La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dipartimento della Programmazione Regione Siciliana ELEMENTI DI SINTESI DEL PO FESR SICILIA 2014 – 2020 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dipartimento della Programmazione Regione Siciliana ELEMENTI DI SINTESI DEL PO FESR SICILIA 2014 – 2020 1."— Transcript della presentazione:

1 Dipartimento della Programmazione Regione Siciliana ELEMENTI DI SINTESI DEL PO FESR SICILIA 2014 –

2 1. PERCORSO REALIZZATO E METODO 2

3 La Politica di Coesione dell’Unione Europea del ciclo di Programmazione sostenuta con i fondi SIE è finalizzata alla realizzazione della Strategia Europa 2020 per una Crescita Intelligente, Sostenibile ed Inclusiva, che l'Unione europea ha varato nel Non mira soltanto a superare la crisi, ma vuole anche colmare le lacune del nostro modello di crescita e creare le condizioni per una crescita più intelligente, sostenibile e solidale Strategia Europa 2020 L’ Accordo di Partenariato costituisce una proposta strategica nuova rispetto agli strumenti con cui si e proceduto all’utilizzo dei fondi europei per i precedenti cicli di programmazione. Si tratta di uno strumento innovativo, previsto dal Regolamento generale sui Fondi strutturali , per stabilire la strategia, i risultati attesi, le priorità, i metodi di intervento e di impiego dei fondi comunitari per il nuovo periodo di programmazione Accordo di Partenariato PO FESR Sicilia IL CONTESTO PROGRAMMATORIO Integrazione ed approccio comune dei Fondi Concentrazione tematica Approccio territoriale rafforzato Principali Innovazioni 3

4 Coniugare in modo originale Il PO rispetta i requisiti di concentrazione tematica (ex REG UE 1301/13) delle risorse finanziarie. Si focalizza su 10 Obiettivi Tematici, 39 Obiettivi specifici, 25 priorità d’investimento e 69 azioni coerenti con fabbisogni regionali e vocazioni territoriali, cui si aggiungono 5 azioni per l’asse AT Si è dotato di un Obiettivo Tematico (11) per rafforzare la capacità amministrativa istituzionale Concorre agli obiettivi della Strategia Europa 2020 Struttura del PO L’appuntamento con il nuovo ciclo di programmazione dei fondi strutturali e con gli obiettivi della Strategia Europa 2020 trova il sistema Sicilia in un quadro congiunturale di sofferenza causato dal peggioramento della crisi Il nostro obiettivo è definire una Programmazione fondata sulla costruzione collettiva di una visione futura del territorio regionale quale patto fra amministratori, cittadini e partner diversi, che possa ispirare una strategia in grado di : Strategia del PO PO FESR Sicilia INNOVAZIONE E CITTADINANZA MOLTEPLICI SPINTE INNOVATIVE COMPETITIVITÀ DEI SISTEMI PRODUTTIVI E RICERCA SVILUPPO SOCIALE E QUALITÀ DELLA VITA ConiugareRafforzare 4

5 COSTRUZIONE COLLETTIVA DI UNA VISIONE FUTURA intensa attività di concertazione a livello di strutture tecnico-amministrative della Regione, di istituzioni operanti sul territorio e delle parti economiche e sociali, attraverso le quali individuare e condividere le scelte programmatiche prioritarie; metodo di lavoro agile che consenta di rispettare la tempistica stringente dettata dai Regolamenti, ispirandosi a criteri di concretezza e operatività Metodologia e organizzazione del percorso di redazione PO FESR Sicilia Con l’obiettivo di definire una Programmazione fondata sulla costruzione collettiva di una visione futura del territorio regionale - quale patto fra amministratori, cittadini e partner diversi- si è proceduto a definire l’articolazione di una strategia e la conseguente identificazione di azioni interconnesse, giustificate, valutate e condivise, per le quali i differenti attori coinvolti si impegnano a lavorare per agevolarne la realizzazione 5

6 valorizzazione della conoscenza implicita attraverso: Stakeholder workshop di qualificati portatori di conoscenze: Una pagina web dedicata alla nuova programmazione : notizie e documenti organizzati in tematiche specifiche e un calendario con gli appuntamenti più importanti Incontri di informazione e di coinvolgimento attivo del Partenariato, rivolti agli stakeholder per approfondire gli aspetti di scenario relativi alla Programmazione e per promuovere la consultazione pubblica. Piattaforma digitale finalizzata a stimolare la partecipazione attiva del cittadino alle diverse fasi di redazione del documento programmatico PO FESR Uno spazio di dialogo diretto con l’Amministrazione in cui poter collaborare a distanza con altri, scambiare file, inviare i propri commenti, scambiare opinioni, raccogliere commenti e segnalazioni. PO FESR Sicilia Coinvolgimento del partenariato, consultazione pubblica e trasparenza Workshop Sito Web #OpenFESR FORUM Workshop tematici dedicati ad approfondire gli elementi strategici e le opportunità di sviluppo di una corretta programmazione orientata all’impatto. 6

7 PO FESR Sicilia REDAZIONE PO FESR : IL PERCORSO REALIZZATO Marzo-maggio 2013 luglio 2013 Novembre - dicembre 2013 Gennaio-maggio 2014 Giugno-luglio 2014 Agosto – novembre 2014 Febbraio – Maggio tavoli tecnici, in conformità al livello nazionale Documento di Orientamento strategico Documento Quadro di riferimento per il ; costituzione gruppo di redazione e avvio scrittura condivisa Incontri interdipartimentali per la redazione del PO; Rapporto Vexa; Avvio consultazione pubblica on-line (Open Fesr) Forum del partenariato per presentazione proposta PO; Redazione analisi di contesto del rapporto ambientale; definizione SIGECO; Valutazione ex Ante; Chiusura consultazione OPEN FESR; Stesura finale Programma (versione 22 luglio); Stesura finale VEXA; Trasmissione alla CE; Avvio consultazione VAS Scelta del cofinaziamento comunitario al 75% e nazionale al 25% e nuova proposta PO (riallineamento finanziario); Caricamento su SFC del PO modificato (3/6 novembre 2014) Osservazioni CE; Incontri interdipartimentali per condivisione riscontri Revisione del PO 7

