La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Apparato Cardiocircolatorio. La Cellula MITOCONDRI Centrale Energetica della Cellula Centrale Energetica della Cellula Produzione di ATP Produzione di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Apparato Cardiocircolatorio. La Cellula MITOCONDRI Centrale Energetica della Cellula Centrale Energetica della Cellula Produzione di ATP Produzione di."— Transcript della presentazione:

1 Apparato Cardiocircolatorio

2 La Cellula

3 MITOCONDRI Centrale Energetica della Cellula Centrale Energetica della Cellula Produzione di ATP Produzione di ATP

4 ATP ADENOSIN TRIFOSFATO ADENOSIN TRIFOSFATO

5 IL NOSTRO CARBURANTE 1.Tutti i processi chimici cellulari 2.Movimento dei muscoli 3.Calore 4.VITA ORGANISMO

6 FORMAZIONE ATP Ossigeno + Zuccheri = ATP + Anidride Carbonica + Rifiuti

7 OSSIGENO Richiesta più importante Richiesta più importante Substrato fondamentale per la nostra vita Substrato fondamentale per la nostra vita

8 SENZA OSSIGENO NESSUNA ATP SENZA ATP NESSUNA VITA CELLULARE SENZA VITA CELLULARE MORTE

9 ORGANI NOBILI Organi fondamentali per la produzione di ATP (carburante) Organi fondamentali per la produzione di ATP (carburante)

10 Sistema nervoso Maggiore consumatore di ATP Maggiore consumatore di ATP Sistema centrale vitale Sistema centrale vitale

11 Cellula Nervosa RICCA DI MITOCONDRI

12 CUORE Pompa il sangue Pompa il sangue Trasporta ossigeno e zuccheri Trasporta ossigeno e zuccheri Trasporta anidride carbonica e rifiuti Trasporta anidride carbonica e rifiuti Molti mitocondri Molti mitocondri

13 POLMONI Fonte di ossigeno Fonte di ossigeno Eliminazione Eliminazione Anidride carbonica Anidride carbonica

14 ALVEOLI POLMONARI Scambi gassosi tra ossigeno e anidride carbonica Scambi gassosi tra ossigeno e anidride carbonica

15 ORGANI IMPORTANTI

16 APP.DIGERENTE Assimilazione cibo (zuccheri, proteine, grassi, vitamine,ecc) Assimilazione cibo (zuccheri, proteine, grassi, vitamine,ecc)

17 RENI Eliminazione rifiuti Eliminazione rifiuti Filtrazione sangue Filtrazione sangue Purificazione Purificazione

18 MECCANISMO PRODUZIONE ATP = VITA Polmoni Ossigeno Polmoni Ossigeno Digerente Zuccheri Digerente Zuccheri Ossigeno + Zuccheri Sangue Ossigeno + Zuccheri Sangue Cuore (vasi sanguigini) Tessuti Cuore (vasi sanguigini) Tessuti Tessuti = Cellula Tessuti = Cellula Cellula (Mitocondri Oss.+Zuc.=ATP Cellula (Mitocondri Oss.+Zuc.=ATP ATP Sistema Nervoso, Muscolare,ecc ATP Sistema Nervoso, Muscolare,ecc ATP = VITA ORGANICA ATP = VITA ORGANICA

19 MECCANISMO ELIMINAZIONE RIFIUTI Cellula Anidride Carbonica + Rifiuti Cellula Anidride Carbonica + Rifiuti And.Carb.+Rif. Sangue And.Carb.+Rif. Sangue Cuore Polmoni e Reni Cuore Polmoni e Reni Eliminazione Eliminazione

20 CONDIZIONI VITA Funzionamento : Funzionamento : Sistema Polmonare Sistema Polmonare Sistema Cardio Circolatorio Sistema Cardio Circolatorio

21 Condizioni VITA Garantire : Garantire : Ossigeno Ossigeno Cibo (zuccheri, proteine, vitamine,ecc) Cibo (zuccheri, proteine, vitamine,ecc) Acqua Acqua

22 APP.Cardio - Circolatorio CARDIO Cuore (Pompa) CARDIO Cuore (Pompa) Circolatorio Vasi Sanguigni (Tubi) Circolatorio Vasi Sanguigni (Tubi)

23 Il cuore – Muscolo più importante

24 CUORE – Muscolo Autonomo UNICO MUSCOLO CHE SI CONTRAE AUTONOMAMENTE UNICO MUSCOLO CHE SI CONTRAE AUTONOMAMENTE NON RICHIEDE LA NOSTRA VOLONTA NON RICHIEDE LA NOSTRA VOLONTA VIENE REGOLATO DAL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO VIENE REGOLATO DAL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO

25 Il cuore si trova nella cavità toracica e precisamente nel mediastino, che è lo spazio compreso tra i due polmoni, il diaframma, la colonna vertebrale e lo sterno.

26

27

28 Il cuore può essere paragonato, a un sacco a forma di pera con la punta rivolta verso il basso, spostata verso il fianco sinistro.

29

30 SUDDIVISIONE Un sacco formato da 4 cavità Un sacco formato da 4 cavità 2 atri superiori 2 atri superiori 2 ventricoli inferiori 2 ventricoli inferiori

31 SUDDIVISIONE Gli atri separati tra loro dal setto interatriale Gli atri separati tra loro dal setto interatriale I ventricoli separati tra loro dal setto interventricolare I ventricoli separati tra loro dal setto interventricolare

32 SUDDIVISIONE Latrio comunica con il ventricolo attraverso una valvola: Latrio comunica con il ventricolo attraverso una valvola: Tricuspide Destra Tricuspide Destra Bicuspide o mitrale Sinistrra Bicuspide o mitrale Sinistrra

33

34 Le valvole Cuspidi Cuspidi Semilunari a nido di rondine Semilunari a nido di rondine

35 STRATI DEL CUORE

36 Le cavità cardiache sono tappezzate da una sottile membrana, detta endocardio.

37 La superficie esterna del cuore e il tratto iniziale dei grandi vasi che arrivano al cuore e ne dipartono sono rivestiti da un sacco a doppia parete, detto pericardio. Fra i due strati vi è un sottile spazio contenente una piccola quantità di liquido.

38 Grazie al foglietto esterno del pericardio il cuore è solidamente fissato al suo posto; grazie al liquido lubrificante contenuto nellintercapedine, esso non è ostacolato nei suoi movimenti di contrazione, potendo i due foglietti scorrere facilmente luno sullaltro.

39 MIOCARDIO Mio Muscolo Mio Muscolo Cardio Cuore Cardio Cuore Parte Funzionale del Cuore Parte Funzionale del Cuore

40 Rapporto con la circolazione Sistema chiuso Sistema chiuso

41 Circolazione Arterie escono dal cuore (ventricoli) Arterie escono dal cuore (ventricoli) Vene entrano nel cuore (atri) Vene entrano nel cuore (atri) Capillari tra arterie e vene (zona scambio) TESSUTI Capillari tra arterie e vene (zona scambio) TESSUTI

42 La Grande circolazione è linsieme dei vasi che porta il sangue dal cuore alla periferia e dalla periferia al cuore.

43 La Piccola circolazione è linsieme dei vasi che porta il sangue dal cuore ai polmoni e dai polmoni al cuore.

44 Doppia Circolazione Piccola Circolazione Polmonare Piccola Circolazione Polmonare Grande Circolazione Tessuti Grande Circolazione Tessuti Arterie e Vene Trasporto Sangue Arterie e Vene Trasporto Sangue Capillari Scambio Ossig.+Nutrim. Capillari Scambio Ossig.+Nutrim.

