La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 O.N.L.U.S. D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 O.N.L.U.S.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 O.N.L.U.S. D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 O.N.L.U.S."— Transcript della presentazione:

1 1 O.N.L.U.S. D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 O.N.L.U.S.

2 2 SOGGETTI CHE POSSONO DIVENTARE ONLUS 1.Associazioni riconosciute e non riconosciute 2.Comitati 3.Fondazioni 4.Società cooperative 5.Altri enti di carattere privato operanti in specifici settori Costituiti con: atto pubblico, scrittura privata autenticata o registrata

3 3 SONO ESCLUSI DAL REGIME FISCALE DELLE ONLUS: 1.Enti pubblici 2.Società commerciali diverse dalle cooperative 3.Enti conferenti di cui alla L. 30/07/1990, n Partiti e movimenti politici 5.Organizzazioni sindacali 6.Associazioni dei datori di lavoro 7.Associazioni di categoria

4 4 Per assumere la qualifica di onlus gli statuti o gli atti costitutivi devono espressamente contenere specifiche clausole

5 5 SETTORI DI SVOLGIMENTO DELLATTIVITA (art. 10, comma 1, lett.a) 1.Assistenza sociale e socio-sanitaria 2.Assistenza sanitaria 3.Beneficienza 4.Istruzione 5.Formazione 6.Sport dilettantistico 7.Tutela promozione e valorizzazione delle cose di interesse storico e artistico 8.Tutela e valorizzazione dellambiente (esclusi raccolta e riciclaggio rifiuti) 9.Promozione della cultura e dellarte 10.Tutela dei diritti civili 11.Ricerca scientifica di interesse sociale svolta da fondazioni, direttamente o tramite università, enti di ricerca o altre fondazioni

6 6 RICERCA SCIENTIFICA DI PARTICOLARE INTERESSE SOCIALE Non tutta lattività di ricerca scientifica può consentire il riconoscimento della qualifica di ONLUS, ma solo quella svolta direttamente da fondazioni ovvero da esse affidata ad università, enti di ricerca ed altre fondazioni che la svolgono direttamente in ambiti e secondo modalità che sono state stabilite da norme regolamentari. D.P.R. del 20 marzo 2003, n. 135 regolamento di attuazione dellart. 10, comma 1, lett. a, n. 11 del D.Lgs. n. 460/97 che definisce gli ambiti e le modalità di svolgimento dellattività di ricerca scientifica di particolare interesse sociale.

7 7 PERSEGUIMENTO DI FINALITA DI SOLIDARIETA SOCIALE (art. 10, comma 1, lett. b) Cessioni di beni e prestazioni di servizi sono dirette ad arrecare benefici nei confronti di: persone in condizioni di svantaggio fisico, psichico, economico, sociale o familiare; componenti collettività estere limitatamente agli aiuti umanitari. Sono inclusi gli stessi soci o partecipanti solo se soggetti svantaggiati SETTORI A SOLIDARIETA IMMANENTE Si considerano in ogni caso inerenti a finalità di solidarietà sociale le attività svolte nei settori: assistenza sociale e socio-sanitaria, beneficienza, tutela e valorizzazione delle cose di interesse storico e artistico, tutela e valorizzazione della natura e dellambiente, ricerca scientifica di particolare interesse sociale, promozione della cultura e dellarte

8 8 NOZIONE DI PERSONE SVANTAGGIATE Soggetti in condizione di obiettivo disagio per situazioni psicofisiche particolarmente invalidanti, in situazioni di devianza, degrado, grave disagio economico, familiare, emarginazione sociale. Per esempio: disabili cronici, fisici e psichici; tossicodipendenti; alcolisti; indigenti; anziani non autosufficienti o in condizioni di disagio economico; minori abbandonati, orfani, disadattati o in situazioni di devianza; profughi.

