La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’impatto dei progetti finalizzati sull’assistenza pediatrica Rodolfo Conenna, Grazia Gentile, Mario Vasco, Marina Rinaldi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’impatto dei progetti finalizzati sull’assistenza pediatrica Rodolfo Conenna, Grazia Gentile, Mario Vasco, Marina Rinaldi."— Transcript della presentazione:

1

2

3 L’impatto dei progetti finalizzati sull’assistenza pediatrica Rodolfo Conenna, Grazia Gentile, Mario Vasco, Marina Rinaldi

4 L’impatto dei progetti finalizzati sull’assistenza pediatrica Rodolfo Conenna, Grazia Gentile, Mario Vasco, Marina Rinaldi

5 PAROLE CHIAVE DEL PIANO SANITARIO NAZIONALE Persona al centro del Percorso di Cura Integrazione Ospedale – Territorio Continuità delle Cure

6

7

8

9

10

11 Palermo, 25 febbraio 2013 Dott.ssa Grazia Gentile Oggetto: Nomina Coordinatore Commissione per l’Integrazione Ospedale - Territorio Cara Grazia, Sono lieto d’informarti che il Consiglio Direttivo della SIP nella seduta del 15 febbraio u.s. ha costituito la Commissione per l’Integrazione Ospedale-Territorio affidandoti l’incarico di coordinatore considerato il tuo impegno di alto profilo nel campo. La commissione sarà costituita da Giorgio Bracaglia, Giovanni De Belvis, Stefano Del Torso, Elisabetta Di Cosimo, Massimo Ummarino nella qualità di componenti oltre che da Luigi Greco e Domenico Minasi di componenti delegati del Consiglio Direttivo SIP. Il compito della commissione sarà di analizzare lo stato dell’arte in temi di integrazione ospedale-territorio in pediatria al fine di delineare ipotesi organizzative da prospettare nell’ambito dei documenti SIP e nell’interfaccia con le istituzioni. Ai fini di una ottimizzazione dei lavori della commissione, ti invio il regolamento recentemente approvato. Con gli auguri di buon lavoro, ti invio i miei più cordiali saluti.

12

13

14 Dipartime nto Materno Infantile Dipartimento della Riabilitazione Dipartimento delle Cure Primarie

15

16

17

18

19

20

21

22 Le aree prioritarie di intervento si riferiscono alla Complessità del Bisogno Sanitario (Medical Complex) e degli obiettivi sociali Comprendono una complessiva articolazione di interventi da redigere attraverso il Progetto Assistenziale Individuale (PAI) Alla U.O. Materno – Infantile del Distretto Sanitario corrispondono le macro-aree delle Responsabilità Familiari e dei Minori Alla U.O. Riabilitazione del Distretto Sanitario fanno capo gli interventi nei confronti delle patologie di interesse riabilitativo in rete con il Sistema dei Servizi Sociale del Piano di Zona

23 Dipartimento Materno Infantile Dipartimento della Riabilitazione Dipartimento delle Cure Primarie

24 Come si attiva la UNITA’ DI VALUTAZIONE INTEGRATA

25 Dipartimento della Riabilitazione Dipartimento delle Cure Primarie PLS Ped H Ped Centro di Riferimento Servizio Sociale Responsabile Centro di Riabilitazione Altri Attori Dipartim ento Materno Infantile

26 Diparti mento Mater no Infanti le Dipartimento della Riabilitazione Dipartimento delle Cure Primarie PLS Ped Centro di Riferimento

27 Diparti mento Mater no Infanti le Dipartimento della Riabilitazione Dipartimento delle Cure Primarie S.C. Pediatria Centro di Riferimento Regionale A.O.R.N. Santobono - Pausilipon

28 Diparti mento Mater no Infanti le Dipartimento della Riabilitazione Dipartimento delle Cure Primarie S.C. Pediatria Centro di Riferimento Regionale A.O.R.N. Santobono - Pausilipon

