La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I CONFLITTI DI ATTRIBUZIONI A cura di Francesco Dalla Balla.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I CONFLITTI DI ATTRIBUZIONI A cura di Francesco Dalla Balla."— Transcript della presentazione:

1 I CONFLITTI DI ATTRIBUZIONI A cura di Francesco Dalla Balla

2 IL PUNTO DI PARTENZA Un’eterna esperienza è che chiunque ha potere è indotto ad abusarne; va fino a che trova dei limiti. Chi lo direbbe! Persino la virtù ha dei limiti. Affinché non si possa abusare del potere occorre che, per la disposizione delle cose, il potere arresti il potere*. Mais c'est une expérience éternelle que tout homme qui a du pouvoir est porté à en abuser; il va jusqu'à ce qu'il trouve des limites. Qui le dirait! La vertu même a besoin de limites. Pour qu'on ne puisse abuser du pouvoir, il faut que, par la disposition des choses, le pouvoir arrête le pouvoir. Montesquieu, « De l’espirit des lois », 1748 *Trad. G. Zagrebelsky

3 LA STORIA  ASSOLUTISMO  LO STATUTO ALBERTINO  LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA

4 L’art. 134 Cost. Art La Corte costituzionale giudica: - sulle controversie relative alla legittimità costituzionale delle leggi e degli atti, aventi forza di legge, dello Stato e delle Regioni; - sui conflitti di attribuzione tra i poteri dello Stato e su quelli tra lo Stato e le Regioni, e tra le Regioni; - sulle accuse promosse contro il Presidente della Repubblica, a norma della Costituzione.

5 2° alinea sui conflitti di attribuzione tra i poteri dello Stato su quelli tra lo Stato e le Regioni, e tra le Regioni E CONFLITTI INTERORGANICI CONFLITTI INTERSOGGETTIVI ≠

6 CONFLITTI INTERORGANICI

7 I POTERI DELLO STATO Art. 37, comma 1. Il conflitto tra poteri dello Stato è risoluto dalla Corte costituzionale se insorge tra organi competenti a dichiarare definitivamente la volontà del potere cui appartengono e per la delimitazione della sfera di attribuzioni determinata per i vari poteri da norme costituzionali. ISOGGETTIISOGGETTI La legge costituzionale n. 87/1953:

8 ISOGGETTIISOGGETTI I POTERI DELLO STATO Interni allo Stato 1 Rilevanza costituzionale 2 Attribuzioni costituzionali 3 Dichiarare definitivamente volontà del potere 4 Le chiavi per accedere al conflitto di attribuzioni interorganico

9 ? Parlamento UE Authorities indipendenti Comitato promotore referendum Corte costituzionale Organi di giurisdizione Singolo parlamentare Gruppo parlamentare Singola Camera Governo Presidente della Repubblica ALCUNI ESEMPI AMMISSIBILENON AMMISSIBILE

10 C. Cost. sent. n. 69/1978 Sulla base della normativa vigente in materia di conflitti di attribuzioni, non si può escludere «che possano riconoscersi a tale effetto come poteri dello Stato anche figure soggettive esterne rispetto allo Stato-apparato, quanto meno allorché ad esse l’ordinamento conferisca la titolarità e l’esercizio di funzioni pubbliche costituzionalmente rilevanti e garantite, concorrenti con quelle attribuite ai poteri ed organi statuali in senso proprio». I POTERI “ESTERNI” Lo strano caso dei comitati promotori di referendum ISOGGETTIISOGGETTI

11 «Legittimati a proporre conflitto di attribuzione ai sensi dell’art. 134 Cost., sono anzitutto e principalmente i poteri dello Stato-apparato, ciò non esclude che possano riconoscersi […] come poteri dello Stato anche figure soggettive esterne rispetto allo Stato-apparato, quanto meno allorché ad esse l’ordinamento conferisca la titolarità e l’esercizio di funzioni pubbliche costituzionalmente rilevanti e garantite, concorrenti con quelle attribuite ai poteri ed organi statuali in senso proprio. […] Nel procedimento referendario i promotori e i sottoscrittori, l’Ufficio centrale […], il Governo, il Presidente della Repubblica e la Corte costituzionale concorrono all’effettuazione della consultazione popolare e sarebbe incongruo escludere dalla legittimazione a sollevare conflitto di attribuzioni solo il gruppo dei sottoscrittori, in quanto estraneo alla organizzazione dello Stato persona, quando ad esso propriamente compete di attivare la sovranità popolare nell’esercizio di una potestà normativa diretta, anche se limitata all’abrogazione.» (segue) I POTERI “ESTERNI” ISOGGETTIISOGGETTI La sentenza n. 69/1978, abstract

