La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI APPALTI DI SERVIZI Hanno ad oggetto la prestazione di servizi di cui.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI APPALTI DI SERVIZI Hanno ad oggetto la prestazione di servizi di cui."— Transcript della presentazione:

1 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI APPALTI DI SERVIZI Hanno ad oggetto la prestazione di servizi di cui allAllegato II del Codice 1) SERVIZI ALLEGATO IIA 2) SERVIZI ALLEGATO IIB disciplina del Codice solo articoli 2o e 27 (art. 20, comma 2) 3) SERVIZI MISTI (ALLEGATO IIA E IIB) criterio quantitativo: si applica la disciplina dei servizi di valore superiore (art. 21) 1

2 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI APPALTI DI SERVIZI Art. 206 Codice contratti (norme applicabili ai contratti ai settori speciali) 1. Ai contratti pubblici di cui al presente capo si applicano, oltre alle norme della presente parte, le norme di cui alle parti I, IV e V. (La parte del I del Codice comprende gli artt. 1-27) 2. Inoltre sono richiamati alcuni artt. specifici, tra cui: 34, 37, 38, 48 (sempre per le amministrazioni agg.), 49 e 50 (in tema di avvalimento); 2

3 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI LA DISTINZIONE Deriva dal 19° Considerando della Direttiva 92/50 (attuata con D.Lgs. 157/1995): Ai servizi relativi a contratti daltro genere si applicano solo le norme sulle specifiche tecniche e sullavviso dei risultati della procedura di affidamento = servizi Allegato 1B direttiva 92/50 – Allegato 2 D.Lgs. 157/1995 3

4 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI LA DISTINZIONE 19° Considerando Direttiva 2004/18: Lapplicazione integrale della presente direttiva dovrebbe essere limitata, per un periodo transitorio, agli appalti per i quali le disposizioni della direttiva stessa consentiranno il pieno sfruttamento del potenziale di crescita degli scambi con lestero. Gli appalti degli altri servizi dovrebbero essere sottoposti a osservazione durante tale periodo transitorio prima che una decisione venga presa su una piena applicazione della presente direttiva Appalti degli altri servizi = elenco di cui allallegato IIB = rimane la disciplina della direttiva 92/50 4

5 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI LA DISTINZIONE e LA DISCIPLINA CODICE: ART. 20 (nella parte sui Contratti esclusi): Laggiudicazione degli appalti aventi per oggetto i servizi elencati nellallegato II B è disciplinata esclusivamente dallarticolo 68 (specifiche tecniche), dallarticolo 65 (avviso sui risultati della procedura di affidamento), dallarticolo 225 (avvisi relativi agli appalti aggiudicati). Gli appalti di servizi elencati nellallegato II A sono soggetti alle disposizioni del presente codice. ALLEGATO IIB: Servizi alberghieri e di ristorazione; Servizi di trasporto per ferrovia; Servizi di trasporto per via dacqua; Servizi di supporto e sussidiari per il settore dei trasporti; Servizi legali; Servizi di collocamento e reperimento di personale (esclusi contratti di lavoro); Servizi di investigazione e di sicurezza, eccettuati i servizi con furgoni blindati; Servizi relativi allistruzione, anche professionale; Servizi sanitari e sociali; Servizi ricreativi, culturali e sportivi 5

6 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI LA DISTINZIONE e LA DISCIPLINA Le norme applicabili ai servizi allegato IIB, richiamate dallart. 20: - art. 68 sulle specifiche tecniche - art. 65 sullavviso sui risultati della procedura di affidamento (art. 225 per i settori speciali) Gli appalti MISTI di servizi Allegato IIA e servizi Allegato IIB: si applica unicamente il criterio QUANTITATIVO (disciplina del servizio di valore superiore): - ratio della regola (pur essendo diverse le tipologie la categoria è sempre dei servizi) - differenza con le altre regole sugli appalti misti (art. 14 Codice) 6

