La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Articolo 3 Rapporto fra gli articoli 81 e 82 e le legislazioni nazionali in materia di concorrenza 1. Quando le autorità garanti della concorrenza degli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Articolo 3 Rapporto fra gli articoli 81 e 82 e le legislazioni nazionali in materia di concorrenza 1. Quando le autorità garanti della concorrenza degli."— Transcript della presentazione:

1 Articolo 3 Rapporto fra gli articoli 81 e 82 e le legislazioni nazionali in materia di concorrenza 1. Quando le autorità garanti della concorrenza degli Stati membri o le giurisdizioni nazionali applicano la legislazione nazionale in materia di concorrenza ad accordi, decisioni di associazioni di imprese o pratiche concordate ai sensi dell'articolo 81, paragrafo 1, del trattato che possano pregiudicare il commercio tra Stati membri ai sensi di detta disposizione, esse applicano anche l'articolo 81 del trattato a siffatti accordi, decisioni o pratiche concordate. Quando le autorità garanti della concorrenza degli Stati membri o le giurisdizioni nazionali applicano la legislazione nazionale in materia di concorrenza agli sfruttamenti abusivi vietati dall'articolo 82 del trattato, esse applicano anche l'articolo 82 del trattato. Regolamento (CE) n. 1/2003 del Consiglio

2 2. Dall'applicazione della legislazione nazionale in materia di concorrenza non può scaturire il divieto di accordi, decisioni di associazioni di imprese o pratiche concordate che possano pregiudicare il commercio tra Stati membri che non impongono restrizioni alla concorrenza ai sensi dell'articolo 81, paragrafo 1, del trattato, che soddisfano le condizioni dell'articolo 81, paragrafo 3, del trattato o che sono disciplinati da un regolamento per l'applicazione dell'articolo 81, paragrafo 3, del trattato. Il presente regolamento non impedisce agli Stati membri di adottare e applicare nel loro territorio norme nazionali più rigorose che vietino o sanzionino le condotte unilaterali delle imprese.

3 CONSUMATORI / UTILIZZATORI A B C effetti restrittivi della concorrenza? effetti benefici ?

4 teoria classica teoria neoclassica teoria ordoliberale teorie dinamiche schumpeteriana ora: moderna teoria industriale austriaca neo-schumpeteriana

5 MORE ECONOMIC APPROACH ECONOMICS-BASED APPROACH EFFETTI RESTRITTIVI BENESSERE DEL CONSUMATORE ? EFFETTI BENEFICI EFFICIENZA

6 strumenti sviluppi nella teoria delloligopolio teoria dei giochi, ecc. situazioni di equilibrio: pensiero neoclassico teorie di agency, problemi di informazione, ecc. econometria, simulazioni, ecc.

7 Valutazione in base allart.101, par.1 agli accordi di cooperazione orizzontale che abbiano per oggetto o per effetto di impedire, restringere o falsare il gioco della concorrenza VIETATI

8 problemi di concorrenza benefici economici fissazione dei prezzi o della produzione ripartizione dei mercati mantenere, ottenere o aumentare potere di mercato effetti di mercato negativi sui prezzi, la produzione, linnovazione o la varietà e la qualità dei prodotti condivisione dei rischi realizzare economie condivisione di know-how più veloce introduzione di innovazioni sul mercato

9 LINEE DIRETTRICI art ? accordi che vi rientrano quasi sempre accordi che non vi rientrano quasi mai per la natura dellaccordo ALTRI: necessario un esame degli effetti degli accordi art ? benefici economici ?

10 QUADRO DI ANALISI fondato su criteri economici (II) potere di mercato delle parti (III) altri fattori relativi alla struttura del mercato (I) natura dellaccordo (IV) benefici economici

11 (II) posizione delle parti nei mercati interessati dalla cooperazione scopo dellanalisi determinare se le parti possano, grazie alla cooperazione, mantenere, acquisire o rafforzare il loro potere di mercato ovvero se abbiano la capacità di causare effetti negativi sul mercato in relazione ai prezzi, alla produzione, all'innovazione o alla varietà o qualità delle merci e dei servizi. potere di mercato sufficiente a causare degli effetti restrittivi somma delle quote di mercato

12 grado di concentrazione del mercato numero posizione dei concorrenti INDICI somma dei quadrati delle quote di mercato detenute dai concorrenti concentrazione bassa: max 1000 moderata: tra 1000 e 1800 elevata: oltre 1800 prima: 30%, 25%, 25%, 20% = 2550 dopo: 30% + 25% cooperazione = 4050 es. coefficiente di concentrazione delle imprese leader Herfindahl-Hirschman (HH) somma delle quote di mercato dei principali concorrenti

