; d) per lacquisto di forniture a condizioni particolarmente vantaggiose, da un fornitore che cessa definitivamente lattività commerciale oppure dal curatore o liquidatore di un fallimento, di un concordato preventivo, di una liquidazione coatta amministrativa, di unamministrazione straordinaria di grandi imprese.


Scaricare ppt "Carlo Cresta1 Convegno sul tema Il sistema dei lavori pubblici tra norma nazionale e legislazione regionale: prospettive e criticità Procedure di scelta."

Presentazioni simili


Annunci Google