La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Avv. Daniela Mainini Milano, 20 - 21 maggio 2015 Auditorium Gaber - Grattacielo Pirelli, Piazza Duca d’Aosta n. 3 Proprietà Intellettuale e Agroalimentare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Avv. Daniela Mainini Milano, 20 - 21 maggio 2015 Auditorium Gaber - Grattacielo Pirelli, Piazza Duca d’Aosta n. 3 Proprietà Intellettuale e Agroalimentare."— Transcript della presentazione:

1 Avv. Daniela Mainini Milano, maggio 2015 Auditorium Gaber - Grattacielo Pirelli, Piazza Duca d’Aosta n. 3 Proprietà Intellettuale e Agroalimentare tre tappe di un viaggio fra nome, immagine e innovazione del cibo Italiano La tutela penale

2 Frodi alimentari: quali tutele? Frodi alimentari: quali tutele? Sanzioni amministrative Sanzioni amministrative Sanzioni penali Sanzioni penali 2STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

3 La contraffazione alimentare, un vizio antico….. 3STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

4 Codice penale Delitti contro l'incolumità pubblica Libro II, Titolo VI Art. 439 Avvelenamento di acque o di sostanze alimentari Art. 440 Adulterazione e contraffazione di sostanze alimentari Art. 442 Commercio di sostanze alimentari contraffatte o adulterate. Art. 444 Commercio di sostanze alimentari nocive 4STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

5 Art. 515 c.p. Frode nell'esercizio del commercio Art. 516 c.p. Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine Art. 517 c.p. e 517 bis c.p. – Circostanza aggravante Le pene stabilite dagli Artt. 515, 516, 517 sono aumentate se i fatti da essi previsti hanno ad oggetto alimenti o bevande (…) Art. 517 quater c.p. Contraffazione o alterazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari Codice Penale Delitti contro l'economia pubblica, l'industria e il commercio Libro II, Titolo VIII 5STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

6 CORTE di CASSAZIONE - Sez. I Penale Sentenza 30 maggio 2014, n Sentenza 30 maggio 2014, n Il reato di adulterazione e contraffazione di sostanze alimentari, previsto dall'art. 440 c.p., è a forma libera e quindi può realizzarsi anche mediante attività non occulte o fraudolente, né espressamente vietate dalla legge (caso: carne tritata fresca con aggiunta di notevoli concentrazioni di additivi alimentari) 6STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

7 CORTE di CASSAZIONE - Sez. III Penale Sentenza 22 marzo 2011, n Il delitto di commercio di sostanze alimentari nocive (ex art 444 c.p.) presuppone, quanto all'elemento oggettivo, che le sostanze di cui si vuole fare commercio abbiano attitudine ad arrecare nocumento alla salute pubblica. 7STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

8 Significato nell’agroalimentare 8STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

9 Codice Doganale Origine delle merci Art. 23 Reg. CE 2913/92 Sono originarie di un paese le merci interamente ottenute in tale paese. Art. 24 Reg. CE 2913/92 Una merce alla cui produzione hanno contribuito due o più paesi è originaria del paese in cui è avvenuta l'ultima trasformazione o lavorazione sostanziale, economicamente giustificata ed effettuata in un'impresa attrezzata a tale scopo, che si sia conclusa con la fabbricazione di un prodotto nuovo od abbia rappresentato una fase importante del processo di fabbricazione. 9STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

10 Regolamento di attuazione del Codice Doganale 2454/93 Art. 37 Reg. Attuazione 2454/93 Si considerano trasformazioni complete le lavorazioni o trasformazioni che hanno l’effetto di classificare i prodotti ottenuti in una voce della nomenclatura combinata diversa da quella relativa a ciascuno dei prodotti non originari utilizzati Art. 38 Reg. Attuazione 2454/93 Per l’applicazione del precedente articolo specifica quali siano le lavorazioni sempre insufficienti, anche qualora vi sia il cambio di voce tariffaria, quali per es. operazioni di spolveratura, cernita, classificazione, lavatura e riduzione in pezzi, cambio di imballaggio, semplice insaccatura, la posizione di etichette, ecc. 10STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

11 Art. 515 Codice Penale Frode nell'esercizio del commercio Chiunque, nell'esercizio di un'attività commerciale, ovvero in uno spaccio aperto al pubblico, consegna all'acquirente una cosa mobile per un'altra, ovvero una cosa mobile [c.c. 812; c.p. 624], per origine, provenienza, qualità o quantità, diversa da quella dichiarata o pattuita, è punito, qualora il fatto non costituisca un più grave delitto, con la reclusione fino a due anni o con la multa fino a euro (2). 11STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

