La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Portatori chimici dellinformazione genetica della cellula.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Portatori chimici dellinformazione genetica della cellula."— Transcript della presentazione:

1 Portatori chimici dellinformazione genetica della cellula

2 2 Il Dna Cinquanta anni fa James Watson e Francis Crick chiarivano la natura del Dna, la sostanza chimica che porta l'informazione genetica. Le istruzioni per vivere e per riprodursi sono scritte nel DNA e caratterizzate da una propria sequenza di quattro lettere (A, G, C e T) e sono contenute in una lunga molecola lineare avvolta su se stessa. Oggi sappiamo che con queste quattro lettere si possono comporre i messaggi più diversi e che ogni specie biologica possiede il suo Dna, contenente la sua propria sequenza di unità elementari.

3 3 Struttura Acido Nucleico Zucchero Base Azotata Fosfato Nucleoside Nucleotide

4 4 Come sono composti gli acidi nucleici Basi Basi Le basi puriniche adenosina e guanina si ritrovano sia nel DNA che RNA Le basi pirimidiniche Citosina e Timina si ritrovano nel DNA, mentre nell'RNA troviamo citosina e Uracile Ci sono due tipi di acidi nucleici, l'acido Desossiribonucleico (DNA) e l'acido Ribonucleico (RNA). Entrambi sono degli eteropolimeri. Ci sono due tipi di acidi nucleici, l'acido Desossiribonucleico (DNA) e l'acido Ribonucleico (RNA). Entrambi sono degli eteropolimeri. l'acido Ribonucleico (RNA) l'acido Ribonucleico (RNA) I monomeri del DNA si chiamano desossiribonucleotidi mentre quelli dell'RNA si chiamano ribonucleotidi. I monomeri del DNA si chiamano desossiribonucleotidi mentre quelli dell'RNA si chiamano ribonucleotidi. Entrambi sono costituiti dai seguenti gruppi. Entrambi sono costituiti dai seguenti gruppi.

5 5 Basi Azotate Citosina Adenina Uracile (RNA) Guanina Timina (DNA) Pirimidina Purina

6 6 ZuccheriZuccheri Ribosio2-Desossiribosio DNARNA

7 7 Zucchero. Zucchero. Il DNA contiene il D-2-desossiribosio RNA contiene il D-ribosio Gruppi Fosfato Gruppi Fosfato

8 8 NucleosideNucleoside Zucchero Base Azotata Nucleoside Base Azotata Legame dellN1 della Base Azotata Zucchero con il C1 dello Zucchero

9 9 NucleotideNucleotide Legame estereo dellAcido Fosforico Zucchero con lossidrile in C5 dello Zucchero Fosfato Nucleoside Nucleotide

10 10 Acidi Nucleici Ciascun nucleotide è formato da tre molecole Fosfato Zucchero Base azotata Lo zucchero (un pentoso) è: Il Desossiribosio nel DNA Il Ribosio nel RNA Lo zucchero (un pentoso) è: Il Desossiribosio nel DNA Il Ribosio nel RNA I diversi nucleotidi sono legati tra loro attraverso il gruppo fosfato Gruppo fosfato Zucchero pentoso Base azotata

11 11 DesossiribonucleotidiDesossiribonucleotidi 2-Deossiadenosina 5-fosfato 2-Deossicitidina 5-fosfato2-Deossitimidina 5-fosfato 2-Deossiguanosina 5-fosfato

12 12 Ribonucleotidi Adenosina 5-fosfato Citidina 5-fosfatoUridina 5-fosfato Guanosina 5-fosfato

13 13 Acido Nucleico Legame Estereo tra il Fosfato di un Nucleotide e lossidrile in C3 dello Zucchero di un altro Nucleotide C 3 C 5 C 1 C 3 C 5