9 9 DIVIETO DI SVOLGERE ATTIVITA DIVERSE DA QUELLE ISTITUZIONALI AD ECCEZIONE DI QUELLE AD ESSE DIRETTAMENTE CONNESSE (art. 10, comma 1, lett. c) Tra le attività connesse e quelle istituzionali vi deve essere un rapporto di strumentalità, le prime non devono costituire unautonoma attività ma devono svolgersi nellambito dellattività istituzionale, al fine di raccogliere i fondi necessari a finanziare le attività principali (nei limiti quantitativi dati dal Legislatore)

10 10 CONDIZIONI E LIMITI PER LESERCIZIO DELLE ATTIVITA DIRETTAMENTE CONNESSE (art. 10, comma 5) Le attività direttamente connesse non devono essere prevalenti rispetto allattività istituzionale I proventi delle attività direttamente connesse non devono superare il 66% delle spese complessive

11 11 DIVIETO DI DISTRIBUZIONE, ANCHE INDIRETTA, DI UTILI O AVANZI DI GESTIONE (art. 10, comma 1, lett. d) Cessioni o prestazioni a soci, fondatori, amministratori, organi di controllo, a coloro che fanno parte dellente o che effettuino a questo erogazioni liberali, ai loro parenti entro il terzo grado o ad affini entro il secondo, nonché a società da questi controllate o collegate, effettuate a condizioni più favorevoli in ragione della loro qualità (art. 10, comma 6, lett. a) Acquisti per corrispettivi superiori al valore normale senza valide ragioni economiche (art. 10, comma 6, lett. b) Corresponsione di emolumenti ad amministratori e sindaci superiori a determinati importi (onorario per la funzione di sindaco del dottore commercialista (art. 10, comma 6, lett. c) Corresponsione di interessi passivi in dipendenza di prestiti a soggetti diversi da banche e intermediari autorizzati, superiori di 4 punti al T.U.S. (art. 10, comma 6, lett. d) Corresponsione di salari e stipendi ai dipendenti superiori del 20% rispetto a quelli previsti dai contratti collettivi di lavoro per le medesime qualifiche (art. 10, comma 6, lett. e)

12 12 ULTERIORI PREVISIONI DA INSERIRE OBBLIGATORIAMENTE NELLO STATUTO Obbligo di reimpiego degli utili per la realizzazione delle attività istituzionali o di quelle ad esse direttamente connesse (art. 10, comma 1, lett. e) In caso di scioglimento dellorganizzazione il patrimonio va devoluto ad altra ONLUS ovvero a fini di pubblica utilità, sentito lorganismo di controllo e salvo diversa destinazione imposta dalla legge (art. 10, comma 1, lett. f) Obbligo di redazione del bilancio o rendiconto annuale (art. 10, comma 1, lett. g) Continua…

13 13 ULTERIORI PREVISIONI DA INSERIRE OBBLIGATORIAMENTE NELLO STATUTO Disciplina uniforme dei rapporti associativi (art. 10, comma 1, lett. h): 1.esclusione della temporaneità della partecipazione alla vita associativa; 2.Diritto di voto per le delibere di approvazione e modifica di statuto e regolamenti, nonché per la nomina alle cariche, per i soci o i partecipanti maggiorenni. N.B.: la presente disposizione non si applica nei confronti delle fondazioni e degli enti riconosciuti dalle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato accordi Uso obbligatorio della locuzione organizzazione non lucrativa di utilità sociale o dellacronimo ONLUS (art. 10, comma 1, lett. i)

14 14 GLI ENTI CONSIDERATI ONLUS DI DIRITTO (art. 10, comma 8) SONO CONSIDERATI IN OGNI CASO ONLUS Organismi di volontariato di cui alla L. 11 agosto 1991, n. 266, iscritti nei registri istituiti dalle Regioni e dalle Provincie autonome Organizzazioni non governative (ONG) riconosciute idonee ai sensi della L. 26 febbraio 1987, n. 49 Cooperative sociali di cui alla L. 8 novembre 1991, n. 381, iscritte nella Sezione cooperazione sociale del registro prefettizio (sostituito dallalbo delle società cooperative)

