La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Campagna Educazionale Regionale ANMCO Toscana Difendiamo il cuore Lefficacia della prevenzione secondaria tra Ospedale e Territorio Pistoia, Villa Cappugi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Campagna Educazionale Regionale ANMCO Toscana Difendiamo il cuore Lefficacia della prevenzione secondaria tra Ospedale e Territorio Pistoia, Villa Cappugi."— Transcript della presentazione:

1 Campagna Educazionale Regionale ANMCO Toscana Difendiamo il cuore Lefficacia della prevenzione secondaria tra Ospedale e Territorio Pistoia, Villa Cappugi 16 febbraio 2008 Dr.ssa Marina Parigi UO Cardiologia –Pistoia

2 Componenti della prevenzione secondaria Cigarette smoking cessation Blood pressure control Lipid management to goal Physical activity Weight management to goal Diabetes management to goal Antiplatelet agents / anticoagulants Renin angiotensin aldosterone system blockers Beta blockers Influenza vaccination

3 Start and continue indefinitely in all post MI, ACS, LV dysfunction with or without HF symptoms, unless contraindicated. Consider chronic therapy for all other patients with coronary or other vascular disease or diabetes unless contraindicated. *Precautions but still indicated include mild to moderate asthma or chronic obstructive pulmonary disease, insulin dependent diabetes mellitus, severe peripheral arterial disease, and a PR interval >0.24 seconds. MI=Myocardial infarction, HF=Heart Failure b-blocker Recommendations

4 ACE Inhibitor Recommendations Use in all patients with LVEF < 40%, and those with diabetes or chronic kidney disease indefinitely, unless contraindicated Consider for all other patients Among lower risk patients with normal LVEF where cardiovascular risk factors are well controlled and where revascularization has been performed, their use may be considered optional ACE=Angiotensin converting enzyme, LVEF= left ventricular ejection fraction

5 Angiotensin Receptor Blocker Recommendations Use in patients who are intolerant of ACE inhibitors with HF or post MI with LVEF less than or equal to 40%. Consider in other patients who are ACE inhibitor intolerant. Consider use in combination with ACE inhibitors in systolic dysfunction HF. ACE=Angiotensin converting enzyme inhibitor, LVEF=Left Ventricular Ejection fraction, HF=Heart failure, MI=Myocardial infarction

6 Aldosterone Antagonist Recommendations Use in post MI patients, without significant renal dysfunction or hyperkalemia, who are already receiving therapeutic doses of an ACE inhibitor and beta blocker, have an LVEF < 40% and either diabetes or heart failure ACE=Angiotensin converting enzyme inhibitor, LVEF=Left Ventricular Ejection fraction, MI=Myocardial infarction *Contraindications include abnormal renal function (creatinine >2.5 mg/dL in men or >2.0 mg/dL in women) and hyperkalemia (K+ >5.0 meq/L)

7 Aspirin Recommendations Start and continue indefinitely aspirin 75 to 162 mg/d in all patients unless contraindicated For patients undergoing CABG, aspirin (100 to 325 mg/d) should be started within 48 hours after surgery to reduce saphenous vein graft closure Post-PCI-stented patients should receive 325 mg per day of aspirin for 1 month for bare metal stent, 3 months for sirolimus-eluting stent and 6 months for paclitaxel-eluting stent

8 Start and continue clopidogrel 75 mg/d in combination with aspirin for post ACS or post PCI with stent placement patients for post PCI-stented patients >1 month for bare metal stent, >3 months for sirolimus-eluting stent >6 months for paclitaxel-eluting stent * Clopidogrel is generally given preference over Ticlopidine because of a superior safety profile Clopidogrel Recommendations

9 … chi presenta tutti i nove fattori ha una probabilità di infarto che è più di 330 volte superiore a quella di chi non ne ha nessuno (90% probabilità) !!!!!! Studio INTERHEART ( casi e controlli) Lancet 3 settembre 2004 Nove fattori di rischio, facilmente misurabili, spiegano oltre il 90% degli infarti in tutte le regioni del mondo Lassociazione di più fattori di rischio moltiplica la probabilità di infarto: … 1.Fumo 2.Ipertensione 3.Diabete 4.Dislipidemia 5.Obesità addominale 6.Stress 7.Inattività fisica 8.Scarsa assunzione di frutta e verdura 9.Nulla assunzione di alcool