14 14 Struttura primaria degli acidi nucleici Come per le proteine, gli acidi nucleici hanno una struttura primaria, costituita dalla sequenza di basi e una direzionalità che presenta un estremità 5' libera da un lato ed una 3' libera dall'altro. Come per le proteine, gli acidi nucleici hanno una struttura primaria, costituita dalla sequenza di basi e una direzionalità che presenta un estremità 5' libera da un lato ed una 3' libera dall'altro. Per convenzione le sequenze degli acidi nucleici sono scritte a partire dalla 5' finendo alla 3'. Secondo questa convenzione i legami fosfodiesteri vanno dal 3' al 5' Per convenzione le sequenze degli acidi nucleici sono scritte a partire dalla 5' finendo alla 3'. Secondo questa convenzione i legami fosfodiesteri vanno dal 3' al 5'

15 15 Sequenza Si descrive attraverso lordine delle Basi Azotate partendo dallestremità 5 fino allestremità 3 Adenosina (Base Azotata) Adenosina (Base Azotata) Citosina (Base Azotata) Timina (Base Azotata) ZuccheroFosfatoZuccheroFosfatoZuccheroFosfato -A-T-C-

16 La struttura secondaria del DNA La doppia elica Studi ai raggi X Sistema regolare che si ripeteva con una certa periodicità Le quantità di A e di T erano sempre uguali e che le quantità di G e C erano uguali Studi ai raggi X Sistema regolare che si ripeteva con una certa periodicità Le quantità di A e di T erano sempre uguali e che le quantità di G e C erano uguali

17 17 Struttura secondaria del DNA La struttura secondaria non è casuale ma è dovuta ai legami ad idrogeno che si formano tra le basi

18 18 Struttura secondaria DNA La struttura secondaria del DNA è la ben conosciuta doppia elica. Fu dedotta dall'analisi degli spettri di diffrazione di fibre di DNA Gli spettri di diffrazione delle fibre non contenevano le informazioni molecolari trovate negli spettri di diffrazione del singolo cristallo, ciononostante sia gli spettri di diffrazione che nelle proprietà delle fibre fornirono informazioni essenziali per dedurre la struttura della doppia elica La struttura secondaria del DNA è la ben conosciuta doppia elica. Fu dedotta dall'analisi degli spettri di diffrazione di fibre di DNA Gli spettri di diffrazione delle fibre non contenevano le informazioni molecolari trovate negli spettri di diffrazione del singolo cristallo, ciononostante sia gli spettri di diffrazione che nelle proprietà delle fibre fornirono informazioni essenziali per dedurre la struttura della doppia elica - Gli spettri mostravano la presenza di un'elica - la spaziatura tra le macchie mostravano che c'erano 10 basi per giro d'elica per giro d'elica - la densità delle fibre indicava la presenza di due molecole per elica. elica. Watson e Crick proposero che la doppia elica fosse stabilizzata dalla formazione di legami ad idrogeno tra le basi presenti sui filamenti opposti secondo lo schema A-T e G-C Watson e Crick proposero che la doppia elica fosse stabilizzata dalla formazione di legami ad idrogeno tra le basi presenti sui filamenti opposti secondo lo schema A-T e G-CA-T e G-CA-T e G-C Secondo il loro modello, lo scheletro idrofilo costituito dalla sequenza zucchero-fosfato si trovavano all'esterno a contatto con l'acqua, mentre le basi di carattere idrofobico erano impacchettate perpendicolarmente all'asse dell'elica nell'interno. Secondo il loro modello, lo scheletro idrofilo costituito dalla sequenza zucchero-fosfato si trovavano all'esterno a contatto con l'acqua, mentre le basi di carattere idrofobico erano impacchettate perpendicolarmente all'asse dell'elica nell'interno. I due filamenti di DNA sono complementari e si sviluppano in direzione opposta, sono perciò antiparalleli. I due filamenti di DNA sono complementari e si sviluppano in direzione opposta, sono perciò antiparalleli. Benchè le basi si trovino all'interno, esse possono interagire con altre molecole attraverso le due spirali profonde chiamate solco minore e solco maggiore. Questo modello teneva conto del fatto che nella composizione delle basi del DNA si verificava che in percentuale A=T e G=C. Benchè le basi si trovino all'interno, esse possono interagire con altre molecole attraverso le due spirali profonde chiamate solco minore e solco maggiore. Questo modello teneva conto del fatto che nella composizione delle basi del DNA si verificava che in percentuale A=T e G=C.