45 Funzione Circolazione Piccola Circolazione Piccola Circolazione Entra OssigenoEntra Ossigeno Eliminazione Anidride CarbonicaEliminazione Anidride Carbonica Grande Circolazione Grande Circolazione Ossigeno e Nutrimento ai TessutiOssigeno e Nutrimento ai Tessuti Anid.Carbonica e Rifiuti dai TessutiAnid.Carbonica e Rifiuti dai Tessuti

46

47

48 La contrazione (degli atri e dei ventricoli) si chiama sistole. La dilatazione (degli atri e dei ventricoli) si chiama diastole. FASI DEL CUORE

49 Diastole Fase di riempimento Atriale (da vene) Fase di riempimento Atriale (da vene) Apertura valvole cuspidali Apertura valvole cuspidali Riempimento Ventricolare Riempimento Ventricolare Lieve compressione atriale Lieve compressione atriale Si completa il riempimento ventric. Si completa il riempimento ventric. Chiusura valvole cuspidale (1 tono) Chiusura valvole cuspidale (1 tono)

50 Sistole Compressione ventricolare Compressione ventricolare Apertura valvole semilunari Apertura valvole semilunari Fuoriesce il sangue nelle arterie Fuoriesce il sangue nelle arterie Chiusura valvole semilunari (2 tono) Chiusura valvole semilunari (2 tono)

51 Schema di funzionamento del ciclo cardiaco: 1. gli atri si dilatano e ricevono il sangue dalle vene; 2. gli atri si contraggono e spingono il sangue nei ventricoli sottostanti; 3. contemporaneamente i ventricoli si dilatano e lo ricevono; 4. i ventricoli carichi di sangue si contraggono e per pompare il sangue nelle arterie.

52 Battito cardiaco Frequenza cardiaca battiti Frequenza cardiaca battiti Bambini battiti Bambini battiti Aumento Sforzo fisico, Emozioni,ecc, Aumento Sforzo fisico, Emozioni,ecc,

53 Statistica Ogni gitatta cardiaca 70 ml Ogni gitatta cardiaca 70 ml Frequenza 70 bat.al minuto Frequenza 70 bat.al minuto 70x70 = 4,9 litri di sangue al min. 70x70 = 4,9 litri di sangue al min. Sforzo fisico -> aum.gittata e freq. Sforzo fisico -> aum.gittata e freq. 5 litri al min. 25 litri al minuto 5 litri al min. 25 litri al minuto

54 Statistica Pressione in uscita massima o sistolica 120/130 mmHg Pressione in uscita massima o sistolica 120/130 mmHg Pressione in uscita minima o diastolica 70/90 mmHg Pressione in uscita minima o diastolica 70/90 mmHg

55 Anomalie Pressori Ipertensione >140 sist. >90 diast. Ipertensione >140 sist. >90 diast. Ipotensione <100 sist. <60 diast. Ipotensione <100 sist. <60 diast.

56 Pressione Gittata cardiaca Gittata cardiaca Resistenza Periferiche (arteriole) Resistenza Periferiche (arteriole) Volume sanguigno (volemia) Volume sanguigno (volemia)

57 I vasi sanguigni coprono in lunghezza decine di migliaia di chilometri. I vasi sanguigni si dividono in: arterie, arterìole, capillari, vénule e vene, distinguibili per forma e funzione. I VASI

58 Le arterie sono vasi elastici di grosso calibro che servono a trasferire rapidamente il sangue verso la periferia.

59 Principali caratteristiche delle arterie: ricevono il sangue dal cuore; ricevono il sangue dal cuore; hanno un diametro ampio (aorta 2,5 cm); hanno un diametro ampio (aorta 2,5 cm); hanno pareti spesse e robuste, formate da tre strati ; le pareti sono elastiche; hanno pareti spesse e robuste, formate da tre strati ; le pareti sono elastiche; grazie alla loro elasticità, si dilatano quando il sangue viene pompato, per poi rilasciarsi. grazie alla loro elasticità, si dilatano quando il sangue viene pompato, per poi rilasciarsi.

60 Arterie Trasporto sangue ossigenato + nutrim. Trasporto sangue ossigenato + nutrim. Molto elastiche Molto elastiche Altissime pressioni Altissime pressioni Altissima velocità Altissima velocità Profonde Profonde

61

62 Le arteriole servono a regolare il flusso di sangue in un organo.

63

64 I capillari sono la sede degli scambi tra i tessuti ed il torrente circolatorio.

65 Principali caratteristiche dei capillari: sono i canali più piccoli (10-20 millesimi di mm), più brevi e più permeabili di tutta la rete vascolare; sono i canali più piccoli (10-20 millesimi di mm), più brevi e più permeabili di tutta la rete vascolare; il lume è appena sufficiente al passaggio dei globuli rossi in fila indiana; il lume è appena sufficiente al passaggio dei globuli rossi in fila indiana; i capillari sono la sede degli scambi tra le cellule ed il sangue circolante; i capillari sono la sede degli scambi tra le cellule ed il sangue circolante;

66 Principali caratteristiche dei capillari: il nostro corpo possiede Km di capillari; il nostro corpo possiede Km di capillari; lacqua ed i suoi soluti (zuccheri, ioni, gas, amminoacidi,…) passano facilmente dal circolo ai tessuti e viceversa, mentre i globuli rossi sono troppo grandi per penetrare negli interstizi disponibili tra le cellule della parete capillare e quindi non escono dai vasi. lacqua ed i suoi soluti (zuccheri, ioni, gas, amminoacidi,…) passano facilmente dal circolo ai tessuti e viceversa, mentre i globuli rossi sono troppo grandi per penetrare negli interstizi disponibili tra le cellule della parete capillare e quindi non escono dai vasi.

67 Capillari Vasi molto sottili Vasi molto sottili Pressione bassa Pressione bassa Si trovano nei tessuti Si trovano nei tessuti Adibiti non al trasporto ma allo scambio Adibiti non al trasporto ma allo scambio

68 Capillari Rilasciano Ossigeno e Nutrimento alle cellule Rilasciano Ossigeno e Nutrimento alle cellule Riassorbono Anidride Carbonica e Rifiuti Riassorbono Anidride Carbonica e Rifiuti

69

70 Capillari Piccola Circolazione Rilasciano Anid.Carbonica Rilasciano Anid.Carbonica Riassorbono Ossigeno Riassorbono Ossigeno ALVEOLO POLMONARE

71 Le venule e le vene riportano il sangue al cuore grazie a meccanismi che lo sospingono e ne impediscono il reflusso.

72 Principali caratteristiche delle vene: portano il sangue al cuore; portano il sangue al cuore; hanno pareti più sottili, meno elastiche e più flessibili di quelle arteriose; anche queste sono formate da tre strati; hanno pareti più sottili, meno elastiche e più flessibili di quelle arteriose; anche queste sono formate da tre strati; attività dei muscoli scheletrici, pressione sanguigna residua, pressione negativa nel torace e valvole unidirezionali impediscono il ristagno e portano il sangue al cuore. attività dei muscoli scheletrici, pressione sanguigna residua, pressione negativa nel torace e valvole unidirezionali impediscono il ristagno e portano il sangue al cuore.

