La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Liceo Scientifico A. Pacinotti Lezione di M. Cristina Mirabello Globalizzazione e dintorni Alcune domande e alcune risposte per fare un po dordine.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Liceo Scientifico A. Pacinotti Lezione di M. Cristina Mirabello Globalizzazione e dintorni Alcune domande e alcune risposte per fare un po dordine."— Transcript della presentazione:

1 Liceo Scientifico A. Pacinotti Lezione di M. Cristina Mirabello Globalizzazione e dintorni Alcune domande e alcune risposte per fare un po dordine

2 Globalizzazione? Da quando? Dove? In che termini: economici, politici, tecnici, culturali? Globalismo? Antiglobalismo? Realtà e ideologie fra dati, analisi e prospettive Il lessico-chiave del problema

3 Da Quando? Dove? Come? Le fasi della globalizzazione ovvero le fasi delleconomia e del controllo mondiale

4 Prima fase della mondializzazione 1500 – metà del 1700 Dal capitalismo mercantile precedente……

5 .… a quello commerciale

6 Seconda fase della mondializzazione Il capitalismo industriale: metà del 1700 – 1873 Funzionalità dello Stato-nazione al Capitalismo Egemonia inglese

7 Nel 1700 nasce una nuova scienza: leconomia Mercato Valore- lavoro Divisione del lavoro Liberismo nella teoria di Adam Smith

8 Terza fase della mondializzazione Seconda rivoluzione industriale e prima grande depressione economica del Capitalismo ( ). Stato-Nazione- Colonialismo- Imperialismo. Ascesa della Germania e degli USA.

9 Stato - Nazione Grande depressione, colonialismo, imperialismo La conquista dellAfrica e dellAsia La supremazia dellOccidente

10 Il Capitalismo di fine Ottocento Oligopoli Monopoli Cartelli – Trust Protezionismo Taylorismo, Fordismo, produzione di massa e per la massa

11 Le lotte sociali Dal Quarto Stato ………

12 ……. alla classe operaia organizzata Compagni, avanti il gran partito noi siamo dei lavorator, rosso un fiore in petto cè fiorito, una fede cè nata in cor… Su lottiamo, lIdeale nostro alfine sarà, lInternazionale futura umanità.

13 1914: finisce lOttocento, la Belle Epoque e la sua atmosfera

14 Con lattentato di Sarajevo (1914) … finisce di fatto lOttocento,un mondo cade a pezzi, inizia con la Prima Guerra Mondiale il secolo breve …

15 Quarta fase della mondializzazione (1914 – 1945) Permane la centralità dello Stato nazione Sfida degli Stati-nazione nella prima guerra mondiale Crollo degli Imperi Centrali e di quello russo Nuovi equilibri/squilibri dopo Versailles

16 Nascita e consolidamento dellURSS, ascesa progressiva del Giappone, netta affermazione USA, tramonto complessivo europeo

17 Permane la centralità dello stato-nazione Crisi del 29 e rovesciamento del paradigma liberista Interventismo in economia delle democrazie occidentali, dei fascismi e dello stato sovietico

18 La teoria economica di J. M. Keynes Capitalismo democratico: una terza via tra i fascismi e la pianificazione sovietica? Welfare-State, Etat providence, Stato sociale Il legame fra Welfare State e Stato-nazione

19 Con la fine della II Guerra Mondiale in cui si scontrano Stati-nazione (vincono USA, URSS, Inghilterra e Francia contro Germania, Italia e Giappone) si chiude la quarta fase della mondializzaazione e ………. …. nel 1944, dopo Bretton Wood che sancisce la supremazia del dollaro, inizia la quinta fase della mondializzazione (1945 – 1973)

20 Il mondo è bipolare. Due sono le superpotenze: USA e URSS. Due sono le economie: di mercato e pianificata. …….. avanza la decolonizzazione e comincia ad esserci un terzo polo: i paesi non allineati (conferenza di Bandung, 1955)

21 E l età delloro ? Materie prime ed energia a basso prezzo Consolidamento dellegemonia USA Boom economico italiano Forte avanzata del Giappone

22 Sesta fase della mondializzazione (1973 – 2001) ovvero la GLOBALIZZAZIONE Crisi del blocco sovietico Rincorsa USA – Giappone Toyotismo Entrata in scena delle tigri orientali Liberalizzazione dei flussi di beni, servizi, capitali Il post industrialismo, il mondo come rete

23 Disomogeneità del mondo e pesanti eredità del passato coloniale: centro-semiperiferia-periferia Mondo come mercato delle multinazionali versus mondo come spazio condiviso, problematiche ambientali e difficile condivisione di esse

24 Alcuni dati economici sulloggi Gli squilibri oggi fra aree del mondo globale e il divario crescente nel tempo fra paesi ricchi e poveri

25 Il neoliberismo e le sue sirene La forbice sempre più larga fra redditi anche dentro i paesi ricchi, ripropone il problema del Welfare-State oggi. Un nuovo Keynesismo?

26 Globalizzazione, crisi dello Stato – nazione e dellONU Gli USA: uno Stato – nazione proiettato con la fine del bipolarismo ben oltre le coordinate tradizionali della politica nazionale e internazionale Unaltra faccia della globalizzazione: la guerra globale

27 La globalizzazione e le molteplici ottiche in divenire verso di essa Global No-global New global …………….

28 Economia e/o governo politico oggi Dove è il baricentro del mondo? Quali organismi contano davvero? Quali le prospettive attuali degli Stati- Nazione? ???

29 Mercato omogeneo versus differenziazione delle culture? Scontri, compatibilità, prospettive I termini del problema oltre la Coca Cola

30 La globalizzazione cambia volto, ma la sua anima rimane il mercato Cina e India si aprono al mercato da protagoniste. Il baricentro dellattenzione delle grandi multinazionali è destinato a spostarsi e il ruolo delle megacittà ad aumentare.

31 Globalizzazione: Fine della storia? Scontro di civiltà? Perdita di identità? Omogeneizzazione delle differenze? Glocalismo? La partita è complessa e va capita


Scaricare ppt "Liceo Scientifico A. Pacinotti Lezione di M. Cristina Mirabello Globalizzazione e dintorni Alcune domande e alcune risposte per fare un po dordine."

Presentazioni simili


Annunci Google