La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Eugenio Montale a cura del prof. Marco Migliardi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Eugenio Montale a cura del prof. Marco Migliardi."— Transcript della presentazione:

1

2 Eugenio Montale a cura del prof. Marco Migliardi

3 Indice Biografia 1 Ossi di seppia 2 Le Occasioni 3 La Bufera 4 Satura 5

4 L’opera letteraria Occasioni Bufera Satura A Liuba che parte Ti libero la fronte Nuove stanze Saggi, articoli, prose Diario Quaderno di 4 anni Diario postumo Ossi di seppia Meriggiare pallido … Spesso il male … Non chiederci la parola Cigola la carrucola… Piccolo Testamento Primavera hitleriana Piove Le rime Xenia

5 I primi anni  1896 : a Genova da agiata famiglia borghese  Ultimo di sei fratelli  Salute malferma  Bocciato alle scuole tecniche  Studi di ragioneria  Lezioni di canto  Letture in Biblioteca  Vacanze a Monterosso

6 La casa di Montale Ieri Oggi

7 In I Tecnica

8 Nel 1912

9 La Guerra  Chiese di partire per il fronte  Esperienza breve e non significativa in Val Pusteria  Approfondisce il suo interesse per la poesia e le sue letture poetiche  Inizia a scrivere: la prima poesia è del 1916 “Meriggiare pallido e assorto”

10 Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro d’orto, ascoltare tra i pruni e gli sterpi sciocchi di merli, frusci di serpi. Nelle crepe del suolo o su la veccia spiar le file di rosse formiche ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano a sommo di minuscole biche. Osservare tra frondi il palpitare lontano di scaglie di mare mentre si levano tremuli scricchi di cicale dai calvi picchi. E andando nel sole che abbaglia sentire con triste meraviglia com’è tutta la vita e il suo travaglio in questo seguitare una muraglia che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.

11 Il Fascismo  Firma manifesto degli intellettuali antifascisti  Io non sono stato fascista e non ho cantato il fascismo, ma neppure ho scritto poesie in cui quella pseudorivoluzione apparisse osteggiata  La non iscrizione al PNF gli costerà anni dopo il posto di lavoro

12 Un anno fondamentale Ossi di seppia Esce la sua prima raccolta poetica nell’indifferenza generale Il caso Svevo È il primo letterato che apprezza I romanzi di Svevo e lo “scopre” 1925

13 L’amicizia con Svevo Livia, la moglie di Svevo, Svevo, Drusilla Tanzi e un amico

14 1929 la vita fiorentina Al caffè delle Giubbe Rosse, a Firenze, ritrovo di letterati e artisti Montale con Vittorini

15 1939 Le Occasioni  Dedicate a I.B. che, alcuni anni dopo si scoprirà essere Irma Brandeis, Clizia  Altra musa sarà la futura moglie, Drusilla Tanzi, detta Mosca, che non compare quasi in qs. raccolta  La preparazione alla guerra è sullo sfondo

16 Il periodo bellico  Rimane senza lavoro dopo il licenziamento dal Vieusseux  Aiuta gli amici intellettuali ebrei, Saba e Carlo Levi  Durante la Resistenza entra nel Partito d’Azione  Dal 1946 va a Milano al Corriere della Sera Lo scrittore Carlo Levi

17 A Milano  Per il Corriere della Sera si occupa di articoli musicali e di critica letteraria  Conosce la terza musa, Maria Luisa Spaziani (Volpe)  Nel 1962 sposa Mosca che morirà l’anno dopo

