La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TEATRO LATINO...non solo farsa!. «...si dice che tra i tanti tentativi fatti per placare l'ira dei celesti vennero anche istituiti degli spettacoli teatrali,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TEATRO LATINO...non solo farsa!. «...si dice che tra i tanti tentativi fatti per placare l'ira dei celesti vennero anche istituiti degli spettacoli teatrali,"— Transcript della presentazione:

1 TEATRO LATINO...non solo farsa!

2 «...si dice che tra i tanti tentativi fatti per placare l'ira dei celesti vennero anche istituiti degli spettacoli teatrali, fatto del tutto nuovo per un popolo di guerrieri i cui unici intrattenimenti erano stati fino ad allora i giochi del circo. Ma a dir la verità si trattò anche di una cosa modesta, come per lo più accade all'inizio di ogni attività, e per giunta importata dall'esterno. Senza parti in poesia, senza gesti che riproducessero i canti, degli istrioni fatti venire dall'Etruria danzavano al ritmo del flauto, con movenze non scomposte e caratteristiche del mondo etrusco. In séguito i giovani cominciarono a imitarli, lanciandosi nel contempo delle battute reciproche con versi rozzi e muovendosi in accordo con le parole. Quel divertimento entrò così nell'uso, e fu praticato sempre più frequentemente. Agli attori professionisti nati a Roma venne dato il nome di istrioni, da ister che in lingua etrusca vuol dire attore. Essi non si scambiavano più, come un tempo, versi rozzi e improvvisati simili al Fescennino, ma rappresentavano satire ricche di vari metri, eseguendo melodie scritte ora per l'accompagnamento del flauto e compiendo gesti appropriati. » (Tito Livio, Ab Urbe condita, VII, 2)

3 " Da principio il popolo romano non conosce altro spettacolo teatrale che quello comico, rozzissimo e a uso del popolino venuto dalla campagna. "

4 . FARSA FLIACICA FESCENNINA LICENTIA SATURA MIMO ATELLANA Forme teatrali esistenti prima della nascita della letteratura drammatica latina vera e propria:

5 Maccus

6 Pappus

7 Bucco

8 Dossenus

9 I principali drammaturghi romani: Commediografi - Livio Andronico - Gneo Nevio - Plauto - Terenzio Tragediografi - Ennio - Pacuvio - Accio Seneca - Seneca

10 I generi drammatici: COMMEDIA Fabula Palliata Fabula Togata TRAGEDIA Coturnata Praetexta

11 Caratteristiche generali: Abolizione del coro Strutture teatrali non fisse ( solo dal I d.C. Si hanno i primi teatri in muratura --> Teatro di Pompeo) Scenografie ereditate dai greci Ingresso agli spettacoli gratuito L'Edile organizzava per lo Stato gli spettacoli Gli attori erano "infami" reclutati tra gli schiavi

12

13

14 Plauto (Sarsina, Umbria 259/251 a.C. – Roma 184 a.C. )

15 Dati biografici: Giunse a Roma per fare l'attore Giunse a Roma per fare l'attore Investì malamente il capitale in commercio, ricoprendosi di debiti e costringendosi a guadagnarsi da vivere in un mulino girando la macina Investì malamente il capitale in commercio, ricoprendosi di debiti e costringendosi a guadagnarsi da vivere in un mulino girando la macina Iniziò a scrivere per il teatro per guadagnarsi da vivere Iniziò a scrivere per il teatro per guadagnarsi da vivere Il suo nome d'arte per intero è Tito Maccio Plauto: "Tito" e "Maccio" sembrerebbero fittizi: "Maccio", infatti, deriverebbe dall'omonima maschera atellana; lo stesso termine "Plautus" può significare o "piedi piatti" oppure "orecchie lunghe e penzoloni". Il suo nome d'arte per intero è Tito Maccio Plauto: "Tito" e "Maccio" sembrerebbero fittizi: "Maccio", infatti, deriverebbe dall'omonima maschera atellana; lo stesso termine "Plautus" può significare o "piedi piatti" oppure "orecchie lunghe e penzoloni". Alla sua morte, entrarono in circolazione tutta una serie di commedie a suo nome, molte delle quali rivelatesi in seguito dei falsi. Nel I sec. a.C., ne circolavano addirittura 130 titoli. A noi ne sono pervenute integre a suo nome 21. Alla sua morte, entrarono in circolazione tutta una serie di commedie a suo nome, molte delle quali rivelatesi in seguito dei falsi. Nel I sec. a.C., ne circolavano addirittura 130 titoli. A noi ne sono pervenute integre a suo nome 21.

