La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Semiotica Prof. Giovanni Manetti. Nascita della semiotica Riflessione sul segno nellantichità classica e continuazione nella tradizione filosofica Fondazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Semiotica Prof. Giovanni Manetti. Nascita della semiotica Riflessione sul segno nellantichità classica e continuazione nella tradizione filosofica Fondazione."— Transcript della presentazione:

1 Semiotica Prof. Giovanni Manetti

2 Nascita della semiotica Riflessione sul segno nellantichità classica e continuazione nella tradizione filosofica Fondazione moderna da parte di Ferdinand de Saussure ( ) e di Charles Sanders Peirce ( ) Istituzionalizzazione nel 1964 da parte degli Elementi di semiologia di Roland Barthes

3 Significazione e Comunicazione Un sistema di significazione collega entità presenti, o percepibili, a entità assenti, o non percepibili Un processo di comunicazione usa le unità di un sistema di significazione per istituire una relazione interazionale tra un emittente e un ricevente

4 Segni verbali e non verbali Aspetto esteriore –Conformazione fisica –Abbigliamento Comportamento prossemico –Distanza interpersonale –Contatto corporeo –Orientazione –Postura Comportamento cinesico –Movimenti di busto e gambe –Movimenti di mani e braccia –Movimenti del capo Volto –Sguardo e contatto visivo –Espressione del volto Segnali vocali –Segnali vocali verbali –Segnali vocali non verbali –Silenzio

5 Abbigliamento –Vestiti, acconciatura, trucco, accessori –Uniformi (definizione categoria sociale di appartenenza) –Potere e status sociale, ecc. –Moda –Maggiormente modificabile rispetto alla conformazione fisica Spazio personale (Bolla invisibile) –Distanza intima (0-45 cm) tatto, odore, calore –Distanza personale ( cm) distanza amicale (ci si può toccare) –Distanza sociale ( cm) relazioni formali, contatto visivo e uditivo –Distanza pubblica (oltre 360 cm) situazioni pubbliche, principalmente contatto visivo

6 Segno Jakobson: Il segno è qualcosa che sta per qualcosaltro Morris (1938: 20): Qualcosa è un segno solo perché è interpretato come segno da un interprete […] pertanto la semiotica non ha a che fare con lo studio di un particolare tipo di oggetti, m con gli oggetti comuni nella misura in cui (e solo nella misura in cui) partecipano alla semiosi

7 Segni naturali: privi di emittente consapevole; il rinvio è fissato a valle da un interprete chedecide di considerare un certo fenomeno come segno di qualcosa Segni artificiali: emessi con lintenzione di comunicare, cioè con lo scopo di rendere manifesta lintenzione di informare qualcuno di qualche cosa; il rinvio è fissato a monte da un esecutore attraverso la realizzazione di una strategia comunicativa

8 Inferenza: alcuni segni portano alla scoperta del significato attraverso un ragionamento inferenziale Equivalenza: altri segni portano alla determinazione del significato attraverso un abbinamento stabilito da un codice

9 Ferdinand de Saussure

10 Langue vs Parole La Langue è un tesoro depositato dalla pratica della parole nei soggetti appartenenti a una stessa comunità, un sistema grammaticale esistente virtualmente in ciascun cervello o, più esattamente, nel cervello di un insieme di individui, dato che la lingua non è completa in nessun singolo individuo, ma esiste perfettamente soltanto nella massa (CLG: 23) La Parole è il momento individuale, nel senso della realtà psico-fisiologica del singolo atto linguistico, mentre la langue è la parte sociale del langage, esterna allindividuo, che non può né crearla, né modificarla (Lepschy, 1966:45)

11 La Langue E la parte sociale del linguaggio, esterna allindividuo, che non può né crearla, né modificarla E un oggetto che si può studiare separatamente dalla parole (infatti si possono studiare le lingue morte) E di natura omogenea, a differenza del linguaggio, che complessivamente è eterogeneo E un oggetto di natura concreta, poiché i segni linguistici non sono delle astrazioni

