La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Presentazione Bando Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Presentazione Bando Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo."— Transcript della presentazione:

1 Presentazione Bando Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo

2 La natura delloperazione ha carattere essenzialmente materiale e si pone per obiettivo favorire la creazione ed il sostegno di quelle piccole attività imprenditoriali legate al recupero dellidentità e della vivacità culturale dei luoghi, ai manufatti artigianali tradizionali, anche reinterpretati in una visione artistica, dei servizi sociali alla popolazione, dei servizi al turismo rurale. DESCRIZIONE TECNICA DELLA MISURA I possibili ambiti di intervento devono riguardare: Attività e Servizi turistici; Attività e Servizi culturali; Attività e Servizi sociali alla popolazione e/o al turismo; Attività e Servizi sportivi, ludico-ricreativi, didattico-formativi; Attività e Servizi ambientali; Servizi reali alle imprese ed alla popolazione; Artigianato tradizionale, tipico e/o artistico; Formazione specializzata del personale, acquisti di brevetti e/o know how; Piccolo commercio, compresa la ristorazione; Piccola trasformazione e vendita dei prodotti agroalimentari locali; Information and Communication Technology (ICT); Editoria, comunicazione, grafica e/o pubblicità, tipografia, fotografia, stampe anche digitali, etc.

3 I BENEFICIARI I soggetti beneficiari ammessi a contributo sono le Imprese, sia in forma singola che associata, iscritte alla CCIAA, nonché le Imprese costituende. Le imprese agricole sono escluse. I soggetti ammessi a contributo sono: le Microimprese (definite ai sensi della Racc. 2003/361/CE come imprese con meno di 10 unità impiegate e fatturato annuo e/o volume di bilancio annuale non superiore ai 2 MEURO); le Microimprese di nuova costituzione. LOCALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI Le iniziative dinvestimento dovranno essere necessariamente ubicate nei Comuni di Bernalda, Colobraro, Montalbano Jonico, Nova Siri Centro, Pisticci, Rotondella, San Giorgio Lucano, Tursi, Valsinni. Sono da considerarsi non ammissibili, dunque esclusi dagli aiuti, gli interventi/investimenti che riguardano i territori comunali situati a valle della S.S. 106 Jonica. Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo

4 REQUISITI DI AMMISSIBILITA Per le microimprese già esistenti costituzione/aggiornamento del fascicolo aziendale, di cui al DPR 503/99, presso i centri di assistenza agricola (CAA) o altro soggetto accreditato. presentare domanda di aiuto tramite il portale SIAN. essere microimprese così come definite dalla Racc. 2003/361/CE e quindi: 1. avere un organico inferiore o uguale a 10 persone; 2. avere un fatturato o un totale di bilancio annuale non superiore ai 2 milioni di euro. essere iscritte allalbo provinciale delle imprese artigiane o essere iscritte al registro delle imprese. (per le microimprese che realizzano interventi connessi ad attività Commerciali e artigianali) indicare il relativo codice Ateco essere titolari, per almeno sei anni successivi, degli immobili destinati allo svolgimento dellattività produttiva, documentata da atto di proprietà e/o affitto e/o comodato duso regolarmente registrati alla data di presentazione della domanda. essere soggetti affidabili secondo quanto disposto dallart. 24 lett. e) del Reg. CE 65/2011 e dalla DGR 519/2011. non essere aziende in difficoltà ai sensi degli orientamenti comunitari sugli Aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione dimprese in difficoltà (GUCE 244 del 01/10/2004, pag. 2). Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo

5 REQUISITI DI AMMISSIBILITA Per le microimprese di nuova costituzione: costituzione/aggiornamento del fascicolo aziendale, di cui al DPR 503/99, presso i centri di assistenza agricola (CAA) o altro soggetto accreditato. presentare domanda di aiuto tramite il portale SIAN. essersi costituite dopo il primo gennaio dellanno di presentazione della domanda (anno in corso); essere costituite da soggetti che non siano già stati titolari o soci di imprese nei due anni antecedenti la data di presentazione della domanda. solo nel caso non si prevedi lacquisto, essere titolari, per almeno sei anni successivi, degli immobili destinati allo svolgimento dellattività produttiva, documentata da atto di proprietà e/o affitto e/o comodato duso regolarmente registrati alla data di presentazione della domanda; nel caso si prevedi lacquisto degli immobili destinati allo svolgimento dellattività produttiva, questa costituisce una spesa ammissibile purché funzionale alle finalità delloperazione in questione e se rispetta almeno le seguenti condizioni: a) possedere un preliminare di compravendita, opportunamente registrato come per legge, e finalizzato al successivo perfezionamento in caso di finanziamento delle attività previste; b) che esista lattestazione di un tecnico qualificato indipendente o di un organismo debitamente autorizzato, con cui si dimostri che: il prezzo futuro di acquisto non sia superiore al valore di mercato; che limmobile sia conforme alla normativa urbanistica vigente ovvero che siano specificati gli elementi di non conformità, nei casi in cui loperazione preveda la loro regolarizzazione da parte del beneficiario finale; c) che limmobile non abbia fruito, nel corso dei dieci anni precedenti, di un finanziamento pubblico. Tale limitazione non ricorre nel caso in cui lAmministrazione concedente abbia revocato e recuperato totalmente le agevolazioni medesime; d) che esista un nesso diretto tra lacquisto dellimmobile e gli obiettivi delloperazione, nonché sia previsto un periodo minimo di destinazione duso pari ad anni 10. Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo

6 A.Per le microimprese già esistenti 1. Aggiornamento tecnologico dei macchinari e degli impianti tecnico produttivi finalizzati al miglioramento dellefficienza e/o della compatibilità ambientale. 2. Interventi strutturali di rifunzionalizzazione, riqualificazione ed ampliamento dei locali destinati allo svolgimento dellattività produttiva (in questo caso ci si riferisce esclusivamente ad unattività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi), entro un tetto di contributo massimo di ,00 euro, ovvero entro un tetto massimo pari al 50% del progetto complessivo, comprensive delle spese generali, entro e non oltre il 6%, per oneri tecnici di progettazione e direzione dei lavori, mi­sura e contabilità, collaudo ed emissione del certificato di regolare esecuzione, etc. 3. Acquisto di macchinari, impianti, attrezzature ed arredi. 4. Consulenze specialistiche finalizzate allorientamento, allaccompagnamento ed al tutoraggio, entro un massimo del 5% dellimporto complessivo del progetto. 5. Creazione e/o implementazione di siti internet. 6. Acquisizione di hardware e software. 7. Formazione specializzata del personale. 8. cquisti di brevetti e/o know how. B. Per le microimprese di nuova costituzione 1. Spese per lavvio dellattività, limitatamente al periodo previsto per la conclusione degli investimenti (nove mesi), quali affitti e noleggi, utenze, spese notarili e oneri amministrativi, entro un tetto di contributo massimo di ,00 euro. 2. Acquisto, ristrutturazione funzionale e tecnologica dei locali per lo svolgimento dellattività produttiva (in questo caso ci si riferisce esclusivamente ad unattività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi), entro un tetto di contributo massimo di ,00 euro, ovvero entro un tetto massimo pari al 50% del progetto complessivo, comprensive delle spese generali, entro e non oltre il 6%, per oneri tecnici di progettazione e direzione dei lavori, mi­sura e contabilità, collaudo ed emissione del certificato di regolare esecuzione, etc. 3. Acquisto di macchinari, impianti, attrezzature ed arredi. 4. Consulenze specialistiche finalizzate alla creazione della microimpresa, in particolare, allorientamento, allaccompagnamento ed al tutoraggio, entro un massimo del 5% dellimporto complessivo del progetto. 5. Acquisti di brevetti e/o know how. TIPOLOGIE DI INVESTIMENTO E SPESE AMMISSIBILI Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo

