La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 1 I possibili atteggiamenti di fronte allesperienza religiosa ATEISMO = negazione dellesistenza di Dio AGNOSTICISMO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 1 I possibili atteggiamenti di fronte allesperienza religiosa ATEISMO = negazione dellesistenza di Dio AGNOSTICISMO."— Transcript della presentazione:

1 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 1 I possibili atteggiamenti di fronte allesperienza religiosa ATEISMO = negazione dellesistenza di Dio AGNOSTICISMO = negazione della possibilità di conoscere, di affermare qualsiasi cosa su Dio INDIFFERENZA RELIGIOSA = (o ateismo pratico) non porsi il problema dellesistenza di Dio, vivere come se non ci fosse (riferimenti sul testo: pagg )

2 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 2 Il Sacro Nel linguaggio comune, SACRO e DIVINO sono termini che sono usati solitamente come sinonimi propriamente, nel linguaggio delle scienze della religione, per SACRO si intende un concetto distinto rif. pp.15, 33ss.

3 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 3 Il Sacro Si intende per SACRO tutto ciò che appartiene alla sfera umana-sensibile, al mondo naturale (quindi, oggetti, luoghi, persone, tempi, gesti…), e che, nello stesso tempo, manifesta la presenza del divino, e quindi appartiene o è parte del divino stesso

4 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 4 Il LUOGO SACRO (rif. pp.34-35) Si intende per SPAZIO (luogo) SACRO quella porzione dello spazio naturale in cui si manifesta la presenza del divino o in cui il divino abita il concetto di abitare va inteso, ovviamente in senso analogico (cioè, come se…)

5 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 5 Il LUOGO SACRO ma va specificato che per le religioni arcaiche (primitive e antiche), questo abitare in senso analogico, ha anche un senso quasi proprio, letterale, nel senso che il divino è in qualche modo realmente, fisicamente presente in un determinato luogo piuttosto che in un altro, e quindi lincontro con il divino è possibile solo allinterno dello spazio sacro

6 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 6 Il LUOGO SACRO nelle religioni MONOTEISTE, invece, la presenza del divino nel luogo sacro è interpretata nel senso che egli è presente nel luogo sacro nello stesso modo in cui è presente in tutto lo spazio (quindi, lincontro con la divinità è possibile ovunque) il luogo sacro allora, in queste religioni, assume un valore diverso, è individuato in modo diverso

7 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 7 Il LUOGO SACRO nelle religioni ARCAICHE, il luogo sacro è individuato dalla MANIFESTAZIONE (TEOFANIA o IEROFANIA ) della divinità in esso nelle religioni MONOTEISTE invece, il luogo sacro è individuato perché è collegato a fatti storici legati a quella tradizione religiosa perché quel luogo era già precedentemente considerato sacro

8 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 8 LASSOLUTO (rif. p. 31) Lassoluto può essere concepito essenzialmente in due modi nelle diverse religioni: come entità IMPERSONALE, cioè priva di caratteri personali quali, intelletto, pensiero, volontà, capacità dialogica, (ad esempio, come LEGGE, o FORZA, o ENERGIA) oppure come entità PERSONALE, cioè dotata delle cose sopra citate (e quindi come una DIVINITA appunto)

9 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 9 Il MITO (rif. p. 32) Il mito è la forma essenziale nella quale si esprimono le religioni arcaiche è come forma un RACCONTO ORALE relativo allorigine della realtà nel suo insieme (MITI COSMOGONICI) o di suoi aspetti particolari che ha luogo, accade nellambito del rito religioso (il racconto mitico non si presenta mai slegato da una funzione e da un contesto religiosi)

10 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 10 Il MITO (rif. p. 32) La funzione del MITO è quella di FORNIRE SENSO ALLA REALTÀ attraverso lo spiegare che tutte le cose hanno unorigine, cioè una ragione, una causa, e che quindi la realtà è ORDINATA, RAZIONALE, SENSATA il mito svolge quindi una funzione (religiosa)di attribuzione di senso alla realtà,

11 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 11 Rito e Culto Per RITO si intende unazione codificata, quindi di carattere ripetitivo, che esprime una serie di significati che tendono a stabilire e rafforzare i legami fra gli individui di un gruppo umano e fra esso e il divino in senso generale, per CULTO si intende linsieme dei riti di una certa tradizione religiosa in maniera più specifica, il CULTO è un rito che ha come oggetto il divino

12 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 12 Rito e Culto il RITO invece non ha come oggetto specifico il divino, ma appunto stabilisce una serie di vincoli e regole allinterno dei rapporti sociali Un esempio di tali riti sono ad esempio i riti di PASSAGGIO o di INIZIAZIONE che segnano le tappe fondamentali della vita dellindividuo in seno al gruppo (nascita, maturità, matrimonio, morte, fertilità)

13 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 13 Rito e Culto il termine CULTO rimanda, da un punto di vista etimologico, al verbo latino COLERE, e quindi al concetto di coltivare, prendersi cura di, prestare attenzione a non a caso lo stesso termine è alla radice dei concetti di CULTO, COLTIVAZIONE- COLTURA, CULTURA

14 a cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 14 Rito e Culto infatti il CULTO e la COLTIVAZIONE sono, nelle civiltà arcaiche, due modi per interagire con la stessa realtà infatti, la NATURA e il DIVINO sono sfere strettamente connesse, due facce della stessa realtà e il gesto delluomo di coltivare o cacciare è in fondo un atto di culto così come il gesto cultuale è strettamente funzionale alla caccia o alla coltivazione


Scaricare ppt "A cura del prof. P. Vezzoni Appunti Irc / 1 I possibili atteggiamenti di fronte allesperienza religiosa ATEISMO = negazione dellesistenza di Dio AGNOSTICISMO."

Presentazioni simili


Annunci Google