La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 IL RUOLO DELLINFERMIERE NELLA GESTIONE DEL DOLORE ONCOLOGICO LUCIA FARINA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 IL RUOLO DELLINFERMIERE NELLA GESTIONE DEL DOLORE ONCOLOGICO LUCIA FARINA."— Transcript della presentazione:

1 1 IL RUOLO DELLINFERMIERE NELLA GESTIONE DEL DOLORE ONCOLOGICO LUCIA FARINA

2 2 CAMBIAMENTI: Di tipo legislativo Di tipo legislativo Di tipo formativo Di tipo formativo Nellambito dellautoregolamentazione professionale Nellambito dellautoregolamentazione professionale

3 3 CAMBIAMENTI: Di tipo legislativo : Legge 26 febbraio 1999, n. 42, disposizioni in materia di professioni sanitarie art.1 definizione delle professioni sanitarie Di tipo legislativo : Legge 26 febbraio 1999, n. 42, disposizioni in materia di professioni sanitarie art.1 definizione delle professioni sanitarie Professione sanitaria ausiliaria Professione Sanitaria

4 4CAMBIAMENTI: Di tipo legislativo: Legge 26 febbraio 1999, n. 42 Di tipo legislativo: Legge 26 febbraio 1999, n Il campo proprio di attività e di responsabilità 2. Il campo proprio di attività e di responsabilità è determinato dai contenuti dei D.M. istitutivi è determinato dai contenuti dei D.M. istitutivi * a) dei relativi profili professionali, * a) dei relativi profili professionali, * b) degli ordinamenti didattici dei rispettivi corsi di diploma universitario e di formazione post-base, * b) degli ordinamenti didattici dei rispettivi corsi di diploma universitario e di formazione post-base, * c) degli specifici codici deontologici * c) degli specifici codici deontologici

5 5CAMBIAMENTI: Il codice deontologico Art.4, punto 15 : linfermiere assiste la persona, qualunque sia la sua condizione clinica e fino al termine della vita riconoscendo limportanza del conforto ambientale, fisico, psicologico, relazionale, spirituale. Linfermiere tutela il diritto a porre dei limiti ad accessi diagnostici e terapeutici non coerenti con la concezione di qualità della vita dellassistito. Art.4, punto 15 : linfermiere assiste la persona, qualunque sia la sua condizione clinica e fino al termine della vita riconoscendo limportanza del conforto ambientale, fisico, psicologico, relazionale, spirituale. Linfermiere tutela il diritto a porre dei limiti ad accessi diagnostici e terapeutici non coerenti con la concezione di qualità della vita dellassistito.

6 6CAMBIAMENTI: Legge 251/2000 Art. 1 comma 1 Legge 251/2000 Art. 1 comma 1 Gli operatori delle professioni sanitarie dellarea delle scienze infermieristiche e della professione sanitaria ostetrica svolgono con autonomia professionale attività dirette alla prevenzione, alla cura e salvaguardia della salute individuale e collettiva, espletando le funzioni individuate dalle norme istitutive dei relativi profili professionali nonché dagli specifici codici deontologici ed utilizzando metodologie di pianificazione per obiettivi dellassistenza

7 7 Cambiamenti Legge 251/2000 art 1 comma 2 Legge 251/2000 art 1 comma 2 Lo Stato e le Regioni promuovono …… …la valorizzazione e la responsabilizzazione delle funzioni e del ruolo delle professioni infermieristiche- ostetriche al fine di contribuire alla realizzazione del diritto alla salute, al processo di aziendalizzazione nel SSN, all'integrazione dellorganizzazione del lavoro della sanità in Italia con quella degli altri Stati della Unione Europea

8 8Cambiamenti Legge 251/2000 art 1 comma 3 Legge 251/2000 art 1 comma 3 Il Ministero della Sanità, previo parere della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, Regioni e Province Autonome di Trento………, emana linee guida per : a)Attribuzione….. Diretta responsabilità e gestione delle attività di assistenza infermieristica e delle connesse funzioni b)La revisione dellorganizzazione del lavoro, incentivando modelli di assistenza personalizzata