18 Mia volpe, un giorno fui anch’io il «poeta assassinato»: là nel noccioleto raso, dove fa grotta, da un falò; in quella tana un tondo di zecchino accendeva il tuo viso, poi calava lento per la sua via fino a toccare un nimbo, ove stemperarsi; ed io ansioso invocavo la fine su quel fondo segno della tua vita aperta, amara, atrocemente fragile e pur forte. Sei tu che brilli al buio? Entro quel solco pulsante, in una pista arroventata, àlacre sulla traccia del tuo lieve zampetto di predace (un’orma quasi invisibile, a stella) io, straniero, ancora piombo: e a volo alzata un’anitra nera, dal fondolago, fino al nuovo incendio mi fa strada, per bruciarsi. Da un lago svizzero Mia volpe, un giorno fui anch’io il «poeta assassinato»: là nel noccioleto raso, dove fa grotta, da un falò; in quella tana un tondo di zecchino accendeva il tuo viso, poi calava lento per la sua via fino a toccare un nimbo, ove stemperarsi; ed io ansioso invocavo la fine su quel fondo segno della tua vita aperta, amara, atrocemente fragile e pur forte. Sei tu che brilli al buio? Entro quel solco pulsante, in una pista arroventata, àlacre sulla traccia del tuo lieve zampetto di predace (un’orma quasi invisibile, a stella) io, straniero, ancora piombo: e a volo alzata un’anitra nera, dal fondolago, fino al nuovo incendio mi fa strada, per bruciarsi.

19 Eventi Gli ultimi anni Diventa senatore a vita Esce la raccolta “Diario del 71 e del 72 Vince il Premio Nobel per la Letteratura Esce la raccolta “Quaderno di 4 anni” Muore a Milano

20 1974 Un’intervista a Enzo Biagi

21 Il premio Nobel  « Per la sua poetica distinta che, con grande sensibilità artistica, ha interpretato i valori umani sotto il simbolo di una visione della vita priva di illusioni. »  (Motivazione apportata alla consegna del Premio Nobel per la Letteratura ad Eugenio Montale nel 1975)

22 Linea del tempo Ossi di seppia Le Occasioni La Bufera Satura Seguiranno: Diario del 71 e del 72 (73) Quaderno di 4 anni (77) Diario postumo (96)

23 Ossi di seppia Il male di vivereIl paesaggio ligure La maglia nella rete L’Antidannunzianesimo Il correlativo oggettivo La filosofia in negativo Aspetti

24 Spesso il male di vivere ho incontrato Spesso il male di vivere ho incontrato: era il rivo strozzato che gorgoglia, era l'incartocciarsi della foglia riarsa, era il cavallo stramazzato. Bene non seppi, fuori del prodigio che schiude la divina Indifferenza: era la statua nella sonnolenza del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato.

25 Non chiederci la parola Non chiederci la parola che squadri da ogni lato l'animo nostro informe, e a lettere di fuoco lo dichiari e risplenda come un croco Perduto in mezzo a un polveroso prato. Ah l'uomo che se ne va sicuro, agli altri ed a se stesso amico, e l'ombra sua non cura che la canicola stampa sopra uno scalcinato muro! Non domandarci la formula che mondi possa aprirti sì qualche storta sillaba e secca come un ramo. Codesto solo oggi possiamo dirti, ciò che non siamo, ciò che non vogliamo

26 Novità delle Occasioni la fenomenologia del negativo dalla natura (lo spazio) alla storia (tempo) la fenomenologia del negativo dalla natura (lo spazio) alla storia (tempo) Siamo negli anni 30 La donna salvifica La memoria Più oscuro Compare la Storia

27 Ti libero la fronte dai ghiaccioli Ti libero la fronte dai ghiaccioli che raccogliesti traversando l’alte nebulose; hai le penne lacerate dai cicloni, ti desti a soprassalti. Mezzodì: allunga nel riquadro il nespolo l’ombra nera, s’ostina in cielo un sole freddoloso; e l’altre ombre che scantonano nel vicolo non sanno che sei qui.

28 Non recidere forbice Non recidere, forbice, quel volto, solo nella memoria che si sfolla, non far del grande suo viso in ascolto la mia nebbia di sempre. Un freddo cala… Duro il colpo svetta. E l’acacia ferita da sé scrolla il guscio di cicala nella prima belletta di Novembre.

