La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La pubblica amministrazione: la modernizzazione riluttante Bruno Dente Politecnico di Milano e IRS.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La pubblica amministrazione: la modernizzazione riluttante Bruno Dente Politecnico di Milano e IRS."— Transcript della presentazione:

1 La pubblica amministrazione: la modernizzazione riluttante Bruno Dente Politecnico di Milano e IRS

2 Premessa Non parlerò del ruolo della PA nello sviluppo delle reti, ma: della PA come infrastruttura immateriale a partire dallavvio del processo di modernizzazione (Cassese 1993) e fino ai giorni nostri

3 Un giudizio generale Tre periodi distinti nella storia lunga delle amministrazioni dei paesi industralizzati: Stato liberale Welfare state Governance contemporanea

4 Segue: Lamministrazione italiana si distacca dagli altri paesi industrializzati nel passaggio al welfare state e sta cercando faticosamente di adeguarsi alle esigenze della governance contemporanea.

5 Lavvio del processo: Allinizio degli anni 90 una serie di shock esogeni avviano un processo di modernizzazione accelerata Questo processo è ancora in corso o quanto meno incompiuto Esso è avvenuto per via legislativa Può essere rappresentato da alcune tendenze generali tra loro interconnesse

6 1. Dalla politica alla tecnica Crescita delle autorità indipendenti Attribuzione di responsabilità distinte a politica e amministrazione Nomina dei direttori generali in ASL, Comuni, Province Spoil system

7 ma Applicazione timida e contraddittoria nella prima fase Poco legame con le trasformazioni organizzative Scarso sviluppo degli apparati di supporto alla politica Rilevanti passi indietro nellultima fase

8 2. Dallaccentramento alla autonomia Autonomia delle università EE.LL: elezione diretta e ICI Per tutti: abolizione dei controlli esterni Decentramento amministrativo Federalismo (Ri)scoperta del territorio nelle politiche di sviluppo

9 ma Problemi di finanza pubblica Resistenza degli apparati Riluttanza a esercitare i poteri Paradosso politico del federalismo Attacchi centralistici e difese corporative

10 3. Dalla programmazione alla valutazione Abbandono dei tentativi di pianificazione centralizzata Tentativo di istituzionalizzare processi negoziali tra istituzioni e tra pubblico e privato (IIP, APQ, CdP, AdP, ecc.) Forte enfasi data ai controlli interni ed alla valutazione

11 ma Arretratezza culturale nella negoziazione dei ruoli e delle competenze Scarsi investimenti in formazione e rinnovamento apparati Impazienza (accentramento per semplificare..) Nuovi corporativismi di controllori e valutatori

12 4. Dalle procedure ai risultati Enfasi sul cliente e sulla comunicazione (URP) Semplificazione e liberalizzazione (abolizione certificati e licenze di commercio)

13 ma Processi di esternalizzazione (riduzione della produzione di beni e servizi) Ostilità degli interessi economici Blocco dellAIR - restaurazione

14 5. Dalla separatezza alla normalità Orario di lavoro Contratto di lavoro Procedure di reclutamento Uso del diritto privato

15 ma Grandi ritardi di attuazione Rilevanti passi indietro nellultimo periodo Vincoli costituzionali (concorsi pubblici) Tentativi di fuga dal pubblico e non trasformazione del sistema

16 5. Dalla carta ai bit Verso la seamless administration (interconnessione dei back offices) Successi precoci (fisco, registro delle imprese, CONSIP) Da G-NET e la Rupa al sistema di interconnettività

17 ma Resistenze degli apparati (CIE, carta di firma, ecc.) Spontaneismo non governato Non superamento del paradigma single agency transaction Separazione tra innovazione tecnologica e riforma amministrativa

18 Gli attori della trasformazione: La politica, una attenzione squilibrata agli attori: Centro-sinistra troppo sensibile a Comuni e Sindacato Centro-destra troppo sensibile a grandi corpi e amministrazione tradizionale

19 Gli attori della trasformazione: Gli interessi economici: presenti nella prima fase, assenti o contrari oggi Le professioni: tendenzialmente contrarie I sindacati: neutrali in qualche fase, sempre sospettosi

20 Gli attori della trasformazione: I sindaci: grandi sponsor nella prima fase, molto deboli oggi Le regioni: tendenzialmente assenti Società di consulenza, think tanks, ecc: teoricamente favorevoli, ma sostanzialmente impreparate

21 Il risultato: un processo tendenzialmente giacobino Spinto dal Governo (Cassese/Urbani/Bassanini) Alleato con poca alta burocrazia e un certo numero di studiosi Relativamente forte nella legislazione (uso della delega) Debole nellattuazione

22 Eppur si muove: Spinte a livello locale e a livello centrale a macchia di leopardo Uso dei fondi strutturali Immissioni dallesterno Ringiovanimento complessivo


Scaricare ppt "La pubblica amministrazione: la modernizzazione riluttante Bruno Dente Politecnico di Milano e IRS."

Presentazioni simili


Annunci Google