La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Funzione docente: INTERVISTA ALLA MAESTRA MODELLO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Funzione docente: INTERVISTA ALLA MAESTRA MODELLO."— Transcript della presentazione:

1 Funzione docente: INTERVISTA ALLA MAESTRA MODELLO.

2 CHI E LA NOSTRA MAESTRA MODELLO?? Nome: Cinzia Cognome: Arena Età: 56 anni Residente a: Milano Professione: maestra alla scuola primaria B. Munari Milano, precisamente in una classe II, composta da 25 alunni

3 Domanda: Buongiorno signora Cinzia! La ringraziamo anticipatamente per la sua disponibilità e …. Bene …. iniziamo la nostra intervista …… Domanda:Lei insegna attualmente matematica alla scuola elementare?ci può dire da quanto tempo?oppure per quanto tempo complessivamente lha fatto? Risposta: Insegno matematica da 30 anni (attualmente in una seconda elementare), ma ho insegnato anche italiano per 25anni. Domanda:Chi sono i suoi modelli tra i grandi matematici? Risposta: Non ho modelli tra i grandi matematici. Domanda:Chi sono i suoi maestri nel campo della didattica della matematica? Risposta: Mi rifaccio a grandi pedagogisti e a quelli che hanno sviluppato metodologie didattiche ( Montessori, sempre attuale, Piaget, alle intuizioni di Dienes, Dewey, Cuisinaire –Gattegno, Freudenthal, Dantzig, e altri)

4 Domanda:Potrebbe, per favore, spiegarci alcune di queste metodologie didattiche? Risposta: Per esempio per Piaget lo scopo delleducazione è la formazione di una personalità creativa. Di tale creatività fa parte il gioco che ha una parte fondamentale nello sviluppo dellintelligenza in quanto permette ai bambini di assimilare la realtà agli schemi mentali di ognuno. Domanda: Invece chi era Dienes? Non ne abbiamo mai sentito parlare … Risposta:Zoltan P. Dienes, matematico ungherese, che ha orientato le sue ricerche nellambito della psicologia dellapprendimento in particolar modo della matematica. Egli ipotizza che le fasi del Piaget possono subire una contrazione temporale qualora si operi con una metodologia ad hoc, utilizzando giochi con materiale strutturato. Dienes individua un esercito di emarginati in matematica (73% della popolazione scolastica) e classifica gli allievi che sembrano dotati come abili fruitori di formule memorizzate. Egli indica come causa principale di questa incomprensione con la matematica la cosiddetta scuola seduta tipica di un insegnamento trasmissivo.

5 Domanda: Alcuni ricercatori (Dehaene, Butterworth, Girelli, Wynn) sostengono che alcune competenze matematiche siano innate e il campo delle competenze matematiche innate si estende continuamente. Lei ritiene che le competenze matematiche siano in parte innate? Risposta:Sì,ritengo che, alla luce delle mie esperienze, posso dire che alcune competenze matematiche siano innate. Domanda:Ha svolto, svolge o conta di svolgere corsi di formazione per insegnanti della scuola primaria? Perché? Dove? Come? Con quale organizzazione? Risposta: Non intendo svolgere altri corsi poiché sono prossima alla pensione.

6 Domanda: Ha seguito corsi di specializzazione sullinsegnamento della matematica? Se si può dirci quali? In quale ambiente o organizzazione? Condotti da chi? Risposta:Ho seguito corsi di aggiornamento organizzati nellambito della mia scuola, gestiti dallINVALSI. Inoltre,come scuola, abbiamo aderito da parecchi anni ad un progetto dello snodo della zona 3 che riguarda lo screening sulla dislessia per i nostri alunni di prima e seconda. Per questo progetto abbiamo seguito un altro corso di formazione per poter somministrare le prove e per tabulare i risultati, in seguito gli specialisti individuavano i soggetti con problemi e proponevano attività mirate o indirizzavano i bambini ai centri UONPIA per una diagnosi e terapia più mirata. Trovo che questi test siano un ottimo strumento per individuare difficoltà oramai molto diffuse che è difficile indicare con precisioni e in modo precoce.

