La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli stati italiani alla fine del 1400. Sviluppo economico e frammentazione statale Contrasto nell’Italia fra Quattrocento e Cinquecento: sviluppo culturale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli stati italiani alla fine del 1400. Sviluppo economico e frammentazione statale Contrasto nell’Italia fra Quattrocento e Cinquecento: sviluppo culturale."— Transcript della presentazione:

1 Gli stati italiani alla fine del 1400

2 Sviluppo economico e frammentazione statale Contrasto nell’Italia fra Quattrocento e Cinquecento: sviluppo culturale (egemonia culturale in Europa) ed economico (paragonabile alle zone delle Fiandre e della Germania)  debolezza politica. Al di là delle Alpi, secoli XIV-XV: Stati nazionali (Francia, Inghilterra, Spagna) Italia: divisa in numerosi Stati - nessuno abbastanza forte per conquistare gli altri - tutti discordi e gelosi per formare una federazione Italia divisa  debole  facile meta di conquista

3 Gli Stati regionali italiani Repubblica di Venezia Ducato di Milano Repubblica di Firenze Stato Pontificio Regno di Napoli

4 Gli Stati regionali italiani Ducato di Savoia Marc. di Saluzzo e Monf. Marchesato di Mantova Duc. di Modena e Ferrara Ducato di Urbino Repubblica di Genova Repubblica di Lucca Repubblica di Siena

5 Repubblica di Venezia Il maggiore Stato italiano retta da un’oligarchia patrizia; ricca, chiusa in sé una potenza commerciale: –verso l’Europa settentrion. –verso il Mediterraneo e il Medio Oriente pieno controllo dei propri traffici  flotta comm. e militare (arsenale)

6 Repubblica di Venezia Potenza marinara: –Mediterraneo –Levante Potenza territoriale: consolidare e ampliare i domini di terraferma –Lombardia –le regioni adriatiche dell’Italia centrale e meridionale

7 Repubblica di Venezia Francesco Foscari ( ) –dogato più lungo –la maggiore espansione territoriale

8 Ducato di Milano Geograficamente in posizione cruciale: –vantaggi: via di transito –svantaggi: tensioni espansionistiche (Venezia, Confederazione svizzera)

9 Ducato di Milano : gli Sforza –Francesco Sforza –Lodovico Sforza (il Moro) Castello Sforzesco (fondato dai Visconti)

10 Ducato di Milano Francesco Sforza Stato: forte accentramento –solido apparato burocratico –fiorente industria tessile –fiorente industria militare (  Venezia) –incremento dell’agricoltura –Ospedale Maggiore (Filarete)

11 Ducato di Milano Lodovico il Moro Beatrice d’Este Mecenate –Leonardo da Vinci –Bramante Milano: la più ricca e splendida città d’Italia

12 Repubblica di Firenze : signoria dei Medici - formalmente non signori, ma un potere oligarchico ed ereditario

13 Repubblica di Firenze Cosimo il Vecchio: magistrature a lui fedeli: –Consiglio dei Cento (Consiglio dei Settanta)

14 Repubblica di Firenze Lorenzo il Magnifico ( ): politica di „equilibrio”

15 Repubblica di Firenze Economia: solidità e prestigio (industria serica) grandissimo centro finanziario: dinastie di banchieri - Medici, Gondi Strozzi Punti deboli: –declino dell’industr. laniera –deficienza di beni aliment. –debolezza militare

16 Stato pontificio Stato teocratico: sede del centro della Chiesa cattolica Duplice oligarchia: –alto clero (governo, amministrazione) –signori laici (titolari di domini di origine feudale): lotta fra loro e con il centro romano  debolezza interna

17 Stato pontificio Non potere ereditario  periodicamente crisi Papi più che capi religiosi principi terreni  loro periodo di potere: rafforzare la posizione della loro famiglia  nepotismo (Alessandro VI, ; Giulio II, )

18 Regno di Napoli e Sicilia : gli Aragonesi Società: –potente feudalità baronale –borghesia: ristretta, debole, priva di influenza politica –contadini Napoli: il più grande centro urbano d’Italia (plebe miserabile)

19 Regno di Napoli e Sicilia Alfonso d’Aragona ( ): –sviluppo ec. e civile –stagione umanistica della cultura meridion. (Jacopo Sannazaro, Pietro Beccadelli ecc.) –Alfonso il Magnanimo –testimonianze nel patrimonio artistico

20 Regno di Napoli e Sicilia Arco marmoreo del Castel Nuovo

21 Regno di Napoli e Sicilia Castel Nuovo

22 Regno di Napoli e Sicilia 1458 –Nap. al figlio Ferrante –Sic. al figlio Giovanni Porta Capuana (1484)

23 Italia divisa: meta di conquista Al di là delle Alpi, secoli XIV-XV: Stati nazionali (Francia, Inghilterra, Spagna) Italia: divisa in numerosi Stati - nessuno abbast. forte per conquistare gli altri - tutti discordi e gelosi per formare una feder. Italia divisa  debole  facile meta di conquista


Scaricare ppt "Gli stati italiani alla fine del 1400. Sviluppo economico e frammentazione statale Contrasto nell’Italia fra Quattrocento e Cinquecento: sviluppo culturale."

Presentazioni simili


Annunci Google