La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ENEA041225 RUNNING WATERS GIS and INCOMING FLOODS RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE Autore\Author\Auteur: Ugo Ciccolini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ENEA041225 RUNNING WATERS GIS and INCOMING FLOODS RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE Autore\Author\Auteur: Ugo Ciccolini."— Transcript della presentazione:

1 ENEA RUNNING WATERS GIS and INCOMING FLOODS RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE Autore\Author\Auteur: Ugo Ciccolini

2 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE HIDROLOGIQUE LOCALE EVOLUZIONE del BACINO … C.C.B. e ASSETTO IDROGRAFICO … LE ASTE DI PRIMO ORDINE CONTROLLO GEOMORFOLOGICO SCHUMM&HORTON REGOLA LOGICA E CONSEGUENTE … IL CICLO DI WYLSON … GEN1225&G1225 … RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE … MIGRAZIONE … MIGRAZIONE … BILANCIO ENERGETICO … HISTORY …(SHORT RESUME)… …dal 1999…since 1999…depuit 1999…

3 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE HIDROLOGIQUE LOCALE Vista la prima legge di HORTON Attraverso la quale si ipotizza che allaumentare del numero dordine diminuisce il numero di aste di una rete idrografica relativo a tale ORDINE. Vista la seconda legge di HORTON Attraverso la quale si ipotizza che allaumentare del numero dordine aumenta la lunghezza complessiva della rete idrografica relativamente a tale valore del numero dOrdine. Vista la terza legge di HORTON Attraverso la quale si ipotizza che allaumentare del valore del numero dordine delle aste costituenti una rete idrografica si riduce il valore medio delle pendenze. Vista la legge di SCHUMM Attraverso la quale si ipotizza che allaumentare del valore del numero dordine delle aste costituenti una generica rete idrografica aumenti larea complessiva drenata da tale rete. … E logico supporre che allaumentare del valore del numero dordine delle aste sia nel caso del modello di Stralher che in quello di Shreve aumentino, contemporaneamente alle aree drenate, anche le portate fluenti… REGOLA LOGICA e CONSEGUENTE

4 GIS and INCOMING FLOODS INDICATOR IN REAL TIME OF INCOMING FLOODS AND RELATED DISARRAGEMENTS (PROTOTYPE) Precedente versione pubblicata on li in data: (Link: ) Attualmente disponibile al seguente link:

5 LEGGERE AL FINE DI EVITARE NOIOSE RIPETIZIONI SI AVVISA CHE QUANTO ESPOSTO VA INTESO ED INTERPRETATO IN OGNI CASO IN TERMINI DI IPOTESI PROPOSTE E DI MODELLI PROPOPSTI. RESTA FERMO IL DIRITTO DELLAUTORE ALLA TOTALE PROPRIETA INTELLETTUALE ED IL RICHIAMO AL RISPETTO DEI PROPRI DIRITTI. Autore: Dott. Geol. Ugo Ciccolini