10 AHA/ACC Guidelines for Secondary Prevention for Patients with Coronary and Other Atherosclerotic Vascular Disease: 2006 Update Gregg C. Fonarow, MD and Sidney Smith Jr, MD on behalf of the Secondary Prevention Writing Group

11 Obiettivi della prevenzione cardiovascolare nei pazienti ad alto rischio e quindi dopo sindrome coronarica acuta: Valori pressori < 130/80 mmHg se possibile Colesterolo totale < 175 mg/dl, se possibile circa 155 LDL colesterolo < 100 mg/dl, se possibile circa 80 Glicemia a digiuno < 110 mg/dl ed emoglobina glicosilata < 6,5 % se possibile ESC Guidelines of CVD prevenction EUROPEAN SOCIETY OF CARDIOLOGY

12 Goal: Complete Cessation and No Exposure to Environmental Tobacco Smoke Cigarette Smoking Recommendations Ask about tobacco use status at every visit. Advise every tobacco user to quit. Assess the tobacco users willingness to quit. Assist by counseling and developing a plan for quitting. Arrange follow-up, referral to special programs, or pharmacotherapy (including nicotine replacement and bupropion). Urge avoidance of exposure to environmental tobacco smoke at work and home.

13 Physical Activity Recommendations Assess risk with a physical activity history and/or an exercise test, to guide prescription Encourage 30 to 60 minutes of moderate intensity aerobic activity such as brisk walking, on most, preferably all, days of the week, supplemented by an increase in daily lifestyle activities Advise medically supervised programs for high-risk patients (e.g. recent acute coronary syndrome or revascularization, HF) Goal: 30 minutes 7 days/week, minimum 5 days/week

14 Weight Management Recommendations Goal: BMI 18.5 to 24.9 kg/m2 Waist Circumference: Men: < 40 inches Women: < 35 inches Assess BMI and/or waist circumference on each visit and consistently encourage weight maintenance/ reduction through an appropriate balance of physical activity, caloric intake, and formal behavioral programs when indicated. If waist circumference (measured at the iliac crest) >35 inches in women and >40 inches in men initiate lifestyle changes and consider treatment strategies for metabolic syndrome as indicated. The initial goal of weight loss therapy should be to reduce body weight by approximately 10 percent from baseline. With success, further weight loss can be attempted if indicated. *BMI is calculated as the weight in kilograms divided by the body surface area in meters 2. Overweight state is defined by BMI=25-30 kg/m2. Obesity is defined by a BMI >30 kg/m2.

15 TABLE 2. AHA/ACC Secondary Prevention for Patients With Coronary and Other Vascular Disease*: 2006 Update Intervention Recommendations With Class of Recommendation and Level of Evidence LIPID MANAGEMENT: Goal LDL-C <100 mg/dL If triglycerides are200 mg/dL, non-HDL-C should be <130 mg/dL a a Non-HDL-Ctotal cholesterol minus HDL-C. For all patients: Start dietary therapy. Reduce intake of saturated fats (to<7% of total calories), trans-fatty acids, and cholesterol (to <200 mg/d). I (B) Adding plant stanol/sterols (2 g/d) and viscous fiber (>10 g/d) will further lower LDL-C. Promote daily physical activity and weight management. I (B) Encourage increased consumption of omega-3 fatty acids in the form of fish or in capsule form (1 g/d) for risk reduction. For treatment of elevated triglycerides, higher doses are usually necessary for risk reduction. IIb (B)