8 Osservazioni Commissione  Conformemente all’articolo 29, paragrafo 3, del Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, la Commissione Europea ha presentato con nota del 2/02/2015 n. C(2015) 641 le osservazioni al Programma Operativo della Regione Siciliana, invitando le autorità italiane ad esaminarle e a tenerne conto nella revisione del PO, fornendo le ulteriori informazioni richieste.  Alla luce di quanto richiesto dalla Commissione Europea, il Dipartimento Programmazione in raccordo con i Dipartimenti della Regione Siciliana ha avviato il percorso finalizzato all’acquisizione di tutti gli elementi necessari alla definizione delle controdeduzioni e alle congruenti modifiche. PO FESR Sicilia  180 osservazioni, di cui una ventina più critiche (Piani di settore; VAS; Approccio integrato allo sviluppo territoriale)  Prima istruttoria realizzata dal Dipartimento Programmazione e successivamente approfondita attraverso 12 incontri tecnici interdipartimentali  La definizione dei riscontri e la conseguente revisione del PO si è conclusa il 9 Aprile  Incontro Trilaterale aprile 2015

9 2. STRATEGIA, STRUTTURA E RIPARTO FINANZIARIO DEL PO FESR SICILIA

10 La strategia cui si ispira la programmazione regionale nel suo complesso si sostanzia nell’individuazione dei seguenti tematismi significativi per lo sviluppo del sistema regionale: Sulla base delle risultanze dei fabbisogni identificati, anche con il contributo del Partenariato, e nella forte convinzione che lo sviluppo vada affrontato in termini multidimensionali e di capabilities umane - e non più misurato esclusivamente in termini di crescita economica - sono state individuate CINQUE SFIDE da tradurre in priorità strategiche che intercettano temi trasversali RAFFORZAMENTO RAPIDO DELLE MISURE ANTICICLICHE COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA ECONOMICO VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE E NATURALE QUALITÀ DELLA VITA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E QUALITÀ DEI SERVIZI AMBIENTALI PO FESR Sicilia LA STRATEGIA E LA VISION PRIORITÀ DI INTERVENTO, LINEE STRATEGICHE E DI INDIRIZZO POLITICO PER LA PROGRAMMAZIONE DEL PO FESR SICILIA : Per una politica di sviluppo turistico fondata sulla valorizzazione dei beni culturali e del patrimonio naturalistico ed ambientale. PRIORITÀ DI INTERVENTO, LINEE STRATEGICHE E DI INDIRIZZO POLITICO PER LA PROGRAMMAZIONE DEL PO FESR SICILIA : Per una politica di sviluppo turistico fondata sulla valorizzazione dei beni culturali e del patrimonio naturalistico ed ambientale. 10

11 Il Programma è strettamente interconnesso con la Strategia regionale di Specializzazione Intelligente (S3 Sicilia) oltreché nell’ambito degli obiettivi Europa 2020, si inserisce così nel più ampio piano di sviluppo regionale puntando a: L’INNOVAZIONE COME FATTORE TECNOLOGICO E DI COSTRUZIONE SOCIALE OBIETTIVI TEMATICI 1 E 2 La Smart Specialisation Strategy si configura quale requisito preliminare per l’avvio del nuovo ciclo di programmazione , ovvero quale condizionalità ex ante per gli OBIETTIVI TEMATICI 1 E 2 Costruire un vantaggio competitivo durevole basato sulla capacità di diversificazione produttiva e specializzazione tecnologica per l’ adattamento dei sistemi produttivi territoriali al rapido e costante mutamento delle condizioni del sistema economico e del mercato 11

12 PO FESR Sicilia I beneficiari PRINCIPALI BENEFICIARIN. AZIONIPERCENTUALE Enti Locali30 40,54 Regione Siciliana19 25,68 Enti pubblici15 20,27 Imprese7 9,46 P.A7 9,46 PMI6 8,11 Grandi Imprese5 6,76 Enti gestori delle riserve e dei parchi naturali3 4,05 PST3 4,05 RFI s.p.a.3 4,05 Soggetti competenti per tipologia di operazione ai sensi della L.R. 9/2010 e s.m.i.3 4,05 Enti ed organismi di ricerca pubblici e privati2 1,48 le società concessionarie del servizio di distribuzione di energia elettrica2 1,48 Amministazione regionale2 1,48 Amministrazioni titolari dei beni2 1,48 Distretti Tecnologici2 1,48 ex Consorzi ASI gestiti da IRSAP2 1,48 imprese di nuova costituzione (spin off e start up)2 1,48 Imprese Sociali2 1,48 Incubatori2 1,48 Terzo Settore2 1,48 12

13 RIPARTIZIONE DEL PIANO DI FINANZIAMENTO PER OBIETTIVO TEMATICO Obiettivo tematico Sostegno dell'Unione Contropartita nazionale Finanziamento totale % OT , , ,00 10,03 OT , , ,00 7,52 OT , , ,00 14,65 OT , , ,00 23,90 OT , , ,00 6,24 OT , , ,00 10,90 OT , , ,00 15,00 OT , , ,00 4,74 OT , , ,00 4,50 OT , , ,00 0,53 ASSE AT , , ,00 2,00 Totali , , , PO FESR Sicilia

