La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il processo tributario Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2007/2008 corso di diritto tributario prof. Giuseppe Zizzo lezione 15. 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il processo tributario Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2007/2008 corso di diritto tributario prof. Giuseppe Zizzo lezione 15. 1."— Transcript della presentazione:

1 Il processo tributario Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2007/2008 corso di diritto tributario prof. Giuseppe Zizzo lezione 15. 1

2 oggetto della lezione gli organi del processo tributario gli organi del processo tributario gli atti impugnabili gli atti impugnabili il ricorso il ricorso il giudizio di primo grado il giudizio di primo grado il giudizio di secondo grado il giudizio di secondo grado il giudizio di cassazione il giudizio di cassazione 2

3 gli organi del processo tributario sono organi del processo tributario: sono organi del processo tributario: le Commissioni tributarie provinciali (giudici speciali); le Commissioni tributarie provinciali (giudici speciali); le Commissioni tributarie regionali (giudici speciali); le Commissioni tributarie regionali (giudici speciali); la Corte di Cassazione, presso la quale è istituita unapposita sezione tributaria (giudice ordinario) la Corte di Cassazione, presso la quale è istituita unapposita sezione tributaria (giudice ordinario) 3

4 gli organi del processo tributario sono attribuite alle commissioni tributarie tutte le controversie in materia di tributi, di ogni genere e specie e comunque denominati, ad eccezione di quelle riguardanti gli atti dellesecuzione forzata tributaria successivi alla notifica della cartella di pagamento (art.2 d.lgs. 546/1992) sono attribuite alle commissioni tributarie tutte le controversie in materia di tributi, di ogni genere e specie e comunque denominati, ad eccezione di quelle riguardanti gli atti dellesecuzione forzata tributaria successivi alla notifica della cartella di pagamento (art.2 d.lgs. 546/1992) 4

5 gli organi del processo tributario la competenza territoriale delle commissioni provinciali è determinata sulla base della sede dellufficio che ha emesso latto impugnato (art.4, c.1) la competenza territoriale delle commissioni provinciali è determinata sulla base della sede dellufficio che ha emesso latto impugnato (art.4, c.1) la competenza territoriale delle commissioni regionali è determinata sulla base della sede della commissione provinciale che ha emesso la sentenza impugnata (art.4, c.2) la competenza territoriale delle commissioni regionali è determinata sulla base della sede della commissione provinciale che ha emesso la sentenza impugnata (art.4, c.2) 5

6 gli atti impugnabili sono impugnabili (art.19): sono impugnabili (art.19): lavviso di accertamento; lavviso di liquidazione; lavviso di irrogazione di sanzioni; il ruolo e la cartella di pagamento; lavviso di mora; liscrizione di ipoteca su immobili e il fermo di beni mobili registrati per lesecuzione di crediti tributari; gli atti relativi alle operazioni catastali; il rifiuto espresso o tacito di restituzione dei tributi; il diniego o la revoca di agevolazioni o il rigetto di domande di condono; lavviso di accertamento; lavviso di liquidazione; lavviso di irrogazione di sanzioni; il ruolo e la cartella di pagamento; lavviso di mora; liscrizione di ipoteca su immobili e il fermo di beni mobili registrati per lesecuzione di crediti tributari; gli atti relativi alle operazioni catastali; il rifiuto espresso o tacito di restituzione dei tributi; il diniego o la revoca di agevolazioni o il rigetto di domande di condono; ogni altro atto per il quale sia prevista lautonoma impugnabilità ogni altro atto per il quale sia prevista lautonoma impugnabilità 6

7 il ricorso deve contenere (art.18, c.2) lindicazione: deve contenere (art.18, c.2) lindicazione: della Commissione adita; della Commissione adita; del ricorrente e del suo legale rappresentante; del ricorrente e del suo legale rappresentante; dellufficio contro cui si ricorre (lufficio che ha emesso latto impugnato è la controparte ai sensi dellart.10); dellufficio contro cui si ricorre (lufficio che ha emesso latto impugnato è la controparte ai sensi dellart.10); dellatto impugnato e delloggetto della domanda; dellatto impugnato e delloggetto della domanda; dei motivi dei motivi 7