16 Influenza Vaccination Patients with cardiovascular disease should have influenza vaccination

17 INTERVENTO MULTIFATTORIALE

18 GlObal Secondary Prevention strategiEs to Limit event recurrence after myocardial infarction GOSPEL STUDY Steering Committee Pantaleo Giannuzzi (Chairman), Vincenzo Ceci, Carmine Chieffo, Marinella Gattone, Raffaele Griffo, Roberto Marchioli, Carlo Schweiger, Luigi Tavazzi, Stefano Urbinati, Franco Valagussa, Diego Vanuzzo Executive Committee Pantaleo Giannuzzi, Aldo P. Maggioni, Marinella Gattone, Raffaele Griffo, PierLuigi Temporelli

19 A cura Area Prevenzione ANMCO e GICR GLOBAL SECONDARY PREVENTION STRATEGIES TO LIMIT EVENT RECURRENCE AFTER AMI A cura Area Prevenzione ANMCO e GICR Obiettivo valutare nel lungo periodo lapplicabilità e gli effetti di due differenti interventi di prevenzione secondaria in ambito riabilitativo Popolazione 4000 Pazienti con recente IMA (< 3 mesi) di età <75 anni ( 60 pz per almeno 70 Centri di Riabilitazione)

20 Setting: Unità di Riabilitazione Paziente con Infarto Miocardico recente Riabilitazione standard (3-6 settimane) Dopo riabilitazione iniziale r andomizzazione a Intervento strutturato e continuativo Intervento non strutturato mensile fino al 6° mese, quindi a Libero, secondo modalità cadenza semestrale per 3 anniabituali del Centro di Riabilitazione Intensive approach Usual care Flow-chart dello studio

21 GRUPPO terapia INTERVENTO Programma di Prevenzione Intensivo e Continuativo Intervento strutturato realizzato presso le Unità di Riabilitazione a cadenza mensile per i primi 6 mesi, successivamente a cadenza semestrale per 3 anni, costituito da: 1 o più sedute di training fisico programma breve (condensato in 2-3 sedute) di educazione alla salute di supporto e rinforzo per aderenza alla raccomandata, per lacquisizione e il mantenimento di corrette abitudini alimentari e controllo del peso, sospensione del fumo, gestione dello stress, stimolo allattività fisica (stile di vita). Intervento basato su strategie di gruppo ed individuali per un effettivo cambiamento dello stile di vita CONTROLLO - USUAL CARE Programma non strutturato Dopo il periodo di riabilitazione standard i pazienti assegnati a questo braccio: Erano seguiti in follow-up con le modalità abituali dellUnità di Riabilitazione e ricevevano un counseling non strutturato (follow-up clinico) Ricevevano indicazioni generali sullopportunità della adozione stabile di un adeguato stile di vita, in riferimento ad alimentazione, abitudine al fumo, attività fisica ed alla assunzione dei farmaci secondo le indicazioni emerse durante la riabilitazione iniziale e delle raccomandazioni consolidate in letteratura

22 Summary Compared to usual care, the integrated multifactorial, reinforced approach was successeful over a 3-year follow-up period inducing: A significant improvement in lifestyle habits (exercise, dietary, psychosocial stress, and body weight) Significant improvements in secondary prevention drug adherence (especially lipid lowering agents and n-3 PUFA) Significant reduction of fatal and non fatal MI by 48%

23 Risk factor comparisons between EUROASPIRE I and II Cholesterol > % Risk factor Smoking 20.8% High blood pressure High blood pressure (>140/90 mm Hg ) (>140/90 mm Hg ) EUROASPIRE I EUROASPIRE I 19.4% 32.8% Obesity Obesity 25.3% 55.4% 86.2% 53.9% EUROASPIRE II Lancet 2001, 357: ,

24 continuità assistenziale Garantiscono: - la continuità assistenziale integrazione Territorio-Ospedale - l integrazione Territorio-Ospedale Hub & Spoke Mozzo e Raggi Seguono il modello Hub & Spoke (Mozzo e Raggi di una Ruota) : Hub - Hub: Centri di riferimento (con attività di elevato grado di complessità) - Spoke - Spoke: Centri collegati (con attività di selezione dei pazienti, di invio ai Centri di riferimento e di ripresa in carico) percorsi assistenziali Si basano sulla attivazione di percorsi assistenziali centrati sullindividuo e non sulla malattia Reti Integrate