73 Vene Trasporto sangue anid.carb.+rifiuti Trasporto sangue anid.carb.+rifiuti Poco elastiche Poco elastiche Basse pressioni Basse pressioni Bassa velocità Bassa velocità Superficiali Superficiali

74

75 Valvole delle Vene

76 Il sistema linfatico

77 Il sistema linfatico raccoglie i liquidi che i vasi sanguigni perdono nel passaggio dal sangue ai tessuti. Il sistema linfatico convoglia questi liquidi nuovamente nella corrente sanguigna.

78 Il sistema linfatico assomiglia al sistema venoso in quanto consiste anchesso di una rete di interconnessione di vasi sempre più grandi. Il liquido trasportato nel sistema linfatico è detto linfa.

79 Rapporto Cuore-Polmone Vene Cave (ritorno dai tessuti) atrio dx Vene Cave (ritorno dai tessuti) atrio dx Esce dal ventricolo dx Arterie polmonari x ossigenzione Esce dal ventricolo dx Arterie polmonari x ossigenzione Torna allatrio sx Torna allatrio sx Esce dal ventricolo sx AORTA (TESSUTI) Esce dal ventricolo sx AORTA (TESSUTI)

80 Lirrorazione del cuore è assicurata da due arterie coronarie, destra e sinistra. Le vene coronarie hanno una disposizione grossolanamente sovrapponibile alle arterie e sboccano nellatrio destro. IRRORAZIONE DEL CUORE

81

82 Placca arteriosclerotica Grassi Piastrine Coaguli disseminati

83 Irrorazione Cuore 2 artierie coronarie 2 artierie coronarie

84 Arteriosclerosi

85 Formazione Placca 1. LESIONE CORONARICA 2. Adesione Piastrinica 3. Adesione Grassi

86 Fattori di rischio Ipertensione (danno vasale) Ipertensione (danno vasale) Fumo sigaretta (danno vasale) Fumo sigaretta (danno vasale) Ipercolesterolemia (adesione grassi) Ipercolesterolemia (adesione grassi) Diabete (lesione da iperglicemia) Diabete (lesione da iperglicemia) Obesità (grassi, zuccheri) Obesità (grassi, zuccheri) Stress (fragilità vasale) Stress (fragilità vasale) Viscosità sangue (globuli rossi) Viscosità sangue (globuli rossi)

87 INFARTO Occlusione arteria coronaria completa o parziale Occlusione arteria coronaria completa o parziale Necrosi muscolare Necrosi muscolare Fibrillazione atrioventricolare Fibrillazione atrioventricolare MORTE x INFARTO MORTE x INFARTO Sintomi premonitori ANGINA PECTORIS Sintomi premonitori ANGINA PECTORIS

88 A differenza della maggior parte dei muscoli, che si contrae soltanto quando è stimolata da un nervo motorio, la stimolazione delle cellule del muscolo cardiaco si origina nel muscolo stesso.

89 Sistema di conduzione cardiaca Nodo atrio- ventricolar e Nodoseno-atriale Fascio comune di HIS di HIS Fibre del Purkinje

90 Principali Emergenze Cardiache Lipotimia o Svenimento Lipotimia o Svenimento Shock Shock Angina Pectoris Angina Pectoris Infarto del Miocardio Infarto del Miocardio Arresto Cardiaco Arresto Cardiaco Dolore Toracico Dolore Toracico

91 LIPOTIMIA O SVENIMENTO Lo svenimento è Lo svenimento è una momentanea perdita di conoscenza una momentanea perdita di conoscenza dovuta dovuta ad una temporanea riduzione di afflusso di sangue al cervello; ad una temporanea riduzione di afflusso di sangue al cervello; può essere causata può essere causata ad unemozione intensa, ad unemozione intensa, ad una riduzione della pressione arteriosa ad una riduzione della pressione arteriosa al caldo intenso. al caldo intenso. È benigno e si risolve in breve tempo. È benigno e si risolve in breve tempo.

92 Sintomi generali il soggetto appare il soggetto appare Pallido Pallido Talvolta solo lievemente sudato Talvolta solo lievemente sudato Il polso è lento. Il polso è lento.

93 Cosa fare Essendo lobiettivo quello di migliorare la circolazione cerebrale Essendo lobiettivo quello di migliorare la circolazione cerebrale si metterà il soggetto a terra, si metterà il soggetto a terra, tenendo le gambe in alto, tenendo le gambe in alto, afferrandolo alle caviglie oppure utilizzando un sostegno adeguato, come cuscini o una sedia rovesciata afferrandolo alle caviglie oppure utilizzando un sostegno adeguato, come cuscini o una sedia rovesciata

94

95 Quando il soggetto si riprenderà Quando il soggetto si riprenderà rassicuratelo rassicuratelo dopo alcuni minuti mettetelo a sedere. dopo alcuni minuti mettetelo a sedere. Solo quando siete sicuri che si sia ripreso Solo quando siete sicuri che si sia ripreso Fatelo alzare in piedi. Fatelo alzare in piedi. Se il soggetto malgrado la posizione non riprende conoscenza, Se il soggetto malgrado la posizione non riprende conoscenza, chiamare il 118. chiamare il 118.

96 SHOCK Nello svenimento Nello svenimento è solo il cervello che soffre per un inadeguato apporto di sangue e quindi di ossigeno, è solo il cervello che soffre per un inadeguato apporto di sangue e quindi di ossigeno, Nello shock Nello shock il sistema cardiocircolatorio è incapace a fornire una adeguata quantità di sangue a tutti i tessuti periferici, cioè a tutto lorganismo. il sistema cardiocircolatorio è incapace a fornire una adeguata quantità di sangue a tutti i tessuti periferici, cioè a tutto lorganismo.

97 Nello shock la diminuzione del flusso Nello shock la diminuzione del flusso è acuta e grave è acuta e grave conduce, se non corretta in tempo, conduce, se non corretta in tempo, a disturbi metabolici seri,a disturbi metabolici seri, a danni permanentia danni permanenti a morte.a morte. Lo shock è sempre accompagnato Lo shock è sempre accompagnato da diminuzione della pressione sanguigna. da diminuzione della pressione sanguigna.

98 I motivi che conducono allo shock sono diversi, tra i principali: I motivi che conducono allo shock sono diversi, tra i principali: il meccanismo di pompa del cuore non adeguato (come avviene nellinfarto del miocardio); il meccanismo di pompa del cuore non adeguato (come avviene nellinfarto del miocardio); la notevole diminuzione del volume sanguigno (come avviene in unanemia acuta da emorragia o nelle ustioni estese); la notevole diminuzione del volume sanguigno (come avviene in unanemia acuta da emorragia o nelle ustioni estese); gravi reazioni allergiche a farmaci, a punture dinsetto ecc.. gravi reazioni allergiche a farmaci, a punture dinsetto ecc..

99 Sintomi generali Il soggetto è pallido con sudorazione fredda; Il soggetto è pallido con sudorazione fredda; Il polso è poco apprezzabile perché debole, ma è molto frequente; Il polso è poco apprezzabile perché debole, ma è molto frequente; Progressiva debolezza fino alla perdita di conoscenza; Progressiva debolezza fino alla perdita di conoscenza; Respirazione difficoltosa e frequente Respirazione difficoltosa e frequente

100 Cosa fare Porre il soggetto a terra in posizione supina, con le gambe sollevate, come per lo svenimento Porre il soggetto a terra in posizione supina, con le gambe sollevate, come per lo svenimento Se perde conoscenza Se perde conoscenza utilizzare la posizione laterale di sicurezza, sempre però tenendo gli arti inferiori sollevati. utilizzare la posizione laterale di sicurezza, sempre però tenendo gli arti inferiori sollevati. Chiamare il 118. Chiamare il 118. Controllare polso e respiro Controllare polso e respiro Se necessario, iniziare la rianimazione. Se necessario, iniziare la rianimazione.