14 Dipartimento della Programmazione Regione Siciliana 3. DETTAGLIO OBIETTIVI DEL PO FESR SICILIA 2014 –

15 Obiettivo Tematico 1: Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l'innovazione STRATEGIA L’OT1 concorre al raggiungimento del target del 3% nel rapporto tra spesa in R&S e PIL, obiettivo di Europa Nello specifico, mira al rafforzamento della ricerca, dello sviluppo tecnologico e dell’innovazione, attraverso: INDIVIDUAZIONE DELLE LEVE CHE MUOVONO LO SVILUPPO SCOPERTA E CONDIVISIONE DI UNA DISTINTIVA SPECIALIZZAZIONE REGIONALE PROCESSO DI EMPOWERMENT DEI DIVERSI ATTORI REGIONALI DELL’INNOVAZIONE RUOLO CHIAVE DELLE COSIDDETTE TECNOLOGIE CHIAVE ABILITANTI SOSTEGNO DELL’UNIONECONTROPARTITA NAZIONALEFINANZIAMENTO TOTALE , , ,00 DOTAZIONE FINANZIARIA OT Rafforzamento del sistema innovativo regionale e nazionale 1.1 Incremento dell'attività di innovazione delle imprese 1.3 Promozione di nuovi mercati per l’innovazione 1.4 Aumento dell'incidenza di specializzazioni innovative in perimetri applicativi ad alta intensità di conoscenza 1.5 Potenziamento della capacità’ di sviluppare l’eccellenza nella R&I Condizionalità ex ante S3 Sicilia 15

16 ECCELLENZA NELLA R&I Partecipazione a piattaforme di concertazione e reti nazionali di specializzazione tecnologica Sistema produttivo, sistema regionale della ricerca, cittadini. Imprese, Parco Scientifico e Tecnologico, Aziende sanitarie, Enti e Fondazioni di ricerca Pubblici e Privati. Intero territorio regionale. INNOVAZIONE DELLE IMPRESE Acquisto di servizi per l’innovazione delle imprese Sistema regionale della ricerca, sistema produttivo. PMI e loro aggregazioniIntero territorio regionale. Valorizzazione economica dell’innovazione Innovatori singoli e/o associati, sistema regionale della ricerca, sistema produttivo Grandi, medie imprese e loro aggregazioni.Intero territorio regionale. Avanzamento tecnologico delle imprese Sistema produttivo, sistema regionale della ricerca. Università; Enti ed organismi di ricerca pubblici e privati; Imprese in forma singola o associata Intero territorio regionale. DESTINATARIBENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO 16

17 SISTEMA INNOVATIVO REGIONALE E NAZIONALE Sostegno alla partecipazione degli attori a piattaforme di concertazione e reti nazionali di specializzazione tecnologica Sistema produttivo, sistema regionale della ricerca, cittadini. PMI e Grandi Imprese, incubatori, PST, aziende sanitarie, Enti e Fondazioni di ricerca Pubblici e Privati. Intero territorio regionale. INNOVAZIONE DELLE IMPRESE Supporto alla realizzazione di progetti complessi di attività di ricerca e sviluppo NUOVI MERCATI PER L’INNOVAZIONE Azioni di Public Procurement e di Procurement dell’innovazione nella PA Sistema regionale della ricerca, sistema produttivo, cittadini, sistema sanitario regionale P.A. Intero territorio regionale. Utilizzo di ambienti di innovazione aperta al fine di generare soluzioni innovative a problemi di rilevanza sociale Sistema regionale della ricerca, innovatori sociali singoli e/o associati, distretti, incubatori, PST, sistema produttivo. Enti e associazioni no profit, distretti, incubatori, PST Intero territorio regionale. INCIDENZA DI SPECIALIZZAZIONI INNOVATIVE IN PERIMETRI APPLICATIVI AD ALTA INTENSITÀ DI CONOSCENZA Creazione e consolidamento di start-up innovative e alle iniziative di spin-off della ricerca Innovatori singoli e/o associati, sistema regionale della ricerca Imprese di nuova costituzione (spin off e start up). Intero territorio regionale. DESTINATARI BENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO 17

18 Obiettivo Tematico 2: «AGENDA DIGITALE» Migliorare l'accesso alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione STRATEGIA L’OT2 mira alla copertura della rete a banda larga al fine di azzerare il digital divide ancora esistente nelle aree soggette a fallimento di mercato e, contestualmente, in coerenza con gli indirizzi strategici dell’Agenda Digitale nazionale, a sostenere un organico sviluppo della rete a banda ultra larga, a livello regionale. Persegue la finalità di colmare il deficit di domanda di ICT da parte dei cittadini in relazione all’uso di servizi digitali (non solo pubblici) e all’esigenza di rendere inclusivo l’accesso ai benefici della società della conoscenza. Promuove la diffusione nella PA di processi amministrativi digitali (in raccordo con l’OT 11) in grado di consentire la diffusione di servizi pubblici avanzati, essenziali per la qualità della vita dei cittadini e per l’efficienza dell’attività produttiva delle imprese. SOSTEGNO DELL’UNIONECONTROPARTITA NAZIONALEFINANZIAMENTO TOTALE , , ,00 DOTAZIONE FINANZIARIA OT Riduzione dei divari digitali nei territori e diffusione di connettività in banda ultra larga ("DIGITAL AGENDA" europea) 2.2 Digitalizzazione dei processi amministrativi e diffusione di servizi digitali pienamente interoperabili 2.3 Potenziamento della domanda di ICT dei cittadini in termini di utilizzo dei servizi on line, inclusione digitale e partecipazione in rete Condizionalità ex ante RIS3 Sicilia 18

19 RIDUZIONE DEL DIVARIO DIGITALE Attuazione del “Progetto Strategico Agenda Digitale per la Banda Ultra Larga” Cittadini, imprese, sistema sanitario regionale e Pubbliche Amministrazioni Pubbliche Amministrazioni e operatori di TLCIntero territorio regionale. POTENZIAMENTO DELLA DOMANDA DI ICT DI CITTADINI E IMPRESE IN TERMINI DI UTILIZZO DEI SERVIZI ONLINE, INCLUSIONE DIGITALE E PARTECIPAZIONE IN RETE Soluzioni tecnologiche per l’alfabetizzazione e l’inclusione digitale Cittadini, imprese, terzo settore, Pubbliche amministrazioni Reti di cittadini, terzo settore, imprese e PA. Intero territorio regionale, con focus su aree urbane ed interne DIGITALIZZAZIONE DEI PROCESSI AMMINISTRATIVI Soluzioni tecnologiche per la digitalizzazione dei processi interni dei vari ambiti della P.A. Pubbliche Amministrazioni, cittadini e imprese. Pubbliche Amministrazioni e Aziende Sanitarie. Intero territorio regionale, con focus su aree urbane ed interne Interventi per assicurare l’interoperabilità delle banche dati pubbliche. Pubbliche Amministrazioni, cittadini e imprese. Pubbliche Amministrazioni. Intero territorio regionale. DESTINATARIBENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 2 19

