La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Gli obiettivi della valutazione: miglioramento della qualità, trasparenza delle informazioni, efficienza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Gli obiettivi della valutazione: miglioramento della qualità, trasparenza delle informazioni, efficienza."— Transcript della presentazione:

1 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Gli obiettivi della valutazione: miglioramento della qualità, trasparenza delle informazioni, efficienza ed efficacia dei processi Relazione di Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo - LIUC Castellanza

2 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Concetto generale di valutazione riconoscere e determinare il valore (worth e value), il merito, la validità delle cose, riportando ad uno stato esplicito quei processi di attribuzione di valore, che spesso avvengono informalmente; momento di confronto critico e dialettico con i risultati di unattività; la valutazione esamina in chiave retrospettiva la validità, il merito, il valore di date attività, come didattica, ricerca, servizi; contributo al processo decisionale, offrendo intelligenza delle situazioni, sviluppando una visione di sintesi fondata su analisi puntuali e sullapplicazione di metodi specifici.

3 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Differenza tra valutazione e misurazione VALUTAZIONE non si tratta di semplice misurazione, concetto che presuppone la disponibilità di riferimenti oggettivi e lascia trasparire leliminazione di ogni incertezza attraverso la corretta applicazione di metodologie sofisticate valutare, invece, implica una componente di giudizio, collegata a una procedura di analisi e di ricerca, che si vale anche di misure, ma non si riduce a queste VALUTA ZIONE MISURA ZIONE

4 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Differenza tra valutazione e accreditamento Consiste nel riconoscimento di un determinato standard qualitativo (minimo o di eccellenza) ad un programma o ad una istituzione di istruzione superiore, da parte di un organismo a ciò deputato, in seguito ad una procedura di verifica e accertamento di requisiti prestabiliti La procedura di accreditamento può prevedere qualche forma di valutazione ACCREDI- TAMENTO VALUTA- ZIONE ACCREDITAMENTO

5 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Valutazione Gestione risorse Controllo Rilevazioni Differenza tra valutazione e sistemi di controllo e di gestione I sistemi o meccanismi operativi della gestione confinano con i metodi di valutazione e si prestano a qualche utile connessione e sinergia, ma hanno altri scopi più pratici e immediati, come controllare i costi, incentivare il personale, monitorare lattività, ma non sono metodi di valutazione in senso pieno e proprio, né la loro presenza basta ad attivare una vera valutazione.

6 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Sistemi di valutazione istituzionalizzati tutela degli interessi generali e dellutenza in presenza di asimmetria informativa; contrappeso dellautonomia riconosciuta alle singole organizzazioni che utilizzano risorse pubbliche; garanzia dei risultati di unattività soggetta a forte complessità e incertezza. Luniversità è uno dei settori più coinvolti nel mondo da sistemi istituzionali di valutazione Sono stabiliti a livello di sistemi complessi di servizi (in genere nazionale) in base a ragioni come:

7 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Conseguenze della valutazione istituzionalizzata Occorre ragionare su due livelli: In generale occorre coordinare la valutazione con altre esigenze come laccreditamento, ecc. LIVELLO NAZIONALE la valutazione assume una valenza di sistema di controllo o assicurazione della qualità e perde in parte la sua posizione di distacco dalla gestione LIVELLO DI UNIVERSITÀ subisce linfluenza del sistema nazionale e si apre la questione di essere proprietari della valutazione

8 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo 2 logiche, 2 anime, 2 famiglie di strumenti… per la valutazione delluniversità responsabilità garanzia rendicontazione verifica dei risultati miglioramento apprendimento intelligenza promozione della qualità Sanzione positiva o negativa dei risultati ottenuti (incentivi e disincentivi, premi e punizioni) Stimolo, incoraggiamento, sostegno, aiuto a cambiare e migliorare il servizio

9 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Le due anime non si combinano facilmente relazione dialettica tra logiche di garanzia e di miglioramento in termini meccanici non si combinano con molto lavoro organizzativo, molta dedizione, molta pazienza … si può ottenere una sintesi utile, una connessione, una reciproca fertilizzazione che si basa sullo sviluppo di qualità comportamentali, cognitive e relazionali (non solo tecniche) di individui, gruppi, organizzazioni è possibile spostare la frontiera delle compatibilità con laffinamento delle pratiche e con lo sviluppo di una cultura organizzativa matura, imperniata su relazioni di apertura e fiducia reciproca e capace di gestire lambiguità e lincertezza. La sintesi dialettica è ancor più difficile a livello di un intero sistema universitario nazionale: qui la logica di garanzia e sanzione tende a prevalere quasi inevitabilmente