13 (III) altri fattori stabilità delle quote di mercato nel tempo barriere allingresso probabilità di altri ingressi potere di contrattazione degli acquirenti/fornitori natura dei prodotti

14 FATTORI SPECIFICI se prevedibili delle ripercussioni sulla concorrenza in tema di innovazione quando tali ripercussioni non possono essere valutate in modo adeguato attraverso lesame dei mercati preesistenti

15 LINEE DIRETTRICI art ? accordi che vi rientrano quasi sempre accordi che non vi rientrano quasi mai per la natura dellaccordo ALTRI: necessario un esame degli effetti degli accordi art ? ( IV) benefici economici ?

16 Valutazione in base allart. 101, par.3 migliorare la produzione o la distribuzione dei prodotti o a promuovere il progresso tecnico o economico efficienze statiche o dinamiche benefici economici possono compensare gli effetti restrittivi della concorrenza combinazione e integrazione di varie competenze o risorse efficienze documentate considerazioni ipotetiche o dichiarazioni generali non sono sufficienti non si tiene conto del risparmio dei costi da -riduzione produzione - ripartizione mercati - puro esercizio del potere di mercato

17 congrua parte dellutile riservata ai consumatori dipende dallintensità della concorrenza sul mercato rilevante economie di costi passate ai consumatori grazie ad una diminuzione die prezzi imprese stimolate a lanciare sul mercato nuovi prodotti il più rapidamente possibile

18 carattere indispensabile delle restrizioni esistono mezzi meno restrittivi per ottenere vantaggi comparabili? situazione di mercato durata dellaccordo non eliminazione della concorrenza per una parte sostanziale dei prodotti di cui trattasi non esentabile, di regola, un accordo grazie al quale unimpresa rafforzi o acquisti una posizione dominante

19 COME SI ARRIVA AL COMPORTAMENTO COORDINATO? ACCORDO ESPLICITO prezzo quantità quote di mercato ecc. SCAMBI DI INFORMAZIONI es., su prezzi attuali o futuri LEADER DI PREZZO Ecc.

20 COMPORTAMENTO COORDINATO STABILE: fattori facilitanti NUMERO LIMITATO DI IMPRESE TECNOLOGIE E STRUTTURE DEI COSTI SIMILI CAPACITÀ PRODUTTIVE SIMILI LEGAMI STRUTTURALI es., partecipazioni reciprche Fattori legati alle imprese

21 Fattori di mercato COMPORTAMENTO COORDINATO STABILE: fattori facilitanti BARRIERE ALLINGRESSO INELASTICITÀ DELLA DOMANDA PRODOTTI POCO DIFFERENZIATI POCA INNOVAZIONE ECC.

22 COME FARE PER SCOPRIRLI ? INCORAGGIARE A CONFESSARE c.d. programma di leniency (clemenza) Sanzione ridotta Sanzione non comminata DIFFICILE!

23 VENDITORE COMPRATORE/ RIVENDITORE CONSUMATORI INTESE VERTICALI

24 VENDITORE COMPRATORE CONSUMATORI COMPRATORE prezzo imposto

25 VENDITORE COMPRATORE territorio esclusivo X CONSUMATORI

26 VENDITORE COMPRATORE mono- marchismo VENDITORE X X X X CONSUMATORI

27 VENDITORE COMPRATORE distribuzione selettiva COMPRATORE X

28 limpresa che non detiene potere di mercato può aumentare gli utili solo ottimizzando i processi di fabbricazione e distribuzione # se limpresa detiene potere di mercato si deve verificare se essa, tramite le intese verticali, non intenda accrescere gli utili a spese dei concorrenti diretti, aumentando i loro costi, nonché a detrimento dei suoi clienti e in ultima analisi dei consumatori, appropriandosi di una parte del loro margine

29 effetto di escludere altri fornitori o acquirenti dal mercato per mezzo della creazione di barriere allaccesso riduzione della concorrenza fra marche allinterno del punto vendita riduzione della concorrenza fra marche per mezzo della agevolazione della collusione fra fornitori riduzione della concorrenza allinterno della marca fra distributori della stessa marca creazione di ostacoli alla integrazione dei mercati EFFETTI NEGATIVIEFFETTI POSITIVI permettere la realizzazione di livelli di investimenti e di vendite ottimali aprire od accedere a nuovi mercati soluzione al problema della rinuncia all investimento a causa del rischio che la controparte si comporti in modo opportunistico soluzione del problema del parassitismo di certificazione soluzione del problema della rinuncia allinvestimento in caso di trasferimento consistente di know-how ALTRE... BILANCIAMENTOBILANCIAMENTO (3)