9 9Cambiamenti Legge 251/2000 art 1 comma 3 Legge 251/2000 art 1 comma 3 Il Governo, con atto regolamentare………..definisce la disciplina concorsuale, riservata al personale in possesso degli specifici diplomi rilasciati al termine di corsi universitari di cui allart. 5, comma 1, per laccesso ad una nuova qualifica unica di dirigente del ruolo sanitario, alla quale si accede con requisiti analoghi a quelli richiesti per laccesso alla Dirigenza del Servizio Sanitario Nazionale di cui allart. 26 del Dlgs 3 febbraio 1993, n° 29. Le Regioni possono istituire la nuova qualifica nellambito del proprio bilancio, operando…

10 10 Definizione del dolore secondo lOMS esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole, associata ad un danno tissutale potenziale o reale, o descritta in relazione a tale danno

11 11 Classificazione secondo i modelli concettuali del Nursing Scuola dei Bisogni Helen Yura e Mary B. Walsh : dolore come carattere di un particolare problema di salute e non come entità diagnostica autonoma, come modalità invece che come variabile. Non si può quindi considerare la fisiopatologia del dolore come sintomo, in quanto finalizzato ad avvertire lindividuo dellesistenza o della possibilità di un danno tissutale, ma come malattia che limita la capacità della persona nelle sue attività di vita e la rende incapace di soddisfare in piena autonomia i suoi bisogni.

12 12 Linfermiere lenisce il dolore – evento totale – delluomo attraverso la personalizzazione dellassistenza ovvero rispondendo alla globalità della persona nelle dimensioni oggettive e soggettive del bisogno…..forma più elementare del dolore delluomo…. Linfermiere lenisce il dolore – evento totale – delluomo attraverso la personalizzazione dellassistenza ovvero rispondendo alla globalità della persona nelle dimensioni oggettive e soggettive del bisogno…..forma più elementare del dolore delluomo….

13 13 In questa prospettiva, quanto più il bisogno è elementare, fisiologico, fondamentale per la sopravvivenza dellindividuo, tanto più si ricopre di carica simbolica in quanto espressione dellangoscia evocata dalla precarietà e dalla mancanza di cui ne è il più elementare segno. Il bisogno, infatti, è una ripetuta, quotidiana, ciclica, insopprimibile esperienza soggettiva della propria limitatezza. Manara D.F., In questa prospettiva, quanto più il bisogno è elementare, fisiologico, fondamentale per la sopravvivenza dellindividuo, tanto più si ricopre di carica simbolica in quanto espressione dellangoscia evocata dalla precarietà e dalla mancanza di cui ne è il più elementare segno. Il bisogno, infatti, è una ripetuta, quotidiana, ciclica, insopprimibile esperienza soggettiva della propria limitatezza. Manara D.F.,

14 14 Dorothea Orem : definisce il dolore come INTERFERENZA nei processi di auto-cura Orem D., Concetti di pratica professionale,

15 15 North American Nursing Diagnosis Association (NANDA). il processo diagnostico condotto dalléquipe infermieristica si applichi non tanto allidentificazione del dolore in sé, quanto alle modalità reattive attuate dalla persona nei confronti di esso North American Nursing Diagnosis Association (NANDA). il processo diagnostico condotto dalléquipe infermieristica si applichi non tanto allidentificazione del dolore in sé, quanto alle modalità reattive attuate dalla persona nei confronti di esso

16 16 L anamnesi algologica infermieristica deve pertanto andare oltre il dolore oggettivo per arrivare alla valutazione di quello che la persona comunica : il dolore è una esperienza privata e soggettiva Scale e strumenti di misurazione quantitativi non sono sufficienti in un processo diagnostico infermieristico; è indispensabile la comprensione dialogica : personalità, cultura,stile di vita, sentimenti, spiritualità dolore provato dal paziente, paziente che prova il dolore.