10 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Criticità del sistema di valutazione nazionale Se prevale lidea di valutazioni nazionali come contrappeso dellautonomia riconosciuta alle università e come garanzia per i vari stakeholder, con effetti sul finanziamento, sul riconoscimento e sulla convalidazione di corsi di studi I metodi adottati devono garantire laffidabilità delle rilevazioni e la loro effettiva e significativa comparabilità Gli organi sia a livello nazionale che di Ateneo devono rispondere allesigenza primaria di affidabilità ed imparzialità, oltre che naturalmente di professionalità specifica ALLORA

11 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Quale valutazione Sia a livello di sistema che di ateneo, la valutazione formale può configurarsi in tanti modi Un possibile modello di analisi distingue idea metodi organi utilizzo

12 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo IDEA METODI UTILIZZO ORGANI Impatto istituzionale e organizzativo Opportunismo paradossi ed effetti imprevisti o indesiderati Componenti di un sistema di valutazione

13 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo...alcune conseguenze il sistema di valutazione non coincide mai con un semplice metodo; i metodi potenzialmente utilizzabili sono tantissimi il tipo di utilizzo dei metodi da parte degli organi ha grande importanza e deve fare i conti con la questione delle due anime; lidea di valutazione affermata in linea di principio può essere contraddetta nei fatti dagli altri aspetti; i sistemi di valutazione restano esposti a comportamenti opportunistici ed effetti imprevisti e indesiderati.

14 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo IDEA METODI UTILIZZO ORGANI Componenti di un sistema di valutazione DISALLI- NEATI Confusione istituzionale e organizzativa

15 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo I profili di valutazione delle diverse attività universitarie Didattica Ricerca Servizi presentano diverse implicazioni per i metodi e le logiche della valutazione richiedono in pratica la messa in atto di sistemi differenziati E fondamentale la rispondenza dei metodi alle caratteristiche dellattività che si intende valutare

16 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo La didattica CARATTERI SPECIFICI presenza di un contesto di rapporti asimmetrico (docente/studenti) rilievo degli aspetti di qualità dinamica e unicità della prestazione concetto a volte distorto per lunga abitudine dellautonomia del professionista docente CONSEGUENZE una logica di controllo/garanzia risponde agli aspetti formali delle prestazioni didattiche (presenze, orari…) le rilevazioni di gradimento degli studenti vanno utilizzate con cautela e fuori da una logica troppo formale di premio/sanzione il presidio di standard di qualità in senso statico si può abbinare allo stimolo delliniziativa e dellautonomia dei docenti (qualità dinamica)

17 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Qualità statica e dinamica nella didattica QUALITÀ STATICA ciò che normalmente ci aspettiamo dai diversi momenti didattici: esecuzione di un programma chiaro, completo, rispondente al contesto conformità a uno schema precostituito che garantisce continuità di apprendimento rispetto di regole fonte di forza stabilizzatrice e permanenza nel tempo dei sistemi didattici ripetizione nel tempo di contenuti collaudati dallesperienza QUALITÀ DINAMICA laspetto irripetibile, unico e nuovo che caratterizza un momento didattico è sempre una sorpresa, qualcosa che trascende la normalità del quotidiano, la scintilla che innesca coinvolgimento emotivo e facilita lapprendimento processo dinamico anche interno alla normalità, che spinge la conoscenza sempre più avanti frutto di versatilità e capacità di connessione da parte dei docenti La qualità dinamica emerge dagli schemi statici senza negarli, ma mettendoli a dormire cioè padroneggiandoli così bene che essi diventano una parte inconscia. Il loro rispetto è così abituale che non ci si pensa più. Nellapparente monotonia dei rituali statici della didattica si scopre a volte la libertà dellinterazione dinamica e creativa.

18 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo The mystery of good teaching Le recenti ricerche sullefficacia delle scuole portano lattenzione sui fattori che caratterizzano i processi educativi allinterno delle aule e quindi più legati al rapporto insegnante/studente rispetto a ciò che avviene ai livelli più elevati come il sistema scolastico e lassetto di risorse e organizzativo di una scuola si riscopre così a livello scientifico una realtà che fa parte del senso comune, il fatto che i risultati cognitivi ottenuti dagli studenti sono soprattutto influenzati dalla qualità degli insegnanti e del processo educativo e anche dalla qualità della leadership scolastica sembra ancora difficile peraltro riportare la qualità dellinsegnamento a precise caratteristiche osservabili e sulle quali si possa intervenire: si constata così the mystery of good teaching che sul piano concettuale è riconducibile alla rilevanza della qualità dinamica

19 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Qualità ed evoluzione La qualità dinamica dei momenti didattici genera le punte alte dellapprendimento, che investono non solo aspetti strettamente tecnici, ma padronanza dei concetti e tensione verso la conoscenza la qualità statica della didattica è però garanzia di continuità e progressione dellinsegnamento i due tipi della qualità hanno bisogno luno dellaltro per esistere e una tensione tra le due forze è necessaria per offrire un apprendimento che sia anche crescita della persona levoluzione e il cambiamento culturale sono legati alla capacità di stimolare luscita da schemi cognitivi acquisiti conseguenze è utile e necessario garantire la qualità statica con regole e meccanismi operativi di controllo sul piedestallo offerto dalla qualità statica si possono curare condizioni che favoriscano la qualità dinamica ma la qualità dinamica per definizione non si ottiene con regole predefinite