7 Domanda: I suoi rapporti con la matematica sono stati buoni fin da quando era bambina? Risposta:I miei rapporti con la matematica non sono stati mai di grande simpatia. Domanda: Quando si è appassionata alla matematica? Risposta:Posso confessare che appassionata è una parola grossa. Nella scuola primaria non sempre puoi scegliere di insegnare una materia: io ho fatto per molti anni linsegnante unica e quindi ho insegnato tutte le discipline, poi quando sono passata nelle sezioni a tempo pieno, ho insegnato qualche tempo italiano e poi matematica, come faccio ora, ma non per mia scelta. Nella scuola primaria è il dirigente che assegna la classe e la materia alle insegnanti. Domanda: Il metodo adottato dallinsegnante può influire sullapprendimento in senso positivo e negativo? Risposta:Sicuramente il metodo adottato dallinsegnante può influire non solo per lapprendimento della matematica, ma per qualsiasi materia. Limportante è la passione che ci metti nellinsegnare e soprattutto avere locchio su ogni bambino e saper correggere il metodo in base alle risposte che hai avuto.

8 Domanda: La personalità dellinsegnante può influenzare la paura della matematica? Esiste la paura della matematica? Ne ha avuto un esperienza diretta? Risposta:Indubbiamente la personalità dellinsegnante può influire sulla paura per la matematica, ma anche per tutte le altre materie. Domanda: Quali esperienze formative possono avvicinare in modo sereno il bambino alla matematica? Risposta:Esiste la paura. La paura per la matematica, per litaliano, per la storia ecc. Io avevo paura della matematica quando andavo a scuola e soprattutto non riuscivo a capire a cosa servisse concretamente. Oggi, memore di questo, cerco di avvicinare i miei alunni alla matematica attraverso prima attività concrete, ma anche spiegando loro gli agganci e lutilità di concetti astratti con la vita di tutti i giorni.

9 Domanda: Ritiene che il mondo dei giochi e il mondo della matematica possano avere dei punti in comune? Risposta: Esperienze formative possono essere : losservazione della realtà attraverso procedimenti logici, esperienze manipolative, lutilizzo di materiale strutturato. Domanda: Moltissimi bambini usano i videogiochi: lo ritiene un fatto positivo? Ritiene che questesperienza possa favorire o meno un sano rapporto con la matematica? Risposta: Sicuramente il mondo dei giochi ha molto in comune con la matematica. Domanda: Quale ruolo può avere il computer nellapprendimento-insegnamento della matematica? Risposta: Ritengo che i videogiochi non siano un modo molto creativo per giocare e per sviluppare una qualsivoglia conoscenza, meno che mai della matematica, salvo che non si utilizzino dei giochi didattici.

10 Domanda: Considera il computer come un semplice supporto per materiali didattici multimediali o qualcosa di più profondo? Risposta: Il computer può avere un ruolo di supporto alla matematica e alla geometria. Considero il computer come supporto per lattività didattica attraverso esercizi da far fare, ma anche da costruire da parte degli alunni stessi o anche come supporto alla geometria. Domanda: Si è mai imbattuta in soggetti che presentavano disturbi specifici nellapprendimento legati in modo particolare alla matematica? Risposta: Ho avuto alunni che avevano problemi specifici di apprendimento sia per la matematica che per litaliano.Specifici per la matematica no. Domanda: Ha avuto modo di conoscere ed apprezzare dei test per la diagnosi precoce della discalculia? Risposta: Nella nostra scuola abbiamo frequentato un corso biennale sui disturbi specifici dellapprendimento, relativo alla dislessia, disgrafia e discalculia con lassociazione del prof. Profumo.