8 il ricorso deve essere sottoscritto dal ricorrente, se questi sta in giudizio senza il difensore tecnico, altrimenti dal difensore (art.18, c.3) deve essere sottoscritto dal ricorrente, se questi sta in giudizio senza il difensore tecnico, altrimenti dal difensore (art.18, c.3) il difensore abilitato è necessario nelle controversie di valore superiore ai 5 milioni (art.12) il difensore abilitato è necessario nelle controversie di valore superiore ai 5 milioni (art.12) lincarico al difensore è conferito con atto pubblico o con scrittura privata autenticata o anche in calce o a margine di un atto del processo con sottoscrizione autenticata dallo stesso difensore lincarico al difensore è conferito con atto pubblico o con scrittura privata autenticata o anche in calce o a margine di un atto del processo con sottoscrizione autenticata dallo stesso difensore 8

9 il ricorso il ricorso è proposto mediante notifica alla controparte (art.20) il ricorso è proposto mediante notifica alla controparte (art.20) la notifica deve avvenire entro 60 gg. dalla notifica dellatto impugnato (art.21, c.1) la notifica deve avvenire entro 60 gg. dalla notifica dellatto impugnato (art.21, c.1) nel caso di rifiuto tacito sullistanza di rimborso la notifica del ricorso deve avvenire dopo 90 giorni dalla presentazione dellistanza ed entro il termine di prescrizione del diritto alla restituzione (art.21, c.2) nel caso di rifiuto tacito sullistanza di rimborso la notifica del ricorso deve avvenire dopo 90 giorni dalla presentazione dellistanza ed entro il termine di prescrizione del diritto alla restituzione (art.21, c.2) 9

10 il ricorso e lesecuzione dellatto impugnato con il ricorso (o con atto separato) è possibile chiedere, con istanza motivata, la sospensione dellesecuzione dellatto impugnato, se dallesecuzione dello stesso può derivare un danno grave ed irreparabile (art.47) con il ricorso (o con atto separato) è possibile chiedere, con istanza motivata, la sospensione dellesecuzione dellatto impugnato, se dallesecuzione dello stesso può derivare un danno grave ed irreparabile (art.47) 10

11 il ricorso e lesecuzione dellatto impugnato con la proposizione del ricorso, di per sé: con la proposizione del ricorso, di per sé: le imposte indicate negli atti di accertamento impugnati sono riscuotibili per la metà del loro ammontare; le imposte indicate negli atti di accertamento impugnati sono riscuotibili per la metà del loro ammontare; le sanzioni indicate negli atti di accertamento o di irrogazione di sanzioni impugnati non sono riscuotibili; le sanzioni indicate negli atti di accertamento o di irrogazione di sanzioni impugnati non sono riscuotibili; le imposte e le sanzioni indicate negli atti della riscossione impugnati sono riscuotibili per intero le imposte e le sanzioni indicate negli atti della riscossione impugnati sono riscuotibili per intero 11

12 il giudizio di primo grado il ricorrente si costituisce in giudizio depositando nella segreteria della commissione adita, entro 30 giorni dalla sua notifica, loriginale (o la copia del ricorso a seconda della forma della notifica) con il fascicolo di parte, contenente loriginale o la copia dellatto impugnato e la documentazione che si produce (art.22) il ricorrente si costituisce in giudizio depositando nella segreteria della commissione adita, entro 30 giorni dalla sua notifica, loriginale (o la copia del ricorso a seconda della forma della notifica) con il fascicolo di parte, contenente loriginale o la copia dellatto impugnato e la documentazione che si produce (art.22) 12

13 il giudizio di primo grado lufficio si costituisce in giudizio depositando nella segreteria della commissione adita entro 60 giorni dalla notifica del ricorso il proprio fascicolo contenente le controdeduzioni (con una copia per il ricorrente) e i documenti che si producono (art.23) lufficio si costituisce in giudizio depositando nella segreteria della commissione adita entro 60 giorni dalla notifica del ricorso il proprio fascicolo contenente le controdeduzioni (con una copia per il ricorrente) e i documenti che si producono (art.23) 13

