La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) SoFar Francesco Di Iacovo (Università di Pisa) http//:sofar.unipi.it

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) SoFar Francesco Di Iacovo (Università di Pisa) http//:sofar.unipi.it"— Transcript della presentazione:

1

2 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) SoFar Francesco Di Iacovo (Università di Pisa) http//:sofar.unipi.it

3 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) [Project Coordinator: University of Pisa, prof. Francesco Di Iacovo – So Far è una specific support action, finanziata dal VI EU Framework Programme [ Priority 8.1.B.1.1 Modernizzazione e sostenibilità dellagricoltura e foreste, sul ruolo della multifunzionalità per assicurare lo sviluppo sostenibile e la promozione delle aree rurali]. durata 30 mesi (inizio: maggio 2006) punta al supporto del social/care farming, come una nuova opportunità per allargare lo spettro dello sviluppo rurale europeosocial/care farming

4 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) La Storia Lavvio del dibattito italiano (2000) 1 International meeting su FH (2004) La possibilità di esplorare la dimensione dellagricoltura sociale su scala EU testare limpiego di metodologie di ricerca azione su una scala allargata Interesse nella DG ricerca

5 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Promuovere la costruzione di un ambiente istituzionale nuovo a sostegno dellagricoltura sociale favorendo legami tra ricercatori ed operatori e promuovendo il dialogo tra esperienze dellUnione con lintento di comparare, scambiare,coordinare esperienze e sforzi. Creare delle piattaforme di discussione sul tema - chiamando a discutere portatori di interesse e ricercatori- per supportare e disegnare le politiche future a livello nazionale e comunitario. Gli obiettivi

6 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Gli obiettivi specifici Verificare e comparare: -> State of the art Consistenza e caratteristiche delle realtà esistenti; Le evidenze scientifiche degli effetti delle pratiche di agricoltura sociale; condividere: ->piattaforme Concetti e terminologie; Procedure; Sistemi di supporto esistenti e potenziali; favorire: ->piattaforme e comunicazione Networking e coordinamento tra attori e ricercatori; Disseminare esperienze e lezioni apprese; Dare visibilità, posizionamento e voce al sistema. disegnare: ->piattaforme strategie innovative a livello regionale, nazionale e comunitario. apprendere: -> gruppo di ricerca lezioni metodologiche sullo sviluppo di metodi di ricerca partecipativa per assicurare supporto scientifico alla costruzione di politiche

7 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Ricerche e analisi: Definizione delle piattaforme (working groups): SWOT analisi e strategie innovative (mese 24-30). Materiali finali: libro e documentario audio-visivo (dvd). Comunicazione e disseminazione (mese 16-24) sviluppo della piattaforma EU. Questa parte rappresenta una evoluzione su scala EU del precedente lavoro di piattaforma – approfondendo il lavoro di testaggio e sperimentazione delle metodologie partecipative Piattaforma Europea (working groups): Strategia innovativa dellUE WORKPLAN (mese 0-8). Obiettivi: costruire una conoscenza di base sulla tematica, (1 milestone). (mese 8-16) piattaforme su scala regionale (una per Paese) bassate su lavoro partecipativo.

8 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Perché il progetto è stato selezionato? DG Research tema innovativo approccio diverso dialogo e partecipazione dei portatori di interesse nella definizione delle politiche Interessanti deliverables (video,libro)

9 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) I PARTNERS UNIPI (ITALY) – Dipartimento di Produzione Animale, University of Pisa PRI (THE NETHERLANDS) – Plant Research International, Wageningen University and Research Centre FiBL (GERMANY) - Forschungsinstitut für Biologischen Landbau (Research Institute of Organic Agriculture), Standort Witzenhausen UGENT(BELGIUM) - University of Ghent Faculty of Bioscience, Engineering, Department Agricultural Economics ULBFA (SLOVENIA) -University of Lubljana, Biotechnical Faculty, Department of Agronomy QAP (FRANCE) - QAP Decisions, Grenoble UCD (IRELAND) - National University of Ireland, Dublin ARSIA (ITALY) - Agenzia Regione Toscana Sviluppo ed Innovazione in Agricoltura

10 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Gli esiti della 1 piattaforma EU favorire più chiarezza e visibilità del fenomeno agricoltura sociale – sviluppare traiettorie e slogan comuni - per raggiungere più efficacemente istituzioni e cittadini; far quindi maturare, rafforzare, progredire queste realtà. Il problema definitorio (o in senso più morbido di una più precisa caratterizzazione del fenomeno) rimane ancora aperto. professionalizzazione vs. solidarismo, importanza relativa della componente agricola vs. componente sociale.

