La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A cura di Annamaria Di Nunzio classe II E Anno Scolastico 2010/2011Scuola Secondaria di I grado ADA NEGRI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A cura di Annamaria Di Nunzio classe II E Anno Scolastico 2010/2011Scuola Secondaria di I grado ADA NEGRI."— Transcript della presentazione:

1 A cura di Annamaria Di Nunzio classe II E Anno Scolastico 2010/2011Scuola Secondaria di I grado ADA NEGRI

2 Cosè una forza Una forza è ogni cosa che può modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo oppure che può esserne anche deformarlo. Esempio Prendiamo unautomobilina giocattolo e leghiamola ad uno spago. Finche non tiriamo, il giocattolo rimane fermo; ma se tiriamo lo spago il giocattolo si muove.

3 Gli elementi caratteristici di una forza

4 Lunità di misura di una forza

5 La rappresentazione delle forze

6 La forza risultante Su di un corpo agiscono due o più forze, sommando i loro effetti agiscono come una sola forza detta forza risultante che si indica con una R. La forza risultante si ottiene combinando tra loro i vettori che rappresentano le diverse forze componenti.

7 Risultante di forze concordi La risultante di due forze concordi è una forza che ha lo stesso punto di applicazione,la stessa direzione, lo stesso verso delle forze componenti e per intensità la somma delle loro intensità. Esempio Due ragazzi spingono unautomobile con la stessa forza(F e F) pari a 200 N. Le forze esercitate sono concordi; quindi se le forze F e F dei due ragazzi hanno entrambe lintensità di 200 N, il valore dellintensità della risultante R, è: R = F + F = 400 N (200 N N = 400N)

8 Risultante di forze opposte

9

10 Risultante di forze divergenti

11 Forza peso e gravità

12

13 La pressione

14 Lunità di misura della pressione Nel sistema internazionale lunità di misura della pressione viene espressa dal rapporto tra la forza di 1N e la superficie di 1 m(N/m), e prende il nome di Pascal (Pa). Il nome di questa unità di misura deriva da quello dello scienziato francese Blaise Pascal ( ).

15 L equilibrio Quando osserviamo un corpo fermo tendiamo a pensare che su di esso non agisca nessuna forza,mente nonè così: Un corpo fermo è in equilibrio.

16 Il baricentro

17 Dove si trova il baricentro?

18 Lequilibrio dei corpi appoggiati su un piano

19 Condizioni di equilibrio di un corpo

20 Lequilibrio dei corpi sospesi

21 Le leve Le leve sono macchine semplici che ci permettono di compiere azioni con facilità e con minimo sforzo: Per esempio lo schiaccianoci, oppure lapribottiglie … Una leva è unasta rigida che gira intorno ad un punto chiamato fulcro, grazie allazione di due forze che si contrastano.

22

23 La legge dellequilibrio della leva

24 Leve vantaggiose, svantaggiose e indifferenti Leva vantaggiosa: quando la potenza da applicare è minore della resistenza; Leva svantaggiosa: quando la potenza da applicare è maggiore della resistenza; Leva indifferente: quando la potenza da applicare è uguale alla resistenza.

25 Leve di 1°, 2° e 3° genere Le leve di 1° genere sono quelle in cui il fulcro si trova tra la potenza e la resistenza. Sono esempi di leve di 1° genere laltalena, le forbici, … a seconda della posizione del fulcro, una leva di 1° genere può essere vantaggiosa, svantaggiosa e indifferente. Le leve di 2° genere sono quelle in cui la resistenza si trova tra il fulcro e la potenza. Sono esempi di 2° genere lo schiaccianoci, la carriola, il remo, … esse sono sempre vantaggiose. Le leve di 3° genere sono quelle in cui la potenza si trova tra il fulcro e la resistenza. Sono esempi di leve di 3° genere le pinze per il ghiaccio, la scopa, … esse sono sempre svantaggiose.

26 Anna Maria Di Nunzio Classe II corso E


Scaricare ppt "A cura di Annamaria Di Nunzio classe II E Anno Scolastico 2010/2011Scuola Secondaria di I grado ADA NEGRI."

Presentazioni simili


Annunci Google