101 ANGINA PECTORIS Consiste Consiste in una riduzione del flusso sanguigno nelle arterie coronarie in una riduzione del flusso sanguigno nelle arterie coronarie Insorge più frequentemente, ma non solo, Insorge più frequentemente, ma non solo, durante uno sforzo fisico, come camminare e salire le scale, durante uno sforzo fisico, come camminare e salire le scale, dopo unemozione intensa dopo unemozione intensa

102 Sintomi generali: Il soggetto Il soggetto è costretto a fermarsi, è costretto a fermarsi, avvertirà oppressione o vero dolore al petto, avvertirà oppressione o vero dolore al petto, porterà la mano sullo sterno. porterà la mano sullo sterno. Il dolore potrà essere irradiato Il dolore potrà essere irradiato al collo al collo alle mandibole alle mandibole al braccio sinistro che potrà avvertire come dolente o addormentato. al braccio sinistro che potrà avvertire come dolente o addormentato. Il respiro Il respiro potrà essere superficiale. potrà essere superficiale.

103 Cosa fare Fate sedere comodamente il soggetto Fate sedere comodamente il soggetto Tranquillizzatelo e rassicuratelo Tranquillizzatelo e rassicuratelo Controllate la frequenza cardiaca, Controllate la frequenza cardiaca, se avvertite un aumento ed una irregolarità del battito, se avvertite un aumento ed una irregolarità del battito, se il dolore dovesse durare più di 5-10 minuti, se il dolore dovesse durare più di 5-10 minuti, chiamate il 118. chiamate il 118. Tenetevi pronti per la rianimazione che, comunque, è raramente necessaria in caso di angina pectoris Tenetevi pronti per la rianimazione che, comunque, è raramente necessaria in caso di angina pectoris

104 INFARTO CARDIACO Linfarto cardiaco consiste Linfarto cardiaco consiste nella necrosi (morte) di una porzione più o meno estesa del tessuto muscolare cardiaco (miocardio) nella necrosi (morte) di una porzione più o meno estesa del tessuto muscolare cardiaco (miocardio) Causata Causata dallimprovviso arresto nel flusso sanguigno a valle del distretto interessato. dallimprovviso arresto nel flusso sanguigno a valle del distretto interessato.

105 Linterruzione viene per lo più generata Linterruzione viene per lo più generata da un trombo che ostruisce il ramo principale dellarteria coronaria. da un trombo che ostruisce il ramo principale dellarteria coronaria. Se linfarto è molto esteso o se colpisce zone particolari, Se linfarto è molto esteso o se colpisce zone particolari, può sopraggiungere un arresto cardiaco con conseguente morte del soggetto. può sopraggiungere un arresto cardiaco con conseguente morte del soggetto.

106 Sintomi generali Il dolore, come sede ed irradiazione, Il dolore, come sede ed irradiazione, è simile a quello dellangina ma si differenzia per lintensità e la durata, che sono maggiori.è simile a quello dellangina ma si differenzia per lintensità e la durata, che sono maggiori. Il dolore anginoso Il dolore anginoso insorge generalmente sotto sforzo e migliora o scompare con il riposo,insorge generalmente sotto sforzo e migliora o scompare con il riposo, linfarto linfarto può insorgere anche durante il riposo e non migliora con esso.può insorgere anche durante il riposo e non migliora con esso. Il soggetto Il soggetto avverte una sensazione di morte imminente,avverte una sensazione di morte imminente, il colorito è pallido cereo,il colorito è pallido cereo, le labbra possono essere bluastre,le labbra possono essere bluastre, il viso è ricoperto di sudorazione fredda,il viso è ricoperto di sudorazione fredda, il polso è frequente,il polso è frequente, il respiro affannoso.il respiro affannoso.

107 Cosa fare Ponete il soggetto in posizione comoda, semiseduto e con le gambe piegate; Ponete il soggetto in posizione comoda, semiseduto e con le gambe piegate; Mettete se possibile dei cuscini per sorreggere le spalle e la testa. Mettete se possibile dei cuscini per sorreggere le spalle e la testa. Rassicuratelo e chiamate il 118, o, se potete, fatelo chiamare da qualcun altro per non lasciarlo da solo, perché il rischio che sopravvenga un arresto cardiaco è molto alto. Rassicuratelo e chiamate il 118, o, se potete, fatelo chiamare da qualcun altro per non lasciarlo da solo, perché il rischio che sopravvenga un arresto cardiaco è molto alto. Fate riferire sempre al soccorso che temete un infarto. Fate riferire sempre al soccorso che temete un infarto. Controllate perciò sempre il polso e la respirazione e rianimate se necessario. Controllate perciò sempre il polso e la respirazione e rianimate se necessario.

108 ARRESTO CARDIACO Per arresto cardiaco sintende Per arresto cardiaco sintende larresto della funzione cardiaca con conseguente arresto del flusso ematico a tutti gli organi ed apparati. larresto della funzione cardiaca con conseguente arresto del flusso ematico a tutti gli organi ed apparati. Se questa condizione persiste oltre un certo numero di minuti Se questa condizione persiste oltre un certo numero di minuti si hanno danni irreversibili in alcuni organi primo fra tutti il sistema nervoso centrale, e successivamente la morte. si hanno danni irreversibili in alcuni organi primo fra tutti il sistema nervoso centrale, e successivamente la morte.

109 Arresto Cardiaco Il cuore cessa di pompare in queste situazioni: Il cuore cessa di pompare in queste situazioni: Fibrillazione ventricolare : è il movimento scoordinato dei ventricoli inefficace a pompare sangueFibrillazione ventricolare : è il movimento scoordinato dei ventricoli inefficace a pompare sangue Tachicardia ventricolare : i ventricoli si contraggono troppo velocemente senza dare il tempo al cuore di riempirsi di sangueTachicardia ventricolare : i ventricoli si contraggono troppo velocemente senza dare il tempo al cuore di riempirsi di sangue Dissociazione elettrica del cuore : non arrivano più gli impulsi elettrici dal pace-maker naturaleDissociazione elettrica del cuore : non arrivano più gli impulsi elettrici dal pace-maker naturale Asistolia : è il blocco totale delle contrazioni muscolari del cuoreAsistolia : è il blocco totale delle contrazioni muscolari del cuore

110 Sintomi generali Il soggetto è incosciente, Il soggetto è incosciente, Manca il polso, Manca il polso, Manca il respiro. Manca il respiro. Il colorito è grigio-cianotico Il colorito è grigio-cianotico

111 Cause dellarresto cardiaco Cause cardiogene Cause cardiogene Il cuore non pompa più a causa di patologie o danni che lo hanno colpito direttamenteIl cuore non pompa più a causa di patologie o danni che lo hanno colpito direttamente Cause non cardiogene Cause non cardiogene Il cuore non pompa per cause che hanno colpito altri organiIl cuore non pompa per cause che hanno colpito altri organi

112 Cause cardiogene Infarto del miocardio complicato da aritmie Infarto del miocardio complicato da aritmie Rottura del cuore Rottura del cuore

113 Cause non cardiogene Asfissia e arresto respiratorio Asfissia e arresto respiratorio Shock ipovolemico (dissanguamento) Shock ipovolemico (dissanguamento) Ipotermia (esposizione al freddo) Ipotermia (esposizione al freddo) Intossicazioni Intossicazioni Embolia Polmonare Embolia Polmonare Traumi Traumi Folgorazione Folgorazione

114 Cosa fare Verificare lassenza di polso (usare il carotideo) e di respiro. Verificare lassenza di polso (usare il carotideo) e di respiro. Chiamare il 118. Chiamare il 118. Iniziare il massaggio cardiaco e la respirazione artificiale alternati per sostenere il circolo, in particolare quello cerebrale. Iniziare il massaggio cardiaco e la respirazione artificiale alternati per sostenere il circolo, in particolare quello cerebrale.