12 Il circuito della Parole

13 3 Processi Processo psichico Processo fisiologico Processo fisico

14 Pertinenza Langue/Parole

15 Linguaggio vs Lingua

16 Acquisizione del linguaggio

17 Segno linguistico

18 2 caratteristiche del segno linguistico Arbitrarietà (due obiezioni: i. onomatopee; ii. esclamazioni) Linearità

19 Lidentità Che cosa permette lidentità di una certa cosa? - esempio della strada; - esempio del ponte; -esempio del pezzo di scacchi. -Non la materialità degli elementi, ma le relazioni che quella cosa intrattiene con gli altri oggetti

20 Il Valore E unentità differenziale, oppositiva, relazionale, negativa Il significato di rosso è delimitato da quello di concetti limitrofi, come arancione, giallo, viola, amaranto. Il significante /mani/ è distinto da quello di /pani/ grazie allopposizione tra /m/ e /p/

21 Presenza simultanea di diversi segni

22 La lingua è un sistema di valori Preso in se stesso, il pensiero è come una nebulosa in cui niente è necessariamente delimitato […] La sostanza fonica non è né più fissa né più rigida [è] una materia plastica che si divide a sua volta in parti distinte per fornire i significanti di cui il pensiero ha bisogno.[…] la lingua è una serie di suddivisioni contigue proiettate sia sul piano delle idee confuse (A) sia su quello non meno indeterminato dei suoni (B). (CLG, 136)

23 Il Sintagma Da una parte, nel discorso, le parole contraggono tra loro. In virtù del loro concatenarsi, dei rapporti fondati sul carattere lineare della lingua, che esclude la possibilità di pronunziare due elementi alla volta. Esse si schierano le une dopo le altre sulla catena della parole. Queste combinazioni, che hanno per supporto lestensione possono essere chiamate sintagmi. (CLG, 149)

24 Il Paradigma Daltra parte le parole offrenti qualche cosa di comune si associano nella memoria, e si formano così dei gruppi nel cui ambito regnano rapporti assai diversi. (CLG, )

25 Louis Hjelmslev

26 I 5 tratti di una semiotica Biplanarità Biassialità Commutazione Non conformità Relazioni tra le parti

27 Funzione segnica

28 Forma/Sostanza/Materia del contenuto nel Sistema

29 Spettro dei colori Pertinentizzazione della materia

30 Forma/Sostanza/Materia dellespressione nel Sistema Forma/Sostanza/Materia dellespressione nel Processo Tedesco: b rli:n Inglese: bэ:lin Danese: baeRli?n Giapponese: b lul inu

31 Forma/Sostanza/Materia del contenuto nel Processo

32 GLI ASSSI DEI LINGUAGGI SISTEMA PROCESSO ( O…O) ( E…E)

33 Commutazione Una correlazione su di un piano che corrisponde ad una correlazione sullaltro X : Y = Z : W P (ani): M (ani) = pani : mani

34 Sostituzione Una variazione su un piano che non corrisponde ad una variazione sullaltro C (asa) : H (asa) = casa : casa

35 maschiofemmina ovinoMONTONEPECORA suinoPORCOSCROFA bovinoTOROVACCA equinoSTALLONEGIUMENTA apeFUCOPECCHIA umanoUOMODONNA

36 CINESEUNGHERESEFRANCESEMALESE fratello primogenito xiongbaty frère sudara fratello minore diöccs sorella primogenita zinövér soeur sorella minore meihug

37 NON CONFORMITA - NON CORRISPONDENZA TERMINE A TERMINE TRA ELEMENTI DEL PIANO DELLESPRESSIONE ED ELEMENTI DEL PIANO DEL CONTENUTO - NON ISOMORFISMO /AM/ E /æ/ + /m/ C essere+ indicativo + presente + 1° persona + singolare