12 È configurabile il reato di frode in commercio (515 C.P.) la consegna all’acquirente di mozzarella qualificata come di «bufala campana doc» prodotta anche solo in parte con latte bufalino congelato anziché fresco essendo obbligatorio per detto tipo di alimento l’utilizzo di latte esclusivamente fresco come imposto dal disciplinare di produzione. CORTE di CASSAZIONE – Sez. III Penale Sentenza 25 agosto 2004, n STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

13 CORTE di CASSAZIONE – Sez. III Penale Sentenza 14 ottobre 2014, n Integra il reato di cui all’art. 515 c.p. l’inserimento sulla confezione del prodotto della bandiera italiana e della dicitura «prodotto italiano» nel caso di mero confezionamento avvenuto in Italia. 13STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

14 “Chiunque pone in vendita o mette altrimenti in circolazione opere dell’ingegno o prodotti industriali, con nomi, marchi o segni distintivi nazionali od esteri, atti a indurre in inganno il compratore sull’origine, provenienza o qualità dell’opera o del prodotto, è punito, se il fatto non è preveduto come reato da altra disposizione di legge, con la reclusione fino a due anni e con la multa fino a euro.” Art. 517 codice penale Vendita di prodotti industriali con segni mendaci 14STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

15 CORTE di CASSAZIONE – Sez. III Penale Sentenza 15 marzo 2006, n Integra il reato di cui all’art. 517 c.p. la commercializzazione di olio d’oliva prodotto con olive raccolte e trasformate all’estero in confezioni indicanti l’origine italiana del prodotto. Spagna 15STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

16 CORTE di CASSAZIONE – Sez. III Penale Sentenza 15 marzo 2007, n (Fattispecie di vendita di macedonia con una parte di materia di provenienza estera) In tema di prodotti industriali con segni mendaci, per quanto riguarda i prodotti agroalimentari, la disciplina di cui all’art. 4, c. 49 L.350/03, deve essere interpretata nel senso che l’origine degli stessi è definita dalla loro derivazione geografica ed indipendentemente dalla localizzazione delle fasi di lavorazione esclusivamente per i prodotti recanti marchio Dop o Igp attributivi di una garanzia di tipicità e qualità, mentre per tutti gli altri prodotti agroalimentari generici sprovvisti di detti marchi per stabilirne l’origine deve farsi riferimento ai criteri del codice doganale europeo. Nuova Zelanda 16STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

17 CORTE di CASSAZIONE – Sez. III Penale Sentenza 12 febbraio 2009, n I reati di cui agli artt. 515 e 517 c.p. (a tutela del leale esercizio del commercio e del consumatore) possono concorrere con la normativa amministrativa sulla qualità del prodotto. (Fattispecie di vendita come «grana padano dop» di formaggio sprovvisto delle caratteristiche dello stesso) 17STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

18 CORTE di CASSAZIONE – Sez. III Penale Sentenza 8 giugno 2011, n Integra il reato previsto dall'art. 517 cod. pen., in relazione all'art. 4, comma 49, della l. 24 dicembre 2003, n. 350, la commercializzazione di prodotti agroalimentari con marchio "d.o.p." (denominazione di origine protetta) non corrispondente al vero o fallace, in quanto per i prodotti di natura alimentare, aventi una tipicità territoriale, l'origine cui si riferisce la norma sanzionatoria non è solo quella imprenditoriale ma, soprattutto, quella geografica. 18STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

19 Tribunale di Nocera Inferiore Sentenza 3 settembre 2012, n. 404 Integra il reato di cui all’art 517 c.p. la dicitura “Made in Italy” su confezione di prodotti contenenti doppio concentrato di pomodoro di provenienza cinese. 19STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

20 Esempi di Italian Souding Esempi di Italian Souding Vino Prosecco di Valdobbiadene Prosecco Nuova Zelanda Prosecco Brasile Chianti California Chianti Classico 20STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

21 Esempi di Italian Souding Esempi di Italian Souding Parmigiano Reggiano Parmigiano-Reggiano originale con marchio del Consorzio Parmesan - USA Reggianito - Argentina Parmeso - Brasile Parmesano - Uruguay 21STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

22 Esempi di Italian Souding Esempi di Italian Souding Mozzarella La Mozzarella di Bufala è garantita dal marchio del Consorzio Alcuni esempi di “mozzarella” dal formato decisamente anomalo!!! 22STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI

23 Studio Legale Mainini e Associati Via Cesare Battisti, Milano Tel. 02/ Fax 02/ Centro Studi Anticontraffazione Via F. Corridoni, Milano Tel. 02/ fax 02/ STUDIO LEGALE MAININI E ASSOCIATI


Scaricare ppt "Avv. Daniela Mainini Milano, 20 - 21 maggio 2015 Auditorium Gaber - Grattacielo Pirelli, Piazza Duca d’Aosta n. 3 Proprietà Intellettuale e Agroalimentare."

Presentazioni simili


Annunci Google