29 1956 La Bufera – I 3 protagonisti La Storia Clizia Volpe La Bufera e altro

30 Temi de “La Bufera” 1 60 poesie scritte prima e dopo la ww2. Novità della Storia vista come realtà esterna ma incomprensibile per il poeta perchè è assurda Piccolo Testamento e Primavera hitleriana 3 Per questo immutabile orizzonte è stato molto criticato dalla critica marxista Passa il Fascismo, la guerra la speranza della ricostruzione ma la poesia di M. non cambia (Salinari) 2 Forse proprio perchè la vita è incomprensibile il poeta affronta il tema dei morti A mia madre, Voce giunta con le folaghe Quindi attenzione più incentrata sul solito privatismo e il male di vivere che sugli eventi storici esterni tre temi: 1. la Storia esterna 2. I morti e il male di vivere 3. La continuità

31 Piccolo testamento Questo che a notte balugina nella calotta del mio pensiero, traccia madreperlacea di lumaca o smeriglio di vetro calpestato, non è il lume di chiesa o d'officina che alimenti chierico rosso o nero. Solo quest'iride posso lasciarti a testimonianza d'una fede che fu combattuta, d'una speranza che bruciò più lenta di un duro ceppo nel focolare. Conservane la cipria nello specchietto quando spenta ogni lampada la sardana si farà infernale e un ombroso Lucifero scenderà su una prora del Tamigi, del Hudson, della Senna scuotendo l'ali di bitume semi- mozze dalla fatica, a dirti: è l'ora. Non è un'eredità, un portafortuna che può reggere all'urto dei monsoni sul filo di ragno della memoria, ma una storia non dura che nella cenere e persistenza è solo l'estinzione. Giusto era il segno: chi l'ha ravvisato non può fallire nel ritrovarti. Ognuno riconosce i suoi: l'orgoglio non era fuga, l'umiltà non era vile, il tenue bagliore strofinato laggiù non era quello di un fiammifero.

32 1971 Satura Satura La cronaca entra nell’universo poetico montaliano Xenia Linguaggio semplice Varietà di temi Lanx Satura Satira Text Esce dopo un lungo silenzio poetico, in cui scrisse solo in prosa “Le farfalle di Dinard”

33 I temi di Satura La cronaca Il linguaggio Conclusione Apparentemente c’è una frattura con La Bufera. Ma… Entra nella poesia la storia quotidiana, ma non i fatti, il senso della storia. Il poeta, che non la ama, ci ride sopra. Satira Il linguaggio oscuro, simbolico ed ermetico si fa ora piano e quotidiano. Ma lo stile è sempre eccelso Si può dire che non c’è frattura, ma continui approfondimenti Il rapporto con la Storia si fa ancora + duro, lo stile resta elevato

34 Piove Piove. È uno stillicidio senza tonfi di motorette o strilli di bambini. Piove da un ciclo che non ha nuvole. Piove sul nulla che si fa in queste ore di sciopero generale. Piove sulla tua tomba a San Felice a Ema e la terra non trema perché non c'è terremoto né guerra. Piove non sulla favola bella di lontane stagioni, ma sulla cartella esattoriale, piove sugli ossi di seppia, e sulla greppia nazionale. Piove sulla Gazzetta Ufficiale qui dal balcone aperto, piove sul Parlamento, piove su via Solferino, piove senza che il vento smuova le carte. Piove in assenza di Ermione se Dio vuole, piove perché l'assenza è universale e se la terra non trema è perché Arcetri a lei non l'ha ordinato. Piove sui nuovi epistèmi del primate a due piedi, sull'uomo indiato, sul cielo, ottimizzato, sul ceffo dei teologi in tuta o paludati, piove sul progresso della contestazione, piove sui works in regress, piove sui cipressi malati del cimitero, sgocciola sulla pubblica opinione. Piove, ma dove appari non è acqua né atmosfera, piove perché se non sei è solo la mancanza e può affogare.

35 Xenia TitoloTemaFormaStile Gli Xenia sono i doni che si fanno agli ospiti quando partono I ricordi dolci della moglie morta alla quale non aveva mai dedicato poesie Poesie brevissime, a volte di 2 soli versi, liberi, spesso in forma di diario Stile molto semplice, colloquiale, come semplice era la Mosca

36 Ho sceso, dandoti il braccio Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino. Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio. Il mio dura tuttora, né più mi occorrono 5 le coincidenze, le prenotazioni, le trappole, gli scorni di chi crede che la realtà sia quella che si vede. Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio non già perché con quattr'occhi forse si vede di più. 10 Con te le ho scese perché sapevo che di noi due le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate, erano le tue.

37


Scaricare ppt "Eugenio Montale a cura del prof. Marco Migliardi."

Presentazioni simili


Annunci Google