14 il giudizio di primo grado la segreteria iscrive il ricorso nel registro generale (art.25) la segreteria iscrive il ricorso nel registro generale (art.25) il presidente della commissione assegna il ricorso ad una delle sezioni (art.26) il presidente della commissione assegna il ricorso ad una delle sezioni (art.26) il presidente della sezione esamina il ricorso e ne dichiara linammissibilità nei casi previsti, altrimenti fissa la data per la trattazione della controversia (art.27) il presidente della sezione esamina il ricorso e ne dichiara linammissibilità nei casi previsti, altrimenti fissa la data per la trattazione della controversia (art.27) 14

15 il giudizio di primo grado se è stata presentata istanza di sospensione il presidente della sezione fissa la trattazione dellistanza per la prima camera di consiglio utile dandone comunicazione alle parti almeno 10 giorni liberi prima (art.47, c.2) se è stata presentata istanza di sospensione il presidente della sezione fissa la trattazione dellistanza per la prima camera di consiglio utile dandone comunicazione alle parti almeno 10 giorni liberi prima (art.47, c.2) il collegio, sentite le parti in camera di consiglio e delibato il merito, decide sullistanza con ordinanza motivata non impugnabile (art.47, c.4) il collegio, sentite le parti in camera di consiglio e delibato il merito, decide sullistanza con ordinanza motivata non impugnabile (art.47, c.4) 15

16 il giudizio di primo grado la segreteria comunica alle parti costituite la data della trattazione del merito della controversia almeno 30 giorni liberi prima (art.31) la segreteria comunica alle parti costituite la data della trattazione del merito della controversia almeno 30 giorni liberi prima (art.31) fino a 20 giorni liberi prima della suddetta data le parti possono depositare documenti (art.32, c.1) fino a 20 giorni liberi prima della suddetta data le parti possono depositare documenti (art.32, c.1) fino a 10 giorni liberi prima possono depositare memorie illustrative con le copie per le altre parti (art.32, c.2) fino a 10 giorni liberi prima possono depositare memorie illustrative con le copie per le altre parti (art.32, c.2) 16

17 il giudizio di primo grado la trattazione avviene in camera di consiglio, a meno che una delle parti non chieda la discussione in pubblica udienza con istanza da depositare in segreteria e notificare alla controparte fino a dieci giorni liberi prima della predetta data (art.33, c.1) la trattazione avviene in camera di consiglio, a meno che una delle parti non chieda la discussione in pubblica udienza con istanza da depositare in segreteria e notificare alla controparte fino a dieci giorni liberi prima della predetta data (art.33, c.1) se la trattazione avviene in camera di consiglio, fino a 5 giorni prima le parti possono depositare brevi repliche con le copie per le altre parti (art.32, c.3) se la trattazione avviene in camera di consiglio, fino a 5 giorni prima le parti possono depositare brevi repliche con le copie per le altre parti (art.32, c.3) 17

18 il giudizio di primo grado in camera di consiglio il relatore espone al collegio i fatti e le questioni della controversia (art.33, c.2) in camera di consiglio il relatore espone al collegio i fatti e le questioni della controversia (art.33, c.2) alludienza pubblica il relatore espone al collegio i fatti e le questioni della controversia e quindi il presidente ammette le parti presenti alla discussione (art.34, c.1) alludienza pubblica il relatore espone al collegio i fatti e le questioni della controversia e quindi il presidente ammette le parti presenti alla discussione (art.34, c.1) 18

19 il giudizio di primo grado successivamente il collegio, se non adotta un provvedimento istruttorio, delibera la decisione in camera di consiglio (art.35) successivamente il collegio, se non adotta un provvedimento istruttorio, delibera la decisione in camera di consiglio (art.35) alle commissioni sono attribuiti gli stessi poteri istruttori riconosciuti agli uffici, i quali possono essere esercitati (direttamente o tramite organi tecnici dellAmministrazione dello Stato) nei limiti dei fatti dedotti dalle parti (art.7) alle commissioni sono attribuiti gli stessi poteri istruttori riconosciuti agli uffici, i quali possono essere esercitati (direttamente o tramite organi tecnici dellAmministrazione dello Stato) nei limiti dei fatti dedotti dalle parti (art.7) 19