11 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) I punti condivisi 1.dare maggiore riconoscimento e visibilit à a realt à cresciute sul campo che portano importanti risultati; 2.sviluppare maggiore conoscenza e chiare definizioni; 3.sviluppare un dibattito sui diversi, possibili effetti dei diversi sistemi di regolazione, pubblico/privato; 4.sviluppare azioni coerenti a livello nazionale ed europeo; 5.maturare una visione comune europea, a partire dalle diversit à ; 6.sviluppare un agenda politica a livello europeo.

12 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Le questioni aperte 1.Come garantire che i diritti degli utenti siano assicurati nella formulazione di nuove politiche a sostegno dell agricoltura sociale? 2. Quanta agricoltura deve essere presente per poter parlare di agricoltura sociale (es. può essere sufficiente un piccolo orto familiare)? 3.Il fenomeno A.S. vuole essere un attivit à di nicchia all interno del mondo agricolo o si vuole puntare ad uno obiettivo diverso, pi ù ampio? 4.Ci sono delle tappe logiche progressive per far sviluppare il fenomeno e, se si, quali? 5.Come persuadere le istituzioni e i decisori politici a sfruttare i benefici dell A.S.? 6.Come integrare diverse politiche e strutture per sostenere le varie tipologie di esperienze? 7.Come promuovere sistemi istituzionali per un controllo di qualit à delle esperienze, senza perdere i valori, le modalit à e le identit à originali?

13 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Strategie per sviluppare lA.S. in Europa 1.Punti chiave e potenziale coinvolgimento dellEuropa a.focalizzare sul sostegno alla componente agricola (già esistono altre forme di supporto negli altri ambiti) b.le motivazioni di chi fa A.S. dovrebbero rimanere un aspetto fondamentale c.il meccanismo di sostegno non è ancora chiaro (vero e proprio servizio – modello accreditamento e budget personale allolandese – o solo compensazione dei mancati redditi? Modello analogo alle misure agro-ambientali già presenti nella PAC?) d.la possibilità di avere effettivamente ununica strategia politica europea andrebbe ancora discussa e si dovrebbe capire se lobiettivo sia quello di una crescita quantitativa del numero di progetti di agricoltura sociale o meno e.Ci sono degli aspetti ancora controversi: nuovi regolamenti europei potrebbero rivelarsi troppo costrittivi e mortificare originalità e diversità; daltra parte potrebbero aumentare ampiamente la possibilità di avvio e sviluppo di iniziative 2.Partnerships a.È emersa una forte spinta per la creazione e il rafforzamento di collegamenti e reti come opportunità di sviluppo del fenomeno A.S. nelle nostre società. In particolare: i.Trovare il supporto di associazioni di utenti (discutere con loro esigenze e valori, far pressione attraverso loro sui decisori politici) ii.Sviluppare collegamenti con altre realtà (movimenti ambientalisti, slow-food e altro) iii.Promuovere occasioni concrete di conoscenza e promozione, come delle visite in campo aperte ai decisori politici iv.Promuovere il sostegno locale attraverso lo sviluppo di gruppi di acquisto solidali v.Creare organizzazioni trasversali di utenti/praticanti (riunenti persone con diverse tipologie di disagio) a livello europeo

