La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Processi cognitivi alla base delle abilità di lettura,scrittura e calcolo Roberta Penge Dipartimento di Scienze Neurologiche, Psichiatriche e Riabilitative.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Processi cognitivi alla base delle abilità di lettura,scrittura e calcolo Roberta Penge Dipartimento di Scienze Neurologiche, Psichiatriche e Riabilitative."— Transcript della presentazione:

1 Processi cognitivi alla base delle abilità di lettura,scrittura e calcolo Roberta Penge Dipartimento di Scienze Neurologiche, Psichiatriche e Riabilitative Università di Roma La Sapienza Direttivo Nazionale Associazione Italiana Dislessia

2

3 tarca barca barca csuykj

4 Per Natale ho comprato delle bellissimeb con il francobollo ed ho spedito i miei auguri perp u st e o st a coccodrillo fenilalanina

5 Competenze NP di base Abilità di lettura Competenza di lettura Strategia di lettura Competenze NP specifiche Competenze Linguistiche Competenze cognitive Competenze Meta-cognitive Motivazione, interesse …….

6 /m/ /u/ /c/ /a/ m u c ca mucca

7 Il processo di scrittura richiede: il passaggio da schemi orali aperti a schemi scritti chiusi la pianificazione dei nodi di contenuto e della loro forma linguistica la capacità di revisione durante e dopo il processo di scrittura la traduzione del codice orale nel codice scritto

8 PIANIFICAZIONE ORGANIZZAZIONE DEFINIZIONE OBIETTIVI GENERAZIONE TRADUZIONE Pianificazione in linea Revisione in linea 1. generazione del testo a. livello discorso b. livello frase c. livello parola 2. trascrizione REVISIONE VALUTAZIONE CORREZIONE a. livello parola b. livello frase c. livello discorso PROCESSI DI SCRITTURA AFFETTI MOTIVAZIONE CONTESTO SOCIALE Meta cognizione (dichiarativa e procedurale) MEMORIA A LUNGO TERMINE Conoscenza argomento, pubblico, progetto testo MEMORIA DI LAVORO Contiene la conoscenza recuperata dalla MLT durante la pianificazione, la traduzione e la revisione (Hayes & Flowers, 1980, modificato da Berninger et al., 1995)

9 Parziale dipendenza e influenza reciproca tra le componenti: Nei primi anni di scuola la capacità di generare un testo è migliore della capacità di trascrizione Nel secondo ciclo elementare le competenze linguistiche appaiono indipendenti tra loro L automatizzazione dei processi di trascrizione costituisce il fattore limitante del processo Linfluenza dellabilità di trascrizione sulla qualità del testo varia con letà (con un picco nelle classi intermedie)

10 Abilità di scrittura Competenza di scrittura Strategia di scrittura Competenze NP di base Competenze NP specifiche Competenze Linguistiche Competenze cognitive Competenze Meta-cognitive Motivazione, interesse …….

11 ABILITA DI SCRITTURA COMP.VISUO-PERCETTIVE COMP.ESECUTIVO-MOTORIE COMP. LINGUISTICHE Analisi fonologica Codifica fonologica Codifica ortografica e meta-linguistica Program. motoria Tracciatura Monitor. cinestetico Analisi VISIVA Organizz. percettiva Rappresentazione Visiva / Cinestetica Monitor. visuo-percettivo MEMORIA ATTENZIONE Rappresentazione COPIATO DETTATO

12 Competenze linguistiche Generazione del testo a livello verbale utilizzando il patrimonio lessicale, morfo-sintattico e di conoscenza delle specifiche convenzioni degli atti linguistici in base agli obiettivi COMPETENZA DI SCRITTURA Competenze neuropsicologiche ATTENZIONEVisiva, con revisione del testo durante la fase di traduzione scritta Simultanea, per la revisione di quanto scritto per la valutazione, rispetto a quanto pianificato e pianificazione della parte del testo mancante MEMORIA a breve termine contiene le conoscenze recuperate dalla memoria a lungo termine durante la fase di progettazione e, traduzione e revisione del testo a lungo termine con le conoscenza dellargomento su cui si va a scrivere, del pubblico e del progetto di testo

13 Competenze cognitive e metacognitive STRATEGIE DI SCRITTURA conoscenza dellargomento scelta del contenuto conoscenza del tipo di compito conoscenza delle procedure del compito