115 Arresto dovuto ad infarto Il cuore entra in fibrillazione per alcuni minuti prima di andare in asistolia Il cuore entra in fibrillazione per alcuni minuti prima di andare in asistolia Serve immediatamente il defibrillatore Serve immediatamente il defibrillatore Praticare la rianimazione nellattesa Praticare la rianimazione nellattesa

116 Nel caso di bambini, annegati o traumatizzati Larresto cardiaco è dovuto di solito ad arresto respiratorio Larresto cardiaco è dovuto di solito ad arresto respiratorio Raramente troviamo fibrillazione Raramente troviamo fibrillazione Bisogna completare lesame dei parametri vitali e iniziare subito la rianimazione Bisogna completare lesame dei parametri vitali e iniziare subito la rianimazione

117 Dolore Toracico : Primo Soccorso Assecondiamo e tranquilliziamo Assecondiamo e tranquilliziamo Evitare che compia qualsiasi sforzo Evitare che compia qualsiasi sforzo Facciamo scegliere la posizione più comoda Facciamo scegliere la posizione più comoda Trasportiamo in ospedale il più presto possibile Trasportiamo in ospedale il più presto possibile Somministriamo ossigeno Somministriamo ossigeno

118 Circolazione sanguigna e Sangue

119 Circolazione sanguigna Il sangue è lautostrada chimica che collega tra loro la moltitudine di cellule che costituiscono il nostro corpo.

120 Circolazione sanguigna Il sangue è il mezzo attraverso cui le molecole nutritive elaborate dalla digestione e le molecole di ossigeno introdotte con la respirazione sono distribuite alle singole cellule.

121 Circolazione sanguigna Il sangue elimina anche i materiali di rifiuto. Il sangue trasporta altre sostanze come ormoni, anticorpi, enzimi. Tra i suoi costituenti ci sono le cellule che difendono lorganismo dai corpi estranei.

122 Il sangue

123 Un individuo che pesa 75 Kg possiede circa 6 litri di sangue, corrispondenti a circa l8% del suo peso.

124 Il sangue Il sangue è formato da: plasma; plasma; globuli rossi; globuli rossi; globuli bianchi; globuli bianchi; piastrine. piastrine.

125 Il sangue

126 Il sangue è un tessuto (connettivo).

127 Il sangue Plasma il plasma è costituito per il 90% da acqua; il plasma è costituito per il 90% da acqua; è un liquido di colore paglierino; è un liquido di colore paglierino; in esso è disciolta la maggior parte delle molecole necessarie alle singole cellule; in esso è disciolta la maggior parte delle molecole necessarie alle singole cellule; in esso confluiscono anche le sostanze di rifiuto. in esso confluiscono anche le sostanze di rifiuto.

128 Il sangue Plasma contiene delle molecole proteiche (proteine plasmatiche) che non sono sostanze nutritive o prodotti di rifiuto, ma svolgono la loro funzione allinterno della corrente sanguigna stessa. contiene delle molecole proteiche (proteine plasmatiche) che non sono sostanze nutritive o prodotti di rifiuto, ma svolgono la loro funzione allinterno della corrente sanguigna stessa.

129 Il sangue Plasma le proteine plasmatiche hanno diverse funzioni: grazie a loro il potenziale osmotico del sangue è maggiore di quello del liquido interstiziale circostante, evitando uneccessiva perdita di liquido dal sangue verso i tessuti. le proteine plasmatiche hanno diverse funzioni: grazie a loro il potenziale osmotico del sangue è maggiore di quello del liquido interstiziale circostante, evitando uneccessiva perdita di liquido dal sangue verso i tessuti.

130 Il sangue Plasma le proteine plasmatiche hanno diverse funzioni: servono a legare tra loro piccole molecole, impedendone lallontanamento dalla corrente sanguigna; in questo modo si trasportano grassi, colesterolo e molecole altrimenti insolubili nel sangue. le proteine plasmatiche hanno diverse funzioni: servono a legare tra loro piccole molecole, impedendone lallontanamento dalla corrente sanguigna; in questo modo si trasportano grassi, colesterolo e molecole altrimenti insolubili nel sangue.

131 Il sangue Plasma le proteine plasmatiche appartengono a tre gruppi principali: le proteine plasmatiche appartengono a tre gruppi principali: 1. Albumina; 2. Fibrinogeno; 3. Globuline (tra cui le immunoglobluline).

132 Il sangue Globuli rossi (eritrociti) cellule specializzate nel trasporto di O 2 ; cellule specializzate nel trasporto di O 2 ; sono presenti circa 5 milioni di globuli rossi per millimetro cubo di sangue (25000 miliardi in tutto il corpo); sono presenti circa 5 milioni di globuli rossi per millimetro cubo di sangue (25000 miliardi in tutto il corpo); sono privi di nucleo e non possono riparare eventuali danni; sono privi di nucleo e non possono riparare eventuali danni; hanno vita breve ( giorni); hanno vita breve ( giorni);

133 Il sangue

134 Globuli rossi (eritrociti) in questo momento nel tuo corpo stanno morendo circa 2 milioni di globuli rossi al secondo; alla stessa velocità, altri se ne stanno formando nel midollo osseo; in questo momento nel tuo corpo stanno morendo circa 2 milioni di globuli rossi al secondo; alla stessa velocità, altri se ne stanno formando nel midollo osseo; un globulo rosso maturo contiene quasi esclusivamente emoglobina. un globulo rosso maturo contiene quasi esclusivamente emoglobina.

135 Il sangue Globuli bianchi (leucociti) i globuli bianchi sono 6-9 mila per mm 3 ; i globuli bianchi sono 6-9 mila per mm 3 ; cellule incolori, più grandi dei globuli rossi, non contengono emoglobina e hanno un nucleo; cellule incolori, più grandi dei globuli rossi, non contengono emoglobina e hanno un nucleo; difendono il nostro corpo da virus, batteri e altre particelle estranee. difendono il nostro corpo da virus, batteri e altre particelle estranee.

136 Il sangue

137 Piastrine dischi ovali o irregolari, incolori, più piccoli dei globuli rossi; dischi ovali o irregolari, incolori, più piccoli dei globuli rossi; possono essere considerate sacchetti di sostanze chimiche che svolgono un ruolo essenziale nel promuovere la coagulazione del sangue e nel riparare le rotture dei vasi sanguigni. possono essere considerate sacchetti di sostanze chimiche che svolgono un ruolo essenziale nel promuovere la coagulazione del sangue e nel riparare le rotture dei vasi sanguigni.

