La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gesù Cristo perfetto comunicatore Communio et progressio n°11. Durante lesistenza terrena Cristo si è rivelato perfetto comunicatore Perché oggi è importante.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gesù Cristo perfetto comunicatore Communio et progressio n°11. Durante lesistenza terrena Cristo si è rivelato perfetto comunicatore Perché oggi è importante."— Transcript della presentazione:

1 Gesù Cristo perfetto comunicatore Communio et progressio n°11. Durante lesistenza terrena Cristo si è rivelato perfetto comunicatore Perché oggi è importante la comunicazione? Comunicazione e Missione n° Gesù modello di autentica comunicazione Corso per operatori pastorali A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

2 Perché oggi è importante la comunicazione? Perché dovremmo imparare a comunicare? Il nostro tempo è caratterizzato da una diffusione degli strumenti della comunicazione sociale sempre più rapida e pervasiva. I mass-media sono ovunque attorno a noi e non possiamo più farne a meno. Siamo chiamati a vivere in questo contesto «con nuovo dinamismo» e siamo sempre più consapevoli che «la comunione ecclesiale e la missione evangelizzatrice della Chiesa trovano, inoltre, nei media un campo privilegiato di espressione. Dal Concilio ad oggi la Chiesa ha preso ancor più coscienza di quanto sia importante coniugare tutti gli ambiti della vita ecclesiale con questa nuova realtà culturale e sociale ». Comunicazione e Missione n° 1 premessa A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

3 Luniverso dei media costituisce il « primo areopago del tempo moderno […], che sta unificando lumanità rendendola – come si suol dire – un villaggio globale» ( 1 ). Linnovazione tecnologica, allorigine di profonde trasformazioni sociali, sta determinando una nuova visione delluomo e della cultura, così che «non è esagerato insistere sullimpatto dei mezzi di comunicazione sociale nel mondo di oggi. Lavvento della società dellinformazione è una vera e propria rivoluzione culturale». Nulla di ciò che luomo di oggi pensa, dice e fa è estraneo ai media; e i media esercitano uninfluenza, con varie modulazioni, su tutto ciò che luomo di oggi pensa, dice e fa. Compito della Chiesa è annunciare il messaggio di salvezza a questa società, questi uomini. (1) Redemtoris Missio n° 37. Enciclica di Giovanni Paolo II Comunicazione e Missione n° 2 A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

4 1. I media come cultura Il lettore dovrà rammentarsi di quanto sia qui compreso nel termine cultura. Essa include tutte le attività e gli interessi politici di un popolo. Il derby, la regata di Henley, Cowes, il 12 agosto, la finale di campionato, le corse dei cani, il tiro al bersaglio con le frecce, il formaggio Wesleydale, il cavolo bollito a pezzi, le barbabietole nellaceto, le chiese gotiche dell800 e la musica di Elgar. Il lettore può fare da sé la sua lista. Dovremo poi affrontare la strana idea che quel che è parte della nostra cultura è anche parte della nostra religione vissuta. T.S. Eliot, Appunti per una definizione della cultura, 1949 A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

5 Thomas Stearns Eliot Nobel per la letteratura 1948 Thomas Stearns Eliot (26 settembre gennaio 1965) fu uno dei maggiori rappresentanti della poesia moderna anglosassone, oltre che un drammaturgo e un critico letterario. Tra le sue opere poetiche più importanti figurano Il canto d'amore di J. Alfred Prufrock, e La terra desolata e I cori da "La Rocca". A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

6 Cultura, termine di origine latina che significava coltivare, luso fu esteso poi a tutte le attività e situazioni che richiedevano unassidua cura, dalla cura verso gli dei, quello che tuttora chiamiamo culto, alla coltivazione degli esseri umani ovvero la loro educazione. Da questultima accezione deriva il valore di cultura nel suo senso moderno: il complesso di conoscenze (tradizioni e saperi) che ogni popolo considera fondamentali e degni di essere trasmessi alle generazioni successive. Nella nostra civiltà occidentale il concetto di cultura è divenuto erroneamente sinonimo di conoscenza di quanto depositato nei libri (cultura alta) vi è quindi la tendenza a considerare persone colte o addirittura uomini di cultura coloro che hanno letto tanti libri. In società come la nostra oramai la cultura non si identifica esclusivamente con le tradizioni scritte, ma con le nuove tecnologie multimediali (ipertesti, immagini e suoni) per questo i grandi mezzi di comunicazione sono responsabili della cultura di massa … (cultura bassa?) A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

7 Il termine cultura nei Cultural Studies Raymond Williams, fondatore dei cultural studies:a whole way of life, ossia una molteplicità di modi di vivere già esistenti o possibili, e alle loro forme organizzative e di comunicazione (1) Tutto quello che produce luomo può essere considerato cultura. (1)(C. LUTTER-M.REISENLEITNER, Cultural Studies, 2004). A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

8 I media infatti non sono semplici strumenti neutri; essi sono al tempo stesso mezzo e messaggio, portatori di una nuova cultura che «nasce, prima ancora che dai contenuti, dal fatto stesso che esistono nuovi modi di comunicare, con nuovi linguaggi, nuove tecniche, nuovi atteggiamenti psicologici». La loro incidenza sui modi di pensare e di agire, sugli stili di vita, sulla coscienza personale e comunitaria, in una parola sulla cultura e sulla stessa evangelizzazione fa sì che la Chiesa «non può non impegnarsi sempre più profondamente nel mutevole mondo delle comunicazioni sociali». Comunicazione e Missione n° 4 A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