6 LE TEMATICHE AFFRONTATE E SINTETICAMENTE DESCRITTE NELLE SLIDES CHE SEGUONO COSTITUISCONO PARTE DI UN PROGETTO di RICERCA AMPIO ed ARTICOLATO FINALIZZATTO ALLA DETERMINAZIONE DI UN MODELLO UNICO DI RIFERIMENTO PER LA STIMA DELLA RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE INTESA COME LA RISPOSTA DI UN GENERICO BACINIO IDROGRAFICO ALLE SOLLECITAZIONI INDOTTE DA UNALTRETANTO GENERICO EVENTO METEORICO. NEL MODELLO CHE SI PROPONE SI IPOTIZZA CHE I BACINI IDROGRAFICI (UNITA IDROGRAFICHE di RIFERIMENTO DOVE SONO RISCONTRABILI LE RELAZIONI DIRETTE CHE INTERCORRONO TRA CAUSA ed EFFETTO) SIANO DELLE UNITA GEOMORFOLOGICHE IN CONTINUA EVOLUZIONE… …LEVOLUZIONE TRA BACINI ADIACENTI PUO ESSERE INTESA ANCHE COME CONTINUA CONTESA TRA LE PARTI IN GIOCO PER LA CONQUISTA DI NUOVO TERRITORIO FIN TANTO CHE SUSSISTONO LE CONDIZIONI CHE ATTIVANO I PROCESSI MODELLATORI…...IL CONCETTO DI EVOLUZIONE GEOMORFOLOGICA DI UN BACINO IDROGRAFICO INDIPENDENTEMENTE DALLE DIMENSIONI E INSCINDIBILE DAL CONCETTO DI RISCHIO GEOMORFOLOGICO IN QUANTO I PROCESSI EVOLUTIVI DI UNA GENERICA PORZIONE DELLA SUPERIFICIE TERRESTRE IMPLICANO DEI MOVIMENTI DI MASSA CHE DURANTE GLI EVENTI METEORICI CRITICI POSSONO SUBIRE IMPORTANTI ACCELERAZIONI… …POICHE LEVOLUZIONE COMUNQUE IMPLICA PERDITA... IL VALORE DELLE PORTATE DELLE MASSE E DEI VOLUMI USCENTI DAL BACINO DIVENTA UN APPROPRIATO INDICATORE DI SINTESI DELLA VEOLCITA CON CUI UN BACINO EVOLVE… EVOLUZIONE GEOMORFOLOGICA GEOMORPHLOGICAL EVOLUTION EVOLUTION GEOMORPHOLOGIQUE

7 …IL CONCETTO DI EVOLUZIONE DI UN GENERICO BACINO IDROGRAFICO O IN GENERALE IL CONCETTO DI EVOLUZIONE MORFOLOGICA DI UNA GENERICA PORZIONE DELLA SUPERFICIE TOPOGRAFICA IMPLICA DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE UNA CONDIZIONE NATURALE DI RISCHIO… EVOLUZIONE GEOMORFOLOGICA GEOMORPHLOGICAL EVOLUTION EVOLUTION GEOMORPHOLOGIQUE

8 EVOLUZIONE GEOMORFOLOGICA GEOMORPHLOGICAL EVOLUTION EVOLUTION GEOMORPHOLOGIQUE

9 …TRA GLI OBBIETTIVI… Verificare e validare le ipotesi in merito a…. CONTROLLO GEOMORFOLOGICO RISPOSTA TIPICA del BACINO LA MIGRAZIONE nel TEMPO dei LIMTI … RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE HIDROLOGIQUE LOCALE

10 APPROCCIO GEOMORFOLOGICO MOLTI DEI CRITERI IMPIEGATI DERIVANO DIRETTAMENTE DALLA GEOMORFOLOGIA APPLICATA E DAGLI STUDI DEL QUATERNARIO GEOLOGICO e GEOMORFOLOGICO. LAPPROCCIO GEOMORFOLOGICO NON ESCLUDE ALTRE DISCIPLINE E TEMATICHE RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE HIDROLOGIQUE LOCALE

11 GEOMORFOLOGIA MATEMATICA FISICA …….. altro QUATERNARIO TETTONICA and NEOTETTONICA GEOTECNICA PARAMETRI CARATTERISTICI e DI RESISTENZA delle ROCCE e DEI TERRENI IDROLOGIA E IDROGEOLOGIA ACQUE CORRENTI E MOVIMENTI di MASSA CAMBIAMENTI CLIMATICI

12 GIS FORME E PROCESSI CONDIZIONE di RISCHIO NATURALE SCENARIOS TERRITORIO ANTROPICO

13 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE ESTRATTO da INTEGRAZIONI alle CURVE CARATTERISTICHE di BACINO (C.C.B.) STUDI E RICERCHE condotte da Ugo Ciccolini Geologo (MASTER II LIVELLO in GIS e REMOTE SENSING)