14 Era troppo bello che tutte quelle aste, quelle gambette, quei cerchi, quei piccoli ponti messi insieme formassero delle lettere. E quelle lettere delle sillabe, e quelle sillabe, testa a testa, delle parole. Mamma, per esempio, mamma, tre piccoli ponti, un cerchio, una gambetta, sei piccoli ponti, un altro cerchio, unaltra gambetta, risultato: mamma. Lingua di fuori, dita intorpidite e polso rigido, piccoli ponti, aste, gambette, cerchi e piccoli ponti… immerso nella strana solitudine chiamata sforzo ….. ed ecco linsieme delle prime lettere, righe di a.. righe di m.. righe di t……. difficoltà vinte luna dopo laltra al punto che le lettere, calamitatesi a vicenda, finiscono per aggregarsi da sole in sillabe.. righe di ma, righe di pa, e a loro volta le sillabe….. Insomma… eccolo assistere al silenzioso sbocciare della parola sulla pagina bianca, lì davanti a lui: mamma. Certo laveva già vista alla lavagna, laveva riconosciuta più volte, ma lì, sotto i suoi occhi, scritta con le sue dita… Con voce prima incerta, recita le due sillabe separatamente: Mam-ma. E dun tratto:Mamma! Non è una combinazione di sillabe, non è una parola, non è un concetto, non è una mamma, è la sua mamma, …. ( da D. Pennac, Come un romanzo, 1992, pagg )

15 Lo sviluppo del calcolo Concetto e giudizi di quantità (corrispondenza 1:1, equivalenza, seriazione). Transculturale ed appresa in modo informale. Abilità nel contare (corrispondenza 1:1 tra oggetti da contare ed una serie di items (con ordine fisso) il cui ultimo elemento dà il valore totale. Contare con le dita -> contare oralmente -> dita senza contare -> recupero fatti aritmetici da un magazzino organizzato. Culturale, appresa in modo informale Simboli scritti, algoritmi e principi matematici. (Gli algoritmi mentali possono differire tra gli individui). Culturale ed appresi in modo formale.

16 Rappresen- tazione interna: quantità, numerosità, confronto, contare Sistema di processamento dei numeri: comprensione e produzione; traduzione orale-scritto (semantica e sintassi) Fatti aritmetici: segni, tabelline, calcoli frequenti Procedure di calcolo: incolonnamento, riporto, algoritmi Soluzione di problemi

17 Questi diversi sistemi Sono funzionalmente indipendenti Probabilmente non hanno una localizzazione cerebrale unica Utilizzano competenze neuropsicologiche di base (attenzione, memoria) e cognitive

18 Un Disturbo del Calcolo può interessare: Lapprendimento della scrittura- lettura dei numeri (codice alfabetico e codice arabo) Lacquisizione dei fatti aritmetici (uso del calcolo digitale) Il controllo delle procedure di calcolo (moltiplicazioni e divisioni) La risoluzione dei problemi

19 Lalterazione di uno di questi meccanismi può compromettere La rapidità/fluidità della lettura: Lettura sillabica, pause, riletture, autocorrezioni; La correttezza della lettura Sostituzioni, elisioni, inversioni, aggiunte, omissioni Luso cognitivo della lettura Comprensione, studio

20 Lalterazione di uno di questi meccanismi può compromettere La rapidità/fluidità della scrittura: Scrittura per lettere/sillabe, pause, riletture, autocorrezioni; La correttezza della scrittura Sostituzioni, elisioni, inversioni, aggiunte, omissioni Luso cognitivo della scrittura Verifiche scritte, riassunti, temi

21 Una difficoltà di lettura e scrittura Può essere la spia di una situazione di svantaggio Può far parte di un quadro clinico più ampio Disturbo cognitivo (RML, FCB) Disturbo Psicopatologico (Depressione, Ansia, ADHD) Disturbo Generalizzato dello Sviluppo Può essere la conseguenza di un disturbo non risolto Disturbo Specifico di Linguaggio Disprassia Evolutiva Può costituire un disturbo settoriale Disturbo Specifico di Lettura (dislessia) Disturbo Specifico di Scrittura (disortografia) Disturbo Specifico del Calcolo (discalculia) Disturbo Specifico di Apprendimento (misto)

