La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA VALUTAZIONE DELLA GOVERNANCE DI PIANO Piano di zona dei Comuni di Beinasco, Bruino, Orbassano, Piossasco, Rivalta di Torino, Volvera, ASL TO 3 Distretto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA VALUTAZIONE DELLA GOVERNANCE DI PIANO Piano di zona dei Comuni di Beinasco, Bruino, Orbassano, Piossasco, Rivalta di Torino, Volvera, ASL TO 3 Distretto."— Transcript della presentazione:

1 LA VALUTAZIONE DELLA GOVERNANCE DI PIANO Piano di zona dei Comuni di Beinasco, Bruino, Orbassano, Piossasco, Rivalta di Torino, Volvera, ASL TO 3 Distretto di Orbassano e Consorzio CIdiS A cura di: D.ssa Cristina Pukly Direttore CIdiS Orbassano Torino, 18 – 19 marzo 2009 Il ruolo delle Province nella promozione dello sviluppo locale

2 Allinterno dellUfficio di Piano – nel luglio è stato nominato con delibera del Comitato dei Sindaci il GRUPPO di VALUTAZIONE del Piano di Zona, composto da 5 operatori che rappresentano: lASL, un Comune, la Provincia, il Terzo Settore ed il Consorzio. Ai quali è stato affidato lincarico di fare il monitoraggio delle singole azioni del PdZ e delle aree tematiche oltre allarduo compito della Valutazione della governance. Torino, 18 – 19 marzo 2009 Il ruolo delle Province nella promozione dello sviluppo locale

3 Come si valuta la governance? La valutazione rappresenta uno strumento abituale di lavoro, ma la governance cosè? Per questo motivo abbiamo richiesto alla Provincia di Torino il finanziamento di un corso di formazione sulla valutazione della governance ed abbiamo iniziato questo cammino con la Società di Padova emme&erre. Così siamo stati in grado di definire cosè per noi la governance: il modo in cui il PdZ è stato governato: la rete, gli agenti di cambiamento, i processi strategici e le buone pratiche. Torino, 18 – 19 marzo 2009 Il ruolo delle Province nella promozione dello sviluppo locale

4 Il Consorzio, nellambito del Progetto europeo Qualiter – in partnership con la Provincia di Torino, ha avuto lopportunità – durante la fase concertativa – di sottoporre ai partecipanti dei tavoli tematici un questionario elaborato dallUniversità degli Studi di Torino, Dipartimento di Scienze Sociali, volto a misurare il livello di soddisfazione del percorso concertativo ed il risultato è stato più che positivo. Torino, 18 – 19 marzo 2009 Il ruolo delle Province nella promozione dello sviluppo locale

5 rete Nellaffrontare, quindi, la valutazione della governance siamo tornati ad interrogarci sulla rete, utilizzando la correlazione con alcuni verbi che ne descrivevano il concetto. I verbi che meglio lhanno rappresentato sono stati: collaborare, co-progettare, conoscere ed imparare, tutti hanno descritto azioni positive. Ci si è accorti che il rapporto tra governo tecnico e governo politico è stato un nodo critico e questo è derivato, probabilmente, dal ruolo che gli intervistati hanno agito allinterno del PdZ. Torino, 18 – 19 marzo 2009 Il ruolo delle Province nella promozione dello sviluppo locale

6 Il PdZ ha attivato nuove reti e, pertanto, reti giovani ed il rischio che si corre è quello che spariscano una volta concluso il PdZ e la difficoltà maggiore è quella del loro funzionamento quotidiano. agenti di cambiamento Laltro aspetto preso in esame è stato quello di indagare sugli agenti di cambiamento (Leader) ovvero su coloro che sono in grado di essere promotori di un cambiamento significativo allinterno di un dato contesto sia per le capacità personali Torino, 18 – 19 marzo 2009 Il ruolo delle Province nella promozione dello sviluppo locale

7 che per il ruolo formale/informale agito. Il gruppo di valutazione, quindi, ha studiato alcune dimensioni legate allefficace gestione dei gruppi. o Dimensione sui confini del gruppo: gli agenti intervistati hanno manifestato una scarsa omogeneità sul processo di difesa dei confini; o Dimensione circa adempimento dei compiti del gruppo: gli agenti hanno ritenuto strategico Torino, 18 – 19 marzo 2009 Il ruolo delle Province nella promozione dello sviluppo locale

8 lassunzione di decisioni e la soluzione dei problemi; o Dimensione sulla gestione interpersonale del gruppo: gli agenti intervistati si sono espressi in modo poco omogeneo tranne che sullattenzione dei sentimenti reciproci dei membri. I processi strategici I processi strategici sono stati studiati mediante interviste approfondite agli agenti di cambiamento. Torino, 18 – 19 marzo 2009 Il ruolo delle Province nella promozione dello sviluppo locale

9 Gli spunti di riflessioni emersi riguardano: le caratteristiche ed il vissuto personale ed il cosa rifarei o cosa non farei più. buone pratiche Uno spazio finale, ma non per limportanza che ha avuto, è dedicato allo studio delle buone pratiche sia perché ci ha impedito di cadere nellautoreferenzialità sia perché ci ha dato la opportunità di verificare come sta funzionando il sistema. Torino, 18 – 19 marzo 2009 Il ruolo delle Province nella promozione dello sviluppo locale

10 Come si sceglie lazione da indagare come buona pratica? E necessario che abbia requisiti di: innovazione, efficacia, efficienza, utilità e soddisfazione. Le buone pratiche studiate sono state n. 3 ed hanno visto coinvolti soggetti provenienti da diverse organizzazioni: ASL, Provincia, Comuni, Scuole, Consorzio, Volontariato e Chiesa. Gli strumenti utilizzati sono stati dei questionari e delle interviste a testimoni privilegiati. Torino, 18 – 19 marzo 2009 Il ruolo delle Province nella promozione dello sviluppo locale

11 Tra le caratteristiche che devono avere le buone pratiche ce nè una assolutamente indispensabile: lutilità di ciò che si sta facendo perché questo determina leffettivo successo dellazione intrapresa, quindi è meglio che le azioni siano poche, ma fatte e valutate bene. Torino, 18 – 19 marzo 2009 Il ruolo delle Province nella promozione dello sviluppo locale


Scaricare ppt "LA VALUTAZIONE DELLA GOVERNANCE DI PIANO Piano di zona dei Comuni di Beinasco, Bruino, Orbassano, Piossasco, Rivalta di Torino, Volvera, ASL TO 3 Distretto."

Presentazioni simili


Annunci Google