20 Obiettivo Tematico 3: Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese STRATEGIA L’OT3 mira a favorire la creazione di imprese che possano portare nuova linfa e nuove prospettive al tessuto produttivo siciliano. Il PROGRAMMA intende: incrementare la natalità delle imprese; favorire l’occupazione; favorire la cooperazione tra piccole e medie imprese a livello territoriale o settoriale; favorire la penetrazione commerciale nei mercati extra-regionali, mediante azioni finalizzate alla creazione di legami internazionali tra imprese nell’ambito di comuni progetti di sviluppo. SOSTEGNO DELL’UNIONECONTROPARTITA NAZIONALEFINANZIAMENTO TOTALE , , ,00 DOTAZIONE FINANZIARIA OT 3 20

21 NASCITA E CONSOLIDAMENTO DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE Supporto alla nascita di nuove imprese (incentivi diretti, offerta di servizi, interventi di micro- finanza) giovani laureati, donne, disoccupati e in generale tutti i cittadini. imprese di nuova costituzione, enti pubblici e fondazioni Intero territorio regionale. CONSOLIDAMENTO, MODERNIZZAZIONE E DIVERSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI TERRITORIALI Supporto allo sviluppo di prodotti e servizi complementari alla valorizzazione di identificati attrattori culturali e naturali del territorio sistema produttivo regionale Imprese (escluse le grandi imprese) in forma singola o associata ambiti territoriali di riferimento degli attrattori culturali e naturali identificati e delle 6 destinazioni turistiche indicate DIGITALIZZAZIONE DEI PROCESSI AMMINISTRATIVI Sostegno a processi di aggregazione e integrazione tra imprese nella costruzione di un prodotto integrato nelle destinazioni turistiche Sostegno alla competitività delle imprese nelle destinazioni turistiche DESTINATARIBENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 3 21

22 INCREMENTARE IL LIVELLO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI Progetti di promozione dell’export Sistema produttivo regionale, il sistema camerale, il sistema della ricerca P.M.I in forma singola o associata, pubbliche amministrazioni ed enti pubblici L’intero territorio regionale Incentivi all’acquisto di servizi di supporto all’internazionalizzazione in favore delle PMI RILANCIO DELLA PROPENSIONE AGLI INVESTIMENTI NEL SISTEMA PRODUTTIVO Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale sistema produttivo regionale imprese (escluse le grandi imprese) in forma singola o associata territorio siciliano prevedendo una priorità per le iniziative localizzate in aree interne. MIGLIORAMENTO DELL’ACCESSO AL CREDITO, DEL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE Potenziamento del sistema delle garanzie pubbliche per l’espansione del credito sistema produttivo regionale organismo attuatore dello strumento finanziario territorio siciliano prevedendo una DESTINATARIBENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 3 22

23 Obiettivo Tematico 4: Sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori STRATEGIA Gli obiettivi per la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio sono stati definiti a livello comunitario e inglobati nella strategia per rilanciare l’economia dell’Unione denominata “Europa 2020”, che prevede: LA REALIZZAZIONE DI RETI INTELLIGENTI, TELERISCALDAMENTO E TELERAFFRASCAMENTO, SFRUTTAMENTO SOSTENIBILE DI BIOENERGIE, IL POTENZIAMENTO DEGLI INTERVENTI INFRASTRUTTURALI FINALIZZATI AL TRASPORTO PUBBLICO DI MASSA A GUIDA VINCOLATA, IL MIGLIORAMENTO DELL’ACCESSO AI CENTRI URBANI DI MAGGIORE DIMENSIONE CON MODALITÀ SOSTENIBILI, LA QUALIFICAZIONE ED IL POTENZIAMENTO DEI PERCORSI CICLABILI IN ALTERNATIVA AI MEZZI PRIVATI. SOSTEGNO DELL’UNIONECONTROPARTITA NAZIONALEFINANZIAMENTO TOTALE , , ,00 DOTAZIONE FINANZIARIA OT Riduzione dei consumi energetici negli edifici e nelle strutture pubbliche o ad uso pubblico, residenziali e non residenziali e integrazione di fonti rinnovabili 4.2 Riduzione dei consumi energetici e delle emissioni nelle imprese e integrazione di fonti rinnovabili 4.3 Incremento della quota di fabbisogno energetico coperto da generazione distribuita sviluppando e realizzando sistemi di distribuzione intelligenti 4.5 Aumento dello sfruttamento sostenibile delle bioenergie 4.6 Aumentare la mobilità sostenibile nelle aree urbane 23

24 AUMENTO DELLO SFRUTTAMENTO SOSTENIBILE DELLE BIOENERGIE Realizzazione di impianti di trattamento, sistemi di stoccaggio, piattaforme logistiche e reti per la raccolta da filiera corta delle biomasse I soggetti beneficiari dell’intera collettività Soggetti pubblici e privati Intero territorio regionale con focus sulle aree interne RIDUZIONE DEI CONSUMI ENERGETICI E DELLE EMISSIONI NELLE IMPRESE E INTEGRAZIONE DI FONTI RINNOVABILI Incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese e delle aree produttive I soggetti Beneficiari e la collettività Grandi, medie, piccole e micro impreseIntero territorio regionale RIDUZIONE DEI CONSUMI ENERGETICI NEGLI EDIFICI E NELLE STRUTTURE PUBBLICHE, RESIDENZIALI E NON E INTEGRAZIONE DI FONTI RINNOVABILI Promozione dell’eco-efficienza e riduzione di consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche I soggetti Beneficiari e la collettività Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni e/o altri organismi di diritto pubblico e soggetti di diritto privato a prevalente o intera partecipazione pubblica, e società di servizi energetici (ESCO) Intero territorio regionale (inclusi i Comuni delle Aree Interne e Aree Urbane). Adozione di soluzioni tecnologiche per la riduzione dei consumi energetici delle reti di illuminazione pubblica DESTINATARI BENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 4 24