16 Le 21 commedie sono state oggetto di studio e catalogate in sette gruppi: - dei simillimi (o dei Sosia): riguarda lo scambio di persona, dello specchio e del doppio; - dell'Agnizione: alla fine di questo tipo di commedie avviene un riconoscimento improvviso ed imprevedibile dell'identità di un personaggio; - della beffa: in questo tipo sono organizzati scherzi e beffe, bonari o meno; - del romanzesco: dove compaiono i temi dell' avventura e del viaggio; - della caricatura (o dei Caratteri): contenenti una rappresentazione iperbolica, esagerata di un personaggio; - composita: che racchiude al suo interno uno o più elementi delle sopraccitate tipologie; - del servus callidus: il servo, intelligente e scaltro, aiuta il padrone ad ottenere un oggetto desiderato o una donna

17 CASINA: la ragazza dal profumo di cannella C ercan due schiavi di sposare la medesima fanciulla. A fare il proprio gioco spinge l'uno il vecchio, l'altro il figlio. S erve il vecchio la fortuna, ma lui cade in un inganno; I nfatti, al posto che con la fanciulla, celebra le nozze con un uomo N el letto gli entra e l'altro picchia lui e il fattore A l figlio Casina, scoperta libera, va in sposa.

18 Personaggi Lisidamo, vecchio padrone Cleostrata, moglie di Lisidamo Olimpione, fattore Calino, scudiero Mirrina, vicina di casa Alcesimo, marito di Mirrina Pardalisca, serva scaltra di Cleostrata Eutinico, figlio di Lisidamo e Cleostrata Casina

19 Le novità introdotte nelle Palliate da Plauto: - adotta il procedimento della contaminatio, per il quale mescola insieme due o più canovacci greci, - alle matrici elleniche cospicui tratti riconducibili a forme teatrali italiche come il mimo e l'atellana. - adozione di una lingua latina molto vivace e pittoresca, in cui fanno spesso bella mostra di sé numerosissimi neologismi Si può affermare che Plauto prende molto dai modelli greci ma grazie ai cambiamenti e alle aggiunte il suo lavoro non risulta né una traduzione né un'imitazione pedissequa. La cosa che distingue l'imitatore dal grande scrittore è la capacità di quest'ultimo di farci dimenticare, tramite le sue aggiunte e le sue rielaborazioni, il testo di partenza. Plauto non mirava solamente a una traduzione linguistica ma anche letteraria evitando con la traduzione in latino la perdita di significato oltre che di artisticità, come spesso accadeva con altri autori.

20 Aulularia: la commedia della pentola Ansiosamente veglia il vecchio Euclione sulla pentola piena d'oro che un giorno casualmente ha rinvenuto. Un giovane, Liconide, ha violato La figlia di Euclione. Megadoro, che vuol prenderla in moglie senza dote, Una cena promette, e lauta, per ottenere dal padre il suo consenso. La pentola nasconde fuor di casa nel timore di perder l'oro, Euclione. A spiarlo c'è un servo di Liconide, il seduttore. Il servo vede tutto: Ruba quindi la pentola dell'oro. Ma il giovane Liconide, che sa, Informa della cosa il vecchio Euclione. E questi finalmente si decide: Al giovane concede ed oro e figlia e il bambino da questa generato.

21 Personaggi Euclione, vecchio avaro Fedria, figlia di Euclione Megadoro, vecchio vicino di casa Eunomia, sorella di Megadoro Liconide, nipote di Megadoro, innamorato di Fedria Strobilo, servo di Liconide Congrione, Antrace, cuochi Stafila, serva di Euclione

22 CARATTERISTICHE DEL TEATRO DI PLAUTO 1. La commedia attica nuova era svolta da tre attori, i quali rappresentavano diversi personaggi. Plauto invece, sulla base delle atellane, affida la parte di un personaggio ad un solo attore, il quale poteva svolgere anche altri personaggi. 2. In Plauto manca la maschera, tuttavia gli attori si truccavano. Questa tesi si fonda sull’analisi comparata delle entrate e delle uscite dei personaggi, i cui tempi della palliata plautina erano almeno doppi rispetto alla commedia menandrea. 3. I personaggi parlano dell’attività drammaturgica, cioè della creatività e dell'originalità dell’autore. Tale manifestazione è detta metateatro.

23 4. La commedia attica nuova non contemplava parti cantate, ma solo versi recitati. Plauto introduce sia parti recitate (chiamate diverbia), sia parti cantate (dette cantica) 5. Alla musica, all'interno dello spettacolo, era affidata una funzione importantissima: il flautista ("tibicen") accompagnava, con apposite melodie, gli attori nelle parti declamate e dialogate o cantate. L'accompagnamento, ch'era più di un semplice "corredo" musicale, veniva fatto con la "tibia". 6. I metri utilizzati da Plauto variano se si trattava delle parti cantate o recitate; nelle parti recitate utilizzò il senario giambico e il settenario trocaico, già presenti in Andronico e Nevio. Nei cantica utilizzò invece molte altre tipologie metriche e per questo si parla di "innumerevoli ritmi".