22 Meccanismi alla base del disturbo Le competenze linguistiche in scuola materna sono i migliori predittori del successivo livello di lettura Esiste una correlazione significativa tra abilità di lettura e abilità linguistiche Questa correlazione è particolarmente significativa per le abilità di processamento fonologico Nei soggetti con DSA è compromesso anche il recupero automatico di informazioni Un sottogruppo di DSA ha invece difficoltà nelle competenze non-verbali (e maggiori difficoltà in scrittura e nel calcolo)

23 Non tutte le difficoltà riscontrate in un soggetto con DSA hanno un legame causale diretto con le sue difficoltà di lettura e scrittura: Alcune contribuiscono a definire le caratteristiche del disturbo Altre sono una conseguenza del DSA Altre ancora sono del tutto indipendenti dal disturbo

24 Nei Disturbi Specifici di Apprendimento La compromissione della competenza fonologica è alla base del disturbo Lorganizzazione delle altre competenze contribuisce alla sua caratterizzazione

25 Nei DSA la comprensione della lettura Non è compromessa in modo primario Dipende in parte dallabilità di decodifica Dipende in parte dalle abilità linguistiche e metalinguistiche Varia con letà

26 Nei DSA il disturbo di scrittura E generalmente compromessa insieme alla lettura Dipende prevalentemente dallabilità di decodifica Può essere influenzata dallabilità grafica Varia con letà

27 La discalculia evolutiva Prevalenza nella popolazione generale tra il 3,6 ed il 6% 2/3 hanno anche difficoltà di lettura/scrittura La discalculia pura tende ad essere sottodiagnosticata

28 leggere, scrivere e far di conto Tutte le abilità necessarie perleggere, scrivere e far di conto sono inizialmente attivate volontariamente e con dispendio di energia, ma molte diventano rapidamente automatiche

29 Quando ciò non avviene Lapprendimento della competenza appare rallentato e/o atipico Le prestazioni appaiono discontinue nel tempo Ogni variazione del compito rimette in discussione abilità apprese Ogni nuovo apprendimento richiede il riassetto della competenza

30 Evoluzione della velocità di lettura (Stella et al., 2001)

31 Evoluzione della correttezza di lettura (Stella et al., 2001)

32 Evoluzione della comprensione della lettura (Stella et al., 2001)

33 Competenze di lettura: variazioni con letà (n=59)

34 Le caratteristiche evolutive deI DSA (1) Inizialmente le difficoltà sono rappresentate soprattutto dagli errori e dalla lentezza nella lettura e nella scrittura; Più avanti gli errori tendono a diminuire, mentre rimane la lentezza esecutiva e possono comparire difficoltà di comprensione e di stesura di un testo; Le reazioni emotive al disturbo, se non riconosciuto, tendono a crescere nel tempo;

35 Le competenze metafonologiche e metalessicali rimangono deficitarie; Diventano più evidenti le difficoltà metalinguistiche; Lintegrazione tra le diverse strategie di lettura rimane precaria; Il QI rimane invariato, ma possono emergere difficoltà nel controllo del pensiero formale. Le caratteristiche evolutive dei DSA (2)

36 Il controllo della lettura e della scrittura diventa difficilmente automatico; Leggere e scrivere diventano raramente attività piacevoli; La curiosità e la voglia di imparare si riducono di fronte alla fatica necessaria per leggere; Il gap tra potenzialità e livello scolastico tende ad aumentare, a meno di non intervenire in modo adeguato. Le caratteristiche evolutive dei DSA (3)

37 Problemi generali nella didattica dei DSA Alcuni apprendimenti vengono automatizzati con tempi più lunghi Si crea uno sfasamento tra fase attraversata dal bambino e proposte didattiche Contenuti alla portata del bambino non vengono appresi per deficit dello strumento di base Strumenti che per gli altri sono di aiuto costituiscono un ostacolo allapprendimento

38 Cosa non fare per i DSA Leggere di più non migliora labilità di lettura Gli esercizi ripetitivi non provocano generalizzazione dellapprendimento Luso di un compenso/dispensa non riduce le possibilità di sviluppo della competenza Ciò che non è terminato a scuola non può essere finito a casa La quantità di lavoro a casa deve essere compatibile con il livello raggiunto dal bambino

39 Strategie didattiche per i DSA Scomposizione del compito Lavoro separato sulle diverse componenti Valutazione separata delle diverse componenti Uso di strumenti che aggirino il disturbo (e liberino energie per lapprendimento)