25 REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI DISTRIBUZIONE ENERGETICA INTELLIGENTI Realizzazione di «smart grids» e interventi sulle reti di trasmissione complementari Le PA e gli utenti finali che beneficeranno del servizio Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni, società concessionarie del servizio di distribuzione di energia elettrica e le società concessionarie della trasmissione e dispacciamento dell’energia elettrica sulla rete Intero territorio regionale (con focus sui grandi centri urbani e le isole minori) Realizzazione di sistemi intelligenti di stoccaggio asserviti a reti intelligenti di distribuzione (smart grids) e a impianti di produzione da FER AUMENTARE LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE Realizzazione di infrastrutture e nodi di interscambio Utenti del servizio pubblico di mobilità urbana (lavoratori, studenti, altri cittadini, visitatori) Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni e gestori servizi trasporto pubblico urbano Aree urbane di maggiori dimensioni Rinnovo del materiale rotabile Sistemi di trasporto intelligenti Sviluppo delle infrastrutture necessarie all’utilizzo del mezzo a basso impatto ambientale DESTINATARI BENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 4 25

26 Obiettivo Tematico 5: Promuovere l’adattamento al cambiamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi STRATEGIA La condizione di fragilità del territorio siciliano - dovuta alla sua naturale vulnerabilità e agli effetti prodotti dai cambiamenti climatici - enormemente accentuata dalle condizioni insediative - trova riscontro nei danni che conseguono agli eventi meteo climatici e/o sismici che, pur nella loro oggettiva gravita, vengono assorbiti con ripercussioni assai meno rilevanti in altri contesti territoriali e di sviluppo antropico. Questa consapevolezza e alla base degli obiettivi dell’Asse Prioritario 5 che prevede infatti la realizzazione di interventi volti alla riduzione del rischio idrogeologico e di erosione costiera e alla riduzione del rischio incendi e rischio sismico. SOSTEGNO DELL’UNIONECONTROPARTITA NAZIONALEFINANZIAMENTO TOTALE , , ,00 DOTAZIONE FINANZIARIA OT Ridurre il rischio idrogeologico e di erosione costiera 5.3 Riduzione del rischio sismico 26

27 RIDUZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO E DI EROSIONE COSTIERA Interventi di messa in sicurezza e per l’aumento della resilienza dei territori più esposti a rischio popolazione residente nelle aree a vario grado di rischio e pericolosità. Regione Siciliana, Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni la realizzazione degli interventi sarà a titolarità regionale. territorio regionale a vincolo idrogeologico; territorio regionale non classificato come superfice agricola utilizzata (SAU) o area boscata. Interventi di realizzazione, manutenzione e rinaturalizzazione di infrastrutture verdi e servizi eco sistemici RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO Integrazione e sviluppo di sistemi di prevenzione multirischio, anche attraverso reti digitali interoperabili di coordinamento operativo precoce popolazione residente nei siti a rischio Regione Siciliana Enti pubblici, Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni intero territorio regionale Interventi di micro zonazione e di messa in sicurezza sismica degli edifici strategici e rilevanti (*) pubblici ubicati nelle aree maggiormente a rischio Recupero e allestimento degli edifici pubblici strategici (*) destinati ai Centri funzionali e operativi Popolazione regionale DESTINATARIBENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 5 27

28 Obiettivo Tematico 6: Tutelare l’ambiente e promuovere l’uso efficiente delle risorse STRATEGIA L’obiettivo tematico interessa potenzialmente diversi aspetti ambientali e di tutela e valorizzazione delle risorse naturali e culturali. Qui vengono distinti due differenti ambiti: il primo relativo alla disponibilità e qualità dei cd. servizi ambientali; il secondo relativo alle risorse naturali e culturali che costituiscono, oltre che un valore in sé meritevole di tutela, fondamentali asset di sviluppo della Sicilia anche con riferimento al sistema turistico. SOSTEGNO DELL’UNIONECONTROPARTITA NAZIONALEFINANZIAMENTO TOTALE , , ,00 DOTAZIONE FINANZIARIA OT Ottimizzazione della gestione dei rifiuti urbani secondo la gerarchia comunitaria 6.2 Restituzione all'uso produttivo di aree inquinate 6.3 Miglioramento del servizio idrico integrato per usi civili e ridurre le perdite di rete di acquedotto 6.4 Mantenimento e miglioramento della qualità dei corpi idrici 6.5 Contribuire ad arrestare la perdita di biodiversità terrestre e marina, anche legata al paesaggio rurale e mantenendo e ripristinando i servizi ecosistemici 6.6 Miglioramento delle condizioni e degli standard di offerta e fruizione del patrimonio nelle aree di attrazione naturale 6.7 Miglioramento delle condizioni e degli standard di offerta e fruizione del patrimonio culturale nelle aree di attrazione 6.8 Riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche 28

29 OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Realizzare le azioni previste nei piani di prevenzione e promuovere la diffusione di pratiche di compostaggio domestico e di comunità Cittadini Soggetti competenti per tipologia di operazione ai sensi della L.R. 9/2010 e s.m.i. Intero territorio regionale Realizzare i migliori sistemi di raccolta differenziata e un'adeguata rete di centri di raccolta Rafforzare le dotazioni impiantistiche per il trattamento e per il recupero, anche di energia MIGLIORAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PER USI CIVILI Potenziare le infrastrutture con priorità alle reti di distribuzione, fognarie e depurative per usi civili cittadini Regione Siciliana, Enti Locali, Enti Gestori del S.I.I, ex Consorzi ASI gestiti da IRSAP intero territorio regionale Interventi di miglioramento\ripristino delle capacità di invaso esistenti Popolazione siciliana Regione Siciliana e soggetti gestori delle dighe DESTINATARIBENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 6 29