11 Domanda: Ha buoni rapporti con i colleghi sul tema dellinsegnamento della matematica? Ci sono forme di collaborazione tra tutti gli insegnanti che insegnano matematica? Risposta: La collaborazione e il confronto con le colleghe che insegnano la mia stessa materia mi ha sempre aiutata nel mio lavoro. Noi programmiamo sempre insieme gli obiettivi del lavoro, confrontiamo i risultati, ci aiutiamo nel confronto con le nuove metodologie, discutiamo sulle problematiche relative a deficit di apprendimento di questa materia e ci scambiamo esperienze su come affrontare determinati argomenti o quali materiali utilizzare, infine ci confrontiamo sui risultati attraverso verifiche comuni.

12 Domanda: Sempre sul tema dellapprendimento della matematica esiste qualche forma di collaborazione, diretta o indiretta, con i genitori? Risposta: E' stata proposta circa un anno fa una mostra matematica rivolta ai bambini delle classi quarta e quinta, da un gruppo di genitori, in cui è stata richiesta la mia collaborazione. E' stato illustrato ai bambini, con parole semplici e dirette, il mondo matematico. In particolare il numero zero e il concetto di infinito.

13 Domanda: Lei come spiegherebbe ai suoi alunni il numero zero? Risposta: Quando ho dovuto spiegare il concetto di numero zero, ho iniziato ponendo ai bambini alcune domande mirate al confronto tra il numero zero e gli altri numeri: 1.quante porte ci sono in classe? 2.Quanti bambini con il grembiule rosa? Dopodiché ho chiesto: quanti bambini portano i guanti i classe? E qui la risposta è stata inevitabilmente NESSUNO. Ho continuato con un po di domande del genere arrivando a spiegare che i termini NESSUNO;NIENTE e NULLA si possono esprimere con il numero zero scrivendo sulla lavagna il numero in cifra araba e in parola

14 Domanda: E poi come ha continuato??? Risposta :Ho continuato presentando il numero zero come un numero magico, perché quando è da solo significa niente o nulla. Domanda : E i bambini come si sono posti davanti a questo numero speciale? Risposta: Di solito, a questo punto, iniziano le difficoltà dei bambini per quanto riguarda la posizione di questo numero. Domanda: E quindi come risolve questo problema? Risposta: Con lausilio della linea dei numeri faccio notare che il numero zero è il primo numero naturale e come tale non ha altri numeri che lo precedono. Credo che in un tale contesto sia molto utile proporre ai bambini esercizi che li avviino alla giusta comprensione di questo numero a partire da frasi tipo : UN SACCHETTO E VUOTO SE NON CONTIENE nessun OGGETTO,OVVERO CONTIENE zero OGGETTI

15 Domanda: E' possibile spiegare la matematica in modo semplice, diretto e coinvolgente a bambini così piccoli? Risposta: Un metodo interessante è l'utilizzo di indovinelli matematici in grado di stimolare e coinvolgere i bambini. Domanda: Ci potrebbe fare qualche esempio? Risposta: Per esempio attraverso gli indovinelli matematici. Domanda: Può farci un esempio? Risposta: Per esempio Se l ׳ altro ieri avevo 19 anni e il prossimo anno ne avrò 22, sapete dirmi qual è il giorno del mio compleanno e in quale giorno posso fare questa affermazione? R: Il mio compleanno è il 31 Dicembre e il giorno in cui faccio questa affermazione è il 1° di Gennaio.

16 I Numeri i colori e il foglio bianco Eccomi mi presento: sono il 1° foglio bianco! Sono dentro la cartellina di questo scolaretto; si chiama Marco. Sono 2 mesi che aspetto dessere usato, speriamo che oggi 3 Marzo sia il mio giorno… quello fortunato. Zitti tutti… sento un movimento, finalmente è il mio momento!! Risposta: Oppure anche attraverso una semplice e divertente filastrocca di Kevin Zingarelli (San Salvo)

17 …..Marco mi raccomando, non mi sprecare; e voi colori colorati, cercate di non comportarvi, come al solito da maleducati. In 4 e 4 8 sono certo, che vi userà tutti, perché ho sentito dire dalla maestra, che ogni numero ogni colore: è gioia, felicità, una vera e propria festa; una specie di finestra, da qui allaldilà…..

