La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

METODI DI CAMPIONAMENTO ENTOMOLOGICO Massimo Meregalli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "METODI DI CAMPIONAMENTO ENTOMOLOGICO Massimo Meregalli."— Transcript della presentazione:

1 METODI DI CAMPIONAMENTO ENTOMOLOGICO Massimo Meregalli

2 Retino per farfalle In materiale metallico, la rete è costruita in materiale sintetico.La struttura permette di essere smontata per agevolarne il trasporto.

3 Retino per farfalle

4 Il censimento a seconda delle diverse specie, deve essere attuato a diverse altezze. Alcuni lepidotteri vivono sulle cime sommitali degli alberi (canopea) e per questo occorrono retini aventi manici molto lunghi.In altre situazioni,loperatore deve essere imbragato e innalzato alla sommità degli alberi.

5 Retino falciatore

6

7 Si differenzia dai retini visti prima per la forma romboidale dellapertura.Il particolare modo dutilizzo fa sì che occorra avere delle superfici piatte e non circolari.

8 Retino falciatore Loperatore, prestando attenzione di tenersi di fronte il sole può iniziare a falciare il terreno. E necessario che la propria ombra non venga proiettata innanzi perché gli insetti metterebbero in atto un particolare comportamento antipredatorio che renderebbe meno proficua la cattura. La tanatosi, ossia il farsi cadere e mostrarsi morti, è una strategia che gli insetti utilizzano in caso di presenza di un possibile predatore. Gli insetti immobili a terra sono più difficili da catturare con un retino falciatore e la stima che verrebbe eseguita risulterebbe sottodimensionata rispetto la popolazione.

9 Retino per artropodi acquatici Utilizzato per la cattura di artopodi che vivono in ambiente acquatico, ha le maglie costituite da materiale alquanto resistente.Al fondo della rete si trova un contenitore in plexiglass che può venire smontato per la raccolta degli insetti

10 Ombrello entomologico Di semplice fattura, viene posto alla base degli arbusti, degli alberi. Loperatore si pone al di sotto della vegetazione e provoca la caduta degli animali presenti su di essa. Solitamente la tanatosi viene messa in atto anche in questo frangente dagli insetti i quali cadono sul telo. A questo punto loperatore può prelevare gli animali con un aspiratore.

11 Ombrello entomologico

12

13 Vaglio entomologico (Winkler) Utilizzato per analizzare le caratteristiche del popolamento del suolo. Rimossa la parte più superficiale costituita per lo più da copertura erbacea e dalla lettiera. La terra viene setacciata attraverso una rete le cui maglie misurano ½ o 1 cm.

14 Vaglio entomologico (Winkler)

15

16 Selezionatore di Berlese Metodo di estrazione dinamico Sfrutta la reazione di fuga della fauna del suolo dalla luce e dallessiccamento provocato da una fonte luminosa. Gli organismi che presentano per lo più fototassia negativa, si dirigono verso il fondo cadendo nellimbuto al fondo del quale si trova un contenitore di raccolta

17 Selezionatore di Berlese

18 Apparecchi per aspirazione Utilizzato in ambiente tropicale permette di raccogliere in breve tempo quantitativi notevoli di materia organica

19 Apparecchi per aspirazione

20 Apparecchi per aspirazione aerea Apparecchio utilizzato per la raccolta di artropodi a quote elevate. Trasportati dalle correnti aeree si possono rinvenire insetti fino a metri daltezza seppure in densità molto basse.

21 Trappola a caduta Occorre fare attenzione al giusto posizionamento delle trappole, ricordarsi il luogo dove le abbiamo messe e una volta che la ricerca è finita rimuoverle al fine di evitare inutili catture

22 Trappola a caduta

23 La trappola può essere arricchita di un esca. Va ricordato di coprirla al fine di evitare possa riempirsi dacqua. La soluzione che si trova nella trappola può essere costituita da acqua e sale (evita che i tessuti animali si degradino) oppure da alcool + acqua

24 Trappola a caduta

25 Trappola con esca

26 Trappole luminose

27

28

29

30

31 Trappole a feromoni

32 Oltre a indicazioni qualitative si possono ottenere anche indicazioni quantitative.

33 Trappole a feromoni

34 Trappole a CO 2 Utili nel caso di insetti che utilizzano lanidride carbonica come indicatore della presenza di animali: un esempio per tutti è la zanzara

35 Trappole a CO 2

36 Trappola Malaise

37 Posizionate in luoghi di passaggio, permettono la cattura di animali in volo. Gli animali cercando una via duscita verso lalto vengono spinti in un contenitore di raccolta posto allestremità superiore e sempre rivolto verso sud

38 Trappola Malaise

39 Raccolta, smistamento e preparazione 1. Raccolta e smistamento a. Lepidotteri diurni: bustine b. Lepidotteri notturni: bustine, iniezione di ammoniaca, flacone con vapori di etere, spillatura immediata

40 Raccolta, smistamento e preparazione 1. Raccolta e smistamento c. Coleotteri, emitteri, altri artropodi con esoscheletro fortemente chitinizzato: flaconi con segatura e vapori di etere; flaconi con miscela parti di alcool 70% parti acido acetico assoluto d. Altri insetti, aracnidi, altri artropodi: flaconi con alcool 70%.

41 Raccolta, smistamento e preparazione 2. Preparazione a. Lepidotteri: stenditoi

42 Raccolta, smistamento e preparazione 2. Preparazione b. Coleotteri, emitteri, ecc: grandi dimensioni, spillati; piccole dimensioni: incollati su cartellino

43 Raccolta, smistamento e preparazione 2. Preparazione c. Imenotteri: di solito spillati d. Aracnidi, Miriapodi, insetti scarsamente chitinizzati: flaconi con alcool 70%

44 Conservazione a. Materiale cartellinato o spillato e conservato a secco: scatole entomologiche b. Materiale in alcool: flaconi a chiusura ermetica

45


Scaricare ppt "METODI DI CAMPIONAMENTO ENTOMOLOGICO Massimo Meregalli."

Presentazioni simili


Annunci Google