9 La Chiesa non solo «si sentirebbe colpevole di fronte al suo Signore se non adoperasse questi potenti mezzi che lintelligenza umana rende ogni giorno più perfezionati», ma insieme comprende che, per realizzare il mandato di Gesù, «non basta quindi usarli per diffondere il messaggio cristiano e il Magistero della Chiesa, ma occorre integrare il messaggio stesso in questa nuova cultura creata dalla comunicazione moderna» Comunicazione e Missione n° 4 A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

10 2. I media come ambiente I media non sono più uno schermo che si guarda, una radio che si ascolta. Sono unatmosfera, un ambiente nel quale si è immersi, che ci avvolge e ci penetra da ogni lato. Noi stiamo in questo mondo di suoni, di immagini, di colori, di impulsi e di vibrazioni come un primitivo era immerso nella foresta, come un pesce nellacqua. E il nostro ambiente, i media sono un nuovo modo di essere vivi. C.M. Martini Il lembo del mantello, 1991 A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

11 Dalla storia della comunicazione si evince «che le trasformazioni del modo di trasmettere le informazioni comportano trasformazioni nel nostro modo di percepire e di definire il mondo» (1), Ossia il nostro ambiente… (1) M.DOGLIO, Media e scuola. Insegnare nellepoca della comunicazione, Lupetti, 2000, p.20 A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

12 Ogni nuovo linguaggio ha uninevitabile ricaduta antropologica e sociale, ossia condiziona lesistenza, la mentalità e le relazioni delle persone. Determina lo sviluppo di atteggiamenti e di sensibilità differenti: ad esempio una maggiore capacità intuitiva rispetto a quella analitico-sistematica, ma anche una diversa organizzazione logica del discorso e del pensiero, del tempo e dello spazio. Comunicazione e Missione n° 11 A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

13 Dalloralità alla scrittura… Dalla scrittura alla stampa… Dalla stampa alleletttricità-elettronica: telegrafo, telefono, radio, televisione, internet… Piccolo approfondimento: ogni scoperta comunicativa ha apportato rivoluzioni sociali; Estensioni al nostro corpo in senso spaziale M. McLuhan, Gli strumenti del comunicare, ed. Net, Milano 2002 (primissima edizione 1967) A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

14 «Qualunque siano le idee e le opinioni che noi abbiamo dei mezzi, la comunicazione tra gli esseri umani non può non prescindere dalla loro esistenza e dalla loro utilizzazione». (1) DOGLIO, Media e scuola. Insegnare nellepoca della comunicazione, p. 21 Prima conclusione A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

15 3. I media come esperienza I media sono oggi parte del tessuto generale dellesperienza […] Ecco dunque il punto di partenza: lesperienza, la mia e la vostra, e la sua normalità. […] Infatti media sono in primo luogo normali, sono una presenza costante nella nostra vita quotidiana. […] Ne consegue la necessità di riconoscere la realtà dellesperienza: le esperienze sono concrete, anche quelle mediali. R. Silverstone, Perché studiare i media ?, 2002 A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

16 Un nuovo sistema da comprendere perché in continua evoluzione … A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

17

18

19

20

21

22

23

24

25 Che cos'è il senso comune? […] Per certi versi, è la cultura in cui ciascuno è inserito. Ma il senso comune è cultura secondo un'accezione particolare: è la cultura in quanto e per la parte in cui è data per scontata. Esso intende tutto ciò riguardo a cui, interrogati, risponderemmo che "è ovvio", o che "lo sanno tutti" e dunque non vale la pena di metterlo in dubbio […] Pensare, agire e vedere secondo il senso comune significa infatti, per ciascuno, farlo secondo ciò che egli crede che ciascun altro penserebbe, farebbe o vedrebbe al suo posto […] Così, mentre ne attribuisce ad altri la responsabilità, ne è lui il responsabile. P. Jedlowski, Un giorno dopo laltro, I media come senso comune A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

26 5. I media come responsabilità Linferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce nè uno è quello che è già qui, linferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare linferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e sapere riconoscere chi e cosa, in mezzo allinferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. I. Calvino, Le città invisibili, 1972 A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

27 Responsabilità Proprio perché così potenti, i media possono comportare non pochi rischi, ad esempio inducendo a una sorta di evasione dalla realtà o, paradossalmente, allisolamento. Se usati per condizionare la vita democratica, politica ed economica, possono risultare devastanti per i singoli come per il sistema sociale. Per questo la Chiesa è stata sempre vigile e prudente. Essa «sa pure che gli uomini possono usarli contro il piano di Dio creatore e volgerli a propria rovina; anzi, è afflitta da materno sentimento di dolore per i danni che molto spesso il loro cattivo uso ha provocato allumanità». Più crescono le potenzialità più devono essere rafforzate la vigilanza e la capacità critica. Comunicazione e Missione n° 7 A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

28 Domande da porsi … Perché dovremmo conoscere la nuova cultura mediale? Perché in un corso su Gesù comunicatore si parte dalla conoscenza del contesto sociale e culturale in cui siamo immersi? A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione

29 Se Gesù è il perfetto comunicatore, dovremmo imparare da lui come comunicare e cosa comunicare… A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore prima lezione


Scaricare ppt "Gesù Cristo perfetto comunicatore Communio et progressio n°11. Durante lesistenza terrena Cristo si è rivelato perfetto comunicatore Perché oggi è importante."

Presentazioni simili


Annunci Google