14 I principali processi morfogenetici ovvero che producono i cambiamenti della morfologia del rilievo terrestre sono in genere classificati come meccanici (disgregazione) o chimici (alterazione). Esempi di disgregazione includono anche i processi legati alle acque di scorrimento superficiale, i movimenti gravitativi ed i processi termoclastici ed il prevalere degli uni o degli altri e la loro azione sono strettamente legati alle principali caratteristiche climatiche dellarea entro cui agiscono. CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE

15 AMBITO GEOGRAFICO e CLIMATICO ANALIZZATO DEFINIZIONE delle COORDINATE CLIMATICHE COLLOCAZIONE dei CASI ANALIZZATI

16 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE RELAZIONI TRA PROCESSI MORFOGENETICI e COORDINATE CLIMATICHE

17 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE … UNA VOLTA DEFINITE LE COORDINATE CLIMATICHE… CONTROLLO GEOMORFOLOGICO Nellidea originale il concetto di controllo geomorfologico è riferito al principale processo morfogenetico dominante nellazione modellatrice e compatibile con le caratteristiche climatiche anche locali del luogo dove e attivo. Nelle applicazioni o nei casi riportati, poichè relativi a tematiche sulle acque correnti e a casi specifici, vuole invece evidenziare lincidenza dellazione erosiva delle acque di scorrimento superficiale.

18 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE … UNA VOLTA DEFINITE LE COORDINATE CLIMATICHE… …NEI CASI ESPOSTI… …il concetto di CONTROLLO GEOMORFOLOGICO deriva dal concetto di CLIMATE PROXI applicato anche alla forma del rilievo terrestre e, nei casi esposti, attesta il ruolo delle acque correnti superficiali nellazione modellatrice di UNITA TERRITORIALI di riferimento, quali i bacini idrografici…

19 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE Il processo di verifica viene effettuato attraverso unapproccio quantitativo al tema durante il quale si ipotizza che che la relazione tra parametri caratteristici della superficie del bacino (Unità Geomorfologica di Riferimento dove sono valide e dirette le relazioni tra causa ed effetto) ed i parametri caratteristici della forma derivata dai processi erosivi legati alle acque di scorrimento superficiale siano di tipo lineare. La verifica è effettuata mettendo a confronto i due parametri principali considerati in un unico grafico e si ipotizza che tanto più la retta che esprime la relazione presenta un valore di R² vicino ad 1 tanto più il controllo è netto e definito.

20 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE BACINI MINORI AREA ORTE SCALO

21 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE BACINI MINORI GALLESE Rio del TEGOLARO

22 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE BACINI MINORI GALLESE Fosso CUPO

23 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE BACINI MINORI GALLESE Rio delle RADICARE

24 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE BACINI MINORI AREA CIVITELLA di BAGNOREGGIO

25 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE bagnoreggio 1 BACINI MINORI AREA CIVITELLA di BAGNOREGGIO

26 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE BACINI MINORI AREA MONTALTO di CASTRO - TUSCANIA

27 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE GALLESE RIO MAGGIORE

28 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE GRECIA BACINO ALBIAKOM

29 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE HAITI

30 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE ITALIA FIUME TEVERE

31 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE BACINO PILOTA PILOT BASIN BACIN PILOTE PER BACINO PILOTA SI INTENDE IL BACINO ALLINTERNO DEL QUALE LA RELAZIONE TRA I DUE INDICATORI E REALISTICAMENTE LINEARE. OVVERO NON CI SI ATTENDE IL VALORE 1 DI R² MA IL PIU PROSSIMO POSSIBILE NEL CONTESTO TERRITORUIALE ANALIZZATO. NELLESEMPIO CHE SEGUE SI RIPORTA IL RISULTATO OTTENUTO PER UNO DEI BACINI ANALIZZATI NELLAREA TUSCANIA – MONTALTO di CASTRO.