24 Nella commedia attica nuova il contrasto serviva ad evidenziare i caratteri dei personaggi, mentre in Plauto l’inganno balza in primo piano: i caratteri fissi dei personaggi non sono analizzati, ma costituiscono il pretesto per acuire la VIS COMICA, elemento centrale e scopo della commedia plautina. La grande comicità generata dalle commedie di Plauto è prodotta da diversi fattori: -un’oculata scelta del lessico, -un sapiente utilizzo di espressioni e figure tratte dal quotidiano: espressioni buffe e goliardiche che i vari personaggi molto di frequente pronunciano, il pettegolezzo delle donne -una fantasiosa ricerca di situazioni che possano generare l’effetto comico: equivoci e scambi di persona. La coerenza e la verosimiglianza della commedia attica non si ritrovano in Plauto, non è importante il personaggio ma l’inganno

25 Lucio Anneo Seneca (Cordoba 4 a.C. – Roma 65 d.C. )

26 Dati biografici: Figlio di Seneca il Retore compì i suoi studi di retorica e filosofia dapprima a Roma poi in Egitto Figlio di Seneca il Retore compì i suoi studi di retorica e filosofia dapprima a Roma poi in Egitto Fu introdotto nella corte di Caligola ma in seguito ad un'orazione in cui mise in luce i primi concetti di "assolutismo illuminato" provocò le ire dell'imperatore che per poco non lo fece uccidere Fu introdotto nella corte di Caligola ma in seguito ad un'orazione in cui mise in luce i primi concetti di "assolutismo illuminato" provocò le ire dell'imperatore che per poco non lo fece uccidere Giunto al trono Claudio, Seneca fu coinvolto in un intrigo di corte e fu esiliato in Corsica --> intensa scrittura filosofica e morale Giunto al trono Claudio, Seneca fu coinvolto in un intrigo di corte e fu esiliato in Corsica --> intensa scrittura filosofica e morale Tornò a Roma dopo otto anni e Agrippina gli affidò l'educazione del figlio Nerone Tornò a Roma dopo otto anni e Agrippina gli affidò l'educazione del figlio Nerone Quando Nerone assunse il potere gli insegnamenti di Seneca si vanificarono, l'imperatore accolse dell'insegnamento di Seneca soltanto la parte assolutistica e non quella della clemenza e dell'austerità Quando Nerone assunse il potere gli insegnamenti di Seneca si vanificarono, l'imperatore accolse dell'insegnamento di Seneca soltanto la parte assolutistica e non quella della clemenza e dell'austerità Gli ultimi tre anni li trascorse nello studio e nella meditazione. Coinvolto nella congiura di Pisone si uccise. Gli ultimi tre anni li trascorse nello studio e nella meditazione. Coinvolto nella congiura di Pisone si uccise.

27 Seneca si occupò soprattutto di retorica e filosofia ma all'interno della sua produzione hanno un posto particolare le sue tragedie. Hercules furens, Troades, Phoenissae, Medea, Phaedra, Oedipus, Agamemno, Thyestes, Hercules Oetaeus; Le tragedie di Seneca, uniche ad essere pervenute integre, costituiscono l'unica testimonianza di un intero genere letterario erano, forse, destinate soprattutto alla lettura erano, forse, destinate soprattutto alla lettura.

28 CARATTERISTICHE DELLE TRAGEDIE DI SENECA - Studio oculato e preciso dei comportamenti umani, soprattutto per quanto riguarda le esperienze del male e della morte. Le sue tragedie ci offrono uno spaccato di vita nella quale non c'è né rimedio né soluzione alle atrocità commesse. I personaggi sono, in questo senso, comunque condannati. - Spirito barocco: gusto per la vicenda truce, per l'espressione delirante, per il linguaggio liricizzante (modello per la tragedia cinquecentesca italiana e per il dramma elisabettiano inglese.) conflitto fra ragione e passione - Le varie vicende tragiche si configurano come scontri di forze contrastanti e conflitto fra ragione e passione.

29 - Non sono solo un'illustrazione della dottrina stoica, sotto forma di exempla forniti dal mito: resta forte la matrice specificamente letteraria e il logos, il principio razionale cui la dottrina stoica affida il governo del mondo, si rivela incapace di frenare le passioni e arginare il dilagare del male. origine nella poesia augustea - Il linguaggio poetico delle tragedie ha origine nella poesia augustea (cospicua la presenza di Ovidio), dalla quale Seneca mutua anche le raffinate forme metriche, come il particolare tipo di senario, già adottato dal teatro tragico augusteo. - frasi frammentate - lunghe digressioni

30 Medea

31 "Medea"- Pasolini (1969)


Scaricare ppt "TEATRO LATINO...non solo farsa!. «...si dice che tra i tanti tentativi fatti per placare l'ira dei celesti vennero anche istituiti degli spettacoli teatrali,"

Presentazioni simili


Annunci Google