La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La tutela pubblica dei minori privi di una valida potestà genitoriale G.Sammarco aa 2012/2013 Sapienza Metodi e tecniche del Servizio Sociale III.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La tutela pubblica dei minori privi di una valida potestà genitoriale G.Sammarco aa 2012/2013 Sapienza Metodi e tecniche del Servizio Sociale III."— Transcript della presentazione:

1 La tutela pubblica dei minori privi di una valida potestà genitoriale G.Sammarco aa 2012/2013 Sapienza Metodi e tecniche del Servizio Sociale III

2 Apertura della tutela Quando i genitori non ci sono perché deceduti o non vi è stato il riconoscimento; Quando cè qualche ragione che impedisce lo svolgimento delle funzioni genitoriali o per cause materiali o giuridiche.

3 Cause giuridiche Dichiarazione del TM di decadenza della potestà genitoriale di entrambi i genitori o nel caso della presenza di uno solo genitore che ha riconosciuto il minore, la decadenza di quello; Condanna penale dopo un certo numero di anni comporta come pena accessoria la decadenza della potestà genitoriale.

4 Altre cause Cause materiali per impossibilità: Per esempio il genitore in carcere, anche se la condanna non è tale da comportare come conseguenza giuridica la decadenza si trova nellimpossibilità di esercitarla.

5 Stato di abbandono Obbligo di segnalazione al TM (ma anche al GT) quando si determina uno stato di abbandono: mancanza di assistenza materiale e morale, di grave malattia, di allontanamento del genitore e/o di morte.

6 Obbligo di segnalazione Qualsiasi pubblico ufficiale esercente esercizio di utilità pubblica; Ufficiale di stato civile che riceve la dichiarazione di morte di una persona che ha lasciato figli minori o dichiarazione di nascita di genitori ignoti; Il notaio che procede al testamento; Parenti entro il 3° grado; Persona designata come tutore.

7 Aspetto patrimoniale della tutela lottica del codice prevalente è quella di prendere in considerazione laspetto patrimoniale, il minore che ha un patrimonio che deve essere amministrato ha bisogno di qualcuno che lo rappresenti legalmente e che possa compiere tutti gli atti giuridici necessari.

8 Apertura della tutela Articolo 346. Il giudice tutelare, appena avuta notizia del fatto da cui deriva lapertura della tutela, procede alla nomina del tutore e del protutore (348, 354, 360) ( Il protutore rappresenta il minore nei casi in cui l'interesse di questo è in opposizione con l'interesse del tutore Se anche il protutore si trova in opposizione d'interessi col minore, il giudice tutelare nomina un curatore speciale [c.p.c. 78 2]. Il protutore è tenuto a promuovere la nomina di un nuovo tutore nel caso in cui il tutore è venuto a mancare o ha abbandonato l'ufficio (3). Frattanto egli ha cura della persona del minore, lo rappresenta e può fare tutti gli atti conservativi e gli atti urgenti di amministrazione,protutoretutoregiudice tutelarecuratore speciale(3) Articolo 347. E nominato un solo tutore a più fratelli e sorelle, salvo che particolari circostanze consiglino la nomina di più tutori. Se vi è conflitto di interessi tra minori soggetti alla stessa tutela, il giudice tutelare nomina ai minori un curatore speciale.

9 Nomina del Tutore Articolo 348. Il giudice tutelare nomina tutore la persona designata dal genitore che ha esercitato per ultimo la potestà dei genitori. La designazione può essere fatta per testamento (587-2), per atto pubblico o per scrittura privata autenticata (2699; 2703). Se manca la designazione ovvero se gravi motivi si oppongono alla nomina della persona designata, la scelta del tutore avviene preferibilmente tra gli ascendenti o tra gli altri prossimi parenti o affini (74, 78) del minore, i quali, in quanto sia opportuno, devono essere sentiti. Il giudice, prima di procedere alla nomina del tutore, deve anche sentire il minore che abbia raggiunto letà di anni sedici. In ogni caso la scelta deve cadere su persona idonea allufficio, di ineccepibile condotta, la quale dia affidamento di educare e istruire il minore conformemente a quanto è prescritto nellArticolo 147 (Art. 147 Doveri verso i figli )Il matrimonio impone ad ambedue i coniugi lobbligo di mantenere, istruire ed educare la prole tenendo conto delle capacità, dellinclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli.

10 Attribuzione della Tutela Volontaria: il giudice nomina la persona designata dal genitore che per ultimo ha esercitata la potestà; Legittima: affidata a un parente prossimo o affine del minore cominciando dagli ascendenti; Dativa:affidata ad altre persone scelte dal giudice; Assistenziale:affidata a un ente di assistenza.

11 Articolo 349. Il tutore, prima di assumere lufficio, presta davanti al giudice tutelare giuramento di esercitarlo con fedeltà e diligenza

12 Articolo 350. Non possono essere nominati tutori e, se sono stati nominati, devono cessare dallufficio (att. 129): 1) coloro che non hanno la libera amministrazione del proprio patrimonio; 2) coloro che sono stati esclusi dalla tutela per disposizione scritta del genitore il quale per ultimo ha esercitato la patria potestà; 3) coloro che hanno o sono per avere o dei quali gli ascendenti, i discendenti o il coniuge hanno o sono per avere col minore una lite, per effetto della quale può essere pregiudicato lo stato del minore o una parte notevole del patrimonio di lui; 4) coloro che sono incorsi nella perdita della patria potestà o nella decadenza da essa, o sono stati rimossi da altra tutela; 5) il fallito che non è stato cancellato dal registro dei falliti.

13 Obblighi del tutore Deve occuparsi della cura della persona del tutelato; Cura il patrimonio e rappresenta il minore negli atti giuridici necessari; Fa scelte educative, ma è meno libero del genitore essendo sottoposto a controlli specifici.

14 Tutela pubblica Art. 354 Tutela affidata a enti di assistenza La tutela dei minori, che non hanno nel luogo del loro domicilio parenti conosciuti o capaci di esercitare lufficio di tutore, può essere deferita dal giudice tutelare a un ente di assistenza nel comune dove ha domicilio il minore o allospizio in cui questi e ricoverato (402). Lamministrazione dellente o dellospizio delega uno dei propri membri a esercitare le funzioni di tutela (355-2) E tuttavia in facoltà del giudice tutelare di nominare un tutore al minore quando la natura o Ientità dei beni o altre circostanze lo richiedono.

15 Deferimento della tutela pubblica Attualmente viene deferita al Comune nella persona del Sindaco che in genere non svolge la tutela direttamente ma delega al Servizio Sociale.


Scaricare ppt "La tutela pubblica dei minori privi di una valida potestà genitoriale G.Sammarco aa 2012/2013 Sapienza Metodi e tecniche del Servizio Sociale III."

Presentazioni simili


Annunci Google