La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lorigine della commedia non è certa. Aristotele ci propone due ipotesi sulla nascita di questo genere teatrale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lorigine della commedia non è certa. Aristotele ci propone due ipotesi sulla nascita di questo genere teatrale."— Transcript della presentazione:

1

2 Lorigine della commedia non è certa. Aristotele ci propone due ipotesi sulla nascita di questo genere teatrale.

3 Lipotesi dionisiaca: per cui la commedia ebbe origine dallimprovvisazione di canti fallici (fallo: simbolo della fertilità). Questi canti venivano eseguiti in delle processioni in cui si augurava fertilità alla comunità. In queste manifestazioni veniva eseguito un canto in onore di Dionisio. Infatti secondo questa ipotesi il termine commedia deriva da komos, il corteo festoso dei seguaci di Dionisio. Dionisio era il Dio del vino e dellebrezza

4 Lipotesi dorica: per cui il termine commedia deriva da kome (villaggio). I primi attori, secondo questa teoria, non erano ben accetti nelle città per la presentazione dei loro spettacoli e per questo rappresentavano i loro lavori in giro per le campagne. Questa ipotesi però non è considerata vera.

5

6

7 La scena si apre con lentrata del coro. Esso ha un ruolo fondamentale nel teatro greco in quanto rappresentava le dionisie, cioè le festività annuali in onore di Dionisio

8 Successivamente vi era lo sviluppo dellazione del protagonista Infine vi era lepilogo in cui si celebrava il trionfo del protagonista sui personaggi antagonisti

9 La commedia dellarte nasce intorno al 1500 e raggiunge la sua massima diffusione dalla seconda metà del 1600 agli inizi del Gli spettacoli erano allestiti da attori professionisti, riuniti in compagnie stabili. Recitavano su commissione e per denaro. I loro spettacoli si svolgevano nelle piazze e nelle cascine rivolgendosi maggiormente ad un pubblico popolare.

10 La commedia dellarte non si basava su un testo scritto, ma sullimprovvisazione. Dietro limprovvisazione vi era una lunga fase preparatoria. Ogni attore esercitandosi faceva proprio il personaggio in cui si intercalava, ma per personaggio non intendiamo solo la parte di una determinata commedia, ma un personaggio in genere cioè rappresentava,linnamorato, il servo, lamante, il nobile, ecc. Quindi ogni attore si specializzava su una determinata parte imparando a conoscerla in ogni singola sfaccettatura e interpretarla quasi alla perfezione.

11 Per alcuni ruoli si usavano delle maschere e soprattutto si utilizzavano per la figura del vecchio e del servo. Non era obbligatorio tenere le maschere, infatti gli attori spesso la toglievano a metà spettacolo o nei momenti in cui il ritmo era più veloce in quanto occorreva respirare meglio. Le maschere spesso costituivano un limite perché gli attori dovevano fare a meno della mimica facciale facendo leva sulla gestualità del corpo per attirare maggiormente il pubblico distratto.

12 I palcoscenici erano dotati di una scenografia classica risalente al 1500: come sfondo, una finta finestra, una porta che si apre, tutto dipinto su tela.

13 Gli attori costruivano ogni rappresentazione teatrale su un canovaccio, una sorta di riassunto della rappresentazione che si stava preparando. Il canovaccio rappresentava una traccia da cui gli attori traevano spunto per costruire lintera vicenda. Questa sintesi era scritta in maniera abbreviata in modo che gli attori potessero sbirciare verso il canovaccio fino allultimo secondo prima di entrare in scena.

14 Con Goldoni il teatro subisce una radicale riforma. Quasi tutti i canoni della Commedia dellarte vengono rivisti e modificati da questo geniale commediografo. Egli mira ad una mutazione del teatro esistente al suo tempo. Come obbiettivo si pone di aggiornare la Commedia dellarte e non di creare un nuovo genere letterario.

15 Con il tempo la comicità era divenuta buffoneria e in molti tratti volgare. Il repertorio degli artisti che improvvisavano era diventato scontato.

16 Il primo punto preso in considerazione da Goldoni è quello di dare un senso realistico ai personaggi delle sue commedie. Fino ad allora si puntava allinterpretazione, quasi stereotipata, di alcuni personaggi, come quello del servo, dellinnamorato,ecc; con Goldoni invece ogni personaggio riceve un senso più profondo, infatti viene analizzato con molta più attenzione e gli viene dato un carattere ben preciso. Nasce la cosiddetta commedia di carattere.

17 Un altro punto fondamentale della riforma Goldoniana è quello di mettere in risalto situazioni reali che rappresentassero con maggiore fedeltà il popolo ed i suoi comportamenti. Questo nuovo modo di intendere la commedia avrebbe permesso agli spettatori di avere un riscontro tra vicenda teatrale e vita quotidiana.

18 Una delle caratteristiche principali della commedia riformata da Goldoni è rappresentata anche dal fatto che la storia narrata mira ad una descrizione minuziosa e particolareggiata degli ambienti in cui si svolge la commedia. Nasce la cosiddetta commedia d ambiente.

19 Con la riforma Goldoniana vediamo inoltre che la donna assume un ruolo ben diverso da quello che fino ad ora rappresentava. La donna fino ad allora non aveva un ruolo ben preciso nella commedia, basti pensare al fatto che i ruoli femminili venivano interpretati dagli uomini. Comincia così a delinearsi il personaggio femminile, donna indipendente, capace di vivere la propria vita, gestire i propri interessi anche senza un uomo accanto.

20 Unaltra innovazione proposta da Goldoni è quella di introdurre nella commedia un testo scritto. Questo viene fatto per gradi dal commediografo, infatti comincia con lo scrivere solo la parte del protagonista per arrivare infine alla stesura completa della commedia.

21


Scaricare ppt "Lorigine della commedia non è certa. Aristotele ci propone due ipotesi sulla nascita di questo genere teatrale."

Presentazioni simili


Annunci Google