25 Il modello della Rete di Servizi, inoltre, si prospetta utile per facilitare un approccio medico multidisciplinare, sia nelle patologie acute ed ancor più in quelle croniche, nelle quali si rende spesso necessario lintervento accanto al Cardiologo anche di altre figure professionali (Internisti, Nutrizionisti, Nefrologi, Diabetologi, Psicologi, Fisioterapisti, ecc.). La Rete

26 Le Competenze del Cardiologo Stratificazione prognostica e stima del rischio cardiovascolare Ottimizzazione della terapia farmacologica Programma di training fisico controllato per i pazienti eleggibili Educazione e counseling con interventi finalizzati a favorire il ritorno ad una vita attiva, a modificare lo stile di vita, a tenere sotto adeguato controllo i fattori di rischio Impostazione di un follow-up appropriato (strutturato, individualizzato, a lungo termine) Stratificazione prognostica e stima del rischio cardiovascolare Ottimizzazione della terapia farmacologica Programma di training fisico controllato per i pazienti eleggibili Educazione e counseling con interventi finalizzati a favorire il ritorno ad una vita attiva, a modificare lo stile di vita, a tenere sotto adeguato controllo i fattori di rischio Impostazione di un follow-up appropriato (strutturato, individualizzato, a lungo termine)

27 Le Competenze del MMG Membro del Comitato di Coordinamento della Rete Sorveglianza attiva per il miglioramento della tempestività della diagnosi Selezione delle richieste, in base al loro grado di urgenza, limitando lautoprescrizione dei pazienti, spesso inappropriata Alleanza terapeutica con il paziente Condivisione di protocolli diagnostico-terapeutici-riabilitativi con le strutture specialistiche di riferimento Membro del Comitato di Coordinamento della Rete Sorveglianza attiva per il miglioramento della tempestività della diagnosi Selezione delle richieste, in base al loro grado di urgenza, limitando lautoprescrizione dei pazienti, spesso inappropriata Alleanza terapeutica con il paziente Condivisione di protocolli diagnostico-terapeutici-riabilitativi con le strutture specialistiche di riferimento Da Medicina di attesa (soddisfare il bisogno evidenziato dal paziente) a Medicina di opportunità ( cogliere il contatto col paziente come opportunità per valutazioni globali e non limitate al bisogno estemporaneo ) e Medicina di iniziativa (sorveglianza attiva di categorie ben definite di pazienti) Da Medicina di attesa (soddisfare il bisogno evidenziato dal paziente) a Medicina di opportunità ( cogliere il contatto col paziente come opportunità per valutazioni globali e non limitate al bisogno estemporaneo ) e Medicina di iniziativa (sorveglianza attiva di categorie ben definite di pazienti)

28 la diagnosi i fattori di rischio lesito degli esami la condizione di rischio del paziente la dieta suggerita … lattività fisica consigliata con indicazione di F.C. allenante e modalità di esecuzione il profilo psicologico del paziente la terapia suggerita il calendario dei prossimi appuntamenti Lettera di Dimissione

29 Conclusioni Un intervento globale, continuativo, a lungo termine, sullo stile di vita e sui fattori di rischio migliora la sopravvivenza, la qualità di vita e riduce le recidive di infarto miocardico Questi dati suggeriscono che tale approccio multifattoriale alla prevenzione secondaria dovrebbe essere implementato e garantito a tutti i pazienti con recente infarto miocardico.

