La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Di Pietro Demurtas. È il nome di un pacchetto statistico implementato a partire dai primi anni ‘90 da Ihaka e Gentleman. È un linguaggio di programmazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Di Pietro Demurtas. È il nome di un pacchetto statistico implementato a partire dai primi anni ‘90 da Ihaka e Gentleman. È un linguaggio di programmazione."— Transcript della presentazione:

1 di Pietro Demurtas

2 È il nome di un pacchetto statistico implementato a partire dai primi anni ‘90 da Ihaka e Gentleman. È un linguaggio di programmazione che può essere considerato come un dialetto del linguaggio S, a sua volta creato nel 1976 nei Bell Laboratories e poi commercializzato come S-PLUS da Insightful2. È una comunità (l’R Developement Core Team) che include numerosi statistici e computer scientists di tutto il mondo, i quali sono interessati a migliorarlo e pubblicizzarlo. È un software open-source, ovvero gratuito.

3  di alta qualità. è implementato, tra gli altri, da importanti studiosi riconosciuti nell’ambito del calcolo statistico;  personalizzabile, poiché consente all’utente (esperto) di creare istruzioni per risolvere nuovi problemi o per migliorare le istruzioni già presenti  facilmente scaricabile da internet. Il download del software e dei pacchetti è effettuabile a partire dal Comprehensive R Archive Network (CRAN) all’indirizzo web:

4 A differenza dei pacchetti per l’analisi statistica più diffusi nell’ambito delle scienze sociali (ed ex: Spss), basati su interfacce grafiche user-friendly che tramite un click consentono di svolgere le operazioni desiderate, R è un software commanded-oriented: gli utenti digitano i comandi nel linguaggio di programmazione R e il software risponde interattivamente eseguendoli. NB: è stato creato un pacchetto che consente anche agli utenti meno esperti di svolgere le più diffuse operazioni statistiche mediante un’interfaccia grafica per molti versi simile a quella di Spss. Il pacchetto in questione si chiama R Commander (RCmdr) ed è facilmente scaricabile da R Studio.

5  Entrare nel sito  Dal menù di sinistra selezionare la voce CRAN.  Scegliere un CRAN geograficamente vicino (ad esempio Palermo, Padova, Milano).  Selezionare il download per il sistema operativo utilizzato (Mc, Windows, etc.)  Scegliere la distribuzione base.  Effettuare il download  Installare il software.

6  Il nucleo centrale di R è costituito da un software-interprete che esegue i comandi impartiti dagli utilizzatori e da alcuni pacchetti forniti inizialmente in modo da consentire le funzionalità di base.  Tutte le altre funzionalità possono essere aggiunte, scaricando i rispettivi pacchetti (ve ne sono più di 2000)!

7

8  Poiché l’interfaccia base di R non è facile da utilizzare, è stato creato un ambiente di sviluppo chiamato R-Studio, anch’esso gratuito e scaricabile da internet.  R studio è user-friendly poiché consente di eseguire alcune operazioni mediante l’utilizzo di pulsanti. N.B. Il download di R Studio deve essere effettuato dopo quello di R

9 dkd l Digitazione dei comandi Esecuzione dei comandi Global environment Pacchetti, Aiuti …

10 R è object-oriented: qualsiasi cosa al suo interno è un oggetto che in R-Studio viene registrato e può essere visualizzabile all’interno del Global Environment. Per oggetto si intende qualsiasi entità che possa essere manipolata: variabili qualitative e quantitative, matrici, funzioni, stringhe di caratteri etc.

11  Possono essere semplici come i Numeri e le Stringhe.  Possono essere compositi come i Vettori che corrispondono alle nostre variabili, le quali sono sia numeriche che categoriali (in quest’ultimo caso si parla di Fattori).  Infine possono essere complesse come le Matrici, gli Array, le Liste e i Data Frames. In particolare, questi ultimi sono tabelle composte da uno o più vettori e /o fattori della stessa lunghezza (nostri data base).

12 Gli oggetti si caratterizzano ovviamente per i loro nomi e il loro contenuto, ma anche per attributi che specificano il tipo di dati rappresentati al loro interno. Due sono gli attributi intrinseci dei vettori:  Mode. Ci sono quattro tipi di mode: numerico, carattere, logico e complesso.  Length. La lunghezza è il numero degli elementi dell’oggetto Per quanto riguarda le matrici è necessario fare riferimento ad altri attributi non intrinseci:  Dim. La dimensione di un oggetto come una matrice ci descriverà il numero delle righe e delle colonne presenti


Scaricare ppt "Di Pietro Demurtas. È il nome di un pacchetto statistico implementato a partire dai primi anni ‘90 da Ihaka e Gentleman. È un linguaggio di programmazione."

Presentazioni simili


Annunci Google