20 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo La ricerca CARATTERI SPECIFICI grande complessità delle competenze impegnate innovazione e sperimentalità che danno unicità ad ogni progetto tensione strutturale tra conoscenza stabilita e fonti di originalità CONSEGUENZE limiti del ricorso a indicatori quantitativi forte esposizione a fallimenti dei controlli necessità di applicare expertise specifica alla valutazione necessità di bilanciare criteri plurimi

21 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Due rischi (R. Brook) Prevalenza di una logica di consenso nei processi valutativi di peer review, che penalizza gli individui originali (v. rilevanza della serendipity) Nei cicli di valutazione ripetuti il successo nelle procedure stesse della valutazione può divenire il vero obiettivo al posto del successo nella ricerca

22 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo quality quantity Amount of evaluation Research

23 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo I servizi CARATTERI SPECIFICI forte rilievo della qualità percepita evoluzione verso maggiore complessità professionale integrazione crescente con didattica e ricerca CONSEGUENZE utilità del ricorso a metodi di customer satisfaction rilievo della logica di miglioramento organizzativo crescente attenzione allinterazione con attività di didattica e di ricerca

24 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Due opposti rischi di fallimento della valutazione e dei controlli IRRILEVANZA se le procedure di valutazione sono troppo sconnesse dai processi cui sono riferite e diventano un mondo a sé stante, autoreferenziale COLONIZZAZIONE se i processi di verifica imposti dallesterno, attraverso le informazioni e le azioni richieste influenzano i valori e i riferimenti degli attori organizzativi sino a deformarne i comportamenti, allontanandoli dalle finalità originarie

25 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Estremi che si toccano Rifiuto ideologico della valutazione in nome dellautonomia della ricerca e dellinsegnamento Concezione deterministica e solo quantitativa della valutazione Sono accomunati dalla mancanza di disponibilità a mettere in discussione il proprio modo di operare e di confrontarsi criticamente con la complessità e la dinamicità del reale

26 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo La questione della proprietà dei sistemi di valutazione Anche se la valutazione è prevista dalle regole del sistema è importante che una università non si limiti a subirle, ma eserciti una proprietà attiva sui sistemi di valutazione funzionanti al suo interno

27 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Esiti della valutazione un sistema di valutazione non è una macchinetta destinata a produrre esiti prevedibili e definiti in partenza; esso invece dà luogo a processi e percorsi di interazione tra soggetti, destinati a trovare ulteriore alimento nelle dinamiche proprie dellambiente interno ed esterno dellistituzione; la valutazione è esposta quindi per sua natura a fenomeni di rischio e di incertezza, di apertura a una pluralità di esiti possibili; questi aspetti sono una delle ragioni fondamentali del suo fascino e del suo valore come risorsa per affrontare il futuro fuori dalle false certezze di una razionalità solo apparente e formale.

28 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Perché è giusto istituzionalizzare la valutazione delluniversità… ma soprattutto fare valutazione nelluniversità Cento ragioni per non fare valutazione: la valutazione costa è qualcosa di artificiale, forse innaturale... è conflittuale è troppo soggettiva incontra resistenze non dispone ancora di metodologie convincenti …… Almeno un motivo per volerla: che le università siano al servizio della società, degli studenti, delle persone...

29 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Kafka, il Castello Alle rimostranze del protagonista, vittima delle angherie dellamministrazione del Castello, un funzionario risponde: Se cè un servizio di controllo? Tutto è servizio di controllo. Certo non è fatto nel senso grossolano della parola perché errori non se ne commettono e, anche se ciò accade, come nel caso suo, chi può dire alla fin fine che sia davvero un errore?

30 Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Orwell, La fattoria degli animali Clarinetto non si stancava mai di spiegare che enorme era il lavoro di sorveglianza e di organizzazione della fattoria. Molto di questo lavoro era tale che gli altri animali, per la loro ignoranza, non lo potevano capire. Per esempio, Clarinetto diceva loro che i maiali dovevano ogni giorno faticare attorno a cose misteriose chiamate schedari, relazioni, registri. Erano, questi, grandi fogli di carta che dovevano venire completamente coperti di scrittura e quando erano così compilati, venivano poi buttati nella fornace. Ciò era della massima importanza per landamento della fattoria, diceva Clarinetto.


Scaricare ppt "Prof. Gianfranco Rebora Università Carlo Cattaneo Gli obiettivi della valutazione: miglioramento della qualità, trasparenza delle informazioni, efficienza."

Presentazioni simili


Annunci Google