29 Direzione del Distretto Sanitario

30 Direzione del Distretto Sanitario

31 Compiti e funzioni della UNITA’ DI VALUTAZIONE INTEGRATA

32

33 Quali sono i Compiti e le Funzioni della UNITA’ DI VALUTAZIONE INTEGRATA ?

34 Piano Assistenziale Individuale

35 Il Piano Assistenziale individuale (PAI) redatto in base ad una valutazione multidimensionale è lo strumento formale che afferma la centralità della persona e dei suoi diritti documenta la presa in carico individua il profilo di cura e di assistenza programma il follow - up clinico – strumentale individua i percorsi e le reti assistenziali garantisce la continuità assistenziale assicura la qualità delle cure in base ai bisogni documentati ed alle risorse attivabili nella organizzazione dei servizi

36 Il Piano Assistenziale Individuale (PAI) rappresenta l’articolazione di una serie di interventi integrati formulati a seguito della progettazione condivisa con la persona i suoi famigliari ed i care givers in cui si condividono obiettivi e si individuano le responsabilità

37 La redazione del PAI consente di evidenziare : i diritti / bisogni esplicitati in obiettivi assistenziali e le loro priorità le risorse disponibili gli interventi disciplinari, interdisciplinari ed intersettoriali i Nodi della Rete e le Responsabilità professionali e di servizio i tempi delle verifiche del raggiungimento degli obiettivi

38

39

40 Il case manager è il regista delle funzioni e delle azioni di coloro che, a vario titolo, concorrono a realizzare il Piano Assistenziale Individuale in un approccio multiprofessionale

41 Diparti mento Mater no Infanti le Dipartimento della Riabilitazione Dipartimento delle Cure Primarie S.C. Pediatria Centro di Riferimento Regionale A.O.R.N. Santobono - Pausilipon

42 Diparti mento Mater no Infanti le Dipartimento della Riabilitazione Dipartimento delle Cure Primarie PLS Ped H Servizio Sociale Responsabile Centro di Riabilitazione Altri Attori Famiglia Responsabile ADI Responsabile Materno - Infantile Servizio Farmaceutico

43 Diparti mento Mater no Infanti le Dipartimento della Riabilitazione Dipartimento delle Cure Primarie PLS Ped H Ped Centro di Riferimento Piano Terapeutico Servizio Sociale Responsabile Centro di Riabilitazione Altri Attori Famiglia Responsabile ADI Responsabile Materno - Infantile Servizio Farmaceutico

44

45 Diparti mento Mater no Infanti le Dipartimento della Riabilitazione Dipartimento delle Cure Primarie PLS Ped H Centro di Riferimento Servizio Sociale Responsabile Centro di Riabilitazione Altri Attori Famiglia INTEGRAZIONE

46

47 VANTAGGI Appropriatezza, Umanizzazione, Continuità delle Cure, Sostenibilità, Qualità, Ottimizzazione delle Risorse …

48 SVANTAGGI

49

50

51

52

53

54

55

56 Co - Management dei Minori di Età Medical Complex e dell'intero Sistema Famiglia

57 Diparti mento Mater no Infanti le Dipartimento della Riabilitazione Dipartimento delle Cure Primarie PLS Ped H Centro di Riferimento Servizio Sociale Responsabile Centro di Riabilitazione Altri Attori Famiglia

58 Diparti mento Mater no Infanti le Dipartimento della Riabilitazione Dipartimento delle Cure Primarie PLS Ped H Centro di Riferimento Servizio Sociale Responsabile Centro di Riabilitazione Altri Attori Famiglia

59 La ASL Salerno ha tra i suoi obiettivi primari il Miglioramento della Qualità dell’Assistenza ai Bambini e alle Bambine con Bisogni Speciali, identificati dall’acronimo BBS, affetti da malattia cronica e/o di lunga durata, associata o meno a disabilità

60 Per tali bambini, la ASL Salerno ha già implementato i Registri Distrettuali dei BBS e valutata la necessità della attivazione di servizi quanto più vicini al luogo di residenza del minore e della sua famiglia in rete con i Centri Specialistici di Riferimento

61 Co - Management dei Minori di Età Medical Complex e dell'intero Sistema Famiglia

62 Grazia Gentile


Scaricare ppt "L’impatto dei progetti finalizzati sull’assistenza pediatrica Rodolfo Conenna, Grazia Gentile, Mario Vasco, Marina Rinaldi."

Presentazioni simili


Annunci Google