40 Andrea, 18 anni Un consiglio ai bambini e ragazzi con la mia stessa difficoltà

41 Le due vie di lettura Via fonologica (indiretta) Permette di leggere qualsiasi stringa scritta che segua le regole ortografiche È lenta È più soggetta ad errori Via visivo-lessicale (diretta) È rapida Meno soggetta ad errori Permette di leggere solo parole già note Anche irregolari

42 La parola scritta viene trattata come un disegno La parola scritta viene analizzata lettera per lettera La parola scritta viene analizzata secondo regole ortografiche La parola scritta viene associata alla forma fonologica Maturazione delle competenze di lettura

43 Rapidità/fluidità della lettura Incerto riconoscimento del grafema Non stabilizzazione dellassociazione grafema- fonema Lettura per lettera o sillaba con successiva globalizzazione Lento o ridotto accesso al Lessico Ortografico Uso della verifica e non dellanticipazione

44 Correttezza della lettura Difficoltà nel riconoscimento rapido dei grafemi o nellassociazione grafema-fonema Analisi e sintesi fonemica scarsamente automatizzate Difficoltà nel controllo delle regole di codifica ortografica più complesse Eccessivo uso della previsione semantica

45 Comprensione della lettura Eccessiva attenzione alla decodifica Scarsa integrazione tra i processi di decodifica e di comprensione, con passaggi in successione anziché in parallelo Scarso uso del monitoraggio della comprensione

46 Rapidità/fluidità della scrittura Non stabilizzazione dellassociazione fonema-grafema Incerto recupero del grafema Difficoltà nellesecuzione grafica Scrittura per lettera o sillaba Lento o ridotto accesso al Lessico Ortografico

47 Correttezza della scrittura Difficoltà nel recupero rapido dei grafemi o nellassociazione fonema-grafema Analisi e sintesi fonemica scarsamente automatizzate Difficoltà nel ricontrollo durante il processo di scrittura Difficoltà nel controllo delle regole di codifica ortografica più complesse Difficoltà di rilettura ed autocorrezione

48 Contenuti della scrittura Eccessiva attenzione alla codifica Scarso uso della programmazione orale della frase/periodo Scarsa integrazione tra i processi di codifica e di programmazione, con passaggi in successione anziché in parallelo Scarsa familiarità con le regole del linguaggio scritto

49 Attenzione Selezione dello stimolo uditivo o visivo Attivazione contemporanea o in sequenza dei due canali Competenze neuropsicologiche di base Memoria Corretta sequenza dei suoni/lettere nella parole Riconoscimento di fonemi/lettere Recupero informazioni

50 Competenze Neuropsicologiche specifiche Linguistiche Distinzione tra significato e forma sonora della parola Consapevolezza fonologicaVisuo-percettive Riconoscere i grafemi/lettere Isolare caratteristiche distintive Sequenza destra- sinistra Associazione suono/segno (invarianza codice) Associazione parola detta/parola scritta

51 Competenze Linguistiche Semantiche Recupero significato della parola Anticipazione della parola in base al contestoMorfo-Sintattiche Recupero significato della frase Ipotesi sulle desinenze Ipotesi sui connettivi Pragmatico-comunicative Regole della lingua scritta Regole delle forme espositive

52 Competenze cognitive, processi superiori di controllo Capacità di collegare quanto viene letto con le conoscenze precedenti, Capacità di fare inferenze, di dedurre informazioni non esplicite, Capacità di riconoscere e correggere incongruità ecc.

53 Competenze metacognitive Selezione della modalità di lettura in relazione a: Tipologia del compito Tipologia del testo Obiettivi della lettura Condizioni ambientali (tempo etc.) Selezione di sussidi e facilitatori

54 Consapevolezza fonologica Abilità di discriminare, confrontare e segmentare le parole in base alla loro struttura fonologica Identificare il numero di sillabe o suoni Identificare la parola che non centra Giudizio di rime Generazione di rime Aggiungere, togliere o spostare un suono Anagrammi Analisi e sintesi fonemica

55 Comprensione e produzione dei numeri – traduzione orale-scritto = /cinque/ = cinque = = 20 e 8

56 Semantica e sintassi dei numeri Ottocentoventicinque Dodici Diciassette Diecimilanovecentouno Otto due cinque 258Duecentocinquantotto


Scaricare ppt "Processi cognitivi alla base delle abilità di lettura,scrittura e calcolo Roberta Penge Dipartimento di Scienze Neurologiche, Psichiatriche e Riabilitative."

Presentazioni simili


Annunci Google