30 MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI E DEGLI STANDARD DI OFFERTA E FRUIZIONE DEL PATRIMONIO NELLE AREE DI ATTRAZIONE NATURALE Interventi per la tutela e la valorizzazione di aree di attrazione naturale di rilevanza strategica popolazione residente ed operante nei territori della Rete Ecologica Siciliana Regione Siciliana, Enti Gestori delle Riserve e dei Parchi Naturali, Associazioni ambientaliste, Enti locali Siti ricadenti nella Rete Ecologica Siciliana. Sostegno alla diffusione della conoscenza e alla fruizione del patrimonio naturale attraverso la creazione di servizi e/o sistemi innovativi popolazione residente, visitatori. Regione Siciliana, Enti Gestori delle Riserve e dei Parchi Naturali, Associazioni. Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni Siti natura 2000, Parchi e riserve naturali. MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI E DEGLI STANDARD DI OFFERTA E FRUIZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE NELLE AREE DI ATTRAZIONE Interventi per la tutela, la valorizzazione e la messa in rete del patrimonio culturale, nelle aree di attrazione di rilevanza strategica popolazione residente, visitatori dei beni e turisti Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni e altre amministrazioni titolari dei beni ambiti territoriali di riferimento degli attrattori Sostegno alla diffusione della conoscenza e alla fruizione del patrimonio culturale, attraverso la creazione di servizi e/o sistemi innovativi imprese locali, turisti Regione Siciliana, Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni, Enti Pubblici, Organismi di partenariato pubblico/privato con finalità non economiche, Organismi di diritto pubblico. regione siciliana DESTINATARI BENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 6 30

31 RIPOSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE Sostegno a processi di aggregazione e integrazione tra imprese nella costruzione di un prodotto integrato nelle destinazioni turistiche imprese locali, turisti Regione Siciliana, Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni, Enti Pubblici, Organismi di partenariato pubblico/privato con finalità non economiche, Organismi di diritto pubblico. territorio regionale Sostegno alla fruizione integrata delle risorse culturali e naturali e alla promozione delle destinazioni turistiche operatori del settore e turistiRegione Sicilianaterritorio regionale CONTRIBUIRE AD ARRESTARE LA PERDITA DI BIODIVERSITÀ TERRESTRE E MARINA Azioni previste nei Prioritized Action Framework (PAF) e nei Piani di Gestione della Rete Natura 2000 popolazione residente nei siti Natura 2000 Regione Siciliana - Enti Gestori delle Riserve e dei Parchi Naturali, Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni siti di Natura 2000 RESTITUZIONE ALL'USO PRODUTTIVO DI AREE INQUINATE Bonifica di aree inquinate secondo le priorità previste dal Piano regionale di bonifica CittadiniEnti locali e Enti pubblici siti individuati dal Piano Regionale delle bonifiche Realizzazione di impianti per lo smaltimento dell’amianto DESTINATARI BENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 6 31

32 MANTENIMENTO E MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DEI CORPI IDRICI Sostegno all’introduzione di misure innovative in materia di risparmio idrico, per il contenimento dei carichi inquinanti, riabilitazione dei corpi idrici degradati attraverso un approccio ecosistemico Cittadini Enti Locali, ex Consorzi ASI gestiti da IRSAP (*) Intero territorio regionale Integrazione e rafforzamento dei sistemi informativi di monitoraggio della risorsa idrica Regione Siciliana ed Enti strumentali DESTINATARI BENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 6 32

33 Obiettivo Tematico 7: Sistemi di Trasporto Sostenibili STRATEGIA Il PROGRAMMA mira al miglioramento delle condizioni di mobilità delle persone e delle cose attraverso il riequilibrio modale a vantaggio di vettori meno impattanti, la mitigazione degli impatti ambientali, l’aumento della sicurezza e il miglioramento della qualità della vita. Tali obiettivi generali sono declinati nei seguenti obiettivi specifici: SOSTEGNO DELL’UNIONECONTROPARTITA NAZIONALEFINANZIAMENTO TOTALE , , ,00 DOTAZIONE FINANZIARIA OT Potenziamento dell’offerta ferroviaria e miglioramento del servizio in termini di qualità e tempi di percorrenza 7.2 Aumentare la competitività del sistema portuale e interportuale 7.3 Potenziamento ferroviario regionale, integrazione modale e miglioramento dei collegamenti multimodali con i principali nodi urbani, produttivi e logistici e la rete centrale, globale e locale 7.4 Rafforzamento delle connessioni con la rete globale delle aree interne 33

34 POTENZIAMENTO DELL’OFFERTA FERROVIARIA E MIGLIORAMENTO DEL SERVIZIO Completare le infrastrutture strategiche relative agli archi nazionali di adduzione ai corridoi ferroviari europei della rete centrale Utenti dell’infrastrutturaRFI s.p.a. Intero territorio regionale, con riferimento alle aree in cui sono localizzate le infrastrutture oggetto di intervento POTENZIAMENTO FERROVIARIO REGIONALE, INTEGRAZIONE MODALE E MIGLIORAMENTO DEI COLLEGAMENTI MULTIMODALI CON I PRINCIPALI NODI URBANI, PRODUTTIVI E LOGISTICI Potenziare i servizi di trasporto pubblico regionale ed interregionale su tratte dotate di domanda potenziale significativa Utenti dell’infrastruttura RFI s.p.a., Regione Siciliana Intero territorio regionale, con riferimento alle aree in cui sono localizzate le infrastrutture oggetto di intervento RAFFORZAMENTO DELLE CONNESSIONI CON LA RETE GLOBALE DELLE AREE INTERNE Rafforzare le connessioni dei centri agricoli e agroalimentari alla rete Utenti dell’infrastruttura Consorzio Autostrade Siciliane, ANAS S.p.A., Enti localii e loro associazioni/consorzi/Unioni Intero territorio regionale, con riferimento alle aree in cui sono localizzate le infrastrutture oggetto di intervento AUMENTO DELLA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA PORTUALE E INTERPORTUALE Potenziare infrastrutture e attrezzature portuali e interportuali di interesse regionale Imprese industriali, commerciali e di trasporto Regione Siciliana, Enti Locali; Società Interporti Siciliani (S.I.S. S.p.A.) Territori sede di strutture portuali DESTINATARI BENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 7 34