32 CONTROLLO GEOMORFOLOGICO GEOMORPHOLOGICAL CONTROL CONTROLLE GEOMORPHOLOGIQUE BACINO PILOTA PILOT BASIN BACIN PILOTE PER BACINO PILOTA SI INTENDE IL BACINO ALLINTERNO DEL QUALE LA RELAZIONE TRA I DUE INDICATORI E REALISTICAMENTE LINEARE. OVVERO NON CI SI ATTENDE IL VALORE 1 DI R² MA IL PIU PROSSIMO POSSIBILE NEL CONTESTO TERRITORUIALE ANALIZZATO.

33 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE RISOLUZIONE del FATTORE TEMPO

34 LAPPLICAZIONE DEI PRINCIPI TEORICI DI BASE IN AMBIENTE GIS PERMETTE LA COSTRUZIONE DEL GRAFICO DI SINTESI CHE IN FUNZIONE DEI PARAMETRI UTILIZZATI RIASSUME (con tutte le limitazioni ammesse) IL COMPORTAMENTO DEL BACINO IDROLOGICO DURANTE I DEFLUSSI INDOTTI DA UN EVENTO METEORICO, SIA ORDINARIO CHE CRITICO. RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE GIS tools …in ogni caso…

35 TIME UNIT: YEAR …………………….. TIME UNIT: MOUNTH TIME UNIT: HOUR AUMENTANDO LA RISOLUZIONE del FATTORE TEMPO RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE

36 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGIC RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE …IN GENERALE SI APPLICA IL PRINCIPIO PER IL QUALE SE SI CONSIDERANO VALORI DELLUNITA DI TEMPO SUPERIORI ALLORA IL GRAFICO CHE NE RISULTA RIASSUME IL COMPORTAMENTO DINSIEME del SISTEMA BACINO – ACQUE…MENTRE IMPIEGANDO UNITA DI MISURA INFERIORI ALLORA IL GRAFICO RIFLETTE TALE COMPORTAMENTO IN TEMPO QUASI REALE…O IN TEMPO REALE…

37 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGIC RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE MESI

38 ASCIUTTO DRY SECCHE STABILE STABLE UMIDO WETTED HUMIDE Il grafico, sopra rappresentato, è stato ottenuto tramite limpiego dei VALORI MENSILI delle precipitazioni VALUTATI SULLA BASE DI 30 anni così come suggerito dalle principali organizzazioni mondiali sul clima. Dallanalisi condotta con criteri funzionali delle serie storiche e possibile ottenere dei limiti iniziali che dividono lambiente in tre domini che rappresentano rispettivamente una condizione di stabilità, condizione di potenziale rischio detta periodo wetted o umido ed una condizione arida o secca dovuta da una persistente mancanza di precipitazioni valutata appunto sulla base di valori MEDI MENSILI. RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE LA POSIZIONE della NUVOLA DI PUNTI e la RELATIVA LINEA di APPROSSIMAZIONE sono FUNZIONE dellEVENTO e delle CARATTERISTICHE del BACINO. In linea di massima con le stagioni piovose la linea di tendenza si sposta verso destra, verso il PERIODO WETTED o UMIDO.

39 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE ORE

40 Ind_A Ind_B RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE LA POSIZIONE della NUVOLA DI PUNTI e la RELATIVA LINEA di APPROSSIMAZIONE sono FUNZIONE dellEVENTO e delle CARATTERISTICHE del BACINO. In linea di massima con laumentare dellintensità di precipitazione la linea di tendenza si sposta verso destra, verso il SETTORE UMIDO. LASSUNTO ADOTTATO PREVEDE CHE LIMPIEGO dellORA COME UNITA di MISURA PERMETTE DI VISUALIZZARE ALLO STESSO MODO UN SETTORE DEL GRAFICO ALLINTERNO DEL QUALE VENGONO MENO LE CONDIZIONI DI STABILITA DINSIEME E LA PERMANENZA PROLUNGATA (ANCHE SE IL CONCETTO E RELATIVO) DELLINDICATORE ALLINTERNO DELLAREA CRITICA E INDICE DI UNA CONDIZIONE DI PREALLARME e\o DI VERO E PRPRIO ALLARME.