7 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI LA DISTINZIONE e LA DISCIPLINA ART. 27 Codice: 1. Laffidamento dei contratti pubblici aventi ad oggetto lavori, servizi forniture, esclusi, in tutto o in parte, dallapplicazione del presente codice, avviene nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità. Laffidamento deve essere preceduto da invito ad almeno cinque concorrenti, se compatibile con loggetto del contratto. 2. Si applica altresì larticolo 2, commi 2, 3 e Le amministrazioni aggiudicatrici stabiliscono se è ammesso o meno il subappalto, e, in caso affermativo, le relative condizioni di ammissibilità. Se le amministrazioni aggiudicatrici consentono il subappalto, si applica larticolo

8 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI LA DISTINZIONE e LA DISCIPLINA ART. 27 Codice: - Novità del Codice: norma non presente nella Direttiva, norma di chiusura sui contratti esclusi - Principi applicabili: non solo economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità, ma anche pubblicità e c.que i principi del Trattato, tra cui la libera concorrenza (in virtù del richiamo allart. 2, comma 3, e, dunque, alla Legge 241/1990) - I principi del Trattato e quelli che ne derivano (rif. 2° Considerando Dir. 18/2004) sono del resto applicabili anche sotto soglia comunitaria, per costante giurisprudenza Corte di Giustizia 8

9 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI LA DISTINZIONE e LA DISCIPLINA ART. 27 Codice: - Liter prefigurato sembrerebbe, alla lettera, quello di una procedura negoziata senza bando (valutazione comparativa concorrenziale) MA la Commissione Europea ha chiarito che occorre la pubblicazione di un bando o avviso - NO ad affidamenti in via diretta (ex multis: Tar Latina, sez. I, : La regola dellevidenza pubblica costituisce un principio immanente nellordinamento di settore degli appalti: annulla un affidamento diretto servizio refezione scolastica; Consiglio di Stato, Ad. Plen. n. 1/2008, in tema di affidamento diretto del servizio di assistenza domiciliare; Tar Lazio, sez. III quater, n. 6424/2008; Tar Veneto, sez. I, n. 3926/2007: obbligatoria c.que la seduta pubblica per lapertura delle offerte in base ai principi di trasparenza e imparzialità) 9

10 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI LA DISTINZIONE e LA DISCIPLINA COMUNICAZIONE INTERPRETATIVA DELLA COMMISSIONE relativa al diritto comunitario applicabile alle aggiudicazioni di appalti non o solo parzialmente disciplinate dalle direttive «appalti pubblici» (2006/C 179/02, del 1° ) Tali appalti rappresentano un'importante opportunità per le imprese del mercato interno, in particolare per le PMI e per le imprese «start-up» Tali appalti sono aggiudicati, in molti casi, direttamente a fornitori locali senza alcuna concorrenza. La Corte di giustizia delle Comunità europee (CGCE) ha confermato nella sua giurisprudenza che le disposizioni del trattato CE relative al mercato interno si applicano anche agli appalti che esulano dall'ambito di applicazione delle direttive appalti pubblici 10

11 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI LA DISTINZIONE e LA DISCIPLINA COMUNICAZIONE INTERPRETATIVA DELLA COMMISSIONE relativa al diritto comunitario applicabile alle aggiudicazioni di appalti non o solo parzialmente disciplinate dalle direttive «appalti pubblici» (2006/C 179/02, del 1° ): PUBBLICITA: il solo modo di rispettare i principi comunitari consiste nella pubblicazione di un avviso pubblicitario sufficientemente accessibile prima dell'aggiudicazione dell'appalto. Spetta alle S.A. scegliere il mezzo di pubblicità più adeguato tenendo conto dellimportanza dellappalto per il mercato interno ed eventualmente comunitario (se sopra soglia), in relazione alloggetto, importo e pratiche abituali di quel settore 11

12 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI LA DISTINZIONE e LA DISCIPLINA COMUNICAZIONE INTERPRETATIVA DELLA COMMISSIONE relativa al diritto comunitario applicabile alle aggiudicazioni di appalti non o solo parzialmente disciplinate dalle direttive «appalti pubblici» (2006/C 179/02, del 1° ): PUBBLICITA (segue): quanto più interessante è l'appalto per i potenziali offerenti di altri Stati membri, tanto maggiore deve essere la copertura. In particolare, un'adeguata trasparenza per gli appalti di servizi di cui all'allegato II B il cui importo superi le soglie comunitarie implica di solito la pubblicazione in un mezzo di comunicazione largamente diffuso La pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale europea non è obbligatoria ma può costituire un'opzione interessante, in particolare quando si tratta di appalti d'importo elevato 12