30 Conclusion A long-term, continued, multifactorial lifestyle behavioural and risk factors intervention after MI resulted in significant benefits to global cardiovascular risk and was effective in preventing the occurrence of new episods of MI These findings strongly suggest that such multifactorial approach of secondary prevention should be implemented world-wile and delivered to all patients with recent MI

31 Conclusion A long-term, continued, multifactorial lifestyle behavioural and risk factors intervention after MI resulted in significant benefits to global cardiovascular risk and was effective in preventing the occurrence of new episods of MI over a period of 3-year follow up These findings strongly suggest that such integrated reinforced multifactorial and professional approach of secondary prevention should be implemented world-wile and delivered to all patients with recent MI

32 Conclusion A long-term, continued, multifactorial lifestyle behavioural and risk factors intervention after MI resulted in significant benefits to global cardiovascular risk and was effective in preventing the occurrence of new episods of MI These findings strongly suggest that such multifactorial approach of secondary prevention should be implemented world-wile and delivered to all patients with recent MI

33 Evidence confirms that aggressive comprehensive risk factor management improves survival, reduces recurrent events and the need for interventional procedures, and improves the quality of life for these patients. Every effort should be made to ensure that patients are treated with evidence-based, guideline recommended, life-prolonging therapies in the absence of contraindications or intolerance. Secondary Prevention Conclusions: LUCCA CARDIOLOGIA

34 AHA Dietary Guidelines Circulation 2000;102: Conferma delle indicazioni dietetiche precedenti riguardanti lassunzione di colesterolo e di grassi saturi Dieta Step 1 nella prevenzione primaria (popolazione generale) Dieta Step 2 negli individui ad alto rischio (dislipidemici, diabetici e con cardiopatia ischemica nota)

35 AHA Dietary Guidelines Circulation 2000;102: introdurre calorie in proporzione al dispendio energetico consumare frutta, verdura, cereali, pesce, legumi, latticini ipolipidici, pollo, carni magre aumentare lassunzione di polinsaturi dei vegetali, del pesce e dei semi oleosi limitare i cibi ricchi di grassi saturi, il sale e gli alcoolici (<2 drink/die)

36 1.Diversificazione dellofferta 2.Gestione dellalto rischio e della prevenzione secondaria 3.Continuità clinico-assistenziale e rapporti con il territorio 4.Strumenti operativi La Rete

37 Le componenti: la prevenzione, ad ogni livello, dal MMG alla Riabilitazione; lattività ambulatoriale specialistica; la diagnostica strumentale non invasiva; la degenza clinica, i letti cardiologici dedicati, ove presenti, allinterno di altri Reparti (Medicina Generale, Aree di Emergenza, Medicina dUrgenza, ecc.) e lospedalizzazione domiciliare (Home Care); la terapia intensiva cardiologica (UTIC); la diagnostica invasiva e la Cardiologia Interventistica; la cardiochirurgia; la chirurgia vascolare; la Riabilitazione Cardiologica La Rete

38 Lattuazione di una rete integrata richiede che preliminarmente siano poste in atto alcune condizioni la definizione di bacini di utenza (Provincia, Area Vasta, Area Metropolitana, ecc.) adeguati per sostenere una Rete Locale Integrata; la descrizione dei servizi che compongono il processo diagnostico- terapeutico e riabilitativo e lesplicitazione della loro reciprocità funzionale e collocazione nella Rete; lo sviluppo e il mantenimento del know how necessario per costituire gruppi di lavoro multiprofessionali; lo sviluppo del sistema delle comunicazioni, logistiche e professionali; la definizione delle autonomie e delle responsabilità gestionali e tecnico-professionali assegnate a ciascuna componente della Rete: su ciò si basa il sistema relazionale della stessa. La Rete per la gestione dei pazienti con Cardiopatia ischemica cronica La Rete per la gestione dei pazienti con Cardiopatia ischemica cronica

39 Reti Integrate Sono il risultato di un processo di programmazione dei servizi sanitari basato su un sistema di relazioni e collegamenti tra le varie unità produttive indipendente dalla loro collocazione fisica Compongono due esigenze tra loro apparentemente contrastanti: la necessità di concentrazione dei servizi per garantire la qualità tecnica la necessità di diffusione dei servizi per facilitare laccesso singola prestazioneintero percorso Spostano lattenzione dalla singola prestazione all intero percorso assistenziale che può essere seguito, seppure in servizi diversi, in modo unitario.