12 L’OGGETTO DEL CONFLITTO “per la delimitazione della sfera di attribuzioni determinata per i vari poteri da norme costituzionali” L’ O GG E T O Art. 37, l. cost. 87/1953  IL FATTO (trasgressione “della delimitazione della sfera di attribuzioni” del potere)  IL PARAMETRO (le “norme costituzionali”) Ne ricaviamo:

13 L’attribuzione di un ente (ciò di quel soggetto dell’organizzazione pubblica dotato di autonoma personalità giuridica) è data dall’insieme dei compiti e dei poteri giuridici ad esso assegnati (che, a loro volta, vengono poi ripartiti in “competenze” tra i vari organi interni all’ente stesso). Nel diritto amministrativo: NON RILEVANTE LE ATTRIBUZIONI L’ O GG E T O Posizione dell’organo nel sistema complessivo di equilibrio tra poteri (check and balances) disegnato dalla Costituzione. In quest’ambito: *Def. G. Falcon – Lineamenti pag. 155

14 IL TONO COSTITUZIONALE L’ O GG E T O COSTITUZIONE LEGGI COSTITUZIONALI CONSUETUDINI COSTITUZIONALI LEGGE ORDINARIA MA LA PRASSI…

15 LA “VIOLAZIONE” VINDICATIO POTESTATIS MEDIANTE OMISSIONE DA MENOMAZIONE NEGATIVI DA INTERFERENZA SEMPRE A BUOI SCAPPATI? L’ O GG E T O

16 LA DECISIONE EVENTUALE NECESSARIA STATUIZIONE SULLE ATTRIBUZIONI REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE ha pronunciato la seguente SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE ha pronunciato la seguente SENTENZA STATUIZIONE SULL’ATTO Sentenze Atti amministrativi Leggi Altri provv. giudiziari Atti parlamentari

17 CONFLITTI INTERSOGGETTIVI

18 I SOGGETTI STATO ISOGGETTIISOGGETTI REGIONI PROVINCE AUTONOME

19 LA NORMATIVA Art. 39. Se la Regione invade con un suo atto la sfera di competenza assegnata dalla Costituzione allo Stato ovvero ad altra Regione, lo Stato o la Regione rispettivamente interessata possono proporre ricorso alla Corte costituzionale per il regolamento di competenza. Del pari può produrre ricorso alla Regione la cui sfera di competenza costituzionale sia invasa da un atto delle Stato. Il termine per produrre ricorso e' di sessanta giorni a decorrere dalla notificazione o pubblicazione ovvero dall'avvenuta conoscenza dell'atto impugnato. Il ricorso è proposto per lo Stato dal Presidente del Consiglio dei Ministri o da un Ministro da lui delegate e per la Regione dal Presidente della Giunta regionale in seguito a deliberazione della Giunta stessa. Il ricorso per regolamento di competenza deve indicare come sorge il conflitto di attribuzione e specificare l'atto dal quale sarebbe stata invasa la sfera di competenza, nonché le disposizioni della Costituzione e delle leggi costituzionali che si ritengono violate. La legge costituzionale n. 87/1953: L’ O GG E T O

20 “ASSEGNATA DALLA COSTITUZIONE” INVASIONE DELLA “COMPETENZA” MEDIANTE “UN ATTO” L’OGGETTO L’ O GG E T O 123

21 1) L’ATTO: l’arma del delitto L’ O GG E T O LA LEGGE ATTI AMMINISTRATIVI SENTENZE Quindi… Stato vs. RegioneRegione vs. StatoRegione vs. Regione Atto amministrativo Atto amministrativo o sentenza Atto amministrativo

22 GLI ATTI AMMINISTRATIVI LA REGOLA DELEGIFICAZIONE L’ O GG E T O  RESIDUALITÀ  A TIPICITÀ  L ESIVITÀ ATTUALE CONCRETA CHIARA INEVITABILE  S UFFICIENZA REGOLAMENTO ESECUZIONE ESEMPI CIRCOLARE INDIZIONE REFERENDUM REGIONALE ORDINE DEL GIORNO NOTA MINISTERIALE TELEX/FAX/MAIL PURA OMISSIONE

23 LA DECISIONE EVENTUALE NECESSARIA STATUIZIONE SULLE ATTRIBUZIONI REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE ha pronunciato la seguente SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE ha pronunciato la seguente SENTENZA STATUIZIONE SULL’ATTO ?

