La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Finanziamento dell Impresa Damiano La Penna. BENEFICIARI: -> Le imprese artigiane e le loro forme associate che svolgano in modo prevalente unattività

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Finanziamento dell Impresa Damiano La Penna. BENEFICIARI: -> Le imprese artigiane e le loro forme associate che svolgano in modo prevalente unattività"— Transcript della presentazione:

1 Il Finanziamento dell Impresa Damiano La Penna

2 BENEFICIARI: -> Le imprese artigiane e le loro forme associate che svolgano in modo prevalente unattività artistica e tradizionale. INVESTIMENTI AGEVOLABILI: a)Subentro nella titolarità delle imprese da parte di soggetti che abbiano maturato almeno tre anni di esperienza come dipendenti o soci di imprese nello stesso settore produttivo. Sono agevolabili: -> Costi sostenuti per il subentro nellattività -> Costruzione o ristrutturazione dei laboratori -> Acquisto di tecnologie e consulenze specializzate -> Adeguamento o rinnovo di beni strumentali PROGRAMMA DI SVILUPPO PER LARTIGIANATO ARTISTICO E TRADIZIONALE

3 b) Trasferimento, rilocalizzazione e insediamento di nuove attività nei centri storici: Sono agevolabili: -> Costruzione o ristrutturazione dei laboratori -> Acquisto di tecnologie e consulenze specializzate -> Adeguamento o rinnovo di beni strumentali c) Attività promozionali Sono agevolabili: -> Piani di marketing -> Realizzazione di campionari -> Realizzazione di cataloghi e investimenti per hardware e software finalizzati al commercio elettronico -> Campagne pubblicitarie -> La prima partecipazione a mostre o fiere

4 BENEFICIARI -> Le imprese artigiane di produzione e di servizio alla produzione e i loro consorzi -> Le imprese di produzione e di servizio alla produzione associate (anche piccola industria) a Finart Fidi Le aziende con questi requisiti devono essere costituite successivamente al 01/01/2003. Il titolare o i soci dellazienda non devono essere stati, nei due anni antecedenti alla data di presentazione della domanda, titolari o soci di altre imprese. -> Le imprese artigiane anche di un diverso settore di attività che attivino processi di crescita dimensionale e/o di integrazione con altre aziende. PROGRAMMA DI SVILUPPO PER AGEVOLARE LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE E FORME ASSOCIATE

5 INVESTIMENTI AGEVOLABILI -> Acquisto di attività preesistenti E agevolabile lacquisto dellimmobile, macchinari, attrezzature, impianti e brevetti. Sono esclusi i costi relativi allavviamento commerciale. -> Costruzione e/o ristrutturazione di immobili, incluso lacquisto del terreno edificabile e le spese di progettazione e direzione lavori. -> Acquisto di macchinari, impianti e attrezzature -> I beni potranno essere anche usati purchè non abbiano già beneficiato di altri contributi pubblici. -> Consulenza per la certificazione di qualità -> Spese di costituzione e di primo impianto -> Realizzazione di reti telematiche e servizi in ambito internet. Sono agevolabili i costi relativi alla formazione, consulenza, hardware e software.

6 LEGGE REGIONALE 27/93 BENEFICIARI Imprese artigiane e di minori dimensioni (snc - sas - srl - soc. Cooperative a r.l.) Età fino a 35 anni 51% soci con età non superiore ai 35 anni 51% del capitale sociale a soci con età non superiore ai 35 anni. Cooperative: il 50% dei soci non devono avere superato i 35 anni Le imprese non possono essere costituite da più di sei mesi I soci giovani non devono essere soci di altre imprese che abbiano usufruito di questa Legge

7 Priorità alle donne Nellordine cronologico di arrivo delle domande quelle effettuate dalle donne vengono anticipate di 60 giorni Non devono avere immobilizzi tecnici materiali e immateriali costituiti prevalentemente da beni provenienti da cessioni dazienda e rami dazienda.

8 OGGETTO DELLE AGEVOLAZIONI: 1)Acquisto terreni e diritto di superficie 2)Acquisto, costruzione, ristrutturazione fabbricati 3)Acquisto macchinari, impianti e attrezzature 4)Marketing operativo e strategico, brevetti, marchi e software

9 CONTRIBUTI: A)A fondo perduto pari al 10% dellinvestimento sostenuto B)contributo in conto interessi del 2% sul tasso di riferimento del settore su operazioni di finanziamento a medio termine o di leasing di importo superiore al 65% delle spese di investimento.

10 IL FABBISOGNO FINANZIARIO DI UNAZIENDA MEZZI TERZI LEVA FINANZIARIA MEZZI PROPRI LIMPRESA E IN EQUILIBRIO QUANDO: LIMPRENDITORE FA SCELTE OPERATIVE, COMMERCIALI E FINANZIARIE CORRETTE, CIOE SCELTE PER CUI LAZIENDA PRODUCE UN MARGINE OPERATIVO NETTO SUFFICIENTE A REMUNERARE IL CAPITALE DI TERZI E IL CAPITALE PROPRIO CHE SONO SERVITI A COPRIRE IL FABBISOGNO FINANZIARIO GENERATO DALLE STESSE SCELTE DELLIMPRENDITORE


Scaricare ppt "Il Finanziamento dell Impresa Damiano La Penna. BENEFICIARI: -> Le imprese artigiane e le loro forme associate che svolgano in modo prevalente unattività"

Presentazioni simili


Annunci Google