La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Supply – demand gap analysis Cinzia Pollio - Koinon Presentazione dei risultati del progetto Attracting communities towards social enterprise investment.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Supply – demand gap analysis Cinzia Pollio - Koinon Presentazione dei risultati del progetto Attracting communities towards social enterprise investment."— Transcript della presentazione:

1 Supply – demand gap analysis Cinzia Pollio - Koinon Presentazione dei risultati del progetto Attracting communities towards social enterprise investment - ACT SOCIAL 23 giugno Universit à degli Studi di Brescia

2 Obiettivi della ricerca Panoramica lato supply Quali caratteristiche dovrebbero avere le imprese sociali per risultare «finanziabili / investibili» e come evolvere verso il modello identificato? Offrire ad alcune delle cooperative del Consorzio Camunia una guida concreta attraverso un’azione di coaching / consulenza

3 Step della ricerca Quadro di riferimento Analisi schematica dell’offerta: attori, strumenti Indagine qualitativa presso suppliers rilevanti Key findings Guida operativa nei confronti di 4 cooperative selezionate (in corso)

4 Quadro di riferimento Evoluzione sistema di welfare a partire dalla fine degli anni ‘70 Privatizzazione / sviluppo terzo settore, «welfare society» Nel terzo settore, la cooperazione sociale è divenuta a partire dalla seconda metà degli anni ‘90 il soggetto imprenditoriale cardine, le cooperative in molti casi sono divenute imprese di dimensioni ragguardevoli Altri soggetti associazioni, fondazioni operating, enti ecclesiastici

5 Quadro di riferimento In Italia non si è (ancora?) sviluppato un mercato dell’equity (né pubblico né da parte di investitori istituzionali) per le cooperative sociali, soprattutto in ragione dei limiti imposti dalla normativa: divieto di distribuzione dei dividendi (solo interesse legale + due punti) e delle riserve devoluzione, in caso di scioglimento, del patrimonio sociale (dedotto il capitale versato), a scopi di pubblica utilità ai possessori di strumenti finanziari non può in ogni caso essere attribuito più di un terzo dei voti spettanti all’insieme dei soci presenti in ciascuna assemblea e non può essere riservato il diritto di eleggere più di un terzo degli amministratori

6 Quadro di riferimento La disciplina dell’impresa sociale (legge 118/2005 e d.lgs. 155/2006) mantiene sostanzialmente i limiti previsti dalla 381/91, prevedendo: il divieto alla distribuzione (diretta e indiretta) degli utili (fondi e riserve) la possibilità di remunerare strumenti finanziari nella misura massima di 5 punti + il tasso di riferimento devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento impossibilità di direzione e controllo da parte di imprese private con finalità lucrative

7 Struttura dell’offerta In Italia quasi inesistente mercato dell’equity: Investitori istituzionali: fondi di private equity (social impact fund), fondi pensione, compagnie assicurative, banche di investimento (tanto più) investitori privati La finanza per l’imprenditoria sociale è sostanzialmente lending Tradizionale: credito a breve (< 18 mesi, prestiti, smobilizzi) e a medio lungo termine (mutuo, leasing) Prestiti obbligazionari Crowdfunding Microfinanza Credito mutualistico Consorzi mutualistici (CGM Finance)

8 Attori campo equity (poche eccezioni) CFI (cooperazione finanza impresa) investitore istituzionale per la promozione di piccole e medie imprese (parametri UE, meno di 250 addetti, fatturato < 50 mln €, attivo < 43 mln €) coop di produzione e lavoro e sociali Start up (WBO), sviluppo, consolidamento, riposizionamento Anche finanziamenti Oltre Venture Venture capital sociale

9 Attori campo lending: intermediari generalisti e specializzati per il sociale Generalisti: tutti, compreso il credito cooperativo (non ha strutture centrali dedicate all’imprenditoria sociale, eventuali specializzazioni sono di competenza, nelle banche territoriali) Specializzati: Autonomi: Banca Prossima, Banca Etica, CGM Finance (consorzio di scopo, attività mutualistica) Divisioni: UBI Comunità