38

39 Significati composti

40 Amo + re = Amore

41

42 RELAZIONE TRA LE PARTI INTERDIPENDENZA DETERMINAZIONE COSTELLAZIONE SUL PROCESSO SOLIDARIETA (caso + numero) SELEZIONE (sine + ablativo; /q/ + /u/) COMBINAZIONE (ab + ablativo / nome) SUL SISTEMA COMPLEMENTARIETA SPECIFICAZIONE AUTONOMIA

43 Roland Barthes Cherbourg Parigi 1980

44 DENOTAZIONE E CONNOTAZIONE E ( R ) C = DENOTAZIONE Es. /cane/ mammifero domestico dei carnivori, onnivoro, con odorato eccellente, ecc. /ulivo/ pianta delle oleacee, che produce bacche nere in autunno (E R C) R C = CONNOTAZIONE Es. /cane/ fedeltà /ulivo/ pace

45 METALINGUAGGIO E R (E R C) Es. /obliterare/ /timbrare il biglietto sullautobus/

46 Roland Barthes Retorica dellimmagine Pubblicità della Pasta Panzani

47

48 Vladimir Jakovlevič Propp ( ) Morfologia della fiaba (1928)

49 Raccolta di fiabe russe Aleksandr Nikolaevič Afanas'ev ( )

50 Modello narrativo i. Prologo che descrive la situazione iniziale e. uno dei membri della famiglia si allontana da casa (allontanamento) k. Alleroe è imposto un divieto (divieto) q. Il divieto è infranto (infrazione) v. Lantagonista tenta una ricognizione (investigazione) w. Lantagonista riceve informazioni sulla vittima (delazione) j. Lantagonista tenta di ingannare la vittima per impadronirsi di lei o dei suoi averi (tranello) y. La vittima cade nellinganno e con ciò favorisce involontariamente il nemico (connivenza)

51 Sequenza principale X. Lantagonista arreca danno o menomazione ad uno dei membri della famiglia (Danneggiamento); A uno dei membri della famiglia manca qualcosa (Mancanza) Y. La sciagura o mancanza è resa nota; ci si rivolge alleroe con una preghiera o con un ordine, lo si manda o lo si lascia andare (Mediazione) W. Il ricercatore acconsente o si decide a reagire (Inizio della reazione) D. Leroe è messo alla prova, interrogato, aggredito, ecc. come preparazione al conseguimento di un mezzo o aiutante magico (Prima funzione del donatore) E. Leroe reagisce alloperato del futuro donatore (Reazione delleroe) Z. Il mezzo magico perviene in possesso delleroe (Conseguimento del mezzo magico)

52 R. Leroe si trasferisce o viene portato sul luogo in cui si trova loggetto delle sue ricerche (Trasferimento nello spazio tra due reami) L. Leroe e lantagonista ingaggiano direttamente la lotta (Lotta) M. Alleroe è impresso un marchio (Marchiatura) V. Lantagonista è vinto (Vittoria) Rm. Viene posto riparo alla sciagura o viene eliminata la mancanza (Rimozione della sciagura o della mancanza) P. Leroe viene perseguitato (Persecuzione o inseguimento) S. Leroe si salva dalla persecuzione (Salvataggio) O. Leroe arriva in incognito a casa o in un altro paese (Arrivo in incognito) F. Il falso eroe avanza pretese infondate (Pretese infondate)

53 C. Alleroe è proposto un compito difficile (Compito difficile) A. Il compito è eseguito (Adempimento) I. Leroe è riconosciuto (Identificazione) Sm. Il falso eroe o lantagonista è smascherato (Smascheramento) T. Leroe assume nuove sembianze (Trasfigurazione) Pu. Lantagonista è punito (Punizione) N. Leroe si sposa e/o sale al trono (Nozze).


Scaricare ppt "Semiotica Prof. Giovanni Manetti. Nascita della semiotica Riflessione sul segno nellantichità classica e continuazione nella tradizione filosofica Fondazione."

Presentazioni simili


Annunci Google