19 19 Modello di Watson e Crick Il DNA è costituito da due catene polinucleotidiche a elica avvolte intorno a un asse comune. Le eliche sono destrogire e i due filamenti si sviluppano in direzioni opposte, con riferimento alle loro estremità 3' e 5'.

20 20 Le basi puriniche e pirimidiniche si trovano all'interno dell'elica, su piani che sono perpendicolari all'asse dell'elica, mentre i gruppi deossiribosio e fosfato formano la parte esterna dell'elica. Le due catene sono tenute insieme da coppie di basi puriniche-pirimidiniche, legate con legami idrogeno. L'adenina (A) è sempre accoppiata con la timina (T) e la guanina (G) è sempre accoppiata con la citosina (C).

21 21 L'adenina (A) è accoppiata con la timina (T) con due legami ad idrogeno La guanina (G) è accoppiata con la citosina (C) con tre legami ad idrogeno.

22 22 Il DNA è simile per struttura all RNA ma: 1)Al posto delluracile cè la timina 2)Il DNA è costituito da un doppio filamento Il DNA è simile per struttura all RNA ma: 1)Al posto delluracile cè la timina 2)Il DNA è costituito da un doppio filamento Tra le basi dei due filamenti si formano legami idrogeno che li tengono uniti Nel DNA le basi appartenenti ai due filamenti sono appaiate in modo caratteristico ( timina con adenina, guanina con citosina) DNA

23 23 Conoscendo la sequenza di un filamento …..

24 24 ….. si può desumere la sequenza del filamento complementare

25 25

26 26 Il risultato è una lunga molecola di DNA

27 27 Il diametro dell'elica è di 20 Å. Le coppie di basi adiacenti sono separate di 3,4 Å e si succedono ad ogni avanzamento dell'elica di 36º. Ci sono perciò 10 coppie di basi per ogni giro completo dell'elica (360º) e la struttura si ripete ogni 34 Å. Non c'è nessuna limitazione alla sequenza di basi lungo una catena polinucleotidica. Dalla sequenza esatta però dipende l'informazione genetica.

28 28 Stabilità della doppia elica La formazione della doppia elica è favorita da La formazione della doppia elica è favorita da Interazioni idrofobiche derivanti dall'impaccamento delle basi dalla formazione di legami ad Idrogeno tra le coppie di basi. La formazione della doppia elica è sfavorita da: La formazione della doppia elica è sfavorita da: Repulsione elettrostatica dei fosfati che si trovano sullo scheletro dei filamenti Dall'entropia conformazionale Formazione di legami ad Idrogeno con l'acqua. Le Possibili strutture della doppia elica Le Possibili strutture della doppia elica Il modello di doppia elica proposto da Watson e Crick rappresenta la struttura del BDNA. La struttura ai raggi X confermò essenzialmente il modello proposto, ma mostrava come essa fosse in realtà una semplificazione in quanto la struttura molecolare mostrava molte variazioni e distorsioni locali rispetto alla struttura ideale E' importante comprendere che la struttura secondaria del DNA non è rigida ma flessibile e dipende dalla esatta sequenza dei nucleotidi e può essere modificata in seguito ad interazioni con proteine ed altre molecole. Sotto altre condizioni è possibile che si produca un altro modello di elica ADNA. Recentemente è stata descritta una ZDNA, destrosa, il cui significato biologico è sconosciuto. QUI c'è un confronto tra i diversi modelli di elica. La forma A è la conformazione ad elica adottata dal DNA e RNA, ARNA, in quanto l'ossidrile in posizione 2' del ribosio impedisce stericamente la formazione della conformazione B. La maggior parte del DNA della maggior parte dei microrganismi è una doppia elica nella sua forma B La maggior parte del DNA della maggior parte dei microrganismi è una doppia elica nella sua forma B