18 ….Il giallo e il 5 più caldi del sole, che ti bruciano gli occhi quando lo fissi a guardare. Il grigio e il 6 di un temporale, malinconici e freddi come i gattini sul davanzale. Il fucsia e il 7 dei fiocchi di Natale su quell albero davvero niente male. Granata è il rosso del mio cuore come l'8 e il 9 e tutte quelle persone le coloriamo dambra e marrone…

19 ….Il lilla è il 13 di un bel fiore che è di questa nostra natura: sempre più bella, se ne avessimo più cura. Ora il disegno è completato pieno di numeri e colori ed io, da semplici fogli bianco, mi illumino e sorrido, perché finalmente son tutto colorato.

20 Domanda: Come sono i suoi rapporti con i colleghi? Cè tra di voi un confronto sui metodi? Danno in qualche modo un contributo alle sue lezioni? Risposta: In generale ho un buon rapporto coi miei colleghi. In particolare c'è un'ottima collaborazione con la collega di matematica dell'altra sezione. Infatti al primo di ogni mese, ci confrontiamo sui lavori individuali e di gruppo svolti con la classe e sui rendimenti e risultati ottenuti. Inoltre i risultati migliori vengono esposti e illustrati dal bambino che li ha conseguiti a tutti i compagni. Dunque esiste così la possibilità di confronto anche tra i bambini stessi.

21 Domanda: Comè il suo rapporto con il dirigente? Ha un rapporto continuo e di confronto con questa figura? La rende partecipe della situazione scolastica? Risposta: Da tanti anni lavoro in questa scuola e negli anni il rapporto con la mia dirigente si è rafforzato sempre di più. Anche se inizialmente abbiamo avuto qualche incomprensione, ora posso dire che la sua figura rappresenta per me un punto di riferimento e di confronto continuo sui lavori da svolgere ma anche nelle relazione con i diversi colleghi.

22 Domanda: Comè il suo rapporto coi genitori? Risposta: Posso dire che c'è una grande disponibilità di comunicazione e confronto con tutti i genitori dei miei alunni. Certo, è difficile mantenere profondi rapporti con tutti, ma a mio parere una buona maestra deve conoscere le condizioni familiari che stanno alle spalle di ciascun alunno, in quanto quest'ultima influenza molto spesso l'andamento scolastico e relazionale dei bambini. Domanda: Che tipi di approcci usa? Quanto li rende partecipi dellandamento di loro figlio? Risposta: Quando devo fare delle comunicazioni ai genitori, preferisco inizialmente fermare il genitore fuori da scuola e poi convocarlo in modo formale attraverso un avviso cartaceo o di posta elettronica. A volte, se la situazione lo richiede, credo sia utile anche la presenza del bambino durante il colloquio o in una sua parte. In seguito alla nuova riforma, rendiamo disponibile con password d'accesso, ai i genitori interessati, la pagella e la valutazione del rendimento scolastico dei loro figli.

23 Domanda: Come vede il rapporto fra la scuola e lambiente?in che modo diventa occasione di fare scuola? Risposta: La posizione della scuola in cui insegno, è favorita dall'ambiente circostante, ovvero la presenza di un parco che permette ai bambini di sperimentare in modo concreto idee e concetti molto spesso intesi e spiegati a livello soltanto teorico. Per esempio mostra in maniera empirica il cambiamento ciclico delle stagioni, interessante oggetto di studio e osservazione. Domanda: Organizza spesso uscite? Con che criterio sceglie le destinazioni e le modalità? Risposta: Nel collegio docenti stabiliamo in media tre uscite da effettuare durante l'anno scolastico. Generalmente le mete vengono scelte in base all'argomento che si sta affrontando, tenendo presente le esigenze di ogni bambino e i loro interessi.

24 Ciclo delle stagioni Parco Lambro, Milano

25 Lavoro svolto da BANTERLE CLAUDIA MARIA, BOTTINI CHIARA LUISA, BRASCA ELENA MARIA e VALENTINOFRANCESCA


Scaricare ppt "Funzione docente: INTERVISTA ALLA MAESTRA MODELLO."

Presentazioni simili


Annunci Google