La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 ECONOMIA INDUSTRIALE (MERCATO, CONCORRENZA, REGOLE) LEZ 9 Augusto Ninni Università di Parma a.a. 2010-2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 ECONOMIA INDUSTRIALE (MERCATO, CONCORRENZA, REGOLE) LEZ 9 Augusto Ninni Università di Parma a.a. 2010-2011."— Transcript della presentazione:

1 1 ECONOMIA INDUSTRIALE (MERCATO, CONCORRENZA, REGOLE) LEZ 9 Augusto Ninni Università di Parma a.a

2 2 Differenziazione del prodotto e modello di Hotelling Si abbandona l ipotesi di: Omogeneità del prodotto

3 3 Modello di Hotelling Lequilibrio di un mercato dipende da: Posizionamento del consumatore Costi di ricerca Prezzi praticati dalle imprese Posizionamento delle imprese Differenziazione verticale, oggettiva

4 4 2 gelatai su una spiaggia lunga 8 km, posizionati agli estremi, vendono gelato uguale al prezzo di 10 ogni consumatore valuta 1 euro il costo di percorrere 1 km, quindi il costo di ogni gelato vale 10 + costo/km: il consumatore posizionato a metà valuterà 14 il costo del gelato, e sarà indifferente fra le due imprese

5 km X Modello di Hotelling Costo per il consumatore 18 Costo per il consumatore = P + t x AB

6 X D (A) = { x-0} Consumatori localizzati in { x-0 } X 1-xD (B) = { 1 – x } Consumatori localizzati in { 1 – x } Dimensione del mercato A B

7 Se P (A) = 12 > P (B) D (A) D (B) ma D (A) # 0 ! Bertrand non vale = è possibile trovare due prezzi diversi sullo stesso mercato, e il produttore con il prezzo più alto non esce fuori dal mercato, perché ora ci sono anche i costi del trasporto 12 x Spazio di mercato accessibile per limpresa: dipende anche dal prezzo di partenza Se il prezzo aumenta, il consumatore indifferente (x) si sposta verso sinistra (conta lintersezione fra le due rette) e così lo spazio di domanda dellimpresa che ha aumentato il prezzo diminuisce Possibilità che esistano prezzi diversi x (15)

8 Se il costo per km fosse molto basso o trascurabile, Bertrand avrebbe ragione: i prezzi dei due produttori dovrebbero essere uguali 12 x Ma dipende anche da quanto è il costo di trasporto (o il search cost): cioè da quanto conta la differenziazione di prodotto (12,8)

9 9 P1 P X A B Al crescere di p (il prezzo fissato dallimpresa A) si sposta a sinistra x (la posizione del consumatore indifferente), quindi si restringe lo spazio di mercato accessibile P2 X La posizione di indifferenza del consumatore si sposta, da x a x X P n

10 10 P1 P 0 1 D (A da P1) = { x-0} D (A da Pn) = { x-x} = 0 Finche D (B da P) = { 1 – x } Pn X Segue: il mercato accessibile per limpresa A diventa 0 quando la posizione del consumatore indifferente diventa uguale a quella dellimpresa A

11 11 P1 P = Pn Pm = 2 X Oppure, limpresa pratica un prezzo Pm così basso che la posizione di indifferenza del consumatore è spostata totalmente alla sua destra (dove cè limpresa 2), e quindi limpresa può avere lintero mercato (nellesempio pm = 2 = 10-8)

12 km 4 km x Costo per il consumator e 18 A Scheda di domanda per limpresa A (quando il prezzo praticato dallimpresa B è 14)

13 km 4 km = c 14 x Modello di Hotelling Costo per il consumator e 18 A Massimizzazione del profitto per limpresa A (quando il prezzo praticato dallimpresa B è 14 e il suo costo marginale è 10): allimpresa A conviene praticare il prezzo 14, che è anche il prezzo di B. 14,14 è equilibrio di Nash

14 km 4 km = c 14 x Modello di Hotelling Costo per il consumator e 18 A Lo stesso vale per limpresa B (quando il prezzo praticato dallimpresa A è 14, e i costi sono uguali): allimpresa B conviene praticare il prezzo 14, che è anche il prezzo di A. 14,14 è equilibrio di Nash B

15 = c 14 Modello di Hotelling e posizionamento del prodotto Costo per il consumator e 18 A B X Nuova posizione di B (B cambia il posizionamento del prodotto, diventa più simile ad A) BX ( cambia la posizione del consumatore indifferente)

16 16 A fronte del nuovo posizionamento dellimpresa B, allimpresa A converrà posizionarsi vicino a B piuttosto che lontano da B, in modo da raccogliere tutti i consumatori posizionati sulla sua sinistra (effetto diretto) Se però abbandoniamo lipotesi che i prezzi siano fissi e si considera la reazione delle nuove localizzazioni sui prezzi (effetto strategico), leffetto è più incerto. Nel caso estremo in cui la localizzazione è uguale (zero differenziazione) la concorrenza è solo sui prezzi, per cui in assenza di differenziazione (= omogeneità del prodotto) il risultato ultimo è Bertrand (prezzi = costi marginali) Nel caso del confronto politico, posizioni molto divergenti o posizioni molto vicine… dipende dal posizionamento degli elettori

17 17 Informazione imperfetta, switching costs, search costs Sinora informazione perfetta, differenziazione orizzontale e verticale consumatori non informati sui prezzi, oppure switching costs (costi che si devono superare per cambiare fornitore)

18 18 Costi di ricerca: il consumatore non conosce chi pratica il prezzo più basso, e deve sopportare un costo (s, search cost) che conosce In equilibrio, con consumatori non informati e costi di ricerca positivi, ciascun impresa fissa un prezzo di monopolio pari alla disponibilità a pagare del consumatore questi non sapendo che altre imprese potrebbero praticare prezzi più bassi, e sapendo invece che s è positivo, si asterrà dallo spostarsi

19 19 Switching cost: costo del passaggio ad un altro fornitore Computer: IBM DOS, costo di imparare una nuova suite era proibitivo: Windows è friendly, grande merito di Microsoft di ridurre gli switching costs Switching cost come search cost: costruisce una posizione di semi-monopolio, consente la permanenza di prezzi diversi Tipico delle fasi di liberalizzazione dei captive markets negli ex-monopoli legali, quando lex- monopolista imponeva dei costi per il consumatore per labbandono dellabbonamento

20 20 Dispersione dei prezzi I prezzi possono essere diversi tra produttori (in assenza di differenze nei costi di produzione) per: Per un monopolista: differenze di elasticità della domanda Discriminazione di prezzo Esistenza di costi di ricerca (search cost) e consumatori non informati

21 21 2 categorie consumatori, uno con costi di ricerca positivi, laltro nulli; 2 categorie negozianti, uno a prezzi bassi, uno a prezzi alti Consumatori con s > 0: si fermano al primo negozio che trovano Consumatori con s = 0: cercano finchè trovano prezzi bassi

22 22 Negozi a prezzi bassi: servono tutti i cons con s = 0 e metà (per hp) dei cons con s > 0 Negozi a prezzi alti: servono ½ (per hp) dei cons con s > 0, e quindi continuano ad operare, pur essendo meno competitivi

23 23 Si chiamano modelli con turisti e residenti !


Scaricare ppt "1 ECONOMIA INDUSTRIALE (MERCATO, CONCORRENZA, REGOLE) LEZ 9 Augusto Ninni Università di Parma a.a. 2010-2011."

Presentazioni simili


Annunci Google