La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli anni 50 attraverso il cibo POP CORN Non esiste film o telefilm ambientato negli anni '50 in cui i pop corn non siano presenti almeno in una scena.

Copie: 1
Il Consumismo a tavola Pop art è il nome di una corrente artista della seconda metà del XX secolo che deriva dalla parola inglese "popular art" ovvero.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli anni 50 attraverso il cibo POP CORN Non esiste film o telefilm ambientato negli anni '50 in cui i pop corn non siano presenti almeno in una scena."— Transcript della presentazione:

1 Gli anni 50 attraverso il cibo POP CORN Non esiste film o telefilm ambientato negli anni '50 in cui i pop corn non siano presenti almeno in una scena. Basti pensare alle puntate del famoso telefilm Happy days per rendersi conto di quanto questa affermazione sia vera. I pop corn iniziano infatti a diventare sempre più popolari proprio in quegli anni, anni di grande povertà ma anche di grande innovazione in cui era necessaria un po' di inventiva per riuscire a creare dei cibi gustosi ma a basso costo. Il pop corn è un cibo davvero povero che può essere però reso assolutamente delizioso con la semplice aggiunta di olio, sale o burro. Il suo basso prezzo e la semplicità con cui può essere realizzato lo resero uno dei cibi più diffusi tra i giovani americani durante gli anni '50. pop-corn-anni-50/61.htm Visitato il 12/04/11 Università Campus-Bio Medico di Roma II SANU Alessia Catalano

2 La macchina dei Pop Corn Proprio durante gli anni '50 iniziano a fare la loro comparsa anche le macchine per fare il pop corn. Queste macchine vennero installate all'interno dei cinema, dei drive inn, dei luna park e di altri punti di ritrovo per giovani. Oggi queste macchine sono disponibili anche in versioni più piccole che possono essere utilizzate sia nei bar che direttamente a casa per guardare un film insieme a tutta la famiglia o insieme ad un gruppo di amici. A differenza delle macchine da pop coro degli anni '50 le macchine per il pop corn più innovative possiedono un funzionamento ad aria calda che permette di realizzare i pop corn senza l'aggiunta di olio e quindi di grassi. Il pop corn è così diventato negli anni anche un prodotto salutare. Da un punto di vista prettamente estetico invece le macchina per il pop corn sono disponibili anche in versioni retrò caratterizzate da linee sinuose e semplici e da colori come il bianco e il rosso meglio se in fantasia a righe. Si tratta di macchinari che offrono all'arredamento della propria abitazione un pizzico di estro e di allegria, gli stessi che si respiravano nei bar degli anni '50. china-pop-corn-anni-50/61.htm china-pop-corn-anni-50/61.htm Visitato il 12/04/11

3 ca-Cola ca-Cola Visitato il 12/04/11 Coca Cola La "Coca-Cola" fu inventata dal farmacista statunitense John Stith Pemberton l'8 maggio 1886 ad Atlanta, inizialmente come rimedio per il mal di testa. Il primo nome che venne dato alla bevanda fu "Pemberton's French Wine Coca". Quella di Pemberton era una variazione del cosiddetto "vino di coca" (o Vin Mariani), una miscela di vino e foglie di coca che aveva avuto largo successo in Europa quando era stata creata dal farmacista còrso Angelo Mariani. All'alcol venne sostituito un estratto delle noci di cola, una pianta tropicale reputata non dannosa per la salute. Dall'uso combinato dei due ingredienti principali, la coca e la cola, la bibita acquisì il nome attuale. Quando anche la coca venne bandita (dalla pianta si estrae infatti la cocaina), venne scartato l'alcaloide dagli estratti dalle foglie di coca, mentre la cola (in noci) continuò a essere utilizzata come fonte di caffeina.John Stith Pemberton8 maggio1886AtlantavinococaEuropacòrso Angelo Marianicolacocainaalcaloidecaffeina