138 Il sangue

139 La coagulazione

140 Una ferita che trapassi un vaso può portare ad unemorragia fatale se la perdita non viene rapidamente bloccata, perché la persona potrebbe morire dissanguata. Una ferita che trapassi un vaso può portare ad unemorragia fatale se la perdita non viene rapidamente bloccata, perché la persona potrebbe morire dissanguata.

141 La coagulazione In caso di ferita, le piastrine si accumulano, tappano il buco, compiendo il primo passo per arginare il danno. Laggregazione delle piastrine innesca la formazione del coagulo, che sigilla in modo più duraturo la lesione vasale. In caso di ferita, le piastrine si accumulano, tappano il buco, compiendo il primo passo per arginare il danno. Laggregazione delle piastrine innesca la formazione del coagulo, che sigilla in modo più duraturo la lesione vasale.

142 La coagulazione La coagulazione del sangue è un fenomeno complesso che richiede la presenza di piastrine e di almeno 15 fattori che normalmente si trovano nella corrente sanguigna o sulle membrane cellulari. La coagulazione del sangue è un fenomeno complesso che richiede la presenza di piastrine e di almeno 15 fattori che normalmente si trovano nella corrente sanguigna o sulle membrane cellulari.

143 La coagulazione La materia prima necessaria alla coagulazione è il fibrinogeno, una proteina che, attivata, si converte in fibrina, determinando la formazione di una rete intricata di filamenti che tiene stretta la ferita e arresta le perdite di sangue finchè il vaso danneggiato non viene riparato. La materia prima necessaria alla coagulazione è il fibrinogeno, una proteina che, attivata, si converte in fibrina, determinando la formazione di una rete intricata di filamenti che tiene stretta la ferita e arresta le perdite di sangue finchè il vaso danneggiato non viene riparato.

144 La coagulazione Il più frequente difetto della coagulazione è lemofilia. Nel tipo di emofilia più comune, il Fattore VIII si presenta in forma difettosa e il sangue non si coagula facilmente. Il più frequente difetto della coagulazione è lemofilia. Nel tipo di emofilia più comune, il Fattore VIII si presenta in forma difettosa e il sangue non si coagula facilmente.

145 Gruppi sanguigni – Fattore Rh Gruppi sanguigni Fattore Rh

146 Gruppi sanguigni – Fattore Rh I gruppi sanguigni sono delle classificazioni fatte in base ai composti chimici presenti nei globuli rossi che caratterizzano il sangue dellindividuo.

147 Gruppi sanguigni – Fattore Rh Esistono quattro gruppi sanguigni principali: gruppo A; gruppo A; gruppo B; gruppo B; gruppo AB; gruppo AB; gruppo 0. gruppo 0.

148 Gruppi sanguigni – Fattore Rh La codifica dei gruppi sanguigni si basa sulla presenza o assenza, allinterno dei globuli rossi, di particolari antigeni (A, B, 0) e dalla presenza di anticorpi nel sangue.

149 Gruppi sanguigni – Fattore Rh 0 B AB A

150 Gruppi sanguigni – Fattore Rh Il gruppo sanguigno viene ereditato dai genitori e non si cambierà più per tutta la vita.

151 Gruppi sanguigni – Fattore Rh Col passare del tempo sono stati scoperti altri antigeni, che determinano la specificità del sangue.

152 Gruppi sanguigni – Fattore Rh Tra i più importanti di questi antigeni cè il fattore Rh, nome che deriva dal macaco Rhesus su cui sono state condotte le ricerche che hanno portato alla scoperta di questo fattore.

153 Gruppi sanguigni – Fattore Rh L85% delle persone possiede il fattore Rh (Rh positivi, Rh+); il 15% non lo possiede (Rh negativi, Rh-).

154 Gruppi sanguigni – Fattore Rh La presenza o la mancanza del fattore Rh è molto importante durante la gravidanza.

155 Gruppi sanguigni – Fattore Rh Padre Rh+ e Madre Rh+ Figlio Rh+

156 Gruppi sanguigni – Fattore Rh Padre Rh- e Madre Rh- Figlio Rh-

157 Gruppi sanguigni – Fattore Rh Padre Rh+ e Madre Rh- Figlio Rh-

158 Gruppi sanguigni – Fattore Rh Padre Rh+ e Madre Rh- Figlio Rh+

159 Le emorragie

160 La fuoriuscita di sangue da un vaso prende il nome di emorragia.

161 Classificazione Emorragie capillari Emorragie capillari Emorragie venose Emorragie venose Emorragie arteriose Emorragie arteriose

162 Emorragie capillari Il sangue esce goccia a goccia Il sangue esce goccia a goccia Spesso cessano facendoci scorrere sopra acqua fredda Spesso cessano facendoci scorrere sopra acqua fredda

163 Emorragie venose Il sangue esce in modo continuo colando dai bordi della ferita Il sangue esce in modo continuo colando dai bordi della ferita E probabile che la ferita abbia leso anche i capillari E probabile che la ferita abbia leso anche i capillari Oltre al dissanguamento, linfortunato rischia che siano risucchiati nelle vene dei corpi estranei o bolle daria, che costituiscono emboli Oltre al dissanguamento, linfortunato rischia che siano risucchiati nelle vene dei corpi estranei o bolle daria, che costituiscono emboli Il sangue è di colore rosso scuro quasi bluastro e scorre lentamente e continuo Il sangue è di colore rosso scuro quasi bluastro e scorre lentamente e continuo

164 Emorragie arteriose Il sangue esce a getti intermittenti secondo il battito cardiaco Il sangue esce a getti intermittenti secondo il battito cardiaco Il sangue può schizzare allesterno con forza Il sangue può schizzare allesterno con forza E probabile che oltre alle arterie siano lese anche vene e capillari E probabile che oltre alle arterie siano lese anche vene e capillari Il dissanguamento è rapidissimo Il dissanguamento è rapidissimo Il sangue è di colore rosso vivo Il sangue è di colore rosso vivo

165 Le emorragie E possibile distinguere: emorragie interne: se il sangue si riversa allinterno del corpo; emorragie interne: se il sangue si riversa allinterno del corpo; emorragie interne esteriorizzate: se il sangue, riversatosi allinterno di una cavità del corpo, raggiunge lesterno attraverso una via duscita naturale; emorragie interne esteriorizzate: se il sangue, riversatosi allinterno di una cavità del corpo, raggiunge lesterno attraverso una via duscita naturale; emorragie esterne: se il sangue si riversa direttamente allesterno attraverso una lesione della cute. emorragie esterne: se il sangue si riversa direttamente allesterno attraverso una lesione della cute.

166 Le emorragie Lemorragia può essere dovuta a malattie (malattie dei vasi, ulcera sanguinante, alterazione dei processi di coagulazione) od a lesioni traumatiche (in cui il trauma lede il vaso sanguigno.

167 Le emorragie La pericolosità di unemorragia consiste nel privare lorganismo del mezzo di trasporto dellossigeno, il sangue.

168 Le emorragie La gravità dellemorragia dipende da due fattori: la quantità totale di sangue perduto; la quantità totale di sangue perduto; il tempo in cui esso viene perduto. il tempo in cui esso viene perduto.

