La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Transfert e controtransfert Teoria e tecnica del colloquio clinico e Laboratorio Prof. Daniela Cantone a.a. 2012/2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Transfert e controtransfert Teoria e tecnica del colloquio clinico e Laboratorio Prof. Daniela Cantone a.a. 2012/2013."— Transcript della presentazione:

1 Transfert e controtransfert Teoria e tecnica del colloquio clinico e Laboratorio Prof. Daniela Cantone a.a. 2012/2013

2 Transfert Consiste nellattualizzazione, operata dal cliente/utente o paziente durante il colloquio, di sentimenti, atteggiamenti e comportamenti inconsci, che corrispondono a modelli da lui elaborati nel corso dello sviluppo, in particolare nella relazione interpersonale con il proprio ambiente familiare.

3 Transfert positivo e transfert negativo Coesistono sempre, anche se vi è il predominio relativo, stabile o alternato di uno dei due. Costituiscono la parte irrazionale e inconscia del comportamento e ne rappresentano gli aspetti non controllati del paziente; L osservazione di questi fenomeni ci pone in contatto con aspetti del comportamento e della personalità dell esaminando che non rientrano fra gli elementi che egli può riferire o apportare volontariamente o consciamente, ma che aggiungono una dimensione importante alla conoscenza della struttura della sua personalità e del carattere dei suoi conflitti.

4 Nel transfert il cliente/utente o paziente attribuisce dei ruoli al clinico e si comporta in funzione di questi ruoli. In altri termini, trasferisce situazioni e modelli in una realtà presente e sconosciuta e tende a configurare questultima come una situazione già nota, ripetitiva; Con il transfert, il cliente/utente o paziente manifesta aspetti irrazionali o immaturi della propria personalità, il suo grado di dipendenza, la sua onnipotenza e il suo pensiero magico.

5 È sulla base di tali fattori che il clinico potrà intuire le aspettative dellutente/cliente o paziente nei suoi confronti, le sue fantasie sul colloquio e sullaiuto che potrebbe ricevere nonché le fantasie patologiche sulla guarigione, che molto spesso consistono nella realizzazione di aspirazioni nevrotiche; Potrà individuare anche la resistenza del soggetto a sottoporsi al colloquio, ovvero ad accettare laiuto o la cura.

6 Controtransfert Nel controtransfert sono inclusi tutti i fenomeni che si manifestano nel clinico, come emergenti del campo psicologico che si configura nel colloquio; sono le risposte del clinico alle manifestazioni dellutente/cliente o paziente, leffetto che queste esercitano su di lui; Dipendono in larga misura dalla storia personale dellesaminatore, ma il fatto che compaiano o si attualizzino in un momento determinato del colloquio significa che in quel momento vi sono dei fattori che operano in tal senso.

7 Per molto tempo sono stati considerati elementi di perturbazione del colloquio, ma ci si è resi conto, in seguito, che la loro comparsa è immancabile e inevitabile; il clinico deve registrare questi fenomeni come emergenti dalla situazione presente e dalle reazioni che provoca in lui lutente/cliente o paziente; nel colloquio dunque losservazione si accompagna allauto-osservazione.

8 Conclusioni Transfert e controtransfert sono fenomeni che compaiono in qualsiasi relazione interpersonale, e quindi anche nel colloquio. La differenza consiste nel fatto che nellambito di questultimo devono essere utilizzati come strumenti tecnici di osservazione e di comprensione.


Scaricare ppt "Transfert e controtransfert Teoria e tecnica del colloquio clinico e Laboratorio Prof. Daniela Cantone a.a. 2012/2013."

Presentazioni simili


Annunci Google