4 Logo: Il celebre logo della Coca-Cola, il più noto al mondo, fu creato con scarsa attenzione nel 1886 dal contabile dell'azienda, Frank Mason Robinson, che fece solo alcuni piccoli ritocchi alla scritta, utilizzando come base il carattere Spencerian Script, che in quel tempo, negli Stati Uniti era fra i più comuni e utilizzati. Si lega a questo logo una leggenda metropolitana che si è diffusa piuttosto rapidamente nel mondo: sembra che osservando la scritta Coca-Cola allo specchio sia possibile interpretare l'immagine come una frase in lingua araba che recherebbe un messaggio contro la cultura islamica, "No a Maometto, No alla Mecca".[senza fonte] In realtà è improbabile che al momento della creazione di questo logo, quando ancora non esisteva la multinazionale The Coca-Cola Company e nessuno si sarebbe aspettato il successo a livello mondiale che la bevanda avrebbe riscosso, si pensasse di inserire un simile messaggio all'interno del celebre logo. Anche il Grand Mufti Sheik Nasser Farid Wassel, importante figura religiosa egiziana, ha commentato questi fatti facendo notare come questo marchio fu scritto in caratteri latini e non arabici più di un secolo fa; è dunque una voce che ha soltanto danneggiato la multinazionale, con un forte calo delle vendite registrato in alcuni paesi islamici.1886Frank Mason RobinsoncarattereSpencerian ScriptStati Unitilingua arabasenza fonteThe Coca-Cola CompanyGrand Mufti Sheik Nasser Farid Wassel Per il 100º anniversario della Coca-Cola, nel 1986 è stato creato in Cile, sul fianco di una montagna, il più grande logo Coca-Cola del mondo. Sono state utilizzate circa bottiglie di Coca-Cola e la scritta risulta di circa 30 per 120 metri1986Cile ca-cola Visitato il 12/04/11

5 Spaghetti al pomodoro Vuole la leggenda che siano stati introdotti dal viaggiatore Marco Polo, di ritorno dalla Cina (altro Paese nel quale sono noti e apprezzati piatti tradizionali) nel 1295, sebbene nella descrizione della Sicilia tramandataci da Idrisi al tempo di Ruggero II di Sicilia nel suo famosissimo Libro di Ruggero si faccia chiaramente menzione di Vermicelli, cibo di farina in forma di fili prodotti nel villaggio di Trabia vicino Palermo[1]. Poiché Idrisi scrive nel 1154 questa testimonianza è anteriore di ben più di un secolo al ritorno di Marco Polo. nell'intervallo fra queste due date gli studiosi hanno rintracciato altre citazioni[2] che chiariscono come la produzione di pasta alimentare sia caratteristica generalizzata in tutta la penisola.leggendaMarco PoloCina1295 SiciliaIdrisiRuggero II di SiciliaLibro di RuggeroVermicelliTrabiaPalermo[1]1154[2] Visitato il 12/04/11

6 Teatro e cinema Gli spaghetti sono i memorabili comprimari di una gag della commedia Miseria e nobiltà (di Edoardo Scarpetta), interpretata anche per il cinema da Totò, nella quale a un certo punto finiscono nelle tasche del misero protagonista che, dovendoli nascondere, li mette al sicuro nella giacca.Miseria e nobiltàEdoardo Scarpettacinema Totò Ugualmente, un piatto di spaghetti è protagonista in una celeberrima e comica sequenza del film Un americano a Roma, con un giovane Alberto Sordi in versione yankee alle prese però con un italianissimo piatto extra-large di spaghetti (molto) conditi al pomodoro:Un americano a RomaAlberto Sordiyankee « Maccarone, m'hai provocato e io ti distruggo adesso, maccarone! Io me te magno, ahmm! »(Nando Mericoni rivolto ad un piatto di pasta)Proprio per essere tipici dell'Italia, gli spaghetti hanno legato il loro nome ad un genere cinematografico, lo spaghetti-western, ovvero film western prodotti e diretti da registi italiani - citiamo, tra i molti che si sono cimentati in questo genere con alterne fortune, Sergio Leone.spaghetti-westernfilm westernSergio Leone Visitato il 12/04/11