169 Le emorragie Emorragie interne le più pericolose perché, non essendo subito visibile la perdita di sangue, possono rimanere nascoste per più tempo; le più pericolose perché, non essendo subito visibile la perdita di sangue, possono rimanere nascoste per più tempo; possono essere traumatiche o patogene; possono essere traumatiche o patogene; possono essere semplici, limitate, superficiali: con ecchimosi o ematomi che non pongono problemi per la vita della persona. possono essere semplici, limitate, superficiali: con ecchimosi o ematomi che non pongono problemi per la vita della persona.

170 Le emorragie Emorragie interne possono essere gravi, pericolose per la vita dellinfortunato: importanti vasi sanguigni o organi molto vascolarizzati (fegato, milza,…) vengono danneggiati gravemente, con accumulo di elevati volumi di sangue allinterno di cavità del corpo (cranio, torace, addome, grandi masse muscolari,…). possono essere gravi, pericolose per la vita dellinfortunato: importanti vasi sanguigni o organi molto vascolarizzati (fegato, milza,…) vengono danneggiati gravemente, con accumulo di elevati volumi di sangue allinterno di cavità del corpo (cranio, torace, addome, grandi masse muscolari,…).

171 Le emorragie Emorragie interne – Primo soccorso valutare lo stato di shock; valutare lo stato di shock; in caso di evento traumatico, valutarne la dinamica; in caso di evento traumatico, valutarne la dinamica; valutare la presenza di emorragie esterne limitate; valutare la presenza di emorragie esterne limitate; ospedalizzare. ospedalizzare.

172 Le emorragie interne esteriorizzate Epistassi Epistassi Otorragia Otorragia Emottisi Emottisi Ematemesi Ematemesi Ematuria Ematuria Metrorragia Metrorragia Melena Melena Rettorragia Rettorragia

173 Epistassi È un versamento di sangue dal naso; se ha cause banali: È un versamento di sangue dal naso; se ha cause banali: 1 - facciamo soffiare delicatamente il naso, una narice per volta; 1 - facciamo soffiare delicatamente il naso, una narice per volta; 2 - facciamo piegare il capo in avanti per favorire l'uscita del sangue, perché non venga ingerito; 2 - facciamo piegare il capo in avanti per favorire l'uscita del sangue, perché non venga ingerito; 3 - comprimiamo con le dita, esternamente, la narice interessata o entrambe; 3 - comprimiamo con le dita, esternamente, la narice interessata o entrambe; 4 - ospedalizziamo se non riusciamo a fermare l'epistassi entro 10 minuti. Se l'epistassi è causata da un trauma, non premiamo se temiamo che le ossa siano fratturate. 4 - ospedalizziamo se non riusciamo a fermare l'epistassi entro 10 minuti. Se l'epistassi è causata da un trauma, non premiamo se temiamo che le ossa siano fratturate.

174 Otorragia Fuoriuscita di sangue dall'orecchio a causa di traumi dell'orecchio esterno, o in seguito a fratture della base cranica Fuoriuscita di sangue dall'orecchio a causa di traumi dell'orecchio esterno, o in seguito a fratture della base cranica Se è opportuno muovere il traumatizzato, giriamolo in modo da fare uscire il sangue, perché non invada le vie aeree, collegate alle orecchie tramite canali. Se è opportuno muovere il traumatizzato, giriamolo in modo da fare uscire il sangue, perché non invada le vie aeree, collegate alle orecchie tramite canali. Ospedalizziamo; non pratichiamo la pos. antishock. Ospedalizziamo; non pratichiamo la pos. antishock.

175 Emottisi È la fuoriuscita di sangue rosso e schiumoso dalla bocca con colpi di tosse, in seguito ad un'emorragia verificatasi a livello polmonare. È la fuoriuscita di sangue rosso e schiumoso dalla bocca con colpi di tosse, in seguito ad un'emorragia verificatasi a livello polmonare. Ospedalizziamo in posizione semiseduta. Ospedalizziamo in posizione semiseduta.

176 Ematemesi E la fuoriuscita di sangue dalla bocca con il vomito a causa di una lesione di un vaso nell'esofago o nello stomaco. E la fuoriuscita di sangue dalla bocca con il vomito a causa di una lesione di un vaso nell'esofago o nello stomaco. Poniamo l'infortunato in P.L.S.; conserviamo il vomito ed ospedalizziamo Poniamo l'infortunato in P.L.S.; conserviamo il vomito ed ospedalizziamo

177 Ematuria E la fuonuscita di sangue misto all'urina in seguito ad una emorragia a livello di reni, vescica ed uretra; può essere conseguenza di una frattura del bacino. E la fuonuscita di sangue misto all'urina in seguito ad una emorragia a livello di reni, vescica ed uretra; può essere conseguenza di una frattura del bacino. Conserviamo l'urina ed ospedalizziamo; non solleviamo le gambe se temiamo una frattura del bacino. Conserviamo l'urina ed ospedalizziamo; non solleviamo le gambe se temiamo una frattura del bacino.

178 Metrorragia Perdita di sangue, al di fuori del normale ciclo mestruale, dalla vagina in seguito ad emorragia all'apparato genitale femminile Perdita di sangue, al di fuori del normale ciclo mestruale, dalla vagina in seguito ad emorragia all'apparato genitale femminile Poniamo la donna in posizione antishock ed ospedalizziamola. Poniamo la donna in posizione antishock ed ospedalizziamola. Se in gravidanza avanzata, poniamola in P.L.S. sul lato sinistro, con le gambe alzate (anche se è cosciente) per evitare che il peso dell'utero gravido su certe vene ostacoli la circolazione. Se in gravidanza avanzata, poniamola in P.L.S. sul lato sinistro, con le gambe alzate (anche se è cosciente) per evitare che il peso dell'utero gravido su certe vene ostacoli la circolazione.

179 Melena Fuoriuscita di sangue di colore scuro dall'ano, spesso assieme alle feci, a causa di un'emorragia a livello di stomaco o intestino. Fuoriuscita di sangue di colore scuro dall'ano, spesso assieme alle feci, a causa di un'emorragia a livello di stomaco o intestino. Ospedalizziamo Ospedalizziamo

180 Rettorragia Fuoriuscita di sangue rosso vivo dall'ano, a causa di un'emorragia del tratto terminale dell'intestino. Fuoriuscita di sangue rosso vivo dall'ano, a causa di un'emorragia del tratto terminale dell'intestino. Ospedalizziamo Ospedalizziamo

181 Le emorragie Emorragie interne esteriorizzate – Primo Soccorso richiedono lintervento medico; richiedono lintervento medico; qualora il sangue sia misto a feci, vomito o espettorato, conservarne dei campioni per gli accertamenti del caso; qualora il sangue sia misto a feci, vomito o espettorato, conservarne dei campioni per gli accertamenti del caso; ospedalizzare. ospedalizzare.

182 Le emorragie Emorragie esterne – Primo Soccorso 1. Compressione locale; 2. Bendaggio emostatico compressivo; 3. Compressione a distanza; 4. Laccio emostatico.