29 29 A DNAB DNAZ DNA Tipo d'elicadestrosa Diametro~26 Å~20 Å~18 Å Coppie/giro Viste laterali Viste dall'alto Le eliche del DNA (Tutte le molecole qui illustrate contengono dodici coppie di basi )

30 30 LRNA è costituito da un singolo filamento I nucleotidi non sono tutti uguali ma differiscono per la base Ci sono 4 differenti tipi di basi: Adenina Citosina Guanina Uracile Ci sono 4 differenti tipi di basi: Adenina Citosina Guanina Uracile Linformazione contenuta negli acidi nucleici è codificata nella sequenza di basi che compongono il filamento (un alfabeto di 4 lettere) RNA

31 31 RNA: struttura secondaria e terziaria L'RNA esiste sottoforma di tre maggiori tipi: tRNA o RNAtransfer, rRNA o RNA ribosomiale, mRNA o RNA messaggero. Altre forme meno importanti servono nello splicing dell'RNA e nella sintesi dei telomeri. L'RNA esiste sottoforma di tre maggiori tipi: tRNA o RNAtransfer, rRNA o RNA ribosomiale, mRNA o RNA messaggero. Altre forme meno importanti servono nello splicing dell'RNA e nella sintesi dei telomeri. - RNAtransfer (tRNA) sono costituiti da nucleotidi e servono nella sintesi delle proteine. DNA e RNA a singolo filamento tendono ad assumere una conformazione random coil. Comunque tali molecole a filamento singolo contengono regioni con sequenze auto complementari (tRNA)dove la molecola può formare zone a doppio filamento tRNA contiene basi modificate. - RNA Ribosomiale (rRNA) Il ribosoma è un organello cellulare coinvolto nella sintesi proteica e consiste di due subunità, una piccola ed una grande, dove rRNA è parte integrante. La struttura a scala è costituita da coppie di basi legate da legami ad idrogeno. rRNA contiene basi modificate. -RNA messaggero (mRNA) Il mRNA è una copia-stampo per la sintesi delle proteine. Viene assunta una struttura del tipo A o a singolo filamento. mRNA non contiene basi modificate.

32 32 Nel DNA, le basi sono legate al 2'desossiribosio con un legame N1'glicosidico a formare un desossinucleotide Nel DNA, le basi sono legate al 2'desossiribosio con un legame N1'glicosidico a formare un desossinucleotide Nell' RNA, le basi sono legate al ribosio per formare un nucleotide con un legame N1'glicosidico Nell' RNA, le basi sono legate al ribosio per formare un nucleotide con un legame N1'glicosidico I desossiribonucleotidi sono degli esteri fosforici in posizione 5' dei desossinucleosidi I desossiribonucleotidi sono degli esteri fosforici in posizione 5' dei desossinucleosidi I ribonucleotidi sono dei monoesteri fosforici dei nucleosidi I ribonucleotidi sono dei monoesteri fosforici dei nucleosidi Gli acidi nucleici sono polimeri dei fosfati dei nucleotidi. I polimeri DNA e RNA sono formati da legami fosfodiestere tra gli OH 5' di un nucleotide e il 3' di un idrossile seguente. I nucleotidi sono acidi forti in quanto i due pKa del fosfodiestere sono tra 0.7 ed 1 e 6.1 e 6.3.Di conseguenza lo scheletro dell'RNA e DNA sono normalmente carichi negativamente. Le basi assorbono attorno a 260 nm.I legami fosfodiesteri sono termodinamicamente instabili in quanto il ΔG di idrolisi è circa -25 kJ/mol, ma a causa della cinetica molto lenta in mancanza di un enzima o di un catalizzatore i polimeri sono stabili. Differenza tra DNA e RNA

33 33 La struttura terziaria del DNA A causa dell'estrema lunghezza del DNA, la sua struttura terziaria è molto complessa. Comunque si possono discutere alcune strutture. Superavvolgimento Superavvolgimento Il DNA di batteri, mitocondri, plastidi e alcuni virus è costituito da un anello chiuso. Il DNA circolare può assumere un aspetto incurvato o avvolto come dalle seguenti immagini al microscopio.