20 il giudizio di primo grado la sentenza è resa pubblica con il deposito nella segreteria (art.37, c.1) la sentenza è resa pubblica con il deposito nella segreteria (art.37, c.1) entro dieci giorni dal deposito la segreteria comunica alle parti costituite il dispositivo della sentenza (art.37, c.2) entro dieci giorni dal deposito la segreteria comunica alle parti costituite il dispositivo della sentenza (art.37, c.2) le parti possono ottenere copia autentica della sentenza (art.38) le parti possono ottenere copia autentica della sentenza (art.38) 20

21 il giudizio di primo grado e lesecuzione della sentenza se la sentenza di primo grado (art.68): se la sentenza di primo grado (art.68): annulla integralmente latto impugnato, le somme eventualmente già riscosse devono essere restituite; annulla integralmente latto impugnato, le somme eventualmente già riscosse devono essere restituite; conferma integralmente latto impugnato divengono riscuotibili i due terzi delle imposte e delle sanzioni risultanti dallatto impugnato; conferma integralmente latto impugnato divengono riscuotibili i due terzi delle imposte e delle sanzioni risultanti dallatto impugnato; conferma in parte latto impugnato diviene riscuotibile lintero importo delle imposte e delle sanzioni risultanti dalla sentenza, però non oltre i due terzi di quelle risultanti dallatto impugnato conferma in parte latto impugnato diviene riscuotibile lintero importo delle imposte e delle sanzioni risultanti dalla sentenza, però non oltre i due terzi di quelle risultanti dallatto impugnato 21

22 il giudizio di primo grado e la conciliazione alla prima udienza può avere luogo la conciliazione giudiziale totale o parziale della controversia, su proposta di una delle parti o o della commissione (art.48) alla prima udienza può avere luogo la conciliazione giudiziale totale o parziale della controversia, su proposta di una delle parti o o della commissione (art.48) se ha luogo la conciliazione viene redatto processo verbale con lindicazione delle somme dovute, e il processo di estingue se ha luogo la conciliazione viene redatto processo verbale con lindicazione delle somme dovute, e il processo di estingue la conciliazione si perfeziona con il versamento entro 20 giorni delle somme dovute o della prima rata la conciliazione si perfeziona con il versamento entro 20 giorni delle somme dovute o della prima rata 22

23 il giudizio di primo grado e la conciliazione la conciliazione stragiudiziale può avvenire: la conciliazione stragiudiziale può avvenire: nel termine di 60 giorni assegnato dalla commissione quando una delle parti ha proposto la conciliazione e questa non ha luogo in udienza; nel termine di 60 giorni assegnato dalla commissione quando una delle parti ha proposto la conciliazione e questa non ha luogo in udienza; in ogni caso prima della data della trattazione del ricorso in ogni caso prima della data della trattazione del ricorso 23

24 il giudizio di primo grado e la conciliazione la conciliazione stragiudiziale avviene con il deposito da parte dellufficio dellatto di conciliazione sottoscritto dal ricorrente la conciliazione stragiudiziale avviene con il deposito da parte dellufficio dellatto di conciliazione sottoscritto dal ricorrente se il deposito avviene prima della fissazione della data della trattazione, la conciliazione si perfeziona con il versamento entro 20 giorni dalla comunicazione del decreto del presidente di estinzione del giudizio se il deposito avviene prima della fissazione della data della trattazione, la conciliazione si perfeziona con il versamento entro 20 giorni dalla comunicazione del decreto del presidente di estinzione del giudizio altrimenti si procede come nel caso della conciliazione giudiziale altrimenti si procede come nel caso della conciliazione giudiziale 24

25 il giudizio di secondo grado lappello contro la sentenza della commissione provinciale deve essere proposto: lappello contro la sentenza della commissione provinciale deve essere proposto: entro sessanta giorni dalla notifica della sentenza, se questa è stata notificata ad istanza della controparte (art.51, c.1); entro sessanta giorni dalla notifica della sentenza, se questa è stata notificata ad istanza della controparte (art.51, c.1); entro un anno dal deposito della sentenza, se questa non è stata notificata (art.327 cpc) entro un anno dal deposito della sentenza, se questa non è stata notificata (art.327 cpc) 25

