La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COLT Progetto COLT Classificazione delle cOLture in atto con il Telerilevamento Descrizione del ruolo dellanalisi delle immagini satellitari Spot 5 Una.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COLT Progetto COLT Classificazione delle cOLture in atto con il Telerilevamento Descrizione del ruolo dellanalisi delle immagini satellitari Spot 5 Una."— Transcript della presentazione:

1 COLT Progetto COLT Classificazione delle cOLture in atto con il Telerilevamento Descrizione del ruolo dellanalisi delle immagini satellitari Spot 5 Una sperimentazione di applicazione integrata telerilevamento - Gis Andrea Spisni e Vittorio Marletto 20/11/2005

2 COLT SCOPOSCOPO: Strumento territoriale indipendente di individuazione delle colture per valutare i consumi idrici attesi tramite modello Criteria. OBBIETTIVI DEL TELERILEVAMENTO:OBBIETTIVI DEL TELERILEVAMENTO: classificare le colture agricole in atto per inizio giugno in modo da fornire i dati per lapplicazione del modello. DESTINATARIDESTINATARI: consorzi di bonifica e regione. AREA TESTAREA TEST: pianura compresa tra Bologna e Reggio-Emilia. STRUMENTISTRUMENTI: analisi di immagini satellitari Spot 5 e modello Criteria

3 COLT Base dati Spot 5 Satellite francese a 10 m di risoluzione spaziale e 4 bande di acquisizione Sensori Ris. Spettr. Ris. geom.Ampiezza HRG P : 0,48 - 0,71 m 5 m60 km B1 : 0,50 - 0,59 m 10 m60 km B2 : 0,61 - 0,68 m 10 m60 km B3 : 0,78 - 0,89 m 10 m60 km B4 : 1,58 - 1,75 m 20 m60 km Végétation B1 : 0,50 - 0,59 m 1 km2200 km B2 : 0,61 - 0,68 m 1 km2200 km B3 : 0,78 - 0,89 m 1 km2200 km B4 : 1,58 - 1,75 m 1 km2200 km HRS P : 0,48 - 0,71 m 10 m120 km

4 COLT Probabile area di acquisizione. Il sensore acquisisce su unarea indicativa di 60 x 60 km 2 puntabile. Consorzi coinvolti da est: 1.Reno-Palata 2.Burana-Leo- Scoltenna-Panaro 3.Bonifica Parmigiana Moglia Secca

5 COLT In fase di progettazione si è stabilito di acquisire quattro immagini durante il periodo compreso tra novembre e maggio. Le colture prevalenti individuate sono: –Erbacee: grano, medica e prati stabili, mais, barbabietola, riso, pomodoro, cocomero e melone, soia, sorgo, patata. –Arboree: vite, pero, pioppo, melo, prugno, pesco. Nella loro definizione è importante il supporto fornito dai consorzi che meglio conoscono le dinamiche agricole del territorio. I maggiori sforzi saranno concentrati sulle coltivazioni erbacee

6 COLT DATE OTTIMALI DI ACQUISIZIONE Le date ottimali sono state definite in base ai periodi in cui risultano massime le differenze fenologiche delle colture prevalenti, soprattutto di quelle a maggior fabbisogno idrico: 1.Novembre (ottimale 01-15/11) 2.Febbraio (ottimale 01-29/02) 3.Aprile (ottimale 20-30/04) 4.Maggio (ottimale 10-20/05) Le fasi fenologiche sono state individuate tramite la stazione agro-fenologica di Cadriano (BO) gestita dallUniversità di Bologna. Come riferimenti principali sono state prese le seguenti specie: Grano e orzo, Medica, Barbabietola, Patata, Mais, Pomodoro. Queste colture rappresentano specie o a nullo o ad alto fabbisogno irriguo.