15 15 ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Alle organizzazioni di volontariato di cui alla L. 266/1991 spetta la qualifica di ONLUS di diritto a condizione che: Lorganizzazione sia iscritta negli appositi registri del volontariato di cui allart. 6 della L. 266/91 Non vengano svolte attività commerciali diverse da quelle marginali di cui al D.M. 25 maggio 1995

16 16 ONLUS PARZIARIE (art. 10, comma 9) Possono essere considerati Onlus limitatamente ad un ramo della propria attività: enti ecclesiastici delle confessioni religiose con i quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese associazioni di promozione sociale ex art. 3, comma 6, lett. e, L. 287/91, le cui finalità siano riconosciute dal Ministero dellinterno. Condizioni: La qualifica di Onlus è riconosciuta limitatamente allesercizio delle attività svolte nei settori indicati nellart. 10, comma 1, lett. a; Per tali attività deve essere tenuta la contabilità separata ex art. 20-bis, D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600; Devono essere rispettati i requisiti statutari e i vincoli imposti dallart. 10 e di comunicazione allAnagrafe delle Onlus (art. 11).

17 17 ISCRIZIONE ALLANAGRAFE DELLE ONLUS (art. 11) Per beneficiare delle agevolazioni previste dal D.Lgs. N. 460/97 è necessario che entro 30 giorni dallinizio dellesercizio dellattività venga data COMUNICAZIONE alla D.R.E. competente in base al domicilio fiscale utilizzando lapposito modello approvato con D.M. 19 gennaio 1998 al quale si deve allegare una DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (D.M. 18 luglio 2003, n. 266) attestante: 1.attività svolte; 2.possesso dei requisiti. In luogo della dichiarazione sostitutiva può essere allegata copia dello statuto e dellatto costitutivo. La documentazione va spedita con raccomandata a.r. o consegnata alla D.R. competente. Non devono inviare il modello di comunicazione: Organizzazioni di volontariato Organizzazioni non governative Cooperative sociali/loro consorzi

18 18 CONTROLLO FORMALE (D.M. 18 luglio 2003, n. 266) Comunicazione diniego La D.R. verifica: Regolarità di compilazione del modello di comunicazione; Sussistenza dei requisiti formali; Dichiarazione sostitutiva allegata e contenuti dellatto costitutivo e dello statuto. Comunicazione iscrizione Entro 40 giorni Richiesta chiarimenti da fornire entro 30 giorni e nei 20 giorni successivi Se la D.R. non invia alcuna comunicazione vige il silenzio assenso

19 19 CANCELLAZIONE DALLANAGRAFE UNICA DELLE ONLUS (art. 5, D.M. 18 luglio 2003, n. 266) Lente viene cancellato se successivamente alliscrizione viene accertato il venir meno dei requisiti. La D.R. chiede il preventivo parere allAgenzia per il Terzo Settore (parere obbligatorio ma non vincolante). La D.R. trasmette il provvedimento di cancellazione alla competente Direzione Provinciale dellAgenzia delle Entrate per lesecuzione dei controlli e lapplicazione delle sanzioni. La cancellazione conseguente allaccertamento della mancanza, fin dal momento delliscrizione, anche di un solo requisito formale, determina la decadenza delle agevolazioni fiscali fruite.

20 20 LA DETERMINAZIONE DEL REDDITO DELLE ONLUS (art. 26) Alle ONLUS si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni relative agli enti non commerciali. Le ONLUS sono soggetti passivi ai fini IRES (ex art. 73, comma 1, lett. c del TUIR) e sono agevolate ai fini delle imposte sul reddito solo relativamente al reddito dimpresa. Lart. 143 del TUIR prevede che relativamente alle ONLUS (diverse dalle società cooperative) concorrono alla formazione del reddito tutti i redditi fondiari, di capitale, dimpresa e diversi, ovunque prodotti e quale ne sia la destinazione, ad esclusione di quelli esenti o di quelli soggetti a tassazione a titolo definitivo (ritenuta a titolo dimposta) o sostitutivo.

