La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese Bologna, 15 Maggio 2015 – Renzo Panzacchi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese Bologna, 15 Maggio 2015 – Renzo Panzacchi."— Transcript della presentazione:

1 Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese Bologna, 15 Maggio 2015 – Renzo Panzacchi

2 Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese Tra la fine del 2012 e la primavera del 2013 il GAL APPENNINO BOLOGNESE ha messo a punto il Progetto di Cooperazione interterritoriale “Valorizzazione del Patrimonio Forestale” Misura 421 TITOLO AZIONE: Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

3 Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese Il Consorzio Castanicoltori dell’Appennino Bolognese è sempre stato in prima linea nella lotta alla vespa cinese, attenendosi alle prescrizioni del SFSR e partecipando attivamente alla laboriosa logistica richiesta dalla lotta biologica a questo temibile parassita. Anche nell’ambito del progetto GAL oggetto di questa presentazione, il Consorzio ha svolto fino in fondo il proprio compito, partecipando con una quota di co-finanziamento di Euro e diventando così il principale partner privato del progetto.

4 Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese Il progetto si è concentrato in modo particolare sulla lotta agli insetti che creano i danni più pesanti alla produzione. Determinante è stato il contributo del Servizio Fitosanitario della Regione e del Centro Agricoltura e Ambiente, sia nel pianificare le attività operative, sia direttamente in castagneto per la loro applicazione.

5 Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese SpecieDanno provocatoGravità Pammene fasciana Caduta precoce dei ricci * Cydia fagiglandana Bacato *** Cydia splendanaBacato *** Curculio elephasBacato * Dryocosmus kuriphilus Riduzione della fioritura Riduzione della vegetazione **** Le avversità e i danni provocati

6 Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese L’argomento certamente più “di moda” è quello della vespa cinese, ma ve ne parleranno altri, anche se nell’ambito del progetto il Consorzio Castanicoltori dell’Appennino Bolognese ha effettuato 23 dei 43 lanci previsti. Vi parlerò invece dell’attività messa in campo verso gli altri insetti, in particolare verso le cydie.

7 Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese Le cydie sono tre e a differenza della vespa cinese sono insetti indigeni, ben conosciuti da sempre per i gravi danni che riescono a provocare al raccolto. Infatti il cosiddetto “bacato” provoca una perdita di raccolto compresa tra il 40 e il 60%

8 Danno estetico Danno commerciale Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese Il danno alla raccolta

9 Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese Pammene fasciana Tortrice precoce Cydia splendana Tortrice tardiva Cydia fagiglandana Tortrice intermedia Le cydie

10 Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese Ciclo riproduttivo delle cydie: Hanno una sola generazione all’anno Cadono a terra insieme al riccio che hanno danneggiato Le larve si interrano Svernano come larva matura nel terreno L’insetto adulto, una farfalla, risale sul castagno Il ciclo ricomincia

11 Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese Per contrastare la presenza delle cydie, il progetto prevedeva prove con nematodi entomopatogeni e monitoraggio delle specie di Cydie presenti in castagneto. In pratica, due azioni: a)Monitoraggio della presenza delle varie cydie con l’impiego di trappole a feromoni b) Prove con nematodi entomopatogeni

12 Le trappole a feromoni permettono di valutare: la presenza delle specie fitofaghe le curve di volo La quantità di adulti presenti il rischio di danno alla raccolta Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese

13 Il monitoraggio Le trappole a feromoni sono specifiche Vanno controllate settimanalmente Da Giugno a Ottobre Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese

14 Il monitoraggio

15 Sono animali microscopici; Sono vivi; In basse densità sono naturalmente presenti nell’ambiente; Non rappresentano un pericolo per l’uomo e per altri animali; Sono impiegabili in agricoltura biologica. Che cosa sono i nematodi entomopotogeni Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese

16 Larva di Cydia (ospite) Nematode Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese

17 Si interviene contro le larve svernanti nel terreno Il prodotto va distribuito sul terreno per colpire le larve svernanti; Occorre trattare a seguito di piogge e con T> 12°C; Nel trattamento bisogna aver cura di bagnare il terreno e non la vegetazione sottostante; Tecnica d’impiego Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese

18 Problemi da risolvere Trattamento vincolato a pioggia, temperatura e disponibilità idrica Difficoltà di accesso e pendenze Efficace solo sullo stadio svernante delle cydie Rischio di reinfestazioni dall’esterno Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese

19

20

21 Az. Menetti 2014

22 Az. Monari 2014

23

24 Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese Nell’autunno 2015 si potranno trarre i primi risultati confrontando la % di bacato dei frutti raccolti nell’area trattata con i nematodi rispetto ai frutti raccolti nell’area non trattata Infine, da Giugno 2016 a Ottobre 2016, ricollocando le trappole a feromoni sarà possibile un confronto numerico con gli insetti catturati nel 2014

25 Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese GRAZIE PER L’ATTENZIONE


Scaricare ppt "Consorzio Castanicoltori Appennino Bolognese Bologna, 15 Maggio 2015 – Renzo Panzacchi."

Presentazioni simili


Annunci Google