30 BILANCIAMENTOBILANCIAMENTO restrizioni verticali messe in atto da impresa che detiene potere di mercato presumibilmente dannose più grave la restrizione interbrand che intrabrand più ampi gli investimenti realizzati, più giustificabile la restrizione le restrizioni verticali collegate alla penetrazione di nuovi mercati non limitano in via di massima la concorrenza

31 SE P DETIENE UNA QUOTA DI MERCATO NON SUPERIORE AL 30% SI PRESUME PREVALENTE IL MIGLIORAMENTO DELLA DISTRIBUZIONE esenzione per categoria SI PRESUME CHE AI CONSUMATORI VENGA RISERVATA UNA CONGRUA PARTE DELLUTILE CHE NE DERIVA 30% D se accordo di acquisto esclusivo

32 (4) le restrizioni gravi previste dal regolamento di esenzione per categoria prezzo imposto ripartizione dei mercati (però varie eccezioni altre.. ESENZIONE PER CATEGORIA NON SI APPLICA

33 POSIZIONE DOMINANTE POTERE DI MERCATO CONSIDEREVOLE (substantial) VIETATO ABUSO non il mero possesso, no il raggiungimento della pd tramite una concorrenza di merito

34 Art. 102 TFUE È incompatibile con il mercato comune e vietato, nella misura in cui possa essere pregiudizievole al commercio tra Stati membri, lo sfruttamento abusivo da parte di una o più imprese di una posizione dominante sul mercato comune o su una parte sostanziale di questo. Tali pratiche abusive possono consistere in particolare: a) nell'imporre direttamente od indirettamente prezzi d'acquisto, di vendita od altre condizioni di transazione non eque; b) nel limitare la produzione, gli sbocchi o lo sviluppo tecnico, a danno dei consumatori; c) nell'applicare nei rapporti commerciali con gli altri contraenti condizioni dissimil per prestazioni equivalenti, determinando così per questi ultimi uno svantaggio per la concorrenza; d) nel subordinare la conclusione di contratti all'accettazione da parte degli altri contraenti di prestazioni supplementari, che, per loro natura o secondo gli usi commerciali, non abbiano alcun nesso con l'oggetto dei contratti stessi.

35 ABUSO DELLA POSIZIONE DOMINANTE particolare RESPONSABILITA dellimpresa in posizione dom. qualsiasi comportamento atto a ridurre la concorrenza o ad ostacolarne lo sviluppo nei mercati in cui, proprio per il fatto che vi opera unimpresa in posizione dominante, il grado di concorrenza è già ridotto

36 APPROCCIO TRADIZIONALE accertamento della posizione dominante accertamento dellabuso della posizione dominante

37 POSIZIONE DOMINANTE posizione indipendente non soggetta ad effettive costrizioni concorrenziali POTERE DI MERCATO SOSTANZIALE (CONSIDEREVOLE)

38 INDICATORI DI POTERE DI MERCATO QUOTA DI MERCATO in termini assoluti e/o relativi temporanea o posseduta per lungo tempo BARRIERE ALLINGRESSO o ALLA ESPANSIONE LEGALI CAPACITÀ ESPANSIVE LIMITATE ECONOMIE DI SCALA O SCOPO ACCESSO PRIVILEGIATO A MATERIE PRIME RETE DISTRIBUTIVA CAPILLARE, DIFFICILMENTE REPLICABILE ALTRO… SWITCHING COSTS

39 IMPRESA individuale collettiva imprenditore società però società senza impresa associazione persona fisica persona giuridica punto di vista giuridico

40 dellimprenditore stesso di terzi (privati, banche) rischia il proprio patrimonio pretendono una remunerazione

41 CONCETTO DI IMPRESA centrale concetto di imprenditore commerciale sottoposizione al fallimento ed alle altre procedure concorsuali no fall. impresa agricola, neppure se di grandi dimensioni

42 Art c.c. Imprenditore È imprenditore chi esercita professionalmente una attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi. Nozione di azienda Art L`azienda è il complesso dei beni organizzati dall`imprenditore per l`esercizio dell`impresa

43 ACQUISTO della qualifica di imprenditore esercizio di fatto di unattività economica attività economica svolta professionalmente attività economica organizzata fine dellattività economica organizzata è la produzione di beni o servizi oppure lo scambio di beni ex art c.c.