35 Obiettivo Tematico 9: Promuovere l’inclusione sociale, combattere la povertà e ogni forma di discriminazione STRATEGIA Le finalità perseguite dall’Asse Prioritario 9 trovano inquadramento nell’ambito della Piattaforma Europea contro la Povertà e l'Emarginazione, una delle sette iniziative prioritarie della Strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e solidale. La nuova fase di programmazione del PO FESR Sicilia si configura quindi come un’ opportunità per orientare l’azione regionale in modo più efficace in favore delle politiche per l’inclusione sociale attraverso interventi per l’aumento/consolidamento/qualificazione dei servizi sociali e socio-sanitari, del tessuto urbano, ecc. SOSTEGNO DELL’UNIONECONTROPARTITA NAZIONALEFINANZIAMENTO TOTALE , , ,00 DOTAZIONE FINANZIARIA OT Aumento/ consolidamento/ qualificazione dei servizi e delle infrastrutture di cura socio- educativi rivolti ai bambini e dei servizi di cura rivolti a persone con limitazioni dell’autonomia 9.4 Riduzione del numero di famiglie con particolari fragilità sociali ed economiche in condizioni di disagio abitativo 9.5 Riduzione della marginalità estrema e interventi di inclusione a favore delle persone senza dimora e delle popolazioni Rom, Sinti e Camminanti in coerenza con la strategia nazionale di inclusione 9.6 Aumento della legalità nelle aree ad alta esclusione sociale e miglioramento del tessuto urbano nelle aree a basso tasso di legalità 35

36 AUMENTO/ CONSOLIDAMENTO/ QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI E DELLE INFRASTRUTTURE DI CURA SOCIO- EDUCATIVI RIVOLTI AI BAMBINI E DEI SERVIZI DI CURA RIVOLTI A PERSONE CON LIMITAZIONI DELL’AUTONOMIA Finanziamento piani di investimento per Comuni associati per realizzare nuove infrastrutture o recuperare quelle esistenti conformi alle normative regionali di riferimento Popolazione della Regione (età compresa 0-3 anni e 4-18 anni) Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni, anche associati con altri enti pubblici Tutto il territorio regionale con particolare focus su aree interne e aree urbane Aiuti per sostenere gli investimenti nelle strutture di servizi socio educativi per la prima infanzia Popolazione della Regione (età compresa 0-3 anni) Imprese sociali e Terzo settore Tutto il territorio regionale con focus su aree urbane e aree interne Piani di investimento in infrastrutture per Comuni associati e aiuti per sostenere gli investimenti privati nelle strutture per anziani e persone con limitazioni nell’autonomia Popolazione della Regione (anziani e persone con limitazioni nell’autonomia) Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni anche associati con altri enti pubblici, ed imprese sociali e Terzo settore Tutto il territorio regionale con particolare focus su aree interne e aree urbane Finanziamento investimenti per la riorganizzazione e il potenziamento dei servizi territoriali sociosanitari, di assistenza primaria e sanitari non ospedalieri Popolazione della Regione L’Amministrazione regionale attraverso le strutture di presidio dei servizi territoriali sociosanitari, di assistenza primaria e sanitari non ospedalieri (ASP, ecc.) Tutto il territorio regionale con particolare focus su aree interne DESTINATARI BENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 9 36

37 RIDUZIONE DEL NUMERO DI FAMIGLIE CON PARTICOLARI FRAGILITÀ SOCIALI ED ECONOMICHE IN CONDIZIONI DI DISAGIO ABITATIVO Interventi di potenziamento del patrimonio pubblico e privato esistente e di recupero di alloggi di proprietà dei Comuni e ex IACP Popolazione della regione, con particolare riferimento a categorie fragili per ragioni economiche e sociali e a rischio marginalità sociale Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni, ex IACP ed altri enti pubblici Aree urbane e/o sub-urbane della Regione RIDUZIONE DELLA MARGINALITÀ ESTREMA E INTERVENTI DI INCLUSIONE A FAVORE DELLE PERSONE SENZA DIMORA E DELLE POPOLAZIONI ROM, SINTI E CAMMINANTI Finanziamento nelle principali aree urbane e nei sistemi urbani di interventi infrastrutturali Popolazione della regione, con particolare riferimento a categorie senza fissa dimora comunitari ed extracomunitari Regione, Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni e associati ed altri Enti pubblici Aree urbane e/o sub-urbane della Regione AUMENTO DELLA LEGALITÀ NELLE AREE AD ALTA ESCLUSIONE SOCIALE E MIGLIORAMENTO DEL TESSUTO URBANO NELLE AREE A BASSO TASSO DI LEGALITÀ Interventi per il sostegno di aziende confiscate alle mafie Popolazione della Regione società cooperative dei lavoratori e le imprese confiscate alla mafia Aree urbane e sub urbane della Regione Interventi di recupero funzionale e riuso di vecchi immobili in collegamento con attività di animazione sociale e partecipazione collettiva Enti pubblici ed Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni DESTINATARI BENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 9 37

38 Obiettivo Tematico 10: Investire nell’istruzione, formazione e formazione professionale per le competenze e l’apprendimento STRATEGIA Nell’ambito della programmazione , l’Asse Prioritario 10 risponde alle sfide poste dalla Strategia Europa 2020 concorrendo al miglioramento della qualità e dell’efficacia dell’istruzione e della formazione, favorendo l’apprendimento permanente, incoraggiando innovazione, creatività e imprenditorialità. Nell’OT 10 il FESR si trova ad operare in un’area di intervento su cui è prioritario l’impegno della programmazione del FSE. L’impegno del PO FESR Sicilia è rivolto ad interventi in favore dell’edilizia scolastica e ad interventi infrastrutturali rivolti all’alta formazione. SOSTEGNO DELL’UNIONECONTROPARTITA NAZIONALEFINANZIAMENTO TOTALE , , ,00 DOTAZIONE FINANZIARIA OT Innalzamento dei livelli di competenze, di partecipazione e di successo formativo nell’istruzione universitaria e/o equivalente 10.7 Aumento della propensione dei giovani a permanere nei contesti formativi, attraverso il miglioramento della sicurezza e della fruibilità degli ambienti scolastici 38