21 21 ONLUS E IMPOSTE SUI REDDITI (art. 12) Relativamente al reddito dimpresa lart. 150 del TUIR dispone che Le attività direttamente connesse a quelle istituzionali mantengono la natura di attività commerciali ma i proventi derivanti dal loro esercizio non concorrono a formare il reddito imponibile Lesercizio di attività istituzionali da parte delle ONLUS non costituisce attività commerciale ed i relativi proventi sono del tutto esclusi da tassazione Completa irrilevanza ai fini delle imposte sul reddito e nessun obbligo di contabilità fiscale Obbligo di tenuta delle scritture contabili (art. 20-bis, DPR 600/73

22 22 ESCLUSIONE DA TASSAZIONE DI PROVENTI IN FORZA DELLA DISCIPLINA GENERALE SUGLI ENC Ex art. 143, comma 3 del TUIR rimangono fuori da ogni forma di tassazione: i fondi pervenuti a seguito di raccolte pubbliche occasionali, anche mediante offerte di beni di modico valore o di servizi ai sovventori, in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione; i contributi delle Amministrazioni Pubbliche per lo svolgimento di attività in regime di convenzione accreditamento (esenti dallapplicazione delle ritenute dimposta in via ordinaria).

23 23 IVA (art. 14) Per lIVA non operano le esclusioni e le esenzioni previste per le imposte sui redditi, ma si prevede una serie di agevolazioni e di esenzioni per singole operazioni effettuate. Le ONLUS nello svolgimento di attività istituzionali o connesse, pertanto, applicano le regole ordinarie Iva indipendentemente dalla decommercializzazione stabilita ai fini delle imposte sui redditi.

24 24 ESCLUSIONI ED ESENZIONI IN MATERIA IVA (Art. 14) D.P.R. 633/72 Art. 3, comma 3 Le prestazioni pubblicitarie volte alla promozione delle attività istituzionali non rilevano ai fini IVA solo se effettuate a titolo gratuito. Art. 10, comma 1 Sono esenti: Cessioni gratuite di beni effettuate a favore di ONLUS anche nel caso in cui limprenditore abbia operato la detrazione dimposta al momento dellacquisto (n. 12); Trasporti di malati o feriti con veicoli appositamente equipaggiati (n. 15); Prestazioni di ricovero e cura, compresa la somministrazione di medicinali, presidi sanitari e vitto (n. 19); Prestazioni educative dellinfanzia e della gioventù e quelle didattiche di ogni genere (n. 20); Prestazioni socio-sanitarie in comunità e simili ( n. 27-ter). Art. 19-ter Le ONLUS hanno diritto alla detrazione dellimposta assolta sugli acquisti a condizione che tengano la contabilità separata per lattività commerciale ai sensi dellart. 20-bis del DPR 600/73

25 25 CERTIFICAZIONE DEI CORRISPETTIVI AI FINI DELL IVA (Art. 15) Le ONLUS non sono tenute a certificare i corrispettivi mediante ricevuta o scontrino fiscale limitatamente alle operazioni riconducibili allattività istituzionale. Vi è invece lobbligo di certificazione dei corrispettivi derivanti dalle attività connesse. Rimane, tuttavia, per tutte le attività di natura commerciale lobbligo di emissione della fattura, fatta eccezione per le attività di commercio al minuto.