26 il giudizio di secondo grado lappello si propone con le modalità del ricorso in primo grado, e deve contenere (art.53): lappello si propone con le modalità del ricorso in primo grado, e deve contenere (art.53): lindicazione della commissione adita, dellappellante, delle parti nei cui confronti è proposto, e degli estremi della sentenza impugnata; lindicazione della commissione adita, dellappellante, delle parti nei cui confronti è proposto, e degli estremi della sentenza impugnata; lesposizione sommaria dei fatti; lesposizione sommaria dei fatti; loggetto della domanda e i motivi specifici di impugnazione loggetto della domanda e i motivi specifici di impugnazione 26

27 il giudizio di secondo grado con lappello il contribuente in tutto o in parte soccombente può chiedere la sospensione dellesecuzione delle sanzioni (art.19, c.2, d.lgs. 472/1997) con lappello il contribuente in tutto o in parte soccombente può chiedere la sospensione dellesecuzione delle sanzioni (art.19, c.2, d.lgs. 472/1997) la parte nei cui confronti è proposto lappello deve costituirsi nei modi e nei termini previsti per la costituzione dellufficio nel giudizio di primo grado; la parte nei cui confronti è proposto lappello deve costituirsi nei modi e nei termini previsti per la costituzione dellufficio nel giudizio di primo grado; con le controdeduzioni deve essere proposto leventuale appello incidentale (art.54) con le controdeduzioni deve essere proposto leventuale appello incidentale (art.54) 27

28 il giudizio di secondo grado il giudizio di secondo grado si svolge nelle forme di quello di primo grado il giudizio di secondo grado si svolge nelle forme di quello di primo grado in appello: in appello: non sono ammesse domande nuove (art.57); non sono ammesse domande nuove (art.57); di regola, il giudice non può disporre lassunzione di nuove prove (art.58, c.1); di regola, il giudice non può disporre lassunzione di nuove prove (art.58, c.1); possono essere depositati nuovi documenti (art.58, c.2) possono essere depositati nuovi documenti (art.58, c.2) 28

29 il giudizio di secondo grado e lesecuzione della sentenza se la sentenza di secondo grado (art.68): se la sentenza di secondo grado (art.68): annulla integralmente latto impugnato, le somme eventualmente già riscosse devono essere restituite; annulla integralmente latto impugnato, le somme eventualmente già riscosse devono essere restituite; conferma integralmente o in parte latto impugnato, diviene riscuotibile lintero importo delle imposte e delle sanzioni risultanti dallatto impugnato o dalla sentenza (se la conferma è parziale) conferma integralmente o in parte latto impugnato, diviene riscuotibile lintero importo delle imposte e delle sanzioni risultanti dallatto impugnato o dalla sentenza (se la conferma è parziale) 29

30 il giudizio di cassazione contro la sentenza dappello è proponibile ricorso per cassazione per i motivi di cui allart.360, c.1, c.p.c. (art.62), e cioè per: contro la sentenza dappello è proponibile ricorso per cassazione per i motivi di cui allart.360, c.1, c.p.c. (art.62), e cioè per: motivi attinenti alla giurisdizione; motivi attinenti alla giurisdizione; violazione di norme sulla competenza; violazione di norme sulla competenza; violazione o falsa applicazione di norme di diritto; violazione o falsa applicazione di norme di diritto; nullità della sentenza o del procedimento; nullità della sentenza o del procedimento; omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione su un punto decisivo omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione su un punto decisivo 30

31 il giudizio di cassazione il giudizio di cassazione si svolge nelle forme del codice di procedura civile il giudizio di cassazione si svolge nelle forme del codice di procedura civile quando la Corte cassa con rinvio la causa deve essere riassunta avanti al giudice indicato dalla Corte entro un anno dalla pubblicazione della sentenza, altrimenti lintero processo di estingue (art.63) quando la Corte cassa con rinvio la causa deve essere riassunta avanti al giudice indicato dalla Corte entro un anno dalla pubblicazione della sentenza, altrimenti lintero processo di estingue (art.63) 31


Scaricare ppt "Il processo tributario Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2007/2008 corso di diritto tributario prof. Giuseppe Zizzo lezione 15. 1."

Presentazioni simili


Annunci Google