17 17 Il dolore cronico presente nelle malattie degenerative, neurologiche, oncologiche, specie nelle fasi avanzate e terminali di malattia, assume caratteristiche di dolore GLOBALE, ovvero di sofferenza personale che, trova nella propria etiopatogenesi, oltre che motivazioni fisiche, anche cause psicologiche e sociali (OMS)

18 18 SCALE DI VALUTAZIONE scale di intensità, suddivise a loro volta in: - scale analogiche visive (VAS) - scale numeriche (NRS) - scale verbali (VRS).

19 19 SCALE DI VALUTAZIONE scale di sollievo: Confrontando il livello attuale del dolore con quello basale e esprimendone la riduzione percentuale. questionari multidimensionali: Sono strumenti articolati che tentano di identificare e quantificare le varie dimensioni del dolore. Diario del dolore : registrazione personale di percezione del dolore anche in relazione ad attività di vita quotidiane Mappe del dolore: su un diagramma rappresentante una figura umana il paziente riporta sede ed irradiazione del dolore che prova

20 20 SCALE DI VALUTAZIONE La misurazione del dolore va inserita in un contesto in cui siano presenti: 1) fiducia nellattendibilità del paziente nel riportare lintensità e le caratteristiche del proprio dolore; 2) Empatia per valutare la condizione psicologica del paziente; 3) accurata indagine anamnestica ed approfondito esame obiettivo; 4) richiesta delle indagini strumentali considerate appropriate; 5) impostazione del piano terapeutico antalgico; 6) Monitoraggio continuo del dolore.

21 21 La rilevazione dellintensità del dolore, nella maggior parte dei casi, è effettuata nei soli turni diurni e purtroppo, per lattribuzione di un punteggio, risulta essere inadeguata ed insufficiente. La correlazione tra intensità del dolore e tempo di rilevazione è infatti importante soprattutto se si pensa che le ore notturne sono quelle più drammatiche per la persona malata : assenza di situazioni distraenti, silenzio, pensieri, solitudine, angoscia, paura …………………………………………………………….

22 22 SCHEDA DI RILEVAZIONE DEL DOLORE A.O.R.N.MONALDI REPARTO______________ DATA Cognome e nome__________________________M___F__________Età_______ Rilevazione intensità dolore Ore__14.00_____17.00_____20.00_____23.00_____02.00_____05.00_____08.00 SCALA DOLORE 0 = nessun dolore 1 = nessun dolore a riposo, dolore lieve al movimento 2 = dolore lieve a riposo e/o forte al movimento 3 = dolore forte a riposo e/o insopportabile al movimento 4 = dolore insopportabile a riposo

23 23 SCHEDA DI RILEVAZIONE DEL DOLORE A.O.R.N.MONALDI REPARTO______________ DATA Cognome e nome_________________________________M___F__________Età_______ Rilevazione intensità dolore Valuti il suo dolore facendo un cerchio intorno al numero che meglio descrive lintensità del suo dolore peggiore nelle ultime 24 ore Nessun Il più forte dolore doloreche possa immaginare

24 24 SCHEDA DI RILEVAZIONE DEL DOLORE A.O.R.N.MONALDI REPARTO______________ DATA Cognome e nome_________________________M___F__________Età_______ Valuti il suo dolore facendo un cerchio intorno al numero che meglio descrive lintensità del suo dolore più lieve nelle ultime 24h NessunIl dolore più forte dolore che possa immaginare Valuti il suo dolore facendo un cerchio intorno al numero che meglio descrive lintensità del suo dolore in media nelle ultime 24h Nessun il dolore più forte dolore che possa immaginare

25 25 PAIN MANAGEMENT INFERMIERISTICO somministrazione di farmaci, tecniche di rilassamento e controllo (training autogeno, biofeedback, distrazione, che riduce la percezione del dolore motivando linteresse verso altri stimoli (visivo, uditivo - musicoterapia -, stimolazione cutanea (massaggio, applicazioni fredde e calde, ecc.). presenza, ascolto e contatto fisico Il trattamento infermieristico del dolore