7 Tutte le spese sostenute per il progetto sono da considerarsi non ammissibili se: · non imputabili, pertinenti e congrue rispetto alle azioni ammissibili; · non verificabili e controllabili; · non legittime e contabilizzate. Non sono ammissibili le spese sostenute per: · il personale delle microimprese anche se assunto a tempo determinato; · investimenti collegati a prodotti dellAllegato I del Trattato; · interventi di manutenzione ordinaria delle strutture e dei servizi; · imposta di valore aggiunto (IVA); · interessi passivi; · acquisto di locali e terreni; · investimenti già avviati alla data di presentazione della domanda; · investimenti relativi allacquisto di materiale usato; · investimenti effettuati allo scopo di ottemperare a requisiti resi obbligatori da specifiche norme comunitarie; · investimenti non riconducibili alle finalità dellintervento finanziato; · prestazioni di manodopera aziendale e prestazioni in natura; · interessi debitori, aggi, spese e perdite su cambio ed altri oneri meramente finanziari a valere sul conto corrente dedicato. SPESE NON AMMISSIBILI Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo

8 Risorse finanziarie disponibili: ,00- di quota pubblica, cui vanno aggiunti ,00- di cofinanziamento privato, per un totale di ,00- Intensità del contributo pubblico: 50% pubblico; Cofinanziamento privato: 50% privato. Tipologia aiuto: -contributo in conto capitale in regime de minimis* Massimali delle spese ammissibili a finanziamento per singolo richiedente: -costo minimo complessivo (Iva esclusa) del progetto: ,00- (di cui il 50% a carico dellimpresa); -costo massimo complessivo (Iva esclusa) del progetto: ,00- (di cui il 50% a carico dellimpresa). DISPONIBILITA FINANZIARIE, FORMA ED INTENSITA DELLAIUTO E LIMITE INVESTIMENTI * Il contributo pubblico massimo concedibile in regime de minimis non può superare ,00 - nel periodo degli ultimi tre anni, comprensivi di altri eventuali contributi ricevuti in de minimis Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo

9 1.copia cartacea della domanda di aiuto generata dal portale SIAN, debitamente sottoscritta in originale dal proponente; 2.fotocopia documento di riconoscimento firmato dal proponente, leggibile ed in corso di validità; 3.documentazione inerente la proprietà/titolarità degli immobili, come specificato al punto 6 del presente Bando Pubblico; 4.solo nel caso di Raggruppamenti di imprese area Gal, atti ed informazioni utili per lapplicazione del criterio B.1 di cui al successivo punto 14 – Criteri di selezione; 5.domanda di contributo, redatta secondo il format di cui allAllegato 1 al presente Bando Pubblico; 6.certificato di iscrizione alla CCIAA, in corso di validità alla data di presentazione della domanda, con dicitura antimafia; 7.visura camerale (in caso di società, cooperativa, etc.); 8.dichiarazione, ai sensi del D.P.R. 445/2000 e successive modifiche e integrazioni, da parte del soggetto richiedente, secondo il format di cui allAllegato 1 al presente Bando Pubblico: a.nella quale si attesti di essere soggetto affidabile secondo quanto disposto dallart. 