14 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Strategie per sviluppare lA.S. in Europa 3.Adattamento strutturale e sostegno a.Per sostenere lavvio di nuove esperienze (bisogni di adeguamento strutture, conoscenza e formazione ecc.) risulta importante: i.Lo sviluppo di specifici strumenti di sostegno finanziario (es. adeguamento strutture) ii.Creare sportelli informativi e informazione specifica iii.Creare delle agenzie di intermediazione tra domanda e offerta di servizi (es. tra istituti socio-sanitari e aziende – modello belga) iv.Trovare forme di supporto specifico allo sviluppo di reti che influenzino le politiche 4.Azioni a livello europeo a.Il fenomeno A.S. sta emergendo a livello europeo. Obiettivo di una piattaforma europea è quello di creare un minimo comune denominatore, pertanto: i.Raggiungere la definizione di alcuni termini comuni di riferimento per offrire una chiara, univoca comprensione di social farming in Europa; ii.Chiarire dei requisiti minimi per chi opera nel campo; iii.Sviluppare un piano di sviluppo chiaro e non ambiguo per sostenere lA.S. in Europa; iv.Sviluppare progetti di ricerca che prendano in considerazione anche gli aspetti medici (importante per ottenere un pieno riconoscimento dei sistemi sanitari) v.Migliorare la comunicazione e lintegrazione delle diverse politiche; vi.Creare occasioni di scambio tra i diversi paesi, come visite di studio di operatori e decisori politici, o altro.

15 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Il terreno di discussione: cosa A proposito del che cosa, il primo incontro europeo si è concentrato soprattutto sui seguenti argomenti: 1.una mappatura (con un continuo aggiornamento) delle diverse forme e tipologie di AS esistenti in Europa 2.un approfondimento della speciale relazione esistente tra agricoltura e varie forme di disagio o handicap 3.i principi etici che dovrebbero informare sempre queste iniziative

16 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Il terreno di discussione: come A proposito del come, gli aspetti chiave toccati, ma ancora aperti per la discussione, sono: 1.come organizzare reti (di influenza/azione politica) a scala regionale, nazionale ed europea: a.raggiungere e coinvolgere diversi portatori di interesse; b.creare dei modelli organizzativi; c.definire strategie di comunicazione per accrescere la visibilità 2.come definire le caratteristiche minime comuni di iniziative e progetti locali: a.standard minimi per le fattorie sociali, requisiti minimi per beneficiare di misure supporto; b.pratiche di monitoraggio e valutazione 3.come definire supporto adeguato per le iniziative: a.sostegno a livello di progetto di agricoltura sociale (che tipo e in che modo) b.sostegno a livello territoriale (reti, formazione per gli operatori, ecc.)

17 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Il lavoro della 2 piattaforma nazionale Contribuire alla costruzione di una visione europea partendo dalle situazioni nazionali I suggerimenti dei singoli paesi saranno poi incrociati e discussi in sede comunitaria (giugno 2008) Cosa ci attendiamo dallUnione Europea in tema di politiche per lagricoltura sociale Dare risposte concrete a 4 quesiti

18 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) I 4 quesiti 1.RETE EUROPEA. Come sviluppare una rete europea capace di legare tra loro diversi portatori d interesse, raggiungere e trovare il supporto dei cittadini e soprattutto dei decisori politici? 2.INTEGRAZIONE DELLE POLITICHE. Come riuscire a superare una logica settoriale, integrare pi ù pienamente le diverse politiche (aspetti agricoli, socio-assistenziali, terapeutico-sanitari, educativi, occupazionali), in modo da ricevere un pi ù pieno ed efficace sostegno delle istituzioni? 3.AZIONI EUROPEE A SOSTEGNO DEI BISOGNI LOCALI (LIVELLO DI AZIENDA DI AGRICOLTURA SOCIALE ). Quali elementi dovrebbero essere affrontati? 4.AZIONI EUROPEE A SOSTEGNO DEI BISOGNI LOCALI (LIVELLO DI TERRITORIO). Quali elementi dovrebbero essere affrontati?

19 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Il primo quesito 1.RETE EUROPEA. a.Quale può essere il valore aggiunto, il ruolo e l impatto nazionale/regionale di una rete europea sul tema dell AS? b.Fino a che punto questa rete potrebbe connettersi con reti gi à esistenti regionalmente/localmente? Queste ultime coinvolgono gi à rappresentanti istituzionali? c.Quali i vantaggi di una rete europea, e in che modo questa potrebbe migliorare l organizzazione a scala nazionale/regionale? d.Quali misure si potrebbero intraprendere per migliorare questa rete europea? E che misure dovrebbero essere prese in considerazione dalle politiche europee per facilitare lo sviluppo di reti locali? e.Che misure politiche si potrebbero intraprendere per superare l attuale scarsa consapevolezza e aiutare a far crescere le realt à di AS? f.Come le politiche possono supportare lo sviluppo di adeguate agenzie di supporto e meccanismi per lo sviluppo di reti a livello regionale/nazionale?

20 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Il secondo quesito 2.INTEGRAZIONE POLITICHE. a.Fino a che punto laspetto multidimensionale dellAS è riconosciuto dalle diverse istituzioni? b.Esiste già una certa prospettiva integrata dellAS di fronte alle diverse istituzioni? i.Se si, in che modo è stata raggiunta (quali strategie ed azioni)? ii.Se no, quali strategie ed azioni potrebbero essere intraprese per muoversi in questa direzione? c.Si tratta di una integrazione basata su rapporti bilaterali o che coinvolge più soggetti/settori? d.Si tratta di una integrazione promossa dal basso o per iniziativa delle istituzioni governative? e.Come far sì che i diritti/bisogni degli utenti siano incorporati nelle diverse pratiche di AS e nelle varie politiche? f.Che tipo di organizzazione istituzionale si dovrebbe prevedere per assicurare uneffettiva integrazione delle varie politiche e strutture, tale da sostenere lo sviluppo dellAS?

21 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Il terzo quesito 3.AZIONI EUROPEE A LIVELLO DI REALT à DI AGRICOLTURA SOCIALE. a.Quali dovrebbero essere standards e requisiti minimi (aspetti immateriali)? b.Quali dovrebbero essere misure e azioni di supporto concreto (es. formazione specifica, forme di finanziamento, meccanismi di compensazione, ecc.)? c.Per ciascun aspetto, indicare il ruolo delle politiche agricole e delle altre politiche d.Come può unazione (europea) di questo tipo rinforzare le dinamiche regionali/nazionali?

22 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Il quarto quesito 4.AZIONI EUROPEE A LIVELLO DI REALT à TERRITORIALE. a. Quali dovrebbero essere standard, requisiti, o altri aspetti immateriali? b.Quali dovrebbero essere misure e azioni di supporto concreto (es. di nuovo, formazione, forme di finanziamento, ecc.) c.Come prima, indicare l importanza e il ruolo specifico delle diverse politiche per ciascun aspetto d.Come può questa azione Europea rinforzare le dinamiche regionali e nazionali?

23 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Un schema di lavoro

24 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) La metodologia 2 questioni per volta: (2+2) Alternanza lavori: di gruppo: per discutere le questioni sessioni plenarie: per socializzare e produrre sintesi Gruppi eterogenei: per caratteristiche dei partecipanti Lavori dei gruppi: medianti da un coordinatore e assistiti da un verbalizzante Lavori in plenaria: report lavoro dei gruppi e prima bozza di sintesi

25 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Lagenda di lavoro L agricoltura sociale tra multifunzionalit à e servizi nelle aree rurali: il quadro strategico europeo 9.30 – 10.00registrazione partecipanti e caff é di benvenuto – 10.15ARSIA: saluto e presentazione della giornata – 10.30Partecipante EU platform: Gli esiti dell incontro di Piattaforma EU – 10.45Coordinatore Sofar: La costruzione di un quadro strategico comunitario: i temi del confronto – 11.00La metodologia e l organizzazione del lavoro di piattaforma – 13.00La costruzione di un quadro strategico comunitario: esplorando i primi quesiti (Lavori di gruppo n°4 gruppi) – Pausa pranzo – Lo sviluppo di un piano di azioni: le risposte ai primi quesiti (plenaria) – 16.00La costruzione di un quadro strategico comunitario: esplorando i secondi quesiti (Lavori di gruppo n°4 gruppi) – Lo sviluppo di un piano di azioni: le risposte ai secondi quesiti (plenaria) – 18.00Sintesi dei lavori e conclusioni

26 So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) Buon lavoro!


Scaricare ppt "So Far – Social Farming ( Social Services in Multifunctional Farms ) SoFar Francesco Di Iacovo (Università di Pisa) http//:sofar.unipi.it"

Presentazioni simili


Annunci Google