26 26 7^ Domanda (questionario erogato nel 2001) Qualcosa le fa migliorare il dolore? 48 si 26 no se si, che cosa? 38 terapia 3 parlare con qualcuno 7 tranquillità I pazienti ritengono indispensabile il trattamento terapeutico; laspettativa di molti ( 48) è la completa liberazione dal dolore o almeno la sua riduzione ( 26). Dice Cicely Saunders Il dolore stesso è il più forte antagonista al successo dellanalgesia e se gli si permette di diventare grave il paziente lo aumenterà con la sua stessa tensione e paura IL PUNTO DI VISTA DEL PAZIENTE

27 27 Strategia terapeutica La strategia terapeutica proposta dallOMS per il trattamento del Dolore Cronico Oncologico deve porsi alcuni obiettivi sequenziali che possono essere schematizzati come segue: aumento delle ore di sonno libere da dolore; riduzione del dolore a riposo; riduzione del dolore in posizione eretta o al movimento.

28 28 APPROCCIO FARMACOLOGICO Secondo le indicazioni dell'OMS il dolore oncologico deve essere affrontato mediante l'impiego sequenziale di tre categorie di farmaci subentranti l'una all'altra, secondo una progressione a gradini. FANS Oppioidi minori Oppioidi maggiori

29 29 1.Alla comparsa del dolore vanno somministrati i FANS che possono essere associati eventualmente e secondo i casi ai cosiddetti "farmaci adiuvanti". 2.Quando i FANS non sono più sufficienti a controllare il dolore si introducono gli oppioidi minori, che possono essere associati agli stessi FANS e/o agli adiuvanti. 3.Quando, in una successiva fase, gli oppioidi minori non sono più sufficienti si utilizzano gli oppioidi maggiori associati o no ai FANS e/o agli adiuvanti.

30 30 In generale una dose analgesica per essere giudicata efficace deve permettere il controllo del dolore per almeno 4 ore. La terapia del dolore da cancro deve avere come obiettivo non solo l'abolizione del sintomo ma anche la perdita del ricordo del dolore. La via orale (o la sublinguale) deve essere quella di elezione per l'indipendenza consentita al paziente che è autonomo nella assunzione della terapia. La scelta della via di somministrazione dovrebbe essere lasciata al paziente stesso

31 31 I farmaci L'analgesico 'ideale' dovrebbe possedere le seguenti caratteristiche: efficacia lunga durata d'azione rapida insorgenza dell'azione analgesica facilità di somministrazione maneggevolezza e ridotta quantità di effetti collaterali buon rapporto costo/beneficio

32 32 Il sollievo dal dolore mediante farmaci analgesici può essere conseguito intervenendo a diversi livelli del sistema nocicettivo: con gli analgesici ad azione periferica si previene la sensibilizzazione dei recettori del dolore, con gli analgesici ad azione centrale si determina la scomparsa o la riduzione del dolore interferendo con i recettori per gli oppioidi del SNC, con gli psicofarmaci si interviene centralmente sull'esperienza dolore procurando un 'disinteresse' del paziente dal sintomo.

33 33 La legge 42 / 1999 è punto di riferimento in sede di giudizio DM 739/94 è responsabile dellassistenza infermieristica generale …………………………… RESPONSABILITA PROFESSIONALE

34 34 Saper cogliere ciò che gli altri provano anche senza che ce lo esprimano esplicitamente Saper cogliere ciò che gli altri provano anche senza che ce lo esprimano esplicitamente Riconoscere le emozioni e gestirle. Accompagnare la Persona nel superamento dell angoscia

35 35 OBBIETTIVI SPECIFICI Informazione del paziente Creare un rapporto di fiducia Riduzione o contenimento dellansia

36 36 Competenza/responsabilità nellattività relazionale Il Nursing è una scienza umanistica pertanto non solo risponde ai bisogni fisici, o di procedure diagnostiche e somministrazioni terapeutiche, ma cerca luomo e si prende cura della sua umanità sostenendolo in momenti di particolare fragilità e sofferenza ed aiutandolo nellaffrontare il percorso di cura. Il Nursing è una scienza umanistica pertanto non solo risponde ai bisogni fisici, o di procedure diagnostiche e somministrazioni terapeutiche, ma cerca luomo e si prende cura della sua umanità sostenendolo in momenti di particolare fragilità e sofferenza ed aiutandolo nellaffrontare il percorso di cura.