34 34 LA DUPLICAZIONE DEL DNA La duplicazione del DNA è l'evento portante della duplicazione cromosomica. Essa inizia a partire da una specifica sequenza nucleotidica, detta punto di origine della duplicazione. In tale punto sono presenti particolari enzimi endonucleari (endonucleasi), che spezzano i legami ad idrogeno tra le basi azotate complementari, aprendo così la doppia elica. I due filamenti si separano e ciascuno di essi funziona da stampo per la selezione di nucleotidi liberi e la costruzione del filamento complementare, pertanto la duplicazione del DNA è detta semiconservativa. La duplicazione procede in entrambe le direzioni, per mezzo delle due forcelle di duplicazione che si spostano nei due versi opposti. L'effettiva sintesi dei nuovi filamenti, antiparalleli a quelli della molecola originaria, è catalizzata da un gruppo di enzimi noti come DNA-polimerasi. Questi lavorano in un verso soltanto, cosicchè uno dei due nuovi filamenti cresce molto rapidamente ed in maniera continua, mentre l'altro, grazie a particolari siti di innesco (RNAprimer) che inducono un'inversione del senso di marcia delle DNA- polimerasi, viene costruito in brevi segmenti consecutivi (segmenti di Okazaki) che devono poi essere saldati fra loro da un altro enzima, chiamato DNA-ligasi. La duplicazione del DNA è l'evento portante della duplicazione cromosomica. Essa inizia a partire da una specifica sequenza nucleotidica, detta punto di origine della duplicazione. In tale punto sono presenti particolari enzimi endonucleari (endonucleasi), che spezzano i legami ad idrogeno tra le basi azotate complementari, aprendo così la doppia elica. I due filamenti si separano e ciascuno di essi funziona da stampo per la selezione di nucleotidi liberi e la costruzione del filamento complementare, pertanto la duplicazione del DNA è detta semiconservativa. La duplicazione procede in entrambe le direzioni, per mezzo delle due forcelle di duplicazione che si spostano nei due versi opposti. L'effettiva sintesi dei nuovi filamenti, antiparalleli a quelli della molecola originaria, è catalizzata da un gruppo di enzimi noti come DNA-polimerasi. Questi lavorano in un verso soltanto, cosicchè uno dei due nuovi filamenti cresce molto rapidamente ed in maniera continua, mentre l'altro, grazie a particolari siti di innesco (RNAprimer) che inducono un'inversione del senso di marcia delle DNA- polimerasi, viene costruito in brevi segmenti consecutivi (segmenti di Okazaki) che devono poi essere saldati fra loro da un altro enzima, chiamato DNA-ligasi.punto di origine della duplicazioneDNA-ligasipunto di origine della duplicazioneDNA-ligasi Durante la duplicazione del DNA avviene l'azione PROOFREADING (correzione della lettura), operata dalle stesse DNA-polimerasi che rimuovono i nucleotidi che non si sono appaiati nella maniera dovuta a quelli del filamento stampo. Durante la duplicazione del DNA avviene l'azione PROOFREADING (correzione della lettura), operata dalle stesse DNA-polimerasi che rimuovono i nucleotidi che non si sono appaiati nella maniera dovuta a quelli del filamento stampo.

35 35 Il DNA Coppie di nucleotidi Una coppia di nucleotidi che varia da individuo ad individuo viene chiamata Snp o snip Nucleo cellula Mitocondri Dna in coppia di cromosomi Un gene (una serie di coppie di nucleotidi in un particolare punto su un cromosoma) contiene la ricetta per una proteina Cellula La maggior parte delle cellule contiene istruzioni complete per costruire un essere umano, il Dna è in gran parte nel nucleo, ma ce nè dellaltro nei mitocondri delle cellule. Cromosomi Nel nucleo,il Dna è disposto in 23 coppie di pacchetti a forma di bastoncino, chiamati cromosomi (una serie proviene della madre, laltra dal padre). Ogni cromosoma contiene un filamento di Dna. Se venisse svolto, il Dna di una cellula sarebbe lungo più di 2,04 metri