44 esercizio di fatto di unattività economica pluralità di atti, fatti e contratti pluralità di operazioni economiche ATTIVITÀ ECONOMICA diretta alla produzione di ricchezza modalità che consentano almeno potenzialmente la copertura dei costi con i ricavi anche SENZA fine di lucro inteso come conseguimento di un utile art c.c. anche unico affare

45 attività economica svolta professionalmente stabile e non occasionale pr.: chi realizza un singolo affare? pr.: deve essere lattività prevalente? es.: costruzione di una diga es.: impiegato dello Stato che nei week-end gestisce un chiosco di bibite sulla spiaggia

46 attività economica organizzata organizzazione produttiva coordinamento dei fattori della produzione es., gioielliere? pr.: necessaria lorganizzazione del lavoro altrui? pr.: necessità di un minimo di etero-organizzazione? organizzazione anche di fattori diversi dal lavoro personale dellimprenditore es., un mediatore è imprenditore o lavoratore autonomo ? lavoro e capitali personali dellimpr. solo lavoro proprio no capitali d1: capacità di combinare fra loro i mezzi della produzione è centrale d2: organizzazione non requisito autonomo: espressione di teoria politico-economica a giustificazione del profitto

47 fine dellattività economica organizzata è la produzione di beni o servizi oppure lo scambio di beni attività che produce ricchezza pr.: necessaria la destinazione al mercato? d. maggioritaria: SI es., costruttore di appartamento per abitazione propria pdv economico impresa/mercato: binomio necessario perché, altrimenti, manca la professionalità perché non ricorrono esigenze di tutela dei terzi

48 lesercizio di lattività economica illegittima dà luogo ad unimpresa? necessità di tutela dellaffidamento dei terzi attività vietata in modo assoluto es., contrabbando attività esercitata in difetto delle necessarie autorizzazioni NO norme poste a favore dellimprenditore SI norme a tutela dei terzi

49 attività esercitata in nome proprio? pr.: imprenditore occulto A B (prestanome) C2 C3 CHI è imprenditore?

50 A B (prestanome) C1 C2 C3 mandato senza rappresentanza affidamento art cc. POTERE DI DIREZIONE

51 d1colui nel cui nome lattività viene svolta d2 imprenditore solo il prestanome responsabile anche limpr.occulto chi dirige limpresa deve assumersene il rischio d3 fallisce anche limpr.occulto Teoria dellimprenditore occulto necessità della spendita del nome

52 Teoria dellimprenditore occulto art.147 c.2, l. fall. fallimento soci ill. resp assieme alla società anche senza spendita del nome G fallimento della società occulta fallimento del soggetto – imprenditore individuale- occulto

53 A B (prestanome) C1 C2 C3 affidamento C4 C5 C6 affidamento danno dei creditori personali del dominus che non potevano conoscere lesistenza dellattività economica tramite prestanome tutela dei creditori del prestanome oltre allaffidamento

54 SI fallimento di socio occulto di società occulta NO fallimento dellimpr. occulto

55 LEGGE 10 ottobre 1990, n. 287 Norme per la tutela della concorrenza e del mercato TITOLO I NORME SULLE INTESE, SULL'ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE E SULLE OPERAZIONI DI CONCENTRAZIONE

56 Art. 2. Intese restrittive della libertà di concorrenza 1. Sono considerati intese gli accordi e/o le pratiche concordate tra imprese nonché le deliberazioni, anche se adottate ai sensi di disposizioni statutarie o regolamentari, di consorzi, associazioni di imprese ed altri organismi similari. 2. Sono vietate le intese tra imprese che abbiano per oggetto o per effetto di impedire, restringere o falsare in maniera consistente il gioco della Concorrenza all'interno del mercato nazionale o in una sua parte rilevante, anche attraverso attività consistenti nel:

57 a)fissare direttamente o indirettamente i prezzi d'acquisto o di vendita b)ovvero altre condizioni contrattuali; b) impedire o limitare la produzione, gli sbocchi o gli accessi al mercato, gli investimenti, lo sviluppo tecnico o il progresso tecnologico; c) ripartire i mercati o le fonti di approvvigionamento; d) applicare, nei rapporti commerciali con altri contraenti, condizioni oggettivamente diverse per prestazioni equivalenti, così da determinare per essi ingiustificati svantaggi nella concorrenza; e) subordinare la conclusione di contratti all'accettazione da parte degli altri contraenti di prestazioni supplementari che, per loro natura o secondo gli usi commerciali, non abbiano alcun rapporto con l'oggetto dei contratti stessi. 3. Le intese vietate sono nulle ad ogni effetto.

58


Scaricare ppt "Articolo 3 Rapporto fra gli articoli 81 e 82 e le legislazioni nazionali in materia di concorrenza 1. Quando le autorità garanti della concorrenza degli."

Presentazioni simili


Annunci Google