7 COLT NOTE ALLE DATE OTTIMALI Novembre: discriminazione arboree (fg secche ed inerbimento)/erbacee (prati e seminativi), seminativi autunno-vernini in prime fasi di sviluppo, medica e prati verdeggianti Febbraio: nei fruttetti prevale inerbimento, medica e prati stabili ingialliscono con gelate, seminativi autunno-vernini in fase di accestimento-levata, seminativi primaverili non ancora presenti (suolo nudo arato) Aprile: sulle file piante visibili di barbabietola e patata (15 gg precedente piantine molto piccole), meloni e cocomeri in tunnel e prossimi alla rimozione delle protezioni, medica in massima copertura, seminativi autunno-vernini in spigatura, frutteti in fioritura Maggio: barbabietola e patata in piena crescita, mais in crescita, sfalcio della medica nella prima decade di maggio, orzo e avena ingialliti, frumento ancora verde, ma in calo (il 25 già visibilmente giallo), frutteti con foglie.

8 COLT METODOLOGIA Preparazione del database per la compilazione dei dati in campo su GPS. Ordine delle immagini e gestione delle acquisizioni. Georeferenziazione in coordinate UTM 32 WGS84. Raccolta delle verità a terra per ognuna della quattro immagine. Definizione delle aree di controllo. Scelta del classificatore in base alla separabilità delle classi. Classificazione. Affinamento dei risultati. Restituzione della mappa delle colture in formato raster. Applicazione del modello Criteria.

9 COLT Un esempio di catena di elaborazione. Per ogni coltura verranno raccolti due punti a consorzio parzialmente distribuiti Aree di controllo Classificazione Firme spettrali derivate

10 COLT RUOLO OTTIMALE DEI CONSORZI Fornire indicazioni su colture principali: 1.specie, 2.momento di semina, 3.fasi fenologiche con foto. Se disponibile localizzazione delle colture per indirizzare i rilievi. Assistenza alla pianificazione dei rilievi. Assistenza nei rilievi da eseguire in contemporanea allacquisizione o in date prossime.

11 COLT PROBLEMATICHE 1.Il periodo considerato presenta una climatologia non favorevole sotto laspetto della copertura nuvolosa, quindi si potrebbe verificare di dover ridurre larea test, mascherando le zone coperte da nubi. 2.Altro problema sorge poichè il gestore del satellite deve eseguire altre acquisizioni di priorità maggiore durante le date richieste.

12 COLT Passaggi di Landsat 5 p/r 192/29 10/01/ /01/ /02/ /02/ /03/ /03/ /04/ /05/ /05/2008 PROBLEMATICHE Alternative a Spot: Landsat 5 (23 anni di esercizio) 30 m di risoluzione spaziale 7 bande di acquisizione In questo caso si incorre nel rischio di deterioramento della risoluzione che da 10 m passa a 30 m.

13 COLT RISULTATI ATTESI 1.Entro inizio giugno deve essere prodotta una mappa in scala indicativa 1: con la distribuzione delle colture individuate sullarea test. 2.La classificazione servirà come base per il calcolo dei consumi idrici tramite il modello Criteria 2.La classificazione servirà come base per il calcolo dei consumi idrici tramite il modello Criteria. 3.I risultati sopra descritti saranno forniti ai consorzi e allassessorato agricoltura RER per la gestione della risorsa idrica in tempo reale. 4.In caso di problemi legati allacquisizione/elaborazione dei dati, un prodotto ottenibile può essere individuato come la separazione tra colture idroesigenti (estive) e non (invernali).

14 COLT Proposta del 11/11/2007 Foschia sulla zona nord-est

15 COLT Grazie per lattenzione Per maggiori informazioni Andrea Spisni Andrea Spisni : Vittorio Marletto Vittorio Marletto : 20/11/2005


Scaricare ppt "COLT Progetto COLT Classificazione delle cOLture in atto con il Telerilevamento Descrizione del ruolo dellanalisi delle immagini satellitari Spot 5 Una."

Presentazioni simili


Annunci Google