39 INNALZAMENTO DEI LIVELLI DI COMPETENZE, DI PARTECIPAZIONE E DI SUCCESSO FORMATIVO NELL’ISTRUZIONE UNIVERSITARIA E/O EQUIVALENTE Intervento per l’edilizia universitaria – campus, tra cui l’accessibilità alle persone con disabilità Università e E.R.S.U. (Enti per il Diritto allo Studio Universitario di Catania, Messina e Palermo) e relativo personale docente ed studenti Università e E.R.S.U. (Enti per il Diritto allo Studio Universitario di Catania, Messina e Palermo). Aree urbane AUMENTO DELLA PROPENSIONE DEI GIOVANI A PERMANERE NEI CONTESTI FORMATIVI E MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA E DELLA FRUIBILITÀ DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI Interventi di riqualificazione degli edifici scolastici (efficientamento energetico, sicurezza, attrattività e innovatività, accessibilità, impianti sportivi, connettività), anche per facilitare l’accessibilità delle persone con disabilità popolazione scolastica, istituzioni scolastiche Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni tutto il territorio siciliano DESTINATARI BENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 10 39

40 Obiettivo Tematico 11: Rafforzare la capacita istituzionale delle autorità pubbliche e delle parti interessate e un’amministrazione STRATEGIA Nel ciclo di programmazione , l’obiettivo della Regione è quello di rispondere ai fabbisogni dei soggetti istituzionali coinvolti nel processo di programmazione, attuazione, monitoraggio, controllo e valutazione degli interventi cofinanziati dai Fondi Strutturali ed in particolare dal FESR. Particolare attenzione dovrà essere data al rafforzamento e diffusione dei processi di valutazione, ai vari livelli operativi interessati, e al recepimento del “Codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali e di investimento europei” che rappresenta una nuova sfida alla rafforzamento dei processi partecipativi ad alla diffusione della conoscenza relativa alla programmazione e gestione dei Fondi comunitari. I destinatari e beneficiari delle azioni proposte non sono più costituiti dalla sola Pubblica amministrazione e dai suoi operatori, ma ricomprendono ora una serie si soggetti pubblici e privati che sono espressione di interessi collettivi e vengono chiamati a concorrere al processo di programmazione e verifica del presente Programma Operativo. SOSTEGNO DELL’UNIONECONTROPARTITA NAZIONALEFINANZIAMENTO TOTALE , , ,00 DOTAZIONE FINANZIARIA OT 11 40

41 MIGLIORAMENTO DELLA GOVERNANCE MULTILIVELLO E DELLE CAPACITÀ AMMINISTRATIVA E TECNICA DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI NEI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO PUBBLICO Azioni di rafforzamento della trasparenza e della capacità di accompagnamento e attuazione dei programmi e della strategia S3 Regione, Enti locali, Enti pubblici e relativo personale, operatori della ricerca Regione, Enti locali e loro associazioni/consorzi/Unioni, Enti pubblici. tutto il territorio siciliano Implementazione delle misure di riforma e di semplificazione amministrativa previste nei “Piani di miglioramento tecnico- amministrativo” Regione, Enti locali, Enti pubblici e relativo personale Accompagnamento del processo di riforma degli Enti locali anche attraverso azioni per la riqualificazione del personale amministrativo degli enti coinvolti DESTINATARI BENEFICIARI TERRITORIO DI RIFERIMENTO AZIONE OBIETTIVO SPECIFICO OT 11 41

42 Assistenza tecnica STRATEGIA La programmazione dei Fondi strutturali dei precedenti cicli ha sostanzialmente fatto emergere «la diffusa difficoltà attuativa della Regione nella gestione dei Programmi» (fonte: Piano di Rafforzamento amministrativo). L’analisi delle performance del POR ha, infatti, evidenziato livelli di efficienza dei processi pianificazione, gestione ed attuazione poco elevati con ambiti funzionali di taluni processi suscettibili di necessari miglioramenti in termini di efficienza ed efficacia dell’azione regionale. Il presente obiettivo, operando in integrazione con l’Asse 11 e in un quadro di integrazione con gli altri fondi e gli altri Programmi operanti nella regione, mira al conseguimento di un soddisfacente livello di implementazione del Programma in termini di: efficace attuazione semplificazione e trasparenza di processi e procedure integrazione programmatica e territoriale degli interventi qualità della progettazione e corretta esecuzione delle operazioni da parte dei beneficiari rafforzamento della governance multilivello del Programma coinvolgimento proattivo delle parti sociali incluse nel processo di attuazione del Programma SOSTEGNO DELL’UNIONECONTROPARTITA NAZIONALEFINANZIAMENTO TOTALE , , ,00 DOTAZIONE FINANZIARIA AT 42

43 GARANTIRE LIVELLI ADEGUATI DI EFFICIENZA, EFFICACIA, QUALITÀ, TEMPESTIVITÀ PER L’IMPLEMENTAZIONE DEL PROGRAMMA. Assistenza Tecnica per la programmazione, la gestione, la sorveglianza, il monitoraggio e il controllo del Programma Regione Siciliana e altri Enti pubblici. Supporto alle Amministrazioni pubbliche per migliorare la qualità della programmazione, della progettazione e dell’attuazione delle operazioni cofinanziate dal FESR. Regione Siciliana, Enti locali singoli o associati, altri Enti pubblici. Azioni per favorire la semplificazione, con focus sulla riduzione degli oneri amministrativi per i beneficiari, e la trasparenza Regione Siciliana, Enti locali singoli o associati, altri Enti pubblici. RAFFORZARE IL SISTEMA COMUNICAZIONE E INFORMAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO Informazione e comunicazione Regione Siciliana, Enti locali singoli o associati, altri Enti pubblici. RAFFORZARE IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO Valutazione e studiRegione Siciliana. BENEFICIARIAZIONE AT 43

44 GRAZIE PER L’ATTENZIONE! 44


Scaricare ppt "Dipartimento della Programmazione Regione Siciliana ELEMENTI DI SINTESI DEL PO FESR SICILIA 2014 – 2020 1."

Presentazioni simili


Annunci Google