24 Giurisprudenza citata Sent. n. 140/1970 (regolamento di esecuzione) Sent. n. 62/1971 (legittimazione Corte cost.) Ord. n. 228/1975 (dichiaraz. definitiva volontà) Ord. n. 229/1975 (dichiaraz. definitiva volontà) Sent. n. 231/1975 (commissione inchiesta) Sent. n. 40/1977 (comportamenti concludenti) Sent. n. 155/1977 (telegramma e formule insistenti) Ord. n. 17/1978 (promotori referendum) Sent. n. 69/1978 (promotori referendum) Ord. n. 123/1979 (vindicatio potestatis) Sent. n. 100/1980 (inammissibilità legge) Ord. n. 77/1981 (legittimazione Corte cost.) Sent. n. 276/1983 (omissione pura) Sent. n. 611/1987 (pubblicazione legge) Sent. n. 256/1989 Sent. n. 406/1989 (revirement su legge) Sent. n. 379/1992 (conflitti da inferenza) Sent. n. 26/1994 (telex) Sent. n. 161/1995 (promotori ref., rev. su legge) Ord. n. 226/1995 (promotori referendum) Sent. n. 342/1995 (0missione pura) Sent. n. 341/1996 (ammissibilità o.d.g.) Sent. 29/1998 (conflitto contro Consulta) Sent. n. 457/1999 (revirement legge) Sent. n. 380/2001 (conflitto da menomazione) Sent. 113/2003 (regolamento di esecuzione) Sent. 382/2006 (conflitto preventivo) Ord. n. 174/2010 (legittimaz. singolo parlamentare) Sent. n. 340/2011 (mail) Sent. n. 1/2013 (superamento poteri dello Stato) Istituzioni di diritto pubblico A.a. 2013/2014 GIURISPRUDENZA COSTITUZIONALE

25 F. BERTOLINI, Art. 134, 2°alinea, in R. BIFULCO – A. CELOTTO – M. OLIVETTI, Commentario alla Costituzione, Torino, 2008, pp e ss. N. L. BURTON, Introduzione alla psichiatria, Bologna, 2009, pp. 171 e ss. S. CASSESE, Le basi del diritto amministrativo, Milano, 2000, pp. 156 e ss. A. CERRI, Corso di giustizia costituzionale, Milano, 2008 F. CORVAJA, Abrogazione di legge regionale a mezzo di regolamento statale e conflitto di attribuzioni (Nota a Corte cost. n. 223/2007), in Le Regioni, fasc. 6, pp e ss. P. COSTANZO, Conflitti costituzionali, in S. CASSESE – M. CATENACCI, Dizionario di diritto pubblico, Milano, 2006, pp e ss. F. FABRIZZI, Gli “esclusi” dai conflitti tra poteri dello Stato, in federalismi.it, n. 18/2011 G. P. DOLSO, Art. 134, in S. BARTOLE – R. BIN, Commentario breve alla Costituzione, Padova, 2008, pp e ss. G FALCON, Lineamenti di diritto pubblico, Padova, 2011, pp e pp. 483 e ss. Dottrina citata Istituzioni di diritto pubblico A.a. 2013/2014

26 D. FLORENZANO, L’oggetto del giudizio sui conflitti di attribuzioni tra i poteri dello Stato, Trento, 1994 G. LANEVE, Se dalla mera illegittimità dell’atto non si passa alla lesione delle attribuzioni costituzionali, non c’è spazio per il conflitto intersoggettivo (Nota a Corte cost. n. 52/2013), in Osservatorio AIC, 2013 M. NIGRO – E. CARDI, Lineamenti generali, in G. AMATO – A. BARBERA, Manuale di diritto pubblico, Bologna, 1997, vol. 3, pp. 7 e ss. A. PACE, Strumenti e tecniche di giudizio della Corte costituzionale, in Giurisprudenza costituzionale, n. 1/1986, pp. 983 e ss. C. PADULA, La legittimazione dello Stato nei conflitti fra Stato e Regioni, fra incostituzionalità degli atti regionali e invasione della competenza statale (Nota a C. Cost. n. 149/2009), in Le Regioni, fasc. 5, pp e ss. F. RIMOLI, Poteri (divisione dei), in S. CASSESE – M. CATENACCI, Dizionario di diritto pubblico, Milano, 2006, pp e ss. A. RUGGERI – A. SPADARO, Lineamenti di giustizia costituzionale, Torino, 2014 G. TARELLO, Organizzazione giuridica e società moderna, in G. AMATO – A. BARBERA, Manuale di diritto pubblico, Bologna, 1997, vol. 1, pp. 1 e ss.

27 G. TREVES, Principi di diritto pubblico, Torino, 1973, pp. 19 e ss. G. B. UGO, Conflitto di poteri, in Digesto italiano, Torino, 1896, pp. 917 e ss. G. ZAGREBELSKY – V. MARCENÒ, Giustizia costituzionale, Bologna, 2012 G. ZAGREBELSKY, La giurisdizione costituzionale, in G. AMATO – A. BARBERA, Manuale di diritto pubblico, Bologna, 1997, vol. 2, pp. 497


Scaricare ppt "I CONFLITTI DI ATTRIBUZIONI A cura di Francesco Dalla Balla."

Presentazioni simili


Annunci Google