41 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE LA POSIZIONE della NUVOLA DI PUNTI e la RELATIVA LINEA di APPROSSIMAZIONE sono FUNZIONE dellEVENTO e delle CARATTERISTICHE del BACINO. In linea di massima con laumentare dellintensità di precipitazione la linea di tendenza si sposta verso destra, verso il SETTORE UMIDO. REPORT di UN CASO REALE CON INDICATE LE VARIAZIONI DI POSIZIONE DELLINDICATORE DURANTE LE VARIE ORE DI DURATA DELLEVENTO. ALLAUMENTARE DELLINTENSITA DI PRECIPITAZIONE LINDICATORE SI SPOSTA VERSO IL SETTORE DESTRO E VICEVERSA. LESEMPIO INOLTRE MOSTRA COME LA VARIABILITA DELLE CARATTERISTICHE DELLEVENTO SI RIA MESSA IN EVIDENZA NEL GRAFICO STESSO.

42 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE LIMPIEGO del COEFFICIENTE ANGOLARE PER LA CARATTERIZZAZIONE DELLA RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE

43 DRY_LIMIT WETTED_LIMIT CRITICAL EVENTS: Sample of field of stability reconstructed using local climate data. (Time unit: mounth - 30 – 33 years of observations) - GRAPH RESUME TYPICAL PROCESS OF REACTION OF THE BASIN IN CASE OF TYPICAL SEASONAL RAINFALL EVENT AND SHOWS ALSO THAT IT COULD BE POSSIBLE TO EVIDENCE EVERY CRTICAL EVENT. Persistence of dry conditions prouces aridity and related consequences. RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE TEMPO in MESI LA GRAVITA VIENE RIFLESSA DALLANDAMENTO DEI VALORI di m Coef. ANGOLARE.

44 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE TEMPO in MESI LA GRAVITAdel PERIODO VIENE RIFLESSA DALLANDAMENTO DEI VALORI di m Coef. ANGOLARE. IN QUESTO CASO IL WETTED LIMIT E STATO RICOSTRUITO CONSIDERANDO I DATI MEDI MENSILI DEL MESE DI NOVEMBRE

45 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE RICOSTRUZIONE DELLEVENTO CRITICO DEL 15_11_2005 RELATIVO AL FIUME MARTA PARTENDO DAI RAPPORTI DELLA PROTEZIONE CIVILE.

46 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE LESEMPIO ESPOSTO RIPORTA DATI DI EVENTO MISURATI IN ORE. SI NOTA COME LUNICO TERMINE CHE PERMETTA IL CONFRONTO TRA DUE DOMINI COMPLETAMENTE DIVERSI (ORE e MESI) SIA IL COEF. ANGOLARE.

47 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE LA GRAVITAdel PERIODO VIENE RIFLESSA DALLANDAMENTO DEI VALORI di m Coef. ANGOLARE. IN QUESTO CASO IL WETTED LIMIT E STATO RICOSTRUITO CONSIDERANDO I DATI MEDI MENSILI DEL MESE DI NOVEMBRE SI NOTA COME LUNICO TERMINE CHE PERMETTA IL CONFRONTO TRA DUE DOMINI COMPLETAMENTE DIVERSI (ORE e MESI) SIA IL COEF. ANGOLARE. QUINDI UN PRIMO TERMINE CHE PERMETTE DI VALUTARE UNA CONDIZIONE DI PRE ALLARME E DATO DAI VALORI DI m RELATIVI A VALORI MEDI MENSILI delle PRECIPITAZIONI ed IMPIEGATI nei MONIOTORAGGI IN TEMPO REALE (Unità di Misura del fattore Tempo: ORA)

48 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE MIGRAZIONE (TEMPO)

49 Since 1950 November LOCAL CONSOLITADED CLIMATIC REGIME BASINS GEOMORPHOLOGICAL CHARACTERISTICS DRY_LIMIT WETTED_LIMIT Since 1950 July PROBABLE STABILITY HYDROLOGICAL HAZARDS PROBABLE ARIDITY LOCAL PRECIPITATIONS REGIME RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE

50 - GRAPHS REPRESENTING A SAMPLES OF POSSIBLE MIGRATIONS OF THE DRY AND OF THE WETTED LIMITS AS CONSEQUENCES OF CLIMATE CHANGES Coef.FWV Coef.SDr Coef.FWV Coef.SDr Coef.FWV Coef.SDr Coef.FWV Coef.SDr - MODEL REPRESENTING AN EXTREME CASE OF POSSIBLE MIGRATIONS OF DRY AND WETTED LIMITS CHARACTERIZED BY A UNIQUE LIMIT. (possile interpretation NO STABLE CONDITIONS) Coef.FWV Coef.SDr TIME UNIT: MOUNTH USING MOUNTH AS MAIN TIME UNIT RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE

51 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE CON IL CONCETTO DI MIGRAZIONE NEL TEMPO SI PRESUPPONE CHE UNO DEGLI EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI in corso (LA STORIA GEOLOGICA INSEGNA CHE I CAMBIAMENTI CLIMATICI INTESI IN SENSO AMPIO SONO UN PROCESSO SEMPRE ATTIVO) NELLA SFERA PIU PROSSIMA ALLAMBIENTE ANTROPICO SIA IL PROCESSO DI MIGRAZIONE NEL TEMPO DEI LIMITI DRY e WETTED. NEL GRAFICO IL PROCESSO SI CONCRETIZZA ATTRAVERSO LE VARIAZIONI DEI COEFFICIENTI ANGOLARI MENTRE PARALLELAMENTE IL TERRITORiO FISICO SI TRASFORMA (EROSIONE, DEPOSIZIONE e TRASPORTO) RENDENDO LE SUE FORME COMPATIBILI CON IL NUOVO AMBIENTE CLIMATICO E FUNZIONALI AI MECCANISMI DEI NUOVI PROCESSI ATTIVI, QUALORA QUESTI MUTINO RADICALMENTE. I CASI IPOTIZZATI CONSIDERANDO UNUNICO PUNTO DI PARTENZA SONO VARI E LE MODALITA CON CUI LA MIGRAZIONE DI POSIZIONE DEI LIMITI DRY e WETTED NEL TEMPO SI REALIZZA SONO DIVERSE E VARIANO ANCHE IN FUNZIONE DELLA RAPIDITA CON CUI SI ATTUANO. TRA I CASI ESPOSTI IN PRECEDENZA AD OGNUNO E POSSIBILE ASSOCIARE UN PARTICOLARE REGIME PLUVIOMETRICO TENENDO BEN PRESENTE CHE ALLAUMENTARE DEI QUANTITATIVI DACQUA IL Coef. ANGOLARE DIMINUISCE.

52 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE AVVISO LA PRESENTAZIONE ESPOSTA E STATA REALIZZATA IMPIEGANDO ESTRATTI DA UNA SERIE DI ANNOTAZIONI DERIVANTI DA UN PROCESSO DI RICERCA E DI STUDIO REALIZZATI DAL SOTTOSCRITTO E SONO INOLTRE FRUTTO DI UN INVESTIMENTO ANCHE ECONOMICO, PERTANTO LAUTORE RIVENDICA IL DIRITTO DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE DEGLI ASPETTI INNOVATIVI IN OGNI CASO ED IN OGNI CONTESTO.

53 RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE LOCAL HYDROLOGICAL RESPONSE REPONSE IDROLOGIQUE LOCALE ESTRATTO da: ENEA RUNNING WATERS AUTORE Dott. UGO CICCOLINI Geologo\Geologist …all copyrights reserved…


Scaricare ppt "ENEA041225 RUNNING WATERS GIS and INCOMING FLOODS RISPOSTA IDROLOGICA LOCALE Autore\Author\Auteur: Ugo Ciccolini."

Presentazioni simili


Annunci Google