37 37 CONOSCERE IL PAZIENTE Caratteristiche del pz: cultura, condizioni familiari, stato psichico Capacità di comunicazione del professionista APPROCCIO PROFESSIONALE CENTRATO SULLA PERSONA E FOCALIZZATO SULLA SUA SALUTE E BENESSERE

38 38 EVITARE DI: Cambiare argomento Essere moralista Assumere ruolo di salvatore Dare false rassicurazioni

39 39 VANTAGGI: Maggior controllo del dolore Maggior controllo del dolore Pazienti meno passivi, più autonomi e collaboranti Pazienti meno passivi, più autonomi e collaboranti

40 40 RISPOSTA PERSONALIZZATA AI BISOGNI DELLA PERSONA MALATA

41 41 Non è sufficiente lasciare alla sensibilità dei singoli operatori la scelta di adottare sistemi diversi più o meno efficaci di comunicazione…

42 42 …… la comunicazione è un processo di interazione tra le diverse persone che stanno comunicando i dati …. non sono soltanto le parole, le loro configurazioni e i loro significati …. ma anche i fatti non verbali, il linguaggio del corpo, il comportamento e quei segni di comunicazione inerenti al contesto in cui ha luogo la comunicazione. È evidente dunque che, in questa prospettiva, tutto il comportamento, e non soltanto il discorso, è comunicazione, e la stessa – compresi i segni del contesto interpersonale- influenza il comportamento ((Watziawick, Beavin e Jackson).

43 43 l uso terapeutico del s é consiste nell abilit à di usare la propria personalit à con coscienza e con completa consapevolezza, al fine di costruire una relazione e determinare l intervento infermieristico ……… …..richiede intuito, comprensione del s é e delle dinamiche del comportamento umano, capacit à di interpretare il proprio comportamento e quello degli altri, nonch é di intervenire in modo efficace ….. ( Joice Travelbee).

44 44 alle volte mi sembra che una epidemia pestilenziale abbia colpito lumanità nella facoltà che più la caratterizza, cioè luso della parola, una peste del linguaggio che si manifesta come perdita di forza conoscitiva e di immediatezza, come automatismo che tende a livellare lespressione sulle formule più generiche, anonime, astratte, a diluire i significati, a smussare le punte espressive, a spegnere ogni scintilla che sprizzi dallo scontro delle parole con nuove circostanze. Italo Calvino

45 45 Un accurato ascolto, unattenta osservazione del linguaggio, ma prima di tutto un atteggiamento empatico, sono essenziali per raggiungere una relazione funzionale in cui operatore e paziente occupano uno spazio paritario. Ascolto empatico vuol dire ascolto di sentimenti, pensieri …in un atteggiamento di profondo rispetto, che non prevede solo suggerimenti, rassicurazioni, pseudoconsolazioni, ma la creazione di unalleanza nel rispetto del doppio OK ( io sono OK – tu sei OK )

46 46 Una comunicazione corretta, libera da distorsioni, potenzia il significato del messaggio e la possibilità di assistere: aiutare la persona ad usare le sue capacità cognitive per favorire la sua autonomia, a ricordare e a capire completamente ciò che gli sta accadendo nellattuale situazione, cosicché lesperienza si possa integrare piuttosto che dissociare dalle altre esperienze di vita (Peplau).

47 47


Scaricare ppt "1 IL RUOLO DELLINFERMIERE NELLA GESTIONE DEL DOLORE ONCOLOGICO LUCIA FARINA."

Presentazioni simili


Annunci Google