7 Pizza Benché si tratti ormai di un prodotto diffuso in quasi tutto il mondo, la pizza è generalmente considerata un piatto originario della cucina italiana ed in particolar modo napoletana. Nel sentire comune, infatti, ci si riferisce con questo termine alla pizza tonda condita con pomodoro e mozzarella, ossia la variante più conosciuta della cosiddetta pizza napoletana, la pizza Margherita.cucina italiananapoletana pomodoromozzarellapizza napoletanapizza Margherita La vera e propria origine della pizza è tuttavia argomento controverso: oltre a Napoli, altre città ne rivendicano la paternità. Esiste, del resto, anche un significato più ampio del termine "pizza". Infatti, trattandosi in ultima analisi di una particolare specie di pane o focaccia, la pizza si presenta in innumerevoli derivazioni e varianti, cambiando nome e caratteristiche a seconda delle diverse tradizioni locali. In particolare, in alcune aree dell'Italia centrale, viene chiamata "pizza" qualsiasi tipo di torta cotta al forno, salata o dolce e alta o bassa che sia.Napoli panefocacciaItalia centrale La pizza ha una storia lunga, complessa e incerta. Le prime attestazioni scritte della parola "pizza" risalgono al latino volgare di Gaeta nel 997[4]. Già comunque nell'antichità focacce schiacciate, lievitate e non, erano diffuse presso gli Egizi, i Greci (maza) e i Romani (offa e placenta ). latino volgareGaeta997[4]mazaoffa placenta Visitato il 12/04/11

8 La pizza napoletana verace La pizza napoletana è l'unico tipo di pizza italiano riconosciuto, con la denominazione pizza napoletana verace artigianale, tra i prodotti agroalimentari tradizionali. Si presenta come una pizza tonda dalla pasta morbida e dai bordi alti (cornicione). Tale rigonfiamento del cornicione è dovuto all'aria, che durante la fase di manipolazione del panetto si sposta dal centro verso l'esterno. Nell'impasto classico napoletano non è ammesso nessun tipo di grasso. Soltanto acqua, farina, lievito (di birra o naturale) e sale. Nella più stretta tradizione prevede solo due varianti per quanto riguarda il condimento.prodotti agroalimentari tradizionalivarianti Visitato il 12/04/11

9 Gli anni 50 e la musica

10 Rockn Roll anni 50 Volendo classificare questo periodo lo si potrebbe considerare la fase embrionale del Rock, con intensi riferimenti al panorama sociale dell'epoca. Il prodotto che nascerà in questo decennio, il cosiddetto Rock'n'roll, rappresenterà di fatto l'anello comunicante fra le culture radicate negli Usa dei bianchi e dei neri, che con la musica troveranno un primo ponte di dialogo e confronto. La nuova musica nascente fondeva i "riff" ritmati del blues e dell'R&B con le melodie folk e country e questo connubio non sarebbe stato possibile se non grazie alla radio, elemento mediatore in mezzo a due realtà così differenti. Non a caso i vari artisti, a seconda del ceppo "etnico" di provenienza, hanno tutti iniziato con i generi delle rispettive tradizioni, giungendo però al loro superamento con l'innovazione. Chuck Berry

11 La nascita del Rockn Roll La nascita del rock'n'roll non fu puramente una questione musicale ma anzi, ebbe un notevole impatto sociale su un paese, gli Stati Uniti, che a quel tempo era impregnato dei valori borghesi del "perbenismo" e della religione. La musica ed i vari artisti si trovarono così di fronte ad un muro, che definiva il rock come "la danza del diavolo", per il ritmo sfrenato che induceva ad ondeggiarsi, oppure come "esempio immorale", per l'ambiguità dei testi dai doppi significati a sfondo sessuale. Le radio, imperterrite, continuavano a trasmettere i dischi ma intanto si stava originando una vera e propria battaglia sociale nel nome della musica; il rock diede voce a tutti i pensieri che i giovani degli anni '50 vedevano sbarrati dalle rigide imposizioni convenzionali di uno stato che in fondo era più corrotto di quello che sembrava. Dal punto di vista tecnico Chuck Berry fu il più importante innovatore del rock'n'roll, tanto che si può accostare la sua funzione chitarristica a quella che avrà poi Hendrix negli anni 60';il caratteristico carisma ed la teatralità scenica completavano la sua figura che non era solo di virtuoso della sei corde ma anche di front man.