40 PROGRAMMA NON STRUTTURATO (USUAL CARE) Dopo il periodo di riabilitazione standard i pazienti assegnati a questo braccio: verranno seguiti in follow-up con le modalità abituali dellUnità di Riabilitazione e riceveranno un counseling non strutturato (follow-up clinico) verranno seguiti in follow-up con le modalità abituali dellUnità di Riabilitazione e riceveranno un counseling non strutturato (follow-up clinico) riceveranno indicazioni generali sullo stile di vita, (alimentazione, fumo, attività fisica) ed alla assunzione dei farmaci secondo le raccomandazioni consolidate in letteratura riceveranno indicazioni generali sullo stile di vita, (alimentazione, fumo, attività fisica) ed alla assunzione dei farmaci secondo le raccomandazioni consolidate in letteratura

41 Goal: <140/90 mm Hg or <130/80 if diabetes or chronic kidney disease Blood Pressure Control Recommendations Blood pressure 120/80 mm Hg or greater: Initiate or maintain lifestyle modification: weight control, increased physical activity, alcohol moderation, sodium reduction, and increased consumption of fresh fruits vegetables and low fat dairy products Blood pressure 140/90 mm Hg or greater (or 130/80 or greater for chronic kidney disease or diabetes) As tolerated, add blood pressure medication, treating initially with beta blockers and/or ACE inhibitors with addition of other drugs such as thiazides as needed to achieve goal blood pressure

42 Lipid Management Goal LDL-C should be less than 100 mg/dL Further reduction to LDL-C to < 70 mg/dL is reasonable *Non-HDL-C = total cholesterol minus HDL-C If TG >200 mg/dL, non-HDL-C should be < 130 mg/dL*

43 Diabetes Mellitus Recommendations Goal: Hb A1c < 7% Lifestyle and pharmacotherapy to achieve near normal HbA1C (<7%). Vigorous modification of other risk factors (e.g., physical activity, weight management, blood pressure control, and cholesterol management as recommended). Coordinate diabetic care with patients primary care physician or endocrinologist. ) HbA1c = Glycosylated hemoglobin

44 PROGRAMMA DI PREVENZIONE INTENSIVO E CONTINUATIVO: (GRUPPO INTERVENTO) Intervento strutturato basato su strategie di gruppo ed individuali presso le Unità di Riabilitazione a cadenza mensile per i primi 6 mesi, poi a cadenza semestrale per 3 anni, costituito da: 1 o più sedute di training fisico 1 o più sedute di training fisico programma breve (2-3 sedute) di educazione alla salute di supporto e rinforzo per aderenza alla terapia raccomandata, per lacquisizione e il mantenimento di corrette abitudini alimentari e controllo del peso, sospensione del fumo, gestione dello stress, stimolo allattività fisica (stile di vita). programma breve (2-3 sedute) di educazione alla salute di supporto e rinforzo per aderenza alla terapia raccomandata, per lacquisizione e il mantenimento di corrette abitudini alimentari e controllo del peso, sospensione del fumo, gestione dello stress, stimolo allattività fisica (stile di vita).

45 PROGRAMMA NON STRUTTURATO (USUAL CARE) Dopo il periodo di riabilitazione standard i pazienti assegnati a questo braccio: verranno seguiti in follow-up con le modalità abituali dellUnità di Riabilitazione e riceveranno un counseling non strutturato (follow-up clinico) verranno seguiti in follow-up con le modalità abituali dellUnità di Riabilitazione e riceveranno un counseling non strutturato (follow-up clinico) riceveranno indicazioni generali sullo stile di vita, (alimentazione, fumo, attività fisica) ed alla assunzione dei farmaci secondo le raccomandazioni consolidate in letteratura riceveranno indicazioni generali sullo stile di vita, (alimentazione, fumo, attività fisica) ed alla assunzione dei farmaci secondo le raccomandazioni consolidate in letteratura


Scaricare ppt "Campagna Educazionale Regionale ANMCO Toscana Difendiamo il cuore Lefficacia della prevenzione secondaria tra Ospedale e Territorio Pistoia, Villa Cappugi."

Presentazioni simili


Annunci Google