36 36 Science Museum Dna La molecola della vita Science Museum Dna La molecola della vita

37 37 Glucidi Monosaccaridi Sono molecole a 5 o a 6 atomi di carbonio di regola a forma di anello I monosaccaridi pentosi sono importanti costituenti degli acidi nucleici, RNA e DNA Ribosio e desossiribosio Il più noto è il glucosio I monosaccaridi esosi (fruttosio, galattosio, glucosio ecc.) sono implicati nel metabolismo energetico. Essi sono anche i costituenti di disaccaridi e polisaccaridi

38 38 Glucidi Il glucosio è al centro dei processi del metabolismo energetico della cellula. Esso esiste sia in forma ciclica che in forma lineare con la possibilità di passare da una forma allaltra Il glucosio è al centro dei processi del metabolismo energetico della cellula. Esso esiste sia in forma ciclica che in forma lineare con la possibilità di passare da una forma allaltra

39 39 Disaccaridi Il Maltosio è un disaccaride formato da due molecole di Glucosio (α- e β-Glucosio sono due isomeri della stessa molecola) Il Saccarosio (lo zucchero da cucina) è un disaccaride formato da una molecola di Glucosio e una di Fruttosio Il lattosio (lo zucchero del latte) è un disaccaride formato da una molecola di Glucosio e una di Galattosio Formazione di un Legame glicosidico Formazione di un Legame glicosidico

40 40 I nucleotidi vengono sempre aggiunti allestremità 3, quella in cui lultimo desossiribosio del filamento di DNA presenta un gruppo – OH libero Il meccanismo di replicazione del DNA Se vi è un filamento di DNA, un enzima, la DNA polimerasi, è in grado di aggiungere un nucleotide alla volta allungando una catena polinucleotidica e utilizzando il filamento esistente come stampo

41 41 Fin tanto che i due filamenti sono strettamente associati tuttavia la DNA polimerasi, non può agire. Cè un altro enzima che si chiama Elicasi e che (come suggerisce il nome) riesce a rompere i legami idrogeno tra le basi azotate e separare le due eliche per un tratto (richiede energia sotto forma di ATP) Il DNA quindi non viene replicato come una cerniera che si apre, ma piuttosto come una cerniera che si sia rotta e aperta in vari punti della sua lunghezza. Si forma così un struttura chiamata forcella di replicazione. Allinterno della forcella laggiunta di basi avviene in direzione opposta sui due filamenti. Data la lunghezza del DNA, negli eucarioti si formano diverse forcelle contemporaneamente.

42 42 La DNA polimerasi compie diversi errori durante la replicazione scambiando una base con unaltra. Se non venissero corretti ad ogni replicazione alcune centinaia di geni verrebbero modificati. Esiste un altro enzima la DNA polimerasi I (la precedente si chiama DNA polimerasi III ed è leggermente diversa) in grado di fungere da correttore di bozze, ripassando i filamenti e correggendo tutti gli errori tipografici Meccanismi di riparazione del DNA Il meccanismo di riparazione è in grado di distinguere quale dei due filamenti della doppia elica è quello neo-sintetizzato e quindi, in caso di incongruenza tra le basi, correggere lerrore sul nuovo filamento I meccanismi di riparazione non agiscono solo in questo caso ma sono sempre attivi nella cellula per scoprire eventuali alterazioni dellappaiamento delle basi causati da altri fattori ad esempio per intervento di agenti chimici o fisici

43 43 Nonostante i meccanismi di riparo, una volta ogni tanto (un caso su milioni di volte) la base sbagliata rimane al suo posto. Cosa accade quando per errore viene assemblata una base sbagliata (G al posto di A)? Alla generazione successiva a G viene correttamente appaiata C e il cambiamento rimane permanentemente nei discendenti di quella linea Questo evento si chiama MUTAZIONE


Scaricare ppt "Portatori chimici dellinformazione genetica della cellula."

Presentazioni simili


Annunci Google