13 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI LA DISTINZIONE e LA DISCIPLINA COMUNICAZIONE INTERPRETATIVA DELLA COMMISSIONE relativa al diritto comunitario applicabile alle aggiudicazioni di appalti non o solo parzialmente disciplinate dalle direttive «appalti pubblici» (2006/C 179/02, del 1° ): CONTENUTO DELLAVVISO: L'avviso può limitarsi ad una succinta descrizione degli elementi essenziali dell'appalto da aggiudicare e della procedura di aggiudicazione, accompagnata da un invito a prendere contatto con l'amministrazione aggiudicatrice. Ulteriori informazioni possono eventualmente essere pubblicate su Internet o comunicate su richiesta dall'autorità aggiudicatrice. Gli avvisi devono contenere tutte le informazioni di cui un'impresa di un altro Stato membro avrà ragionevolmente bisogno per decidere se manifestare o no il suo interesse per l'appalto. 13

14 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI LA DISTINZIONE e LA DISCIPLINA COMUNICAZIONE INTERPRETATIVA DELLA COMMISSIONE relativa al diritto comunitario applicabile alle aggiudicazioni di appalti non o solo parzialmente disciplinate dalle direttive «appalti pubblici» (2006/C 179/02, del 1° ): PRINCIPI DELLAGGIUDICAZIONE: - imparzialità delle procedure: descrizione non discriminatoria delloggetto dellappalto; - uguaglianza di accesso per gli operatori economici di tutti gli Stati Membri (no obbligo di sede); - Termini adeguati: i termini stabiliti per presentare lofferta devono essere sufficienti per consentire alle imprese di altri Stati membri di procedere a una valutazione ed elaborare la loro offerta; - approccio trasparente ed oggettivo: tutti devono poter conoscere in anticipo le regole applicabili ed avere la certezza che tali regole saranno applicate nello stesso modo a tutti gli operatori. 14

15 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI LA DISTINZIONE e LA DISCIPLINA COMUNICATO DEL PRESIDENTE DELL AUTORITA CONTRATTI PUBBLICI del 30 NOVEMBRE 2007 La Comunicazione interpretativa della Commissione Europeacompleta la disciplina dettata dallart. 27 del Codice Si invitano le S.A., specie nel caso in cui limporto dellappalto superi la soglia comunitaria, ad osservare le indicazioni fornite con detta Comunicazione interpretativa Appare necessario che laffidamento sia preceduto dalla pubblicazione di un bando almeno sul sito della S.A. e sui quotidiani, non escludendo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ed in quella dellUnione Europea per appalti di consistente rilevanza economica 15

16 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI IL PROBLEMA DELLE ULTERIORI NORME APPLICABILI Posizione della giurisprudenza: c.d. PRINCIPIO DELLAUTOVINCOLO: - significato - ratio: certezza della disciplina applicabile alla selezione e tutela dellaffidamento in buona fede dei concorrenti (v. Comunicazione interpretativa Commissione) - qualche riferimento: TAR Piemonte II, n. 1719/2007; TAR Sardegna, I, n. 1674/2007; TAR Lombardia-Milano, I, n. 1380/2008; Tar Puglia- Lecce, sez. III, n. 2292/2008; Consiglio di Stato, sez. V, n. 4270/2008; Tar Puglia-Lecce, sez. II, n. 1333/2007: il richiamo al Codice in termini generali non vuol dire che si debbano applicare tutte le sue disposizioni, dal momento che lo stesso Codice prevede la deroga per lAllegato IIB) 16

17 2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI IL PROBLEMA DELLE ULTERIORI NORME APPLICABILI Posizione dellAutorità: - riprende il principio dellautovincolo - estrema conseguenza: il richiamo alle procedure aperte o ristrette di cui agli articoli 54 e 55 del Codice: vanno rispettate in toto le norme sulle procedure 17


Scaricare ppt "2. SERVIZI PRIORITARI E NON PRIORITARI: ALLEGATI IIA E IIB DEL CODICE DEI CONTRATTI APPALTI DI SERVIZI Hanno ad oggetto la prestazione di servizi di cui."

Presentazioni simili


Annunci Google