24 lett. e) del Reg. CE 65/2011 e dalla DGR 519/2011; b.di co-finanziamento del progetto presentato; c.di impegnarsi a realizzare e rendicontare, entro il 28 febbraio 2014, almeno il 50% dei lavori previsti o di richiedere, entro il 31 gennaio 2014, la prima quota, nella misura massima del 50% del contributo assentito e riferita esclusivamente alle attività materiali, sotto forma di anticipazione (attraverso adeguata polizza fideiussoria); d.che limpresa proponente non rientra nel novero delle imprese in difficoltà ai sensi degli Orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà; e.di non aver ricevuto, nei tre anni antecedenti, contributi in regime de minimis ovvero di quantificare lammontare esatto dei contributi ricevuti in regime de minimis; 9.Allegato 3: Modello Dichiarazione Beneficiario. DOCUMENTAZIONE RICHIESTA Il progetto dovrà essere redatto, da tecnici abilitati allesercizio della pro­fessione, secondo quanto disposto dal DPR n. 380/2001 e ss.mm. e ii. Gli elaborati di progetto dovranno essere prodotti in triplice copia (di cui una copia, assemblata in un unico plico, giurata secondo le modalità di legge oppure in autocertificazione con dichiarazione asseverativa, da parte di tecnici abilitati allesercizio della professione) e su supporto informatico (CD o DVD o USB) contenente: 1.Modulo di presentazione del progetto, redatto secondo il format di cui allAllegato 2 al presente Bando Pubblico; 2.Relazione Tecnica Illustrativa; 3.Stralcio della Planimetria Catastale (in scala 1:1000) con indivi­duazione della/e particella/e interessata/e alliniziativa; 4. Visure Catastali della/e particella/e interessata/e alliniziativa; 5. Elaborati Grafici in scala 1/50, ove si evidenzi lo stato attuale e quello di progetto, delle opere eventualmente esistenti e di quelle da eseguire; 6.Computo metrico estimativo, i cui prezzi unitari utilizzati dovranno essere dedotti dal prezziario ufficiale regionale in vigore. Il computo metrico estimativo dovrà essere articolato per categorie di lavori: [strutturali (recupero primario), finiture (recupero secondario), impianti tecnologici], le previsioni indicate nel computo devono trovare riscontro negli alle­gati progettuali; 7.Per le voci di costo non menzionate dal prezziario regionale, almeno tre preventivi di spesa, per acquisti di materiali, attrezzature e arredi. Se, per ragioni oggettive e purché si fornisca una relazione circa le motivazioni e la congruità del costo firmata da tecnico abilitato e controfirmata dal proponente, non sia possibile reperire 3 preventivi, sarà consentita la presentazione di un solo preventivo; 8.La documentazione fotografica (formato minimo 9x13) dovrà essere a colori con didascalie ed individuazione della ripresa; 9.Ove sia richiesto dal caso, eventuali pareri, permessi, attestati, autorizzazioni o altri titoli abilitativi rilasciate e/o presentati dalle/alle pubbliche amministrazioni preposte. Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo

10 Criteri di selezioneEsplicitazione dei CriteriPunteggio A. Caratteristiche del beneficiario Imprese iscritte alla CCIAA Imprese costituende Max 40% B. Qualità del progetto Max 60% A.1 - Dimostrazione della capacità tecnica, amministrativa e finanziaria, di realizzazione/esecuzione delle attività previste: Capacita alta punti 10 Capacità media punti 6 Capacità bassa punti 3 Capacità alta Disponibilità finanziaria per la realizzazione dellintervento (dichiarazione rilasciata da idoneo Istituto Bancario attestante la disponibilità economica a cofinanziare lintervento proposto (n. 4 punti) + Personale tecnico-amministrativo assunto (n. 3 punti) + Titolare e/o personale con attestazione idonea allo svolgimento delle attività proposte (n. 3 punti) = 10 punti Capacità media Personale tecnico-amministrativo assunto (n. 3 punti) + Titolare e/o personale con attestazione idonea allo svolgimento delle attività proposte (n. 3 punti) = 6 punti Capacità bassa Personale tecnico-amministrativo assunto (n. 3 punti) o Titolare e/o personale con attestazione idonea allo svolgimento delle attività proposte (n. 3 punti) = 3 punti Max 10 Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo

11 A.2 - Imprese singole condotte e/o a maggioranza composte da giovani al di sotto dei 40 anni Il punteggio è attribuito solo nel caso di: - imprese singole condotte da giovani al di sotto dei 40 anni (al momento della presentazione della domanda di aiuto); - società di persone, di capitali, di cooperative, anche a scopo consortile composte prevalentemente, sia in termini assoluti che di quote di partecipazione, da giovani al di sotto dei 40 anni (al momento della presentazione della domanda di aiuto). 5 A.3 - Imprese singole condotte e/o a maggioranza composte da donne Il punteggio è attribuito solo nel caso di: - imprese singole condotte da donne (al momento della presentazione della domanda di aiuto); - società di persone, di capitali, di cooperative, anche a scopo consortile composte prevalentemente, sia in termini assoluti che di quote di partecipazione, da donne (al momento della presentazione della domanda di aiuto). 5 A.4 - Creazione di nuova impresa Il punteggio è attribuito solo nel caso di nuova impresa (creata dopo il 1° gennaio 2013). 20 B.1 - Raggruppamenti di imprese area Gal (consorzi, ATI, fondazioni, etc.) - (n. 2,5 punti per ogni componente del raggruppamento) Il punteggio è attribuito solo nel caso di raggruppamenti di imprese di nuova formazione (creati allo scopo di partecipare al Bando in forma associata/raggruppata). Max 20 B.2 - Proposta progettuale: B n. 10 punti per la coerenza delle azioni con gli obiettivi generali del PSL B n. 10 punti per il grado di innovatività delle azioni B n. 10 punti per lintegrazione delle azioni con le attività svolte B.2.1 Attività di natura turistica, culturale, artigianale, sociale, ambientale (SI = n. 10 punti; NO = n. 0 punti). B.2.2 Attività che prevedono azioni di filiera, nuovi servizi (da intendersi non presenti nel tessuto economico locale di riferimento), innovazione di prodotto e/o processo. (SI = n. 10 punti; NO = n. 0 punti). B.2.3 Potenziamento attività già svolte. (SI = n. 10 punti; NO = n. 0 punti). Max 30 B.3 - Creazione di nuova occupazione n. 2 punti per ogni nuova unità occupata. Max 10 Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo

12 ISTRUTTORIA, VALUTAZIONE E SELEZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO Lattività di istruttoria si articola nelle seguenti fasi: Fase I – Ricevibilità Fase II – Ammissibilità Fase III – Validazione elenchi provvisori e successivamente elenchi definitivi: elenco delle istanze ammesse a finanziamento; elenco istanze ammissibili e non finanziabili per carenza di fondi; elenco istanze non ammissibili a finanziamento con relativa motivazione. Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo

13 EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO a) la prima quota, nella Misura massima del 50% del contributo assentito e riferita esclusivamente alle attività materiali, può essere erogata a titolo di anticipazione, previa presentazione di fidejussione bancaria o polizza assicurativa (corrispondente al 110% della somma richiesta in anticipazione) stipulata da banche ed imprese di assicurazione autorizzate all'esercizio del ramo cauzione oppure dagli intermediari finanziari iscritti nell'elenco speciale tenuto dalla Banca d'Italia di cui all'art. 107 del D. Igs. 385/93 (consumabile rivolgendosi alla stessa o tramite il sito redatta coerentemente con lo schema approvato con Decreto del Ministro del Tesoro del 22 aprile 1997, di importo pari alla somma da erogare, maggiorata del 10%, e di durata definita nel provvedimento di concessione; b) successive quote possono essere erogate a stati di avanzamento lavori (SAL) tali che la somma erogata non superi l80% del contributo concedibile; c)l'ultima quota del 20% è erogata a saldo, subordinatamente alla conclusione dell'investimento e dopo la verifica tecnico-amministrativa ed accertamento della spesa ammessa. VARIANTI E possibile quando le varianti proposte non alterino la finalità originaria del progetto e comunque sia eccedono il limite del 5%, ma rientrano nel limite massimo del 20%. I beneficiari devono presentare al GAL, e per conoscenza allOP, idonea richiesta di variante. PROROGA deve essere preventivamente richiesta al Gal (ed inoltrata per conoscenza allorganismo pagatore) I beneficiari devono presentare al GAL, e per conoscenza allOP, idonea richiesta di variante. La concessione e la durata della proroga, che comunque non può superare il termine ultimo per lapplicazione del disimpegno automatico è ad insindacabile giudizio del Gal Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo


Scaricare ppt "Presentazione Bando Sostegno alle imprese culturali, dellartigianato tipico e dei servizi sociali, alla popolazione ed al turismo."

Presentazioni simili


Annunci Google