26 26 ALTRE AGEVOLAZIONI PREVISTE PER LE ONLUS Art. 17 Sono esenti dallimposta di bollo gli atti, documenti, istanze, contratti, ecc. posti in essere o richiesti dalle ONLUS. Art. 18 Sono esenti dalle tasse sulle CC.GG. Gli atti e i provvedimenti concernenti le ONLUS. Art. 19 Sono esenti dallimposta sulle successioni e le donazioni i trasferimenti a favore delle ONLUS. Art. 21 Comuni, provincie, regioni e provincie autonome di Trento e Bolzano possono esentare le ONLUS dal pagamento dei tributi locali e dai connessi adempimenti o disporre riduzioni.

27 27 ALTRE AGEVOLAZIONI PREVISTE PER LE ONLUS Art. 22 Applicazione dellimposta fissa di registro per i trasferimenti a titolo oneroso della proprietà di beni immobili e degli atti traslativi o costitutivi di diritti reali immobiliari di godimento (dichiarazione nellatto ed effettivo utilizzo diretto entro 2 anni); applicazione dellimposta fissa di registro per atti costitutivi e modifiche statutarie. Art. 23 Non è dovuta imposta sugli intrattenimenti svolti occasionalmente dalle ONLUS in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione, previa comunicazione all ufficio SIAE competente.

28 28 GLI OBBLIGHI CONTABILI DELLE ONLUS (art. 25) In relazione allattività complessivamente svolta : redigere scritture contabili cronologiche e sistematiche atte ad esprimere compiutamente e analiticamente le operazioni poste in essere in ogni periodo di gestione; redigere, entro 4 mesi dalla chiusura dellesercizio, la situazione patrimoniale, economica e finanziaria dellorganizzazione, distinguendo le attività direttamente connesse da quelle istituzionali. Occorre conservare documenti e scritture ai sensi dellart. 22, DPR 600/73. I presenti obblighi si considerano assolti se vengono tenuti il libro giornale e il libro degli inventari in conformità alle disposizioni degli artt e 2217 c.c.

29 29 GLI OBBLIGHI CONTABILI DELLE ONLUS (art. 25) In relazione alle attività direttamente connesse: Devono essere tenute le scritture contabili previste dagli artt. 14, 15, 16, e 18 del DPR 600/73. Sono previsti adempimenti contabili semplificati per le ONLUS che conseguono un ammontare di ricavi o di proventi inferiori a determinati limiti. Se i proventi superano per due anni consecutivi lammontare di due miliardi di lire il bilancio deve essere accompagnato da una relazione sottoscritta da uno o più revisori iscritti nel registro dei revisori contabili.

30 30 ADEMPIMENTI CONTABILI SEMPLIFICATI PER LE ONLUS (art. 25) Le ONLUS che hanno conseguito annualmente per attività istituzionali e direttamente connesse ricavi fino a lire (euro ,71) per servizi e lire (euro ,84) per altre attività possono applicare le seguenti disposizioni: annotazione mensile delle operazioni entro il giorno 15 del mese successivo nei registri IVA o nel prospetto di cui al D.M. 11 febbraio 1997; annotazione degli acquisti entro il termine previsto per le liquidazioni IVA trimestrali sul registro acquisti o sullapposito prospetto.

31 31 ADEMPIMENTI CONTABILI SEMPLIFICATI PER LE ONLUS (art. 25) Le ONLUS che nel periodo dimposta hanno conseguito, per attività istituzionali e direttamente connesse, proventi per ammontare non superiore a lire (euro ,69), nellanno successivo al posto delle scritture contabili cronologiche e sistematiche, nonché della situazione patrimoniale economico finanziaria, possono tenere il rendiconto delle entrate e delle spese complessive nei modi e nei termini di cui allart. 20 del DPR 600/73 La presente disposizione si applica anche alle organizzazioni di volontariato ed alle ONG a prescindere dallammontare dei proventi conseguiti (art. 20-bis, comma 4 del DPR 600/73) Restano fermi gli obblighi contabili per le attività direttamente connesse e per l IVA


Scaricare ppt "1 O.N.L.U.S. D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 O.N.L.U.S."

Presentazioni simili


Annunci Google