La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

NIEPODLEGŁOŚĆ 1918. Le date dellindipendenza 28.10.1918 Cracovia: istituzione della Commissione di Liquidazione Polacca destinata a prendere il potere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "NIEPODLEGŁOŚĆ 1918. Le date dellindipendenza 28.10.1918 Cracovia: istituzione della Commissione di Liquidazione Polacca destinata a prendere il potere."— Transcript della presentazione:

1 NIEPODLEGŁOŚĆ 1918

2 Le date dellindipendenza Cracovia: istituzione della Commissione di Liquidazione Polacca destinata a prendere il potere nelle terre di spartizione austriaca Lublino: istituzione del Governo Popolare Provvisorio della Repubblica Polacca con Ignacy Daszyñski come presidente del consiglio

3 Józef Piłsudski, liberato dallinternamento nella prigione di Magdeburgo, arriva a Varsavia Józef Piłsudski riceve il comando dellesercito polacco dal Consiglio di Reggenza Piłsudski dichiara di accingersi a formare il governo su richiesta del Consiglio di Reggenza Il Consiglio di Reggenza trasmette il potere a Piłsudski e si dimette Piłsudski assume lufficio di capo provvisorio dello stato

4 Józef Piłsudski ( )

5 Dal movimento dei tiratori alle Legioni di Piłsudski Leopoli 1910, istituzione della Federazione dei Tiratori (Zwi¹zek Strzelecki) Agosto 1914, istituzione della Legione Occidentale (Cracovia) e Orientale (Leopoli), in breve tempo confluite nelle LP Dicembre 1914 istituzione della I Brigata LP Maggio 1915 (Galizia) istituzione della II e III Brigata LP

6 Il trattato di Versailles Vengono riconosciute alla Polonia: Polonia Maior Pomerania (senza Danzica) Il piccolo trattato di Versailles: Il governo polacco si impegna a garantire eguali diritti a tutte le minoranze etniche

7 I plebisciti e le insurrezioni Prussia orientale (Powiœle, Warmia e Masuria) Slesia superiore Scoppio dellinsurrezione in Wielkopolska Fine dellinsurrezione Prima insurrezione in Slesia (17-24 agosto 1919) Seconda insurrezione in Slesia (19-25 agosto 1920) Terza insurrezione in Slesia Decisione del Consiglio degli ambasciatori sulla spartizione del territorio plebiscitario

8 La frontiera orientale Istituzione del Consiglio Nazionale Ucraino che proclama la Repubblica Popolare dellUcraina Occid occupazione ucraina della Galizia Assedio di Leopoli il battaglione guidato da J. Stachiewicz riconquista Przemyœl e libera la linea ferroviaria Leopoli ritorna in mano polacca tregua il Consiglio Supremo assegna alla Polonia la Galizia orientale, ma solo per 25 anni e sotto il controllo della Lega delle Nazioni Marzo 1923 la Galizia orientale viene riconosciuta parte integrante del territorio polacco

9 La frontiera con la Cecoslovacchia Il Consiglio Nazionale del Principato di Cieszyn e il Comitato Nazionale Ceco stringono un accordo provvisorio in base al quale le frontiere debbono essere tracciate in base alla conformazione etnica attacco ceco frenato solo con la battaglia di Skoczów tregua: i cechi si ritirano al di la del fiume Olza in luogo del plebiscito originariamente progettato la Polonia acconsente a far tracciare la frontiera al Consiglio Supremo in cambio di aiuto nella guerra contro i bolscevichi – in terra ceca rimangono oltre cittadini polacchi. Nasce il problema Zaolzie

10 La frontiera con la Lituania Il problema di Vilna e della sua regione (Wileñszczyzna) Inizio 1919 le truppe sovietiche occupano Vilna e istituiscono la Repubblica Sovietica di Lituania Piłsudski da inizio alle operazioni militari e riconquista la città cinque giorni dopo proclama di Piłsudski agli abitanti dellex Arciducato di Lituania accordo tra Lituania e autorità sovietiche in virtù del quale Vilna e la sua regione andavano a congiungersi alla Repubblica di Lituania ribellione della divisione lituano-bielorussa di Piłsudski e riconquista di Vilna istituzione della Lituania Centrale

11 La Polonia lindomani del trattato di Versailles Il territorio polacco è sei volte inferiore a quello occupato prima delle spartizioni È il sesto paese in Europa per dimensioni e numero di abitanti (dopo URSS, Francia, Spagna, Germania e Svezia) Confina con sei stati e con la libera città di Danzica Tra questi i rapporti sono buoni con Romania (349 km) e Lettonia (109 km), freddi con la Cecoslovacchia (984 km), corretti con Danzica (121 km), pessimi con la Germania (1912 km) e lUnione Sovietica (1412 km). Solo con la Lituania la Polonia non intrattiene rapporti diplomatici e la frontiera è chiusa

12

13

14 Conformazione etnica

15 Livello di analfabetismo Analfabeti sopra i dieci anni (1921): 30% In campagna: 38% In città: 19% introduzione dellobbligo scolare dai 7 ai 14 anni

16 La scolarizzazione delle minoranze etniche approvazione della legge Grabski sullistituzione di scuole utraquistiche (con insegnamento bilingue) in Polonia orientale Protesta dei rappresentanti delle minoranze (legge accolta come velata forma di polonizzazione) Dal 1923 al 1929 il numero delle scuole con lucraino come lingua di insegnamento diminuisce da 2835 a 769 Lutraquizzazione scolastica non tocca inizialmente le scuole bielorusse e lituane I tedeschi dispongono di scuole proprie o monolingui o bilingui, delle quali usufruisce il 70% dei bambini tedeschi

17 La scolarizzazione della minoranza ebraica Nelle scuole sovvenzionate dallo stato linsegnamento ha luogo in lingua polacca, ma viene insegnata la religione ebraica e ne sono osservate le feste Parallelamente fioriscono le scuole sovvenzionate da associazioni sociali e politiche Il cheder continua ad essere la scuola tradizionale dellortodossia ebraica

18 Da Herostrates di Jan Lechoń Ja nie chcę nic innego, niech jeno mi płacze Jesiennych wiatrów gędźba w półnagich badylach; A latem niech się słońce przegląda w motylach, A wiosną – niechaj wiosnę, nie Polskę zobaczę […]


Scaricare ppt "NIEPODLEGŁOŚĆ 1918. Le date dellindipendenza 28.10.1918 Cracovia: istituzione della Commissione di Liquidazione Polacca destinata a prendere il potere."

Presentazioni simili


Annunci Google