12 Il contesto storico La storia americana, a partire dalla nascita del Rock negli anni'50, ha sempre risentito della influenza più o meno intenzionale della musica, che è diventata un vero e proprio mezzo politico con la funzione di megafono per i pensieri della gente. Non a caso già a partire dalla prima generazione di "rocker" l'opinione pubblica si è trovata completamente spiazzata di fronte ad una nuova voce che semplicemente affermava quelli che erano i desideri e le idee nascoste di una nazione che si mascherava dietro il paravento del purismo. Naturalmente l'immaginabile reazione è stata quella di totale rifiuto per questa musica così "volgare" eppur così terribilmente vera.

13 I testi delle varie canzoni del periodo si fanno sempre più socialmente impegnati, con precisi intenti di denuncia e prese di posizione sulle questioni più disparate. Il problema che più tocca il cuore dei vari artisti e gruppi rimane, tuttavia, la guerra nel Vietnam. La scelta di promuovere messaggi e la nascita dei famosi movimenti Hyppie, dal famoso slogan "fate l'amore e non fate la guerra", mette in luce come vi fosse un totale rifiuto di quei principi come la "lotta al comunismo" e la "guerra" sui quali uno stato voleva fondare un popolo. Culmine di questa simbolica crociata fu il festival di Woodstock, dove quattrocentomila persone cercarono di gridare al mondo intero il loro messaggio, servendosi anche della musica.

14 Il Consumismo a tavola Pop art è il nome di una corrente artista della seconda metà del XX secolo che deriva dalla parola inglese "popular art" ovvero arte popolare. La Pop Art è una delle più importanti correnti artistiche del dopoguerra. L'appellativo "popolare" deve essere inteso non come arte del popolo o per il popolo ma, più puntualmente, come arte di massa, cioè prodotta in serie. In un mondo in cui domina il consumo, questa corrente artistica centra la propria attenzione alle forme più popolari di comunicazione come i fumetti, la pubblicità ma soprattutto i quadri in serie.

15 A spasso nel Globo con gli autori… USA Andy Warhol Tom Wesselman Roy Lichtenstein ITALIA Fabio Mauri Armando Testa GRAN BRETAGNA Claes Oldenbrug

16 ANDY WARHOL Voglia di novità?? Cambells Soup can (1964) Leo Castelli Gallery, New York Large Coca Cola (1972) Collezione privata Coca Cola (1962) Whitney Mueseum of american art, New York

17 Tom Wesselman Still Life (1963) The museum of modern art MOMA New York Bar II (1962) Collezione privata Brothers (1962) Collezione privata

18 ROY LICHTENSTEIN Stil Life with cristal bowl (1973) Leo Castelli Gallery, New York Costoletta (1971) Collezione privata

19 CLAES OLDENBURG scultura…A TAVOLA!! Cheeseburger (1975) Moma, New York Dropped cone (2001) Neumarkt Gallery, Cologne, Germania SpoonBridge and Cherry (1988) Sculpture Garden di Minneapolis

20 FABIO MAURI Cassetto (1959) 493x380 Collezione privata ARMANDO TESTA Poltrona a patata Al PAC (Padiglione d Arte Contemporanea) di Milano

21 FOTOGRAFIE: IL CIBO NEL DOPOGUERRA

22 ITALIA

23

24 STATI UNITI

25

26 GRAZIE PER LATTENZIONE!!! Maria Altobelli Alessia Catalano Valerio Pompili Alessandra Simoni Marta Tertulliani


Scaricare ppt "Gli anni 50 attraverso il cibo POP CORN Non esiste film o telefilm ambientato negli anni '50 in cui i pop corn non siano presenti almeno in una scena."

Presentazioni simili


Annunci Google