10 Attori: supporto al lending Va citata azione dei Confidi, consorzi di garanzia collettiva dei fidi (Cooperfidi, confidi nazionale unitario di ACI): svolgono attività di prestazione di garanzie per agevolare le imprese nell'accesso ai finanziamenti, a breve medio e lungo termine, destinati alle attività economiche e produttive d.lgs. 385/93

11 Struttura dell’offerta: prestiti obbligazionari Social impact fund: Sono strumenti finanziari innovativi (in Italia allo stato embrionale, Banca Prossima) utilizzati da soggetti pubblici per raccogliere finanziamenti privati destinati alla realizzazione di progetti di pubblica utilità (pay for success: rendimenti condizionati al raggiungimento di risultati) Social bond: Titoli obbligazionari che offrono ai sottoscrittori la possibilità di sostenere iniziative sociali (es. UBI Comunità), per ora non legati a misure di impatto Mini bond: Titoli di credito emessi da piccole e medie imprese anche cooperative (10 – 249 dip, fatturato inferiore a 2 mil di €), ACI stima oltre 400 cooperative potenzialmente idonee (bilancio certificato, pubblicare prospetto ad hoc)

12 Struttura dell’offerta: crowdfunding Forma di prestito che, attraverso una piattaforma on-line, consente agli investitori privati, persone fisiche o giuridiche, di erogare somme di denaro per progetti a valore sociale Le piattaforme di crowdfunding hanno caratteristiche diverse ed è possibile classificarle in quattro categorie: Reward, prevede una ricompensa non necessariamente in denaro Donation (fundraising) Lending, denominato anche social lending: effettuare un finanziamento (es. Terzo Valore di Banca Prossima) Equity: acquisire un titolo di partecipazione in una società; Ibrido: combinazione di più tipologie

13 Struttura dell’offerta: microfinanza Microassicurazione, microleasing, microcredito… Il microcredito (PerMicro, MAG) consiste in un prestito di dimensioni ridotte, non coperto da garanzie reali, associato a servizi di tutoring e coaching: può essere corrisposto anche per sostenere microimprenditorialità (cooperative con meno di 10 dipendenti)

14 Struttura dell’offerta: fondi mutualistici (l.59/92) Fondosviluppo (Confcooperative), Coopfond (Legacoop), Generalfond (AGCI) Partecipazione al capitale di imprese cooperative Sottoscrizione di strumenti finanziari forniti di diritti patrimoniali o amministrativi Effettuare prestiti Favorire l’accesso al credito delle cooperative (ad es. attraverso convenzioni con intermediari finanziari) Orchestrare azioni complesse

15 Indagine qualitativa suppliers Banca Prossima UBI Comunità ICCREA Holding CFI CGM Finance Cooperfidi Oltre Venture Pierri Philantropy Advisory SUPPLY DEMAND GAP ANALYSIS.pdf

16 Key findings: imprese sociali finanziabili Capitalizzazione (non solo riserve ma capitale proprio) Visione di lungo termine e progetti di sviluppo imprenditoriale strutturati Governance (ricambio, partecipazione, competenza) Struttura organizzativa: In particolare la presenza di funzioni relative allo sviluppo imprenditoriale / alla pianificazione strategica, alla pianificazione e al controllo di gestione, alla pianificazione e gestione finanziaria Competenza finanziaria Capacità di reporting

17 Conclusioni Mercato nazionale (supply) in evoluzione non ancora maturo: dal punto di vista dell’equity, per limiti normativi (cooperazione sociale, impresa sociale) dal punto di vista del lending, pochi intermediari specializzati, sorprendentemente il Credito Cooperativo non ha sviluppato competenze ad hoc scarsa cultura e applicazione Social Impact (nonostante gli sforzi di soggetti come Euricse, Avanzi, ecc.) interessanti esperienze pilota nel crowdfunding – social lending (Terzo Valore), prime esperienze di Social Impact Bond La domanda non conosce e non utilizza strumenti ad hoc come CFI o i Fondi Mutualistici, necessita di maggiori organizzazione e competenze in ambito finanziario


Scaricare ppt "Supply – demand gap analysis Cinzia Pollio - Koinon Presentazione dei risultati del progetto Attracting communities towards social enterprise investment."

Presentazioni simili


Annunci Google