183

184 Compressione diretta Ferma quasi tutte le emorragie Ferma quasi tutte le emorragie Il punto in cui comprimere è evidente Il punto in cui comprimere è evidente Richiede protezioni per evitare il contatto con il sangue Richiede protezioni per evitare il contatto con il sangue E applicabile anche sul tronco E applicabile anche sul tronco Da problemi nel caso di fratture o schegge nella sede della ferita Da problemi nel caso di fratture o schegge nella sede della ferita

185 Compressione diretta Esercitiamo una pressione sulla ferita con una garza sterile Esercitiamo una pressione sulla ferita con una garza sterile Evitiamo guanti di gomma per evitare di contrarre infezioni Evitiamo guanti di gomma per evitare di contrarre infezioni Se non possiamo premere sulla ferita causa presenza di corpi estranei allora premiamo accanto alla ferita Se non possiamo premere sulla ferita causa presenza di corpi estranei allora premiamo accanto alla ferita

186

187 Compressione indiretta Applicabile solo sugli arti e sulla testa Applicabile solo sugli arti e sulla testa Ferma tutte le emorragie ma è indicata solo per le più massive Ferma tutte le emorragie ma è indicata solo per le più massive Bisogna conoscere i punti di compressione Bisogna conoscere i punti di compressione Non dovrebbe essere tenuta per più di 10 minuti Non dovrebbe essere tenuta per più di 10 minuti

188

189 Compressione Arteria Temporale e Facciale Per fermare un'emorragìa del cuoio capelluto, possiamo comprimere l'arteria temporale, che passa davanti alle orecchie Per fermare un'emorragìa del cuoio capelluto, possiamo comprimere l'arteria temporale, che passa davanti alle orecchie Per fermare un'emorragia nella parte anteriore del viso, possiamo comprimere l'arteria facciale sull'angolo della mandibola. Per fermare un'emorragia nella parte anteriore del viso, possiamo comprimere l'arteria facciale sull'angolo della mandibola.

190 Non si consiglia di premere la arteria carotide sul collo: Non si consiglia di premere la arteria carotide sul collo: questo sistema comporta rischi di ischemia cerebrale e di arresto cardiaco per stimolazione vagale. questo sistema comporta rischi di ischemia cerebrale e di arresto cardiaco per stimolazione vagale. Compressione Arteria Temporale e Facciale

191 Compressione sullarteria Succlavia E usata in caso di ferite alla spalla o di amputazione del braccio: tuttavia è una manovra difficile e spesso un po' dolorosa. E usata in caso di ferite alla spalla o di amputazione del braccio: tuttavia è una manovra difficile e spesso un po' dolorosa. 1 -poniamoci in piedi dietro la schiena dell'infortunato, 1 -poniamoci in piedi dietro la schiena dell'infortunato, che dovrà essere seduto e dovrà tenere la spalla interessata leggermente in avanti. che dovrà essere seduto e dovrà tenere la spalla interessata leggermente in avanti. 2-introduciamo le dita nella cavità dietro alla clavlcola; 2-introduciamo le dita nella cavità dietro alla clavlcola; 3 - comprimiamo con forza verso il basso e leggermente verso avanti con le punte; la succlavia viene compressa contro la prima costa 3 - comprimiamo con forza verso il basso e leggermente verso avanti con le punte; la succlavia viene compressa contro la prima costa

192 Compressione arteria Ascellare 1 - Facciamo sollevare il braccio dell'infortunato; 1 - Facciamo sollevare il braccio dell'infortunato; 2-comprimiamo nella cavità ascellare con pollici affiancati 2-comprimiamo nella cavità ascellare con pollici affiancati

193 Compressione Arteria Omerale al braccio 1-comprimiamo l'arteria contro l'omero premendo sul lato interno del braccio, nell'incavo tra bicipite e tricipite; 1-comprimiamo l'arteria contro l'omero premendo sul lato interno del braccio, nell'incavo tra bicipite e tricipite; 2-dopodiché torciamo i tessuti verso l'alto, per aumentare l'efficacia. 2-dopodiché torciamo i tessuti verso l'alto, per aumentare l'efficacia. A seconda di come va meglio, si può premere l'arteria con il pollice o con le punte delle dita lunghe A seconda di come va meglio, si può premere l'arteria con il pollice o con le punte delle dita lunghe

194 Compressione arteria Omerale allavambraccio comprimiamo con i due pollici affiancati nell'incavo del gomito comprimiamo con i due pollici affiancati nell'incavo del gomito

195 Compressione dellarteria Femorale allinguine E usata per emorragie all'arto intcriore; con l'infortunato disteso a terra e supino, comprimiamo l'arteria che si trova a mela della piega della gamba. E usata per emorragie all'arto intcriore; con l'infortunato disteso a terra e supino, comprimiamo l'arteria che si trova a mela della piega della gamba. 1 -la forza deve essere diretta contro il terreno e leggermente verso la testa, in modo che la femorale risulti compressa contro il bacino. 1 -la forza deve essere diretta contro il terreno e leggermente verso la testa, in modo che la femorale risulti compressa contro il bacino. 2 -il pugno col quale comprimiamo deve essere serrato, con le dita ortogonali alla dirczione dell'arteria, per evitare che questa possa passare tra le nocche. 2 -il pugno col quale comprimiamo deve essere serrato, con le dita ortogonali alla dirczione dell'arteria, per evitare che questa possa passare tra le nocche. 3-dobbiamo comprimere con la parte piatta delle falangi, non di punta con le nocche 3-dobbiamo comprimere con la parte piatta delle falangi, non di punta con le nocche

196 Compressione dellarteria Femorale alla coscia Con l'infortunato a terni e supino: Con l'infortunato a terni e supino: 1 -facciamo ruotare leggermente verso l'esterno la gamba piegata; 1 -facciamo ruotare leggermente verso l'esterno la gamba piegata; 2 -comprimiamo con il pugno nella faccia interna della coscia, più o meno in corrispondenza della cucitura dei pantaloni; 2 -comprimiamo con il pugno nella faccia interna della coscia, più o meno in corrispondenza della cucitura dei pantaloni; 3 -la compressione deve essere diretta verso il femore, con il braccio teso e tutto il peso delle nostre spalle. 3 -la compressione deve essere diretta verso il femore, con il braccio teso e tutto il peso delle nostre spalle.

197 Compresione arteria Poplitea E analoga alla compressione all'ascella e al gomito, ma viene applicata dietro il ginocchio. E analoga alla compressione all'ascella e al gomito, ma viene applicata dietro il ginocchio. E consigliabile quando la ferita si trova sotto il ginocchio, e la posizione dell'infortunato la rende più comoda delle compressioni femorali (per esempio, è a taccia in giù e preferiamo non girarlo). E consigliabile quando la ferita si trova sotto il ginocchio, e la posizione dell'infortunato la rende più comoda delle compressioni femorali (per esempio, è a taccia in giù e preferiamo non girarlo).

198 La fasciatura compressiva Tampone di cotone per premere sulla ferita e assorbire il sangue versato Tampone di cotone per premere sulla ferita e assorbire il sangue versato Garza sterile a contatto con la ferita per evitare che il tampone si attacchi Garza sterile a contatto con la ferita per evitare che il tampone si attacchi Benda per tenere compresso il tampone sulla ferita Benda per tenere compresso il tampone sulla ferita

199 Laccio emostatico arterioso E un laccio che stringe un arto a monte dellemorragia E un laccio che stringe un arto a monte dellemorragia Chiude completamente la circolazione sanguigna molto più che della compressione indiretta Chiude completamente la circolazione sanguigna molto più che della compressione indiretta


Scaricare ppt "Apparato Cardiocircolatorio. La Cellula MITOCONDRI Centrale Energetica della Cellula Centrale Energetica della Cellula